Gaia Bottà

Germania, mai più senza Google News

Gli editori impegnati nel braccio di ferro con gli aggregatori sono costretti ad ammetterne il ruolo determinante: pochi giorni senza anteprime li hanno convinti alla retromarcia

Germania, mai più senza Google NewsRoma - Gli editori tedeschi da tempo combattono per strappare agli aggregatori una compensazione per la ripubblicazione della anteprime dei contenuti che li popolano: non avendo ottenuto una completa complicità da parte dello stato, avevano preferito sottrarsi alle anteprime di Google News piuttosto che cedere a Mountain View gratuitamente dei frammenti di contenuti di loro prorietà. A soffrire del muro contro muro, però, sono stati gli editori stessi, privati della visibilità garantita dall'aggregatore.

Gli editori tedeschi che si appoggiano per la gestione dei loro diritti a VG Media, sulla base della discussa normativa tedesca in materia, si erano rivolti alle autorità per pretendere l'11 per cento degli introiti generati da Google, Microsoft e Yahoo attraverso lo sfruttamento di frammenti "direttamente o indirettamente estratti di notizie o contenuti delle loro pagine". Il regolatore tedesco, però, nel mese di agosto rilevava l'impossibilità per gli editori di obbligare gli aggregatori al pagamento, qualora gli aggregatori stessi avessero deciso di fare a meno delle anteprime, limitandosi alla raccolta e all'accorpamento di link alle fonti. Google, nel mese di ottobre, si è adeguata: mostra i titoli e i link ai contenuti degli editori che fanno capo a VG Media, senza però offrire le anteprime tanto contestate dai detentori dei diritti, anteprime che ritenevano responsabili di cali di visibilità e abbattimento del valore dell'advertising pubblicato sulle loro pagine, a tutto vantaggio di Mountain View.

Gli editori, nel giro di poche settimane, hanno evidentemente apprezzato gli effetti della scelta di Google. Ha il sapore della resa il comunicato emanato nelle scorse ore da VG Media: gli editori hanno concesso a Google una licenza gratuita di sfruttamento, una licenza revocabile con la quale rinunciano alla percentuale sulla ripubblicazione, a patto che Google News torni a visualizzare anteprime di contenuti e immagini su cui detengono i diritti.
I 230 siti rappresentati da VG Media, inclusi quelli di proprietà di grandi gruppi editoriali come Axel Springer, con la sua Bild, dicono di aver operato una scelta inevitabile, dettata dal "potere di mercato schiacciante di Google". Se le anteprime non possono essere convertite in una compensazione monetaria, serviranno perlomeno a solleticare l'attenzione dei lettori e a indirizzarli verso le fonti originali, operazione per cui i semplici titoli e i semplici link risultano meno efficaci. Se Google accoglie la decisione degli editori promettendo strumenti che non li faranno pentire della scelta appena operata, tutti i paesi che vorrebbero regolamentare l'attività degli aggregatori, Spagna e Italia comprese, sono avvisati.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, le anteprime degli altriMountain View realizza i desideri degli editori tedeschi: da ora in poi godranno di molta meno visibilità sul motore di ricerca e sull'aggregatore di notizie Google News
  • AttualitàLa Germania dice no agli editoriRespinte le richieste dei giornali tedeschi nei confronti di Google e altri player della Rete. Non ci sarebbero neanche le minime prove di un abuso o di una violazione da parte delle aziende ITC
  • AttualitàGermania, è ancora editori contro aggregatoriNuovo tentativo di ottenere una compensazione dai colossi della Rete che sfruttano i loro contenuti: la richiesta, stavolta, è dell'11 per cento degli introiti ottenuti da Google News e compagnia
50 Commenti alla Notizia Germania, mai più senza Google News
Ordina
  • Insomma, questa notizia l'avevo già scritta io nei commenti mesi faCon la lingua fuori

    E' bello avere sempre ragioneCon la lingua fuori
    Funz
    12910
  • Sto ridendo come un matto.
    Si meriterebbero davvero che ora Google chiedesse a loro di pagare per avere le anteprime, cosi' imparano a non rompere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Sto ridendo come un matto.
    > Si meriterebbero davvero che ora Google chiedesse
    > a loro di pagare per avere le anteprime, cosi'
    > imparano a non
    > rompere.
    Fosse tu l'editore costretto a regalare tutti i tuoi contenuti a Google per restare in piedi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > Fosse tu l'editore costretto a regalare tutti i
    > tuoi contenuti a Google per restare in
    > piedi?

    Gli editori dei quotidiani, sono sempre stati al soldo dei poteri, infami e spietati contro persone comuni sacrificandole sull'altare del gossip della cronaca nera o del campanilismo politico.

    Non verserei una lacrima neppure se finissero tutti nella lava.

    Se vogliono monetizzare in modo moderno devono capire che è finita l'era in cui le persone comprano un solo quotidiano, sempre lo stesso, e lo fanno tutti i giorni.
    Si accordino per fare una flat a prezzo popolare e parallelamente in versione gratuita sostenuta dalla pubblicità, esattamente come fa spotify con la musica. Perchè la gente vuole leggere lo stesso artciolo da più punti di vista oppure articoli specifici da giornali specifici (es. quelli di finanza o di sport su testate specializzate)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 ottobre 2014 09.35
    -----------------------------------------------------------
  • > > Fosse tu l'editore costretto a regalare
    > tutti
    > i
    > > tuoi contenuti a Google per restare in
    > > piedi?
    >
    > Gli editori dei quotidiani, sono sempre stati al
    > soldo dei poteri, infami e spietati contro
    > persone comuni
    Perché invece Google è buona... ma dai. Sveglia! È un'azienda e pensa al suo profitto. Stop.

    Dare ad una singola azienda il controllo dei media, di internet, delle ricerche online, della stragrande maggioranza degli smartphone, del browser più diffuso, del navigatore online più diffuso ti sembra positivo? Più positivo di qualche articolo pro o contro un partito?
    Tu parli di giornali che si schierano con una parte politica (e hanno tutto il diritto di farlo, sai esiste libertà di opinione) e li contrapponi ad un gigante mondiale che ha un monopolio quasi completo sul controllo della nostra vita. Altro che Berlusconi, altro che Microsoft. A differenza di quei due, il potere totalitario di Google è pure apprezzato dai fan.
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > Perché invece Google è buona...

    no, ma finchè dà una bella lezione a quella gente, godo come un riccio.
  • Fantastico!
    Siccome Google è cattiva io appoggio chi è ancora più cattivo.
    Ma è geniale!
    Che ne dici invece di pensare che il diritto di citazione (fondamentale non solo per Google ma per tutti oltre a Bing Yahoo Telekom e tutte ma proprio tutte le rassegne stampa) sia un bene per tutti?
    Com'è normale in ogni paese civile?
    Senza contare che VG MEDIA casomai favorisce Google rispetto agli altri dato che agli altri non ha concesso un tubo!
    non+autenticato
  • > Che ne dici invece di pensare che il diritto di
    > citazione (fondamentale non solo per Google ma
    > per tutti oltre a Bing Yahoo Telekom e tutte ma
    > proprio tutte le rassegne stampa) sia un bene per
    > tutti?
    >
    > Com'è normale in ogni paese civile?
    > Senza contare che VG MEDIA casomai favorisce
    > Google rispetto agli altri dato che agli altri
    > non ha concesso un
    > tubo!

    Nel senso che non gli hanno concesso youtube, del resto non potrebbero, è di proprietà di google inc.
    Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > Fosse tu l'editore costretto a regalare tutti i
    > tuoi contenuti a Google per restare in
    > piedi?

    fossi tu un troll clonanick? ma certo che si Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > Fosse tu l'editore costretto a regalare tutti i
    > tuoi contenuti a Google per restare in
    > piedi?

    Regalare? Costretto?
    Noi vi forniamo un servizio di indicizzazione e redirezione, finora è stato gratuito ma ora non lo è più.
    Prego inoltrare richiesta di offerta al ns. commerciale.

    Cordialmente
    Michael e SergeyCon la lingua fuori
    Funz
    12910
  • ... venire la voglia di pretendere Lui una royalty per ogni click generato verso le testate di tali editori!
    Certa gente deve solo fallire!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... venire la voglia di pretendere Lui una
    > royalty per ogni click generato verso le testate
    > di tali
    > editori!
    > Certa gente deve solo fallire!
    Non so se hai capito.
    Qui il problema è che senza il controllo e monopolio di Google, le altre aziende del web non esistono. Non so cosa tu ci trovi di positivo in questo.

    Quando Google decide arbitrariamente di togliere un sito dalle sue prime pagine (es. quando ha selezionato i siti che per BigG sono "pirati"), quel sito è quasi scomparso, morto.

    E tu sei felice che una sola azienda abbia tale potere?
    non+autenticato
  • Il potere lo diamo noi usandolo! A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Polemik
    > Il potere lo diamo noi usandolo! A bocca storta

    È lui che usa te!
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: collione
    > Quando Google decide arbitrariamente di togliere
    > un sito dalle sue prime pagine (es. quando ha
    > selezionato i siti che per BigG sono "pirati"),
    > quel sito è quasi scomparso,
    > morto.
    >
    > E tu sei felice che una sola azienda abbia tale
    > potere?

    Possiamo tornare a digitare gli indirizzi, usare programmi esterni per i feed (brief per FF basta) e usare i socila (non io che non li uso) per scambiare link interessanti al posto di prendere la pappa pronta e poi lamentarsi che decide il cuoco.
    non+autenticato
  • Non e' bello che una societa' abbia tale potere, vero, ma ricordati che siamo noi ad essere diventati dipendenti da google, non riusciamo a scrivere un indirizzo di un sito web senza prima cercarlo su google...

    Quello che fa ridere e' che questi giornali hanno tentato di farsi pagare da google per permettere a google di fargli pubblicita'... Semplicemente ridicolo.
    non+autenticato
  • > Quello che fa ridere e' che questi giornali hanno
    > tentato di farsi pagare da google per permettere
    > a google di fargli pubblicita'... Semplicemente
    > ridicolo.
    Non lo trovo per nulla ridicolo.
    È google a guadagnare dai contenuti presi da questi editori.
    Si può dire che possono togliere i contenuti da Google, ma così morirebbero.

    Google si prende i contenuti gratis, li offre gratis e ci guadagna da noi e dalla pubblicità. Chi non guadagna nulla sono proprio quelli che producono i contenuti.

    Il che non può reggere., nessuno può fare concorrenza a chi offre tutto gratis sulle spalle degli altri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > Google si prende i contenuti gratis, li offre
    > gratis e ci guadagna da noi e dalla pubblicità.
    > Chi non guadagna nulla sono proprio quelli che
    > producono i contenuti.
    > Il che non può reggere., nessuno può fare
    > concorrenza a chi offre tutto gratis sulle spalle
    > degli altri.

    Quando cerco una notizia su google, una volta trovata vado a leggermela completa sul sito dell'editore, mica rimango nella pagina di ricerca (che senso avrebbe).

    Quindi è chiaro che l'infrastruttura di ricerca da' un servizio (gratuito) agli editori e agli utenti. Per mantenersi monetizza con la pubblicità.

    Gli ingordi editori sono lividi dall'invidia di chi monetizza per fornire (gratuitamente) un servizio che LORO non sono stati in grado e tuttora non sono in grado di fornire (trovami una funzione "search" di un editore che funzioni).
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: collione
    > > Google si prende i contenuti gratis, li offre
    > > gratis e ci guadagna da noi e dalla pubblicità.
    > > Chi non guadagna nulla sono proprio quelli che
    > > producono i contenuti.
    > > Il che non può reggere., nessuno può fare
    > > concorrenza a chi offre tutto gratis sulle
    > spalle
    > > degli altri.
    >
    > Quando cerco una notizia su google, una volta
    > trovata vado a leggermela completa sul sito
    > dell'editore, mica rimango nella pagina di
    > ricerca (che senso avrebbe).

    > Evidentemente non conosci Google News.
    > Gli ingordi editori sono lividi dall'invidia di
    > chi monetizza per fornire (gratuitamente) un
    > servizio
    Per fornire un servizio gratuito a spese di altre aziende e senza rischio d'impresa.
    non+autenticato
  • Guarda che ciascuno di spese paga le proprie (ti risulta per caso che VG MEDIA paghi le spese di Google? ) così come ciascuno ha il proprio rischio di impresa e ciascuno i propri proventi pubblicitari e di questo il maggior beneficio lo ha VG MEDIA che conferma (il comunicato è suo) che senza la aggregazione di Google calano i contatti e quindi gli introiti pubblicitari.
    La cosa è anche piuttosto ovvia.
    La realtà è che a VG MEDIA interessa solo batter cassa e pure gratis.
    E molto probabilmente Google non accetterà il "Generoso omaggio" di VG MEDIA (che pretende pure di darlo solo a Google ) di pubblicare gli abstract in esclusiva.
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > Non lo trovo per nulla ridicolo.

    io invece si e mi sto sganasciando dalle risate nel vedere questi parassiti prendere calci sulle gengive a go-go

    vadano a zappare la terra, tanto i loro giornalacci non servono a nessuno
    non+autenticato
  • a me non dispiacerebbe affatto che google togliesse dai propri server la parola germania (in qualunque traduzione) giusto per vederne l'effetto in un anno
    non+autenticato
  • Compleatamente controllati da poche multinazionali altro che internet liberta' ecc ecc ormai quel tempo e' finito popolo bue.
    non+autenticato
  • - Scritto da: il pastore
    > Compleatamente controllati da poche
    > multinazionali altro che internet liberta' ecc
    > ecc ormai quel tempo e' finito popolo
    > bue.
    Si ma vedi il problema non sono le"multinazionali" cattive.
    Ma il diritto di linkare una notizia che lo faccia tu o lo faccia Google non è un fatto rilevante.
    non+autenticato
  • Senza dubbio gli editori tedeschi hanno compiuto una mossa poco intelligente, cadendo rovinosamente nel ridicolo...
    Ma da questa faccenda emerge ancor di più come Google sia diventata un ingranaggio fondamentale della rete, qualcosa di cui non puoi fare a meno (con le dovute eccezioni)...
    non+autenticato
  • Sì tratta di questioni diverse Google è quello che è ma la questione riguarda ancora una volta tutti sei tu che rendi Google più o meno forte rispetto a Yahoo o Bing o altri concorrenti.
    Se non ti piace il potere di Google differenzia maggiormente le tue scelte.
    Ma il diritto di link a maggior ragione riguarda Google Yahoo me è te e chiunque faccia una rassegna stampa.
    non+autenticato
  • Purché non si arrivi all'opposto: SICCOME sei una multinazionale ALLORA mi devi indicizzare come dico io, mi paghi quel che dico io e porti visite al mio sito, il tutto a tue spese.

    Questa PLATEALE (maiuscolo dovuto!) figurella da 4 soldi e da totali ignoranti che questi signori hanno fatto meriterebbe, da parte di Google, la più sonora delle pernacchie: SICCOME voi siete degli arroganti che non sanno minimamente cos'è e come funziona internet e non riuscite a prevedere neanche gli effetti a breve termine delle vostre strategie ALLORA meritate di fallire del tutto, con voi non sottoscrivo alcuna licenza NEANCHE se mi volete pagare. Perché siccome non sapete stare al mondo non meritate di starci e tanti auguri per il vostro nuovo business model.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)