Luca Annunziata

Tariffe di terminazione, una palla al piede di H3G

Antitrust ritiene che la regolamentazione al ribasso penalizzi la concorrenza. Tre Italia č l'operatore che potrebbe rimetterci di pių

Roma - Il tormentone tariffe di terminazione continua: questo capitolo della storia è firmato AGCM, l'authority antitrust italiana, che mette nero su bianco le sue perplessità sulle modalità di gestione e regolamentazione del mercato della telefonia mobile. A fare le spese della corsa al ribasso, secondo l'antitrust, sarebbe soprattutto H3G (Tre Italia) e di conseguenza i suoi clienti: l'operatore è sul mercato da troppo poco tempo rispetto ai suoi competitor, e di conseguenza non ha avuto le stesse opportunità degli altri.

"Una eccessiva riduzione del differenziale nelle tariffe di terminazione regolate tra H3G e gli altri operatori con riferimento al periodo considerato nello schema di provvedimento - scrive AGCM - tenuto conto delle diverse condizioni operative, potrebbe comportare il rischio di una riduzione del grado di concorrenza sul mercato dei servizi mobili, con effetti negativi sul benessere dei consumatori": in altre parole, se in conseguenza di certe decisioni Tre dovesse alzare le tariffe per compensare i mancati introiti (o peggio) a farne le spese sarebbero i suoi clienti e in generale tutto il mercato, che vedrebbe restringersi la concorrenza e la competizione che in questi anni ha progressivamente abbassato i prezzi finali.

La questione è facilmente riassumibile: H3G è in circolazione da meno tempo di TIM, Vodafone e Wind, di conseguenza ha meno clienti al suo attivo e ha avuto meno tempo a disposizione per ammortizzare i costi di gestione e costruzione della sua rete. Questo in passato ha giustificato l'adozione di tariffe di terminazione superiori, ovvero il prezzo pagato dagli altri operatori per interconnettersi alla rete H3G e mettere in comunicazione le proprie utenze con quelle altrui. La questione è stata già affrontata in passato, approntando un calendario per il taglio progressivo delle tariffe: ora l'Antitrust rispolvera la faccenda, offrendo all'altra authority AGCOM l'opportunità di rispolverare e riconsiderare la questione.
La decisione finale sulle tariffe di terminazione spetta ad AGCOM, ma l'Antitrust ha funzione consultiva in questa materia: questa uscita di AGCM potrebbe rimettere in discussione il progressivo livellamento a cui si è assistito in questi anni, con l'abbandono del principio di "asimmetricità" tra vecchi e nuovi operatori in favore di un'armonizzazione complessiva e dell'equiparazione tra i diversi soggetti.

Luca Annunziata
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Tariffe di terminazione, una palla al piede di H3G
Ordina
  • L'obsolescenza delle tecnologie di telecomunicazioni è notoriamente molto alta.

    H3G tra l'altro, è stata la prima ad implementare solamente antenne di terza generazione (mentre gli altri operatori dovevano ancora finire di ammortizzare quelle di seconda generazione, (e dovevano inoltre mantenere alimentate ed efficienti le antenne di prima generazione con costi che naturalmente lievitavano).

    in questi ormai 13 anni di vita di H3G, un fatturato di quasi 2 miliardi di euro nel 2013 in crescita rispetto al 2012, e oltre 9 milioni e mezzo di SIM attive, dovrebbe aver gia ammortizzato gli apparati almeno un paio di volte. (fonte: wikipedia, osservatorio trimestrale sulle comunicazioni)

    La mia sensazione è che in questi anni H3G abbia riposato parecchio sugli allori, perche le tariffe di interconnessione erano per lei piu convenienti rispetto all'installazione dei nuovi impianti.
    Anche grazie a questo ha potuto offire tariffe tra le piu basse del mercato, a discapito della peggiore copertura.

    Senza contare che il traffico dati in roaming, cosi come il traffico dati over quota, se lo fa pagare a caro prezzo (e non creo che lo acquisti ad un prezzo altrettanto elevato dal fornitore roaming, cioè TIM..)

    Durante l'ingresso di WIND nel mercato del mobile, a lei venne garantito il diritto di roaming su TiM per un periodo molto piu corto, e in quegli anni ha dovuto investire molto per raggiungere una copertura dignitosa.

    Perche ad H3G è stato riconosciuto un vantaggio superiore? In questi ormai 13 anni, ha avuto tutto il tempo per adeguarsi...