Claudio Tamburrino

Spagna, aggregatori incornati

Tra le modifiche alla normativa sul diritto d'autore, vengono limitati i diritti alla copia privata e aumentate le pene per la violazione del copyright. Diventa legge la Tasa Google, che imporrà agli aggregatori di pagare un tanto al link

Spagna, aggregatori incornatiRoma - Dopo il via libera della commissione istituita per la valutazione della proposta e l'ultima votazione positiva da parte del Senato diventa ufficiale la modifica spagnola alla legge sulla proprietà intellettuale, che introduce quella che è già stata ribattezzata Tasa Google.

Ad attirare l'attenzione, infatti è in particolare l'intervento sull'art. 32.2 della normativa nazionale di settore che impone il pagamento di un balzello da parte di tutti i siti che linkino a contenuti editoriali giornalistici: si tratta di quello che è stato soprannominato "canone AEDE" (AEDE è l'Asociación de Editores de Diarios Españoles) che introduce il diritto a favore degli editori di ottenere il pagamento di royalty da qualsiasi sito che offra link a propri contenuti con "una descrizione significativa" dell'operz cui si è indirizzati.

La legge, tuttavia, interviene in generale sull'enforcement della proprietà intellettuale online: tra l'altro introduce limiti alle possibilità di copia privata, aumentano le sanzioni contro la pirateria (raddoppiata la multa massima da 300mila a 600mila euro) e semplifica le procedure in caso di ricorso per violazione di diritto d'autore.
A premere per questa legge, naturalmente, l'industria dei contenuti spagnola: editori ed aventi diritto potrebbero tuttavia trovarsi con un palmo di naso proprio come successo in Germania agli editori che, poco dopo aver rinunciato alle anteprime dei contenuti sull'aggregatore di Google, hanno deciso di fare marcia indietro.

D'altra parte Mountain View, che ora si dice delusa per l'approvazione di una legge che saprebbe supportare gli editori con meno efficacia rispetto agli strumenti che mette a disposizione con Google News, già prima della votazione definitiva, aveva fatto intendere che se tale normativa fosse stata approvata avrebbe iniziato a prendere in considerazione l'ipotesi di rinunciare sic et simpliciter al mercato spagnolo. Questo non peserebbe certo sui numeri fatturati da Google, sempre che il nuovo Commissario europeo all'economia digitale Günther Oettinger non riesca a far passare la stessa linea: d'altronde in un'intervista ha già riferito che vorrebbe modificare la legge europea sul diritto d'autore per far pagare Google e compagnia per gli accessi ai contenuti degli editori.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàWeb Tax senza fineLa contestata norma, ormai data per spacciata, non è ancora solo un ricordo. E si discute anche sulla tracciabilità obbligatoria per le operazioni di compravendita dell'advertising online
  • AttualitàApple, le tasse e l'ItaliaAncora polemiche dopo la diffusione delle cifre del fatturato 2013 della filiale di Cupertino nel Belpaese. Nessuna regola è stata violata: ma la questione delle triangolazioni fiscali tiene banco
  • AttualitàWeb Tax, l'Italia non demordeSi continua a discutere della controversa norma, che ormai sembrava data per spacciata: per l'industria dei contenuti tradizionale il punto non è se, ma come intervenire per imporre una tassazione sull'operato delle aziende ICT
63 Commenti alla Notizia Spagna, aggregatori incornati
Ordina
  • E' la crisi...
    Per raccimolare qualche spicciolo si fa qualsiasi cosa.
    non+autenticato
  • La società che gestisce i diritti d'autore in Spagna, è ancora peggio di quella italiana e sono di un ottuso strafottente oltre il ridicolo.
    Tempo fa dovevamo fare a Barcellona, una proiezione di un'opera di Wagner in una sala privata senza fine di lucro, visionabile solo fra amici.
    Ci siamo messi in contatto con i detentori dei diritti, che sono tedeschi. Ci risposero che non c'era necessità di pagare alcunchè, dato che si trattava di opera pubblica e comunque eseguita in ambito privato.
    Per corretteza ci informammo con l'analoga società spagnola, convinti che la cosa sarebbe andata bene, dato che avevamo, per iscritto, l'autorizzazione dei veri detentori dei diritti.
    Ci sbagliavamo!
    Non solo la tassa da pagare era dovuta, ma era anche più alta perchè a detta loro, copriva i costi per stornare quanto dovuto alla casa tedesca e mostrare loro la delibera in nostro possesso, non ebbe nessun effetto se non quello che in Spagna valgono le leggi spagnole e quella è la procedura di legge.
    Pagammo. Scoprimmo poi che in Germania non arrivarono mai i diritti riscossi proprio perchè, non dovuto, e che la società spagnola è solita a incassare senza dare a cambio niente.
    Se Google fa la stessa cosa come in Germania, credo che prima che si renadano conto delle perdite, passeranno anni, dato che non verificano le differenze, ma solo quanto entra in saccoccia
    ufo1
    183
  • e tu ti sei dato tanto da fare solo per Wagner?
    Ma proiettarlo e basta, no eh?
    non+autenticato
  • 1) L'accento grave in spagono non esiste. È "Acá", non "Acà".

    2) Uno spagnolo, data l'inspiegabile allergia di questo popolo alle lingue straniere, non scriverebbe mai "link" ma userebbe l'iberico "enlace".

    Se parli di mouse, hard disk, link etc. spesso fanno fatica a capirti. E l'esperienza non si limita solo ai termini informatici. Triste, ihmo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 novembre 2014 10.06
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Elrond
    > 1) L'accento grave in spagono non esiste. È
    > "Acá", non
    > "Acà".
    >
    > 2) Uno spagnolo, data l'inspiegabile allergia di
    > questo popolo alle lingue straniere, non
    > scriverebbe mai "link" ma userebbe l'iberico
    > "enlace".
    >
    > Se parli di mouse, hard disk, link etc. spesso
    > fanno fatica a capirti. E l'esperienza non si
    > limita solo ai termini informatici. Triste,
    > ihmo.

    Infatti il nazionalismo ottuso non ha mai pagato.
  • AEDE = Asociación de Editores de Diarios Españoles

    El colectivo de 'hacktivistas' Anonymous se ha introducido en la web de AEDE, (de la que formarn parte los diarios El País, El Mundo, As, La Vanguardia, ABC, La Razón y El Correo), para criticar la aprobación del proyecto de reforma de la Ley de Propiedad Intelectual (LPI), .....

    ghhghg.
    non+autenticato
  • Bhe era ovvio che finiva così avrebbero dovuto guardare al caso VG media non è che ci volesse molo per capire.
  • - Scritto da: bubba

    > El colectivo de 'hacktivistas' Anonymous se ha
    > introducido en la web de AEDE, (de la que formarn
    > parte los diarios El País, El Mundo, As, La
    > Vanguardia, ABC, La Razón y El Correo), para
    > criticar la aprobación del proyecto de reforma de
    > la Ley de Propiedad Intelectual (LPI),
    > .....


    hai pagato per riportare questa notizia?
    no?
    Multa!
    non+autenticato
  • - Scritto da: multa
    > - Scritto da: bubba
    >
    > > El colectivo de 'hacktivistas' Anonymous se
    > ha
    > > introducido en la web de AEDE, (de la que
    > formarn
    > > parte los diarios El País, El Mundo,
    > As,
    > La
    > > Vanguardia, ABC, La Razón y El Correo),
    > para
    > > criticar la aprobación del proyecto de
    > reforma
    > de
    > > la Ley de Propiedad Intelectual (LPI),
    > > .....
    >
    >
    > hai pagato per riportare questa notizia?
    > no?
    > Multa!
    non e' linkata, e' proprio copiata. quindi niente multa.Sorride
    non+autenticato
  • Certo ma... non siamo in spagna.
    Sai com'è dicono (pare e si mormora) che di questi tempi le notizie viaggino più veloci degli accordi tra giurisdizioni.
    pensa qualcuno un certo Marshall Mc Luhan già nel 62 lo chiamava "villaggio globale".
  • Io Link una notizia, ma se lo faccio sono un pirata ?
    Devo pagare per linkate una notizia che porta alla fonte originale ?
    L'editore non può concedermi la cosa GRATUITAMENTE perchè deve pagare una tassa ?

    Ma sono scemi ?
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    - Scritto da: Sg@bbio
    > Io Link una notizia, ma se lo faccio sono un
    > pirata
    > ?
    > Devo pagare per linkate una notizia che porta
    > alla fonte originale
    > ?
    > L'editore non può concedermi la cosa
    > GRATUITAMENTE perchè deve pagare una tassa
    > ?
    >
    > Ma sono scemi ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Io Link una notizia, ma se lo faccio sono un
    > pirata ?
    > Devo pagare per linkate una notizia che porta
    > alla fonte originale ?

    Devi pagare se oltre al link metti anche un estratto.
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > Io Link una notizia, ma se lo faccio sono un
    > > pirata ?
    > > Devo pagare per linkate una notizia che porta
    > > alla fonte originale ?
    >
    > Devi pagare se oltre al link metti anche un
    > estratto.

    Definire "estratto" per cortesia.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Definire "estratto" per cortesia.

    Secondo le intenzioni dei legislatori iberici, quello di Google News è un estratto, mentre quello di Google Search non lo è.
  • Ma secondo VG media è meglio darglielo gratis piuttosto ce vedere i contatti diminuire (non lo dico io lo hanno detto loro)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mago Otelma
    > Ma secondo VG media è meglio darglielo gratis
    > piuttosto ce vedere i contatti diminuire (non lo
    > dico io lo hanno detto loro)

    E in Spagna nella stessa legge hanno sancito che è vietato cederli gratis.
  • Vorrà dire che tireranno la cinghia!
    Non credo che a google procuri molto (anche questo lo hanno detto loro) grande introito la aggregazione news sicuramente è più un vantaggio per gli editori che per google.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Definire "estratto" per cortesia.
    >
    > Secondo le intenzioni dei legislatori iberici,
    > quello di Google News è un estratto, mentre
    > quello di Google Search non lo
    > è.

    E io continuo a non capire la differenza.
  • E si vede che io e te siamo ignoranti!
    che ci vuoi fare?
  • - Scritto da: archimandrito
    > E si vede che io e te siamo ignoranti!
    > che ci vuoi fare?
    Checche ne dicano, ha una sua logica.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)