Claudio Tamburrino

USA, per le impronte digitali non serve un mandato

I cellulari sbloccati tramite le dita non sono protetti dal quinto emendamento. Per le password bisogna ancora ottenere il permesso di un giudice

Roma - Negli Stati Uniti le autorità possono pretendere dai sospettati lo sblocco di un cellulare protetto tramite impronte digitali, laddove fino a ieri avevano avuto bisogno di un mandato per ottenere la password in caso di sistemi più "vecchia scuola" di blocco.

A stabilirlo è stata una sentenza della Corte distrettuale di Virginia Beach, secondo cui un utente che protegge il proprio smartphone tramite l'identificazione delle impronte digitali può essere costretto dalla polizia a sbloccarlo: il caso riguarda un uomo accusato di aver strangolato la sua ragazza e vede gli investigatori voler accedere al suo cellulare, ma la portata dell'interpretazione è ben più ampia.

Secondo il Tribunale presieduto dal giudice Steven Frucci, infatti, le impronte digitali sono assimilabili ad una chiave hardware o ad un campione di DNA, elementi che le autorità possono già chiedere legalmente dai sospettati. Al contrario password o altri tipi di codici rappresentano "conoscenze", e dato che non sono oggetti fisici sono tutelati dal quinto emendamento.
A giugno una sentenza della Corte Suprema era già in parte intervenuta sulla questione, stabilendo che le "perquisizioni" di smartphone e cellulari necessitano del mandato di un giudice e sono soggette, come le altre perquisizioni potenzialmente illegali, ai vincoli già stabiliti dal Quarto Emendamento della Costituzione americana.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, per controllare i cellulari ci vuole il mandatoSentenza storica della Corte Suprema americana che riafferma la validitÓ dei principi costituzionali anche nell'era degli smartphone ripieni di dati e informazioni personali. Per ispezionarli Ŕ necessaria l'autorizzazione del giudice
  • Diritto & InternetUSA, quando la cifratura è vanaInutile proteggere i propri dati se le autoritÓ costringono gli utenti a consegnare le chiavi di accesso. Basta ammettere di avere la possibilitÓ di decifrare per essere obbligati a farlo
  • AttualitàLaptop perquisiti, governo alla sbarraLe associazioni a sostegno delle libertÓ digitali ingranano la marcia e passano al contrattacco, denunciando il governo federale degli Stati Uniti per le perquisizioni e i sequestri immotivati sui dispositivi digitali alle frontiere
8 Commenti alla Notizia USA, per le impronte digitali non serve un mandato
Ordina