Alfonso Maruccia

GCHQ: la Silicon Valley e il male della Rete

Il vertice dello spionaggio britannico chiama a raccolta le societÓ tecnologiche americane: collaborate e smettetela di favorire il lavoro sporco di criminali e terroristi. Parole offensive, rispondono gli attivisti

Roma - Un nuovo caso di radicalizzazione della realtà, tratteggiata come uno scenario di lotta tra buoni e pericolosi pedoterrosatanisti del Web, nasce dalle parole di Robert Hannigan che, fresco di nomina a direttore del Government Communications Headquarters (GCHQ) britannico, se la prende con le società tecnologiche statunitensi per il loro lassismo, anzi, il collaborazionismo a favore terroristi e criminali che agiscono in Rete.

In un corsivo pubblicato sul Financial Times, Hannigan se la prende con il "settore privato" e la scarsa collaborazione che le corporation della Silicon Valley hanno sin qui garantito al GCHQ e al suo ben noto equivalente a stelle e strisce (NSA).
Le aziende di rete pretenderebbero di essere solo dei "canali neutrali" attraverso cui passano i dati degli utenti, sostiene Hannigan, ma in realtà i server di Google, Amazon, Microsoft e compagnia ospitano "materiale dell'estremismo violento o dello sfruttamento di minori" e sono dei "facilitatori di crimine e terrorismo".

Nelle parole di Mr. GCHQ si legge il vecchio adagio dei pedoterrosatanisti del Web, e dei complici delle loro azioni malvagie: ad agevolarli sono le nuove posizioni in difesa della privacy assunte da colossi come Apple e Google.
Hannigan si riferisce naturalmente alla crittografia dei dati personali attivata di default sui nuovi sistemi operativi mobile (Android 5.0, iOS 8.1), una caratteristica che in passato era accessibile solo ai criminali e alle nazioni più sofisticate e che ora è disponibile anche al newbie della porta accanto.

L'idea che la crittografia dei dati e le misure di sicurezza offerte dalle grandi aziende telematiche rappresentino una risposta allo spionaggio e al tecnocontrollo mondiali di NSA e GCHQ non sfiora minimamente i pensieri del capo di GCHQ, che anzi rilancia: i colossi tecnologici devono collaborare con noi e i nostri alleati spioni ("agenzie di intelligence governative", dice Hannigan) per far sentire più sicuri i loro clienti. Proprio così.

Una censura netta delle parole di Hannigan arriva dal gruppo di attivisti di Open Rights Group (ORG), che a stretto giro di posta risponde al corsivo del capo di GCHQ parlando di dichiarazioni "offensive". Il "dibattito maturo" sulla privacy evocato da Hannigan sarebbe favorito prima di tutto dalla verità e dalla trasparenza sulla schedatura digitale della popolazione britannica messa in atto dal GCHQ, dice ORG.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
21 Commenti alla Notizia GCHQ: la Silicon Valley e il male della Rete
Ordina
  • fanno meno danni i terroristi dei governi di america ed inghilterra
    non+autenticato
  • "Dove l' ignoranza parla l' intelligenza tace", ma, in questo caso, bravo lo stesso ORG.
    Tra l' altro, visto i recenti episodi di ieri credo che ora il Regno Unito debba occuparsi di Anonymous invece che fare la lezione agli altri Paesi che neanche si può permettere.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 06 novembre 2014 14.59
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > no no capito il suo discorso.
    >
    > " in passato (la crittografia) era accessibile
    > solo ai criminali e alle nazioni più sofisticate
    > e che ora è disponibile anche al newbie della
    > porta
    > accanto."
    >
    > Ma quindi sta confessando che il loro obiettivo è
    > il newbie della porta accanto e non il
    > terrorista?
    >Sorride
    >
    > E lo dice così candidamente? Rotola dal ridere


    Eh già ...

    E questo dovrebbe far capire a chiunque, anche ai più ottusi, che gli Stati hanno nel mirino TUTTI i cittadini (mirino "preventivo", oltretutto) e non i "pedoterrosatanisti" (che sono l'eterna ed ottima scusa per fare ogni genere di nefandezze nel nome dello Stato e della "sicurezza").
    Capito questo, chiunque non sia uno sciocco, un illuso o un suicida dovrebbe iniziare subito a difendersi con costanza (Tor, TrueCrypt, Tails, VMs ecc. ecc.).
    Perchè se anche il "newbie" (ovvero il comune cittadino) comincia a difendersi realmente, per loro (compresi i loro scagnozzi della forensics analysis) non c'è trippa per gatti.

    Dico difendersi REALMENTE, il che NON vuol dire fidarsi della "privacy" promessa da MS, Google o (Ah, Ah, Ah!!!) addirittura Facebook.
    Difendersi vuol dire usare il più possibile strumenti collaudati e open source, certamente non vuol dire usare uno smartphone (lo strumento meno rispettoso della privacy che sia mai stato inventato!) per fare cose riservate nè fidarsi di crittografia closed-source.

    Infatti tra le tante insidie che gli Stati Spioni ed Inquisitori stanno tendendo ai cittadini c'è anche quella della "finta sicurezza": farli credere sicuri di cose di cui non c'è assolutamente la ragionevole certezza che siano sicure.
    Sta a chi ne sa qualcosa il dovere di smantellare pure queste mistificazioni.
    E il de-mistificare, così come il difendersi, va fatto ORA, non "domani".
    non+autenticato
  • Vedo che Hannigan parla di come l'IS usa i social networks sorvolando sul fatto che questi si connettono alla rete usando smartphones e tablets. Non sono tutti esperti di crittografa, TOR e cose simili, anzi spesso parecchio telefonano a casa (anche in UK) in modalità voce, in chiaro.
    Già anni fa bastava il segnale di un vecchio telefonino per individuare un capo di al qaeda e spedirgli un missile hellfire, ma oggi GCHQ ed NSA con tutti i loro strumenti di spionaggio a diposizione non riescono ad individuarli e si limitano a buttare un po' di bombe a casaccio.
    Qualcuno ci crede? Io no, non li prendono perchè non li vogliono prendere.

    Vi consiglio di rivedervi un vecchio film dal titolo Wag the dog (Sesso e potere).
    non+autenticato
  • no no capito il suo discorso.

    " in passato (la crittografia) era accessibile solo ai criminali e alle nazioni più sofisticate e che ora è disponibile anche al newbie della porta accanto."

    Ma quindi sta confessando che il loro obiettivo è il newbie della porta accanto e non il terrorista? Sorride

    E lo dice così candidamente? Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > no no capito il suo discorso.

    > " in passato (la crittografia) era accessibile
    > solo ai criminali e alle nazioni più sofisticate
    > e che ora è disponibile anche al newbie della
    > porta accanto."

    ...Ma che vuol dire "accessibile solo ai criminali", manco avessero trovato una macchina enigma della mafia o i newbie della porta accanto non sapessero scrivere un pizzino...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paracarro

    >
    > ...Ma che vuol dire "accessibile solo ai
    > criminali", manco avessero trovato una macchina
    > enigma della mafia o i newbie della porta accanto
    > non sapessero scrivere un
    > pizzino...

    è ovviamente una panzana per impressionare la massa.
    Qualsiasi smanettone ha giocato e gioca con la crittografia pesante senza per questo essere un criminale.

    Anche il fatto che ci si lamenti di aziende palesemente spione come Google è fumo negli occhi per far credere che le misure adottate per proteggere la privacy siano accezionali.
    In realtà a telefono acceso qualsiasi app accede senza problemi ed in trasparenza ai dati crittografati (infatti non è necessaria lacuna modifica all'app per funzionare in ambiente crittografato).
    E l'utente tipico installa app che leggono e scrivono di tutto e poi comunicano con internet.
    La crittografia sul file system serve davvero a poco con questi OS cloud centrici e pieni di app gratuite che guadagnano facendosi i fatti tuoi.
  • - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > - Scritto da: Paracarro
    >
    > >
    > > ...Ma che vuol dire "accessibile solo ai
    > > criminali", manco avessero trovato una
    > macchina
    > > enigma della mafia o i newbie della porta
    > accanto
    > > non sapessero scrivere un
    > > pizzino...
    >
    > è ovviamente una panzana per impressionare la
    > massa.
    > Qualsiasi smanettone ha giocato e gioca con la
    > crittografia pesante senza per questo essere un
    > criminale.
    >
    > Anche il fatto che ci si lamenti di aziende
    > palesemente spione come Google è fumo negli occhi
    > per far credere che le misure adottate per
    > proteggere la privacy siano
    > accezionali.
    > In realtà a telefono acceso qualsiasi app accede
    > senza problemi ed in trasparenza ai dati
    > crittografati (infatti non è necessaria lacuna
    > modifica all'app per funzionare in ambiente
    > crittografato).
    > E l'utente tipico installa app che leggono e
    > scrivono di tutto e poi comunicano con
    > internet.
    > La crittografia sul file system serve davvero a
    > poco con questi OS cloud centrici e pieni di app
    > gratuite che guadagnano facendosi i fatti
    > tuoi.

    Quindi che problema hanno con l'utente della porta accanto che ha tutti i suoi dati nel cloud, a portata di mano delle agenzie governative?
  • Conoscerlo cosi bene da indurlo a pensare e credere ciò che a loro aggrada...
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Quindi che problema hanno con l'utente della
    > porta accanto che ha tutti i suoi dati nel cloud,
    > a portata di mano delle agenzie
    > governative?

    la pantomima serve a fargli credere di essere sicuro, di fargli credere che la bilancia già pende sul piatto della privacy quando in realtà è il contrario esatto.
  • - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > la pantomima serve a fargli credere di essere
    > sicuro, di fargli credere che la bilancia già
    > pende sul piatto della privacy quando in realtà è
    > il contrario
    > esatto.

    Quoto.

    Hanno una paura fottuta che la gente si difenda REALMENTE e così agiscono su due piani:
    - cercare di denigrare e spargere FUD su strumenti realmente efficaci (es. Tor e TrueCrypt)
    - cercare di spostare gli utenti verso l'uso di strumenti che forniscono un falso senso di sicurezza, senza alcuna ragionevole certezza che lo siano (es. BitLocker)
    non+autenticato
  • - Scritto da: SOTHF
    > - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > > la pantomima serve a fargli credere di essere
    > > sicuro, di fargli credere che la bilancia già
    > > pende sul piatto della privacy quando in
    > realtà
    > è
    > > il contrario
    > > esatto.
    >
    > Quoto.
    >
    > Hanno una paura fottuta che la gente si difenda
    > REALMENTE e così agiscono su due
    > piani:
    > - cercare di denigrare e spargere FUD su
    > strumenti realmente efficaci (es. Tor e
    > TrueCrypt)
    > - cercare di spostare gli utenti verso l'uso di
    > strumenti che forniscono un falso senso di
    > sicurezza, senza alcuna ragionevole certezza che
    > lo siano (es.
    > BitLocker)

    Sinceramente se la NSA ammette (come ha giá fatto) che sulla rete TOR non riescono a perseguire "il criminale" é il momento giusto per smettere di usare la rete TOR.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: SOTHF
    > > - Scritto da: Pasta alla Pirateria
    > > > la pantomima serve a fargli credere di
    > essere
    > > > sicuro, di fargli credere che la
    > bilancia
    > già
    > > > pende sul piatto della privacy quando in
    > > realtà
    > > è
    > > > il contrario
    > > > esatto.
    > >
    > > Quoto.
    > >
    > > Hanno una paura fottuta che la gente si
    > difenda
    > > REALMENTE e così agiscono su due
    > > piani:
    > > - cercare di denigrare e spargere FUD su
    > > strumenti realmente efficaci (es. Tor e
    > > TrueCrypt)
    > > - cercare di spostare gli utenti verso l'uso
    > di
    > > strumenti che forniscono un falso senso di
    > > sicurezza, senza alcuna ragionevole certezza
    > che
    > > lo siano (es.
    > > BitLocker)
    >
    > Sinceramente se la NSA ammette (come ha giá
    > fatto) che sulla rete TOR non riescono a
    > perseguire "il criminale" é il momento giusto per
    > smettere di usare la rete
    > TOR.

    Bravo smetti.
    Ce ne faremo una ragione.
    non+autenticato
  • gombloddo del contro gombloddo
  • No, semplicemente dubito che la NSA ammetta dinnanzi a tutti (come ha fatto) di essere contro le reti TOR perché "inviolabili".

    Secondo te sono cosí stupidi da far sapere al mondo quali sono i suoi punti deboli ?

    Fosse stato per me non avrei detto nulla.