Claudio Tamburrino

Per Lenovo successo in controtendenza

Il maggior produttore di PC continua a crescere. Gli analisti si aspettavano addirittura qualcosa di più, ma il bilancio chiude comunque in positivo. La Cina il mercato più prospero

Roma - Lenovo ha presentato i risultati del secondo trimestre dell'anno fiscale 2014: ancora molto buoni i numeri, con fatturato e introiti in crescita e profitto per i suoi azionisti che arriva a 2,52 centesimi ad azione.

Nel dettaglio Lenovo ha segnato un fatturato di 10,5 miliardi di dollari e prosegue dunque il trend positivo: dopo aver raggiunto il titolo di maggior produttore mondiale di PC, continua a crescere segnando nel fatturato più 7 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e addirittura un più 19 per cento per quanto riguarda i profitti.

Certo, gli analisti si aspettavano qualcosa di più, tanto che la Borsa ha fatto segnare alle azioni di Lenovo un meno 5,1 per cento: tuttavia visto l'andamento del mercato e la congiuntura economica negativa appariva forse troppo ottimistica una previsione di crescita tanto superiore a quella segnata.
Lenovo si conferma, anzi, anche in controtendenza per quanto riguarda il settore PC, dove segna un record di crescita che le fa raggiungiere il 20 per cento del market share e la fa diventare la prima azienda se si considera insieme la categoria dei PC e dei tablet: questo grazie a 35,6 milioni di dispositivi venduti tra PC, smartphone e tablet solo nell'ultimo quarto. Quasi 5 dispositivi al secondo, con vendite che vanno particolarmente bene in Cina, dove continua a guadagnare mercato ed ottiene 3,8 miliardi di fatturato, e nella zona pacifica dell'Asia, dove arriva a 1,6 miliardi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate