Claudio Tamburrino

Europa, occhio all'accessibilità!

Un rapporto mette alla berlina tutti i problemi dei siti UE, praticamente inaccessibili per ipovedenti e ciechi. Nonostante regole e regolamenti impongano criteri diversi di progettazione e realizzazione

Roma - Secondo un recente studio che ha preso in esame i problemi affrontati nella vita di tutti i giorni da ciechi ed ipovedenti, i siti delle istituzioni europee non risultano pienamente accessibili a queste categorie, anzi presentano diversi ostacoli insormontabili al loro interno. A dirlo è il rapporto di
EBU, European Blind Union, intitolato emblematicamente "Accesso negato": in esso - che paradossalmente non è linkabile o consultabile online ma deve essere scaricato in formato word - tra le barriere architettoniche che impediscono l'accesso a coloro che hanno problemi di vista vengono elencate anche quelle digitali, a partire dai siti delle istituzioni europee.

In particolare, le pagine Web della Commissione europea e del Consiglio testate sono state giudicate rispettivamente "lontano dall'accessibilità" e "estremamente inaccessibili". Non solo mancano in esse gli strumenti per permettere la navigazione alle persone cieche, ma non vengono neanche adottate le corrette codifiche necessarie a rendere disponibili i bottoni per l'avvio dei video; gli ipovedenti si trovano inoltre di fronte a diverse difficoltà dal momento che non in tutte le pagine viene rispettaatto il corretto contrasto testo-sfondo; un altro problema riguarda poi coloro che non possono utilizzare un mouse: molti link sono a comparsa e dunque non navigabili tramite tastiera, ed alcune pagine sono difficilmente navigabili a causa della divisione nelle diverse lingue dell'UE.

Tali problemi appaiono particolarmente gravi perché la Commissione stessa, nel 2011, promosse l'"EU Accessibility Act" che venne adottato l'anno seguente e che prevede tali accortezze per tutti i siti: nonostante i soliti buoni propositi e la ratifica da parte dell'UE della Convenzione ONU sui diritti delle persone disabili risalga al 2010, da allora non vi sono state novità sul fronte accessibilità e a causa di tale mancanza di riguardo 30 milioni di europei non vedenti e ipovedenti si trovano dunque ancora davanti ostacoli digitali insormontabili.
Lo stesso problema, peraltro, riguarda anche l'Italia, dove la stessa problematica è stata sollevata recentemente dalla Federazione italiana per il superamento dell'handicap (FISH) che ha portato come esempio il sito della Camera dei Deputati: a dimostrazione del fatto che la normativa in materia, tra cui da ultima la Legge Stanca, è per il momento rimasta lettera morta.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
42 Commenti alla Notizia Europa, occhio all'accessibilità!
Ordina
  • Vi riporto alcuni link, realta italiane.


    Piattaforma Apple OSX, IOS.
    http://www.universalaccess.it/

    NVDA screen Reader Open, comunita' italiana
    http://www.nvda.it/
    non+autenticato
  • La questione e' molto semplice.

    Tablet e smartphone touch, nati e venduti inzialmente come costosi accessori modaioli, essendo concepiti come oggetti di sfoggio e ostentazione, non sono stati certo pensati per essere accessibili ai non vedenti.

    La cosa sarebbe morta li', se non fosse che per seguire la moda (e gli idioti che spendono), quasi tutti si sono buttati come pecore nel gregge in questo business e hanno inventato le piastrelle, che sono quanto di piu' lontano esista all'accessibilita' del non vedente.

    Il risultato e' misero.

    Il non vedente, invece di essere messo in condizione di superare il suo handicap, e' stato ulteriormente emarginato.
  • - Scritto da: panda rossa
    > La questione e' molto semplice.
    >
    > Tablet e smartphone touch, nati e venduti
    > inzialmente come costosi accessori
    > modaioli
    , essendo concepiti come oggetti di
    > sfoggio e ostentazione, non sono stati certo
    > pensati per essere accessibili ai non
    > vedenti.
    >
    > La cosa sarebbe morta li', se non fosse che per
    > seguire la moda (e gli idioti che spendono),
    > quasi tutti si sono buttati come pecore nel
    > gregge in questo business e hanno inventato le
    > piastrelle, che sono quanto di piu' lontano
    > esista all'accessibilita' del non
    > vedente.
    >
    > Il risultato e' misero.
    >


    Poi un giorno ci spieghi cosa c'entrino smartphone e piastrelle tablet con l'accessibilità delle pagine web.


    > Il non vedente, invece di essere messo in
    > condizione di superare il suo handicap, e' stato
    > ulteriormente
    > emarginato.

    E verrà ulteriormente emarginato finchE questi ti dicono che non vedono le pagine e tu vuoi cambiargli il tablet o le piastrelle.
    MUUUUU
    non+autenticato
  • - Scritto da: mucca
    > - Scritto da: panda rossa
    > > La questione e' molto semplice.
    > >
    > > Tablet e smartphone touch, nati e venduti
    > > inzialmente come costosi accessori
    > > modaioli
    , essendo concepiti come oggetti di
    > > sfoggio e ostentazione, non sono stati certo
    > > pensati per essere accessibili ai non
    > > vedenti.
    > >
    > > La cosa sarebbe morta li', se non fosse che per
    > > seguire la moda (e gli idioti che spendono),
    > > quasi tutti si sono buttati come pecore nel
    > > gregge in questo business e hanno inventato le
    > > piastrelle, che sono quanto di piu' lontano
    > > esista all'accessibilita' del non
    > > vedente.
    > >
    > > Il risultato e' misero.
    > >
    >
    >
    > Poi un giorno ci spieghi cosa c'entrino
    > smartphone e piastrelle tablet con
    > l'accessibilità delle pagine
    > web.

    Te lo spiego anche subito.
    Sono pensate per essere fruite coi tablet.
    Quindi grafica superflua, niente tag alternate alle immagini, interattivita' orientata al touch invece che alla tastiera...
  • Attribuisci la colpa della malaprogrammazione al dispositivo, mi sembra esagerato.

    Hai mai visto un non vedente usare un tablet o un cellulare touch? Li usano molto semplicemente grazie a software appositi che fanno da interfaccia audio.

    Poi se una pagina è mal scritta non è fruibile ne sul tablet ne sul pc ne con linx.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Attribuisci la colpa della malaprogrammazione
    > al dispositivo, mi sembra esagerato.

    > Hai mai visto un non vedente usare un tablet o
    > un cellulare touch? Li usano molto semplicemente
    > grazie a software appositi che fanno da
    > interfaccia audio.

    > Poi se una pagina è mal scritta non è fruibile
    > ne sul tablet ne sul pc ne con linx.

    Vero, come fruibilità a parità di pagine l'interfaccia migliore è quella apple, che è sempre stata molto attenta all'accessibilità fin dalle prime versioni di OSX, Windows insegue e linux, purtroppo, è il solito caos in cui ci sono diverse sintesi ma nessuna riesce veramente a coprire tutte le funzionalità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Un altro
    > - Scritto da: ...
    > > Attribuisci la colpa della
    > malaprogrammazione
    >
    > > al dispositivo, mi sembra esagerato.
    >
    > > Hai mai visto un non vedente usare un tablet
    > o
    > > un cellulare touch? Li usano molto
    > semplicemente
    > > grazie a software appositi che fanno da
    > > interfaccia audio.
    >
    > > Poi se una pagina è mal scritta non è
    > fruibile
    > > ne sul tablet ne sul pc ne con linx.
    >
    > Vero, come fruibilità a parità di pagine
    > l'interfaccia migliore è quella apple, che è
    > sempre stata molto attenta all'accessibilità fin
    > dalle prime versioni di OSX, Windows insegue e
    > linux, purtroppo, è il solito caos in cui ci sono
    > diverse sintesi ma nessuna riesce veramente a
    > coprire tutte le
    > funzionalità.

    Non è vero. Apple ha realizzato ha dato accessibilita' ai suoi dispositivi quando è entrata nell'Educational e quindi e' stata obbligata. Tiger per esempio non aveva un alcunche di accessibile. Come del resto Window e a seguire, in compenso Windows aveva diverse applicazioni esterne che lo rendevano in parte acccessibile; Vedi Jaws.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefanuzzo
    > - Scritto da: Un altro
    > > - Scritto da: ...

    > > Vero, come fruibilità a parità di pagine
    > > l'interfaccia migliore è quella apple, che è
    > > sempre stata molto attenta all'accessibilità fin
    > > dalle prime versioni di OSX, Windows insegue e
    > > linux, purtroppo, è il solito caos in cui ci
    > > sono diverse sintesi ma nessuna riesce veramente
    > > a coprire tutte le funzionalità.

    > Non è vero. Apple ha realizzato ha dato
    > accessibilita' ai suoi dispositivi quando è
    > entrata nell'Educational e quindi e' stata
    > obbligata. Tiger per esempio non aveva un
    > alcunche di accessibile. Come del resto Window e
    > a seguire, in compenso Windows aveva diverse
    > applicazioni esterne che lo rendevano in parte
    > acccessibile; Vedi Jaws.

    Emmm... In realtà parlavo della versione mobile dei vari sistemi, nella versione desktop Jaws fa da padrone.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Un altro
    > - Scritto da: Stefanuzzo
    > > - Scritto da: Un altro
    > > > - Scritto da: ...
    >
    > > > Vero, come fruibilità a parità di pagine
    > > > l'interfaccia migliore è quella apple,
    > che
    > è
    > > > sempre stata molto attenta
    > all'accessibilità
    > fin
    > > > dalle prime versioni di OSX, Windows
    > insegue
    > e
    > > > linux, purtroppo, è il solito caos in
    > cui
    > ci
    > > > sono diverse sintesi ma nessuna riesce
    > veramente
    > > > a coprire tutte le funzionalità.
    >
    > > Non è vero. Apple ha realizzato ha dato
    > > accessibilita' ai suoi dispositivi quando è
    > > entrata nell'Educational e quindi e' stata
    > > obbligata. Tiger per esempio non aveva un
    > > alcunche di accessibile. Come del resto
    > Window
    > e
    > > a seguire, in compenso Windows aveva diverse
    > > applicazioni esterne che lo rendevano in
    > parte
    > > acccessibile; Vedi Jaws.
    >
    > Emmm... In realtà parlavo della versione mobile
    > dei vari sistemi, nella versione desktop Jaws fa
    > da
    > padrone.

    Nella versione mobile voiceover è entrato dall'iphone 3gS, il 3G normale senza l'S non aveva alcunche di accessibile, periodo quello cui Apple entra nelle scuole, appunto nell'Educational.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefanuzzo
    > - Scritto da: Un altro
    > > - Scritto da: Stefanuzzo

    > > Emmm... In realtà parlavo della versione mobile
    > > dei vari sistemi, nella versione desktop Jaws fa
    > > da padrone.

    > Nella versione mobile voiceover è entrato
    > dall'iphone 3gS, il 3G normale senza l'S non
    > aveva alcunche di accessibile, periodo quello cui
    > Apple entra nelle scuole, appunto
    > nell'Educational.

    Il periodo in cui sono entrato io in contatto con diversi ipovedenti...
    Che culo che ho avuto allora !

    In effetti ricordo che prima andavano di registratori come promemoria e appuntiPerplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Attribuisci la colpa della malaprogrammazione al
    > dispositivo, mi sembra
    > esagerato.
    >
    > Hai mai visto un non vedente usare un tablet o un
    > cellulare touch? Li usano molto semplicemente
    > grazie a software appositi che fanno da
    > interfaccia
    > audio.

    Ma neanche per idea.
    Non hanno alcun feedback tattile. Come fanno ad interagire con lo schermo?
  • basta un po di fantasia e lo schermo touch diventa un perfetto strumento per i non vedenti. Bastano le gesture, gia adesso i vedenti usano moltissime gesture. Basterebbe avere un po più di accortezza di creare gesture per i non vedenti e supportati dai software audio potrebbero usare tranquillamente lo smartphone.
    Certo non possono usare i pulsanti, dato che, come dici anche tu, non hanno un feedback tattile.

    Oppure, se io fossi un non vedente, mi comprerei un modello con tastiera

    http://iomobile.smartworld.it/i-migliori-smartphon...

    in fondo se sono non vedente non posso pretendere di guidare la macchina, perche' dovrei dare per scontato che dovrei poter utilizzare tutti i dispositivi in commercio? Cerco quello che fa per me.
    non+autenticato