Claudio Tamburrino

USA, una patente per i droni

Entro fine anno le autoritÓ statunitensi approveranno un codice per regolamentare i dispositivi usati in ambito commerciale: una novitÓ attesa, con delle restrizioni impreviste

Roma - Negli Stati Uniti anche gli operatori di droni dovranno presto ottenere una patente ad hoc e dovranno rassegnarsi a utilizzare i propri velivoli sono in determinate fasce orarie.

Le autorità a stelle e strisce dovrebbero infatti approvare entro la fine dell'anno uno strumento normativo per regolamentare l'uso dei droni, sempre più diffusi a livello commerciale: una novità peraltro attesa da anni perché le attuali regole FAA ne regolamentano l'uso solo per quanto riguarda il tempo libero.

Nel frattempo, gli sviluppi del settore sono stati notevoli, come dimostrano per esempio i progetti di consegna via droni di DHL o di Amazon, o i robot per la connessione di Facebook, tra i lobbisti a premere per la nuova regolamentazione: per questo è stata forte la spinta ad una normativa che agisse con chiarezza sul settore.
Coloro che fossero interessati a vederne liberalizzati gli impieghi, tuttavia, sembrano destinati ad essere delusi perché l'approccio del legislatore statunitensi appare restrittivo.
Washington - d'altra parte - ha avuto modo di osservare quanto prodotto dalla giurisprudenza che si è ritrovata già ad affrontare i problemi legati alla circolazione dei nuovi dispositivi nei cieli, nonché il dibattito apertosi anche in Europa.

In generale il regolamento statunitense di prossima adozione dovrebbe partire dalla volontà di permettere la circolazione aerea dei droni per fini commerciali, prevedendo tuttavia precise restrizioni orarie, e dovrebbe inoltre classificare i droni in base al loro peso, con restrizioni crescenti in proporzione con le loro dimensioni.

Gli operatori dei droni dovrebbero poi ottenere una patente specifica ed il volo costretto sotto i 400 piedi e limitato alle ore diurne.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàDroni, la UE vuole nuove regoleBruxelles propone l'istituzione di nuove regole sul traffico di droni, a difesa della sicurezza dei cieli ma soprattutto della privacy dei cittadini. I droni fanno sempre pi¨ notizia negli USA e altrove nel mondo
  • TecnologiaDroni, NASA lavora al controllo aereoL'agenzia spaziale statunitense al lavoro su un sistema di controllo aereo per i droni completamente automatizzato, una tecnologia che potrebbe garantire sicurezza agli UAV e addolcire le arcigne autoritÓ federali
  • AttualitàDroni, da Facebook a GoogleNuovi acquisti sul fronte della robotica per Mountain View: Ŕ la volta dell'azienda su cui sembrava aver puntato anche Facebook
10 Commenti alla Notizia USA, una patente per i droni
Ordina
  • In alcuni casi i droni possono pesare anche qualche centinaio di chili, mi pare giusto quindi categorizzare i droni e prevedere tutele crescenti alle loro dimensioni e anche una copertura assicurativa. Oggi i droni sono pochi, ma un domani potrebbero essere più numerosi delle automobili, con possibilità di incidenti anche gravi statisticamente rilevanti... se un drone mi casca in testa spero almeno che i miei eredi siano tutelati almeno come nel caso di un incidente stradale (speriamo che l'obbligo assicurativo lo verifichino meglio di quanto non fanno oggi con le auto!)
  • Sarebbe anche giusto visto che verrebbero usati anche come mezzi di trasporto, e alla fine sono sempre dotati di motore(come le macchine(Google Car)).
  • > Sarebbe anche giusto visto che verrebbero usati
    > anche come mezzi di trasporto, e alla fine sono
    > sempre dotati di motore(come le macchine(Google
    > Car)).

    Per quelle nemmeno esiste una regolamentazione su base statale negli Usa, solo singoli permessi in alcune città, da rinnovare ogni volta, e a patto che a bordo ci sia una persona.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Sarebbe anche giusto visto che verrebbero
    > usati
    > > anche come mezzi di trasporto, e alla fine
    > sono
    > > sempre dotati di motore(come le
    > macchine(Google
    > > Car)).
    >
    > Per quelle nemmeno esiste una regolamentazione su
    > base statale negli Usa, solo singoli permessi in
    > alcune città, da rinnovare ogni volta, e a patto
    > che a bordo ci sia una
    > persona.

    sono prototipi e ancora in fase di sperimentazione
    non+autenticato
  • > > > Sarebbe anche giusto visto che verrebbero
    > > usati
    > > > anche come mezzi di trasporto, e alla fine
    > > sono
    > > > sempre dotati di motore(come le
    > > macchine(Google
    > > > Car)).
    > >
    > > Per quelle nemmeno esiste una regolamentazione
    > su
    > > base statale negli Usa, solo singoli permessi in
    > > alcune città, da rinnovare ogni volta, e a patto
    > > che a bordo ci sia una
    > > persona.
    >
    > sono prototipi e ancora in fase di sperimentazione

    Gli UAV invece funzionano ed esistono da anni, eppure una patente legalmente valdia negli Usa sarà emessa solo l'anno prossimo.
    Se i tempi sono questi...
  • ->Scritto da: Leguleio
    >Per quelle nemmeno esiste una regolamentazione su >base statale negli Usa,
    >solo singoli permessi in alcune città,
    >da rinnovare ogni volta,
    >e a patto che a bordo ci sia una persona.

    Gli U.S.A. sono uno stato federale, avranno concesso quindi di lasciare liberi ogni singolo Stato di regolamentare questa situazione(come d' altronde l' hanno già fatto in passato con la condanna a morte) e forse poi i singoli Stati avranno dato potere alle loro singole città, ma una cosa è certa, tra lo Stato federale e i singoli la regolamentazione c' è di sicuro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 27 novembre 2014 09.46
    -----------------------------------------------------------
  • > >Per quelle nemmeno esiste una
    > regolamentazione su >base statale negli Usa,
    >
    > >solo singoli permessi in alcune città,
    > >da rinnovare ogni volta,
    > >e a patto che a bordo ci sia una persona.
    >
    > Gli U.S.A. sono uno stato federale, avranno
    > concesso quindi di lasciare liberi ogni singolo
    > Stato di regolamentare questa situazione(come d'
    > altronde l' hanno già fatto in passato con la
    > condanna a morte)

    Certo che hanno lasciato libero ogni singolo Stato: e ognuno dei 50 Stati più il distretto federale non ha regolamentato un bel nulla: ripeto, solo autorizzazioni temporanee, e solo per ristrette zone, che coprono forse una contea, forse solo una città.

    > e forse poi i singoli Stati
    > avranno dato potere alle loro singole città, ma
    > una cosa è certa, tra lo Stato federale e i
    > singoli la regolamentazione c' è di
    > sicuro.

    No. Non c'è.
    Ti pare che non ne avrebbe parlato, PI?
  • Per una volta l'Italia è in anticipo di oltre una anno sugli States!A bocca aperta

    http://www.enac.gov.it/La_Normativa/Normativa_Enac...

    La patente per gli APR (termine che sostituisce il ridicolo "droni", cioè fuchi) si può conseguire presso una scuola di volo certificata:

    http://www.dronemagazine.it/575-scuole-volo-certif.../
  • Per mettere bolli certificati regolamenti patentini albi e enti vari l'Italia è campione del mondo poi se serva questo è tutto un altro discorso.
    non+autenticato
  • > Per mettere bolli certificati regolamenti
    > patentini albi e enti vari l'Italia è campione
    > del mondo poi se serva questo è tutto un altro
    > discorso.

    I bolli e le formalità non so se servano.
    Dei regolamenti chiari su ciò che vola sulla testa dei cittadini, qui intesi soprattutto nel senso di "abitanti delle città", servono eccome.