Claudio Tamburrino

iPad, indagine sui contratti per le scuole

Il nuovo dirigente scolastico blocca il contratto di fornitura dei tablet con la Mela. E l'FBI irrompe negli istituti per sequestrare i documenti dei suoi predecessori

Roma - La fornitura degli iPad nelle scuole di Los Angeles è finita sotto inchiesta da parte dell'FBI.

Gli agenti del Bureau sono intervenuti perquisendo gli istituti e gli uffici degli amministratori scolastici del distretto di Los Angeles coinvolti e sequestrando diversi documenti.

L'attuale direttore del distretto scolastico di Los Angeles Ramon Cortines ha riferito di non poter commentare la vicenda essendo ancora in attesa delle motivazioni ufficiali, ma tutto sembra puntare al progetto iPad-for-all. Pur negando il legame con l'indagine federale, d'altra parte, Cortines ha già provveduto ad interrompere il contratto che legava gli istituti scolastici sotto la sua supervisione alla fornitura di tablet marchiati con la Mela.
Il progetto, che sarebbe alla fine costato 1,3 miliardi di dollari, era stato approvato dal consiglio scolastico senza opposizione nel 2013 ed era stato fortemente voluto dal predecessore di Cortines, John Deasy, già costretto alle dimissioni per una spesa assolutamente fuori budget e per presunti legami suoi e del suo vice con i vertici di Apple e con quelli di Pearson, l'azienda che forniva i contenuti scolastici destinati ai tablet.

Secondo Deasy si sarebbe trattato di una necessità per garantire agli studenti meno abbienti lo stesso accesso ad una tecnologia altamente diffusa e ormai paragonabile a quello che ha definito "un vero e proprio diritto civile".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàLos Angeles, stop agli iPad a scuolaInterrotto il programma di fornitura per presunto conflitto d'interessi. Nel frattempo continuano le indiscrezioni sugli schermi più grandi che dovrebbero trovare spazio su iPad e iPhone
  • BusinessMercato, i numeri di WindowsWindows 8.1 recupera su XP, ma anche Windows 7 sale. Sul fronte mobile, le previsioni per Windows Phone prevedono un raddoppio della quota nel giro di tre anni. Ammesso che gli OEM non facciano ostruzionismo
17 Commenti alla Notizia iPad, indagine sui contratti per le scuole
Ordina
  • pure zukky s'è stufato dell'applez http://www.osnews.com/story/28118/Zuckerberg_slams...

    hahahahahaha grande stavolta lo stimoA bocca aperta
    non+autenticato
  • < Un anno fa di questi tempi, dopo aver trattato con «Massimetto», Carminati riferiva a un presunto complice «di avere la possibilità di ordinare 10 iPad e 10 iPhone, da usare per dei regali di Natale ad alcuni dirigenti comunali compiacenti». >

    iGadget pe corrompere, con lo spyware-sniffer (pcapd & co) inside
    non+autenticato
  • Microsoft ha fatto scuola e ora si adegua anche Apple.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Microsoft ha fatto scuola e ora si adegua anche
    > Apple.

    però microsoft vinceva, apple perde contro i chromebook nonostante le "manovrine"
    non+autenticato
  • " già costretto alle dimissioni per una spesa assolutamente fuori budget e per presunti legami suoi e del suo vice con i vertici di Apple e con quelli di Pearson, l'azienda che forniva i contenuti scolastici destinati ai tablet."

    Ma dai ? Un tablet economico per una scuola non andava bene ? Ma chi è che prende decisioni così assurde ?
    non+autenticato
  • Salve.

    - Scritto da: Etype
    > Ma dai ? Un tablet

    Morsicati o meno, robottoso o a finestre; sono proprio i tablet che non sono comodi per la scuola.

    Ora io non vorrei addentrarmi in un discorso fatto sulla "scuola americana", non avendo figli che studiano li, ma parlando in linee generali un bimbo, non deve a livello pedagogico "tappare su schermo" lo si priva di un senso, quello del tatto, che regola e istruisce la manualità.

    Un ragazzo invece (teenager se vogliamo) necessita che gli vengano sostituiti i pesanti libi cartacei, e quindi un ebook sarebbe l'ideale.

    Certo l'evoluzione potrebbe essere quel prototipo di sony con stylus per prendere anche appunti rapidi (cercare "sony ebook prototype 13.3 stylus"), ma la carte e la penna come nei temi nell'ambito dell'istruzione, non è solo prendere appunti ma è calligrafia, aiuto alla grammatica e all'ordine concettuale.

    Altro discorso è quello universitario.

    POI si dovrebbe parlare, per chi ne sceglie eventualmente il ramo di IT, di Informatica vera e propria nella scuola.

    PS
    I patentini informatici, a mio avviso non dovrebbero essere su suite da ufficio ma su piccola "introduzione generica al computer" + grossa fetta di "impaginazione, tipografia e dattilografia su latex (no word o write)" ed eventualmente se richiesto concetti base della logica della programmazione (non il pascal che attualmente spiccicano qui e la, come se fossimo ancora 30 anni in dietro, so che qualcuno va di Python almeno.)

    Non bisogna mai confondere l'apporto didattico con il mero obbiettivo.
    Altrimenti nate le calcolatrici sarebbe inutile insegnare le addizioni.

    Detto questo, in Italia non andrà certo meglio, considerando la spesa per le lavagne interattive ma che non hanno variato di un chilo gli zaini zeppi di libri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Free Climber
    > Morsicati o meno, robottoso o a finestre; sono
    > proprio i tablet che non sono comodi per la
    > scuola.

    Dipende,se intendi lo studio ed un uso frequente son d'accordo.

    > Ora io non vorrei addentrarmi in un discorso
    > fatto sulla "scuola americana", non avendo figli
    > che studiano li, ma parlando in linee generali un
    > bimbo, non deve a livello pedagogico "tappare su
    > schermo" lo si priva di un senso, quello del
    > tatto, che regola e istruisce la
    > manualità.

    Si ma nno penso che fa quello tutta la giornata o no ?
    A meno che non sia una scusa per tenerlo occupato.

    > Un ragazzo invece (teenager se vogliamo)
    > necessita che gli vengano sostituiti i pesanti
    > libi cartacei, e quindi un ebook sarebbe
    > l'ideale.

    su questo son d'accordo,basterebbe un tablet da 10" ma e-ink con dentro app ed ebook create apposta.

    > Certo l'evoluzione potrebbe essere quel prototipo
    > di sony con stylus per prendere anche appunti
    > rapidi (cercare "sony ebook prototype 13.3
    > stylus"), ma la carte e la penna come nei temi
    > nell'ambito dell'istruzione, non è solo prendere
    > appunti ma è calligrafia, aiuto alla grammatica e
    > all'ordine
    > concettuale.

    Ok...

    > Altro discorso è quello universitario.
    >
    > POI si dovrebbe parlare, per chi ne sceglie
    > eventualmente il ramo di IT, di
    > I nformatica vera e propria nella
    > scuola.

    ok...

    > PS
    > I patentini informatici, a mio avviso non
    > dovrebbero essere su suite da ufficio ma su
    > piccola "introduzione generica al computer" +
    > grossa fetta di "impaginazione, tipografia e
    > dattilografia su latex (no word o write)" ed
    > eventualmente se richiesto concetti base della
    > logica della programmazione (non il pascal che
    > attualmente spiccicano qui e la, come se fossimo
    > ancora 30 anni in dietro, so che qualcuno va di
    > Python almeno.)

    Per me la patente europea è sempre stata una grossa stronzata,dovrebbe essere abolita,non da nulla in più rispetto al mero uso casalingo.
    Ai miei tempi si usava il DOS,le prime versioni di Windows e lo stesso Pascal....ora non so cosa facciano....

    > Non bisogna mai confondere l'apporto didattico
    > con il mero
    > obbiettivo.
    > Altrimenti nate le calcolatrici sarebbe inutile
    > insegnare le
    > addizioni.

    Tu ci scherzi ma a forza di diffusione di cellulari e smartphone persino per fare i calcoli si è persa l'abitudine a non farli più a mente,almeno per i più givani...

    > Detto questo, in Italia non andrà certo meglio

    Ah beh da noi introdurranno qualcosa di tecnologico tipo 20 anni dopo gli altri stati...

    > considerando la spesa per le lavagne interattive

    Altra scemenza secondo me....

    > ma che non hanno variato di un chilo gli zaini
    > zeppi di
    > libri.

    Però un vantaggio c'è,sono aumentati i guadagni per le case editrici...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Free Climber

    > Un ragazzo invece (teenager se vogliamo)
    > necessita che gli vengano sostituiti i pesanti
    > libi cartacei, e quindi un ebook sarebbe
    > l'ideale.

    ecco questo è un punto interessante, ovvero stabilire l'età minima per introdurre questo tipo di tecnologie

    alle elementari sono praticamente inutili, meglio i vecchi metodi

    > POI si dovrebbe parlare, per chi ne sceglie
    > eventualmente il ramo di IT, di
    > I nformatica vera e propria nella
    > scuola.

    per fortuna ci sono molti pezzi grossi che la pensano così ( in UK almeno, in Italia non so )

    > I patentini informatici, a mio avviso non
    > dovrebbero essere su suite da ufficio ma su
    > piccola "introduzione generica al computer" +

    vabbè dai, quei cosi furono inventati per far arricchire le mafie che hanno messo su varie scuole farlocche spara-patentini-diplomi-lauree-ecc...

    > eventualmente se richiesto concetti base della
    > logica della programmazione (non il pascal che
    > attualmente spiccicano qui e la, come se fossimo
    > ancora 30 anni in dietro, so che qualcuno va di
    > Python almeno.)

    la programmazione andrebbe aggiunta ai curricula almeno dalle medie inferiori in su

    non vedo perchè non dovrebbe esserci, dato che s'insegnano discipline discutibili come il latino e il greco

    > Detto questo, in Italia non andrà certo meglio,
    > considerando la spesa per le lavagne interattive
    > ma che non hanno variato di un chilo gli zaini
    > zeppi di
    > libri.

    bisognerebbe fare una bella purga tra gli insegnanti, considerando che buona parte di essi sono ex studenti asini
    non+autenticato
  • Sembra di stare in Italia, vediamo se anche negli Usa finisce tutto a tarallucci e vino.

    PS
    E' la prima volta che non trovo commenti Applefan ad una notizia sulla loro religione.
    non+autenticato
  • tanto non c'è corruzione, all'applefan basta una stretta di mano di mano del Gran Capo Mela
    non+autenticato
  • > Sembra di stare in Italia, vediamo se anche negli
    > Usa finisce tutto a tarallucci e
    > vino.


    Ma non è vero che in Italia finisce tutto a tarallucci e vino: piuttosto, a differenza che negli Usa, una sentenza definitiva arriva troppo tardi, diversi anni dopo gli illeciti.
    Forse negli Usa non accade che ad un Primo Greganti a caso vengano affidate consulenze per i lavori dell'Expo nonostante una precedente condanna, quello no; ma non sono così informato sugli scandali statunitensi.
  • A margine (ma non troppo) di questa notizia c'è quella recente che (almeno in US), il nuovo leader del mercato "educational" è il Chromebook, principalmente per il costo e la presenza di una tastiera fisica.

    Il sito che ha dato la notizia dovrebbe essere al di sopra di ogni sospetto:

    http://appleinsider.com/articles/14/12/01/google-c...
  • - Scritto da: bradipao
    > A margine (ma non troppo) di questa notizia c'è
    > quella recente che (almeno in US), il nuovo
    > leader del mercato "educational" è il Chromebook,
    > principalmente per il costo e la presenza di una
    > tastiera
    > fisica.
    >
    > Il sito che ha dato la notizia dovrebbe essere al
    > di sopra di ogni
    > sospetto:
    >
    > http://appleinsider.com/articles/14/12/01/google-c

    Ecco che cos'era questo stridio di denti rosikanti che sentivo da un po'... Rotola dal ridere
  • notizia già presente da giorni su Tom's
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)