Luca Annunziata

Yotaphone 2, secondo tentativo

L'azienda russa che aveva presentato il primo smartphone bifronte inizia a distribuire la nuova versione. L'evoluzione di un prodotto che cerca di farsi largo in un mercato affollato

« Indietro
Foto 1 di 7

Roma - Un anno dopo il primo lancio di un prodotto con un formato inedito sul mercato, Yota Devices ci riprova: Yotaphone 2 è un prodotto analogo nella concezione al suo diretto predecessore, che migliora in quasi ogni comparto per affinare l'idea del doppio schermo che aveva attirato la curiosità degli addetti ai lavori già nel 2013. Il risultato è un mix più raffinato e più convincente, sebbene Yotaphone resti un prodotto che deve farsi largo in un panorama molto affollato che sempre di più è dominato dai dispositivi low-cost.

Le caratteristiche base di Yotaphone 2 sono tutte state oggetto di modifica nel corso di questi 12 mesi: lo schermo frontale a colori, quello "tradizionale", è un AMOLED da 5 pollici con risoluzione 1080p; il è un SoC Qualcomm Snapdragon 800 da 2,2GHz con 2GB di RAM e storage 32GB; la fotocamera posteriore è ora da 8 megapixel con flash LED; la connettività comprende un modulo LTE e uno NFC, oltre all'onnipresente NFC. Il tutto in un corpo spesso 9 millimetri, all'interno del quale c'è comunque spazio per una batteria da 2.500mAh. Lo schermo posteriore, quello basato su tecnologia e-ink da 4,7 pollici, in questa versione si arricchisce della capacità di essere controllato tramite interfaccia touch, diventando dunque decisamente più utile che nella release precedente. Entrambi i lati dello smartphone sono protetti da vetro corazzato Gorilla Glass 3.


L'idea di base resta la stessa: usare lo schermo e-ink al posto di quello AMOLED costringe a sacrificare colori e animazioni, ma permette di allungare moltissimo l'autonomia dello smartphone grazie al consumo incomparabile tra le due tecnologie. Lo schermo, soprattutto con il diffondersi di diagonali sempre più ampie, è senza dubbio un pesante fardello per gli accumulatori interni: la sua illuminazione e il refresh impegna l'elettronica e consuma energia, pertanto optare per una tecnologia alternativa a basso consumo per definizione, l'inchiostro elettronico, contribuisce in modo sensibile ad allungare la vita a ogni singola carica. Inoltre, lo schermo posteriore e-ink è sempre acceso: quindi mostra informazioni come quelle delle notifiche senza la necessità di attivare il più esoso schermo principale AMOLED.
Sullo schermo e-ink (Yota lo chiama "always-on") si possono poi anche visualizzare comuni app Android come quelle per la lettura di e-book, così come app di intrattenimento e messaggistica, o persino una mappa: se pure il telefono dovesse esaurire la carica della batteria sullo schermo posteriore resterebbero visualizzate le ultime informazioni mostrate, permettendo quindi ad esempio di tenere sotto mano gli estremi di un biglietto del treno o gli orari degli appuntamenti. Il vero punto di forza del dispositivo è questo: con un po' di pratica, usando i due schermi nella maniera giusta sarà possibile spremere fino all'ultimo milliAmpere di energia dalla batteria massimizzando l'autonomia. Per il resto le specifiche sono nella media di un prodotto di fascia medio-alta, ma senza alcun particolare che spicchi sul resto della platea di questo segmento.


Il prezzo annunciato per lo Yotaphone 2 sul mercato italiano è di 749 euro: una cifra molto importante, che può essere giustificata da chi deciderà di acquistarlo in virtù del doppio schermo. La vendita dello smartphone avverrà attraverso i punti vendita Vodafone, anche compreso in alcune formule di abbonamento, e Mondadori, con la distribuzione curata da Ingram Micro.

Luca Annunziata
17 Commenti alla Notizia Yotaphone 2, secondo tentativo
Ordina
  • ... cavolo 749 euro!
    Ci sono smartphone "cinesi" di caratteristiche superiori che trovi attorno ai 200- 250 euro, magari potevano fare un piccolo sforzo e proporlo sotto i 300 euro?
    Perchè lanciare un prodotto innovativo, visto che sei un'azienda sconosciuta con un target da top di gamma?
    Fossi stato il CEO di tale azienda avrei optato per un hardware più economico ma con la caratteristica innovativa dell'E-ink e lo avrei lanciato ad un prezzo di 200 - 250 euro, avendo cura magari di stipulare anche qualche contratto con i più noti carrier telefonici disponibili in europa ed in USA... ne avrebbero venduti una svalangata, poi c'è sempre tempo per uscire con una versione ultratop a prezzi ultracari, ma prima devi farti conoscere ed apprezzare dal pubblico... cavolo più vedo sti CEO in giro e più mi convinco che gestirei le loro aziende molto meglio di loro!
    1. Nokia che arriva a farsi comprare da M$ pur di non lanciare terminali android (li lanciano adesso!!!!)
    2. Intel che arriva a comprarsi Alpha (il miglior processore RISC mai progettato) per poi dopo averne fatto morire il progetto, rivendere tutta la sua divisione Risc, proprio quando ARM stava incominciando ad affermarsi nel settore mobile, per non parlare dei vari balbettii dietro a M$ invece di accordarsi con Google per far evolvere Android in un SO adatto anche ai PC (a proposito Google cosa sta aspettando?)
    3. M$ che con il 90% del mercato informatico in mano per circa 20 anni e dopo aver fra i primi lanciato un SO come Windows mobile si lascia sfilare il mercato da sotto le mani da iOS prima e da android dopo
    4. Apple che dopo avere avuto in mano il mercato di smartphone e tablet pur di mantenere dei margini stratosferici su ogni singolo device venduto ha perso la guida del mercato e rischia seriamente di fallire nei prossimi anni
    5. IBM che inventa il PC ma che poi si affida ad un OS sviluppato da uno sconosciuto (allora cantinaro), si affida al processore di una azienducola semisconosciuta (allora) e che dopo più di dieci anni si accorge degli incredibili errori fatti e cerca di imporre (arrivando a regalarlo con le riviste) il suo SO OS-2.... e per publicizzarlo si affida al suo logo (un pachiderma)... paragone quanto mai azzeccato per un SO che pretendeva 8 Mb per girare decentemente quando i pC dell'epoca quando andava bene avevano 4Mb (8 mB costavano circa 1 milione di lirette a comprarli bene!)

    Mi accontento di poco 200.000 euro l'anno più una misera provvigione sui profitti da pagarsi anche in titoli azionari, tanto peggio di sti signori certo non potrei fare!
  • E' un prodotto unico nel suo genere...
    non+autenticato
  • con 120 euro mi compro uno smartphone e con altri 100 euro mi compro un ebook reader
    e poi si chiedono perche non vendono ??
    supertavanata galattica con scarozzamento a destra
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... cavolo 749 euro!
    > Ci sono smartphone "cinesi" di caratteristiche
    > superiori che trovi attorno ai 200- 250 euro,
    > magari potevano fare un piccolo sforzo e proporlo
    > sotto i 300 euro?

    Dimmi quali smartphone "cinesi" hanno due schermi uno Amoled e uno E-ink e costano 250 euro, oppure il discorso si chiude già in partenza.
    Il resto è fuffa dato che è facile parlare dopo che si è visto come sono andate le cose
    non+autenticato
  • pero un e-ink di piccole dimensioni non dovrebbe costare piu di un paio di decine di euro.
    Nessun cinese lo ha, ma anche io penso che a un prezzo ragionevole un doppio schermo anche meno performante avrebbe molto piu mercato: in molti, come me, leggono ebook sul cell e l'e-ink e' un'altra cosa x durata e visibilita.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Papple
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > ... cavolo 749 euro!
    > > Ci sono smartphone "cinesi" di
    > caratteristiche
    > > superiori che trovi attorno ai 200- 250 euro,
    > > magari potevano fare un piccolo sforzo e
    > proporlo
    > > sotto i 300 euro?
    >
    > Dimmi quali smartphone "cinesi" hanno due
    > schermi uno Amoled e uno E-ink e costano 250
    > euro, oppure il discorso si chiude già in
    > partenza.

    Ho mai detto che qualsiasi altro smartphone cinese o meno abbia tale feature? Tuttavia sul mercato si è già proposta un'alternativa interessante ed economica, una sorta di cover e-Ink da collegare via bluetooth al proprio smartphone e al costo di una cinquantina di euro...
    Questa è una ladrata per di più tentata da un'azienda sconosciuta ecco perchè secondo me è destinata a fallire, un vero peccato perchè l'idea di un doppio display, da dedicare alla lettura/visualizzazione mail/messaggi/notifiche non era affatto male!

    > Il resto è fuffa dato che è facile parlare dopo
    > che si è visto come sono andate le
    > cose

    Peccato che quelle cose Io le abbia dette prima che avvenissero, se vuoi per esempio puoi andarti a cercare i miei post dove già a fine 2009 sostenevo che Nokia doveva spicciarsi a salire sul treno Android e sempre in quei post troverai anche come criticassi apple per la sua chiusura e per l'imposizione di prezzi tanto alti, cosa che alla fine le sarebbe costata il mercato. Cavolo ho avuto per anni uno stuolo di detrattori a partire da Ruppolo che mi davano del folle quando sostenevo che Android avrebbe stracciato iOS (e lo sostenevo dal 2009, quando era sotto il 5% del mercato)! Per non parlare delle critiche fatte a M$ per i suoi nuovi SO a partire da Vista....
    Come fai a dire facile sostenerlo dopo?
    IO tali cose le ho dette ben prima, 5 anni sono un'eternità in campo informatico!!! E queste sono cose scritte direttamente su questo BLOG, con tanto di data.
    Prima di fare certe affermazioni documentati!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 dicembre 2014 11.42
    -----------------------------------------------------------
  • 749 per un cellulare che si prende solo virus, adatto per i cantinari.

    iPhone è immune ai virus, è pieno di DRM utili per l'utente in modo che faccia quello che vuole Apple, ed il codice sorgente è dentro alle casseforti Apple, in questo modo quei nerd grassoni con le dita sporche di marmellata non possono metterci le mani.

    Per quanto riguarda i presunti virus per iPhone, sono delle feature aggiuntive che voi poveri plebei non potete capire
    non+autenticato
  • Hai dimenticato "parola di winaro !!!"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Hai dimenticato "parola di winaro !!!"

    No, ha dimenticato "parola di troll"
    Prende, ad esser di manica larga, 0/10
    "
    non+autenticato
  • .... ci ho provato ed ho fallito ... ¯\_(ツ)_/¯
    non+autenticato
  • Questo smartphone è geniale....
    il prezzo è un pò alto ma hai un bel vantaggioOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Questo smartphone è geniale....
    > il prezzo è un pò alto ma hai un bel vantaggioOcchiolino

    Io non so cosa aspettino a fare un tablet android con il solo schermo E-ink.
  • Beh hanno fatto uno smartphone con solo quel tipo di schermo con costi molto ridotti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > 749 euro
    >
    > [img]http://www.picgifs.com/graphics/l/laughing/gr

    Secondo me è geniale, per il prezzo... l'avesse fatto eppol e piazzato a 1.499 sono convinto che nessuno avrebbe storto il naso.
    non+autenticato
  • Son d'accordo,il prezzo è dovuto alla bassa diffusione....

    Non ci si lamentava sempre della batteria ? Con questo in parte risolvi...

    Per leggere un testo,una mappa,notifiche,ecc usi il retro se devi vedere un filmato,navigazione,ecc usi quello frontale....

    Certo potevano anche prevedere uno standby per il secondo schermo,la batteria durava ancora di più...
    non+autenticato
  • >
    > Certo potevano anche prevedere uno standby per il
    > secondo schermo,la batteria durava ancora di
    > più...

    e-ink non consuma una volta che l'immagine è "caricata"
    non+autenticato