Luca Annunziata

Il Rublo cala, Apple sospende le attività

Le fluttuazioni della moneta sovrana costringono Cupertino a bloccare le vendite a Mosca e nel resto della Russia. Anche Valve costretta a prendere iniziative in merito per Steam

Roma - La Russia sta attraversando un momento complicato della sua storia monetaria, con il Rublo divenuto estremamente volatile sul mercato a causa di complesse questioni economiche e politiche che interessano Mosca. Alla comprensibile cautela che pervade i mercati e ai timori dei consumatori, si somma anche la preoccupazione per chi importa i propri beni entro i confini nazionali. Per fare fronte alla repentina oscillazione dei prezzi, in queste ore Apple ha preso la decisione di sospendere temporaneamente la vendita sul mercato russo.

La mossa è legata al complesso meccanismo che lega la quotazione del Rublo rispetto al Dollaro e alle altre monete (Euro compreso) ai prezzi al dettaglio: negli scorsi giorni e settimane la filiale russa di Apple era già dovuta intervenire per adeguare i prezzi di listino al mutare della situazione economica, e allo stesso modo si stanno comportando in queste ore le grandi boutique di lusso che servono i cittadini moscoviti più abbienti. Mentre però altri marchi blasonati, compresi quelli made in Italy, hanno optato per una chiusura di poche ore per fare il punto dei cambi sperando in una stabilizzazione del mercato, Apple ha scelto di compiere una mossa più decisa: le vendite sono sospese in attesa di un chiarimento della situazione, per evitare di dover inseguire ogni poche ore le fluttuazioni della moneta e complicare la vita a chi vuole acquistare un prodotto della Mela.

Il mercato al dell'Est non è mai stato uno dei più importanti per Apple, dunque il danno derivante da questa faccenda sarà soltanto marginale. Ciò nonostante, i problemi che Cupertino deve affrontare sono esattamente gli stessi di qualsiasi altra azienda deve affrontare a Mosca in queste ore: Valve, che gestisce la piattaforma di gioco Steam che comprende un marketplace attivo anche entro i confini russi, ha dovuto attivare una sorta di blocco regionale dei giochi venduti per impedire acquisti effettuati indebitamente in Rubli per approfittare della svalutazione. Nelle settimane passate era iniziato un vero e proprio mercato parallelo dei titoli presenti sulla piattaforma, con acquirenti occidentali che pagavano pochi dollari o pochi euro alle controparti russe, le quali poi provvedevano a "regalare" il gioco prescelto al reale compratore. (L.A.)
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, Mosca ciecaAddio di Mountain View alla Russia: l'ultima goccia è stato l'obbligo di conservare su server locali i dati dei suoi utenti russi
24 Commenti alla Notizia Il Rublo cala, Apple sospende le attività
Ordina
  • "Nelle settimane passate era iniziato un vero e proprio mercato parallelo dei titoli presenti sulla piattaforma, con acquirenti occidentali che pagavano pochi dollari o pochi euro alle controparti russe, le quali poi provvedevano a "regalare" il gioco prescelto al reale compratore".

    Ma guarda, il contrabbando cibernetico.Sorride
    Visti i chiari di luna con il Cremlino, mi sa che si arriverà presto al mercato nero cibernetico.
  • Oddio, non è che l'uso delle Key sia una cosa illegale, anzi non c'è nulla che abbia mai detto cosi, di siti che vendono le chiavi di licenza per Steam, c'è ne stanno a milioni.

    Certo, che questo blocco, farà arrabbiare non pochi.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Oddio, non è che l'uso delle Key sia una cosa
    > illegale, anzi non c'è nulla che abbia mai detto
    > cosi, di siti che vendono le chiavi di licenza
    > per Steam, c'è ne stanno a
    > milioni.
    >
    > Certo, che questo blocco, farà arrabbiare non
    > pochi.
    Non ho capito se è un nuovo tipo di blocco, ma già esisteva un regional lock sulle chiavi russe... Facilmente aggirabile tramite VPN gratuite.
    non+autenticato
  • Alcuni giochi applicavano un blocco regionale anacronistico per impedire di pigliare i giochi con chiavi acquistate dove costava infinitamente mente un loro gioco, ma Steam non bloccava in toto, tutto quello che viene dalla russia.

    Tra l'altro nelle condizioni d'uso di Steam si vieta l'uso delle VPN.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Alcuni giochi applicavano un blocco regionale
    > anacronistico per impedire di pigliare i giochi
    > con chiavi acquistate dove costava infinitamente
    > mente un loro gioco, ma Steam non bloccava in
    > toto, tutto quello che viene dalla
    > russia.
    >
    > Tra l'altro nelle condizioni d'uso di Steam si
    > vieta l'uso delle
    > VPN.
    Vieterebbero pure di comprare chiavi da siti "non autorizzati"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Ma guarda, il contrabbando cibernetico.Sorride

    E' molto diffuso anche dalla Cina, da dove rivendono licenze originali di software altrimenti costosissimi qui in occidente (si parla di software professionali da 100keuro).

    Il tutto è dovuto ad una distorsione del mercato: il prezzo su ogni mercato è fatto da quello che mediamente ci si aspetta possano pagare, e non derivato dal costo reale di sviluppo, mantenimento, etc. Insomma, per me comprare su mercati paralleli dovrebbe essere del tutto legale, mentre dovrebbe essere dichiarato illegale vendere a prezzi clamorosamente diversi in paesi diversi.
  • - Scritto da: bradipao
    mentre dovrebbe essere dichiarato
    > illegale vendere a prezzi clamorosamente diversi
    > in paesi
    > diversi.

    Non concordo, credo che ogni azienda debba essere libera di fissare il prezzo che vuole in ogni paese, sei libero di comprare dalla concorrenza se non ti sta bene. Quello che dovrebbe essere illegale nel mercato globale sono le pratiche delle aziende che ti impediscono di utilizzare un prodotto acquistato in un' altro paese.
    Troppo comodo invocare il mercato globale per allargare il marketplace e poi mettere paletti per massimizzare gli introiti o la circolazione della merce fra privati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Adam Smith
    > - Scritto da: bradipao
    > mentre dovrebbe essere dichiarato
    > > illegale vendere a prezzi clamorosamente diversi
    > > in paesi
    > > diversi.
    >
    > Non concordo, credo che ogni azienda debba essere
    > libera di fissare il prezzo che vuole in ogni
    > paese, sei libero di comprare dalla concorrenza
    > se non ti sta bene. Quello che dovrebbe essere
    > illegale nel mercato globale sono le pratiche
    > delle aziende che ti impediscono di utilizzare un
    > prodotto acquistato in un' altro
    > paese.
    > Troppo comodo invocare il mercato globale per
    > allargare il marketplace e poi mettere paletti
    > per massimizzare gli introiti o la circolazione
    > della merce fra
    > privati.

    Il liberismo ha fallito e la mano invisibile è la mano di uno scippatore, fattene una ragione.
    non+autenticato
  • Spiegare a me perché il liberismo ha fallito è come spiegare a Galileo Galilei che la terra ruota intorno al sole.
    Sono stanco dei tifosi italioti per cui se parli di ridistribuzione della ricchezza e tassazione sulle rendite da posizione/capitale sei un comunista stalinista e un minuto dopo se parli libero mercato e stato solo come garante delle regole sei un massone/capitalista/sfruttatore del popolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Adam Smith
    > Spiegare a me perché il liberismo ha fallito è
    > come spiegare a Galileo Galilei che la terra
    > ruota intorno al
    > sole.
    > Sono stanco dei tifosi italioti per cui se parli
    > di ridistribuzione della ricchezza e tassazione
    > sulle rendite da posizione/capitale sei un
    > comunista stalinista e un minuto dopo se parli
    > libero mercato e stato solo come garante delle
    > regole sei un massone/capitalista/sfruttatore del
    > popolo.

    il liberismo ha fallito perchè è stata la storia a decretarne il fallimento, ma se ti fa piacere puoi continuare a fare come i soldati giapponesi rintanati nella foresta a guerra ampiamente terminata (o come quelli che si "laureano" in economia in un'università privata italiana che è in aperto conflitto di interessiOcchiolino )
    non+autenticato
  • - Scritto da: nonmidire

    > Il liberismo ha fallito e la mano invisibile è la
    > mano di uno scippatore, fattene una
    > ragione.

    paradossalmente ciò è successo perchè manca il liberismo

    quello che gli oligarchi amano chiamare liberismo, in realtà è un misto di socialismo ( le perdite sono dello Stato ) e capitalismo ( i guadagni sono dei privati )

    il tutto condito da uno Stato che funge da braccio armato di quelle poche famiglie oligarchiche che hanno in mano la finanza, usata da loro come leva per comprare di tutto e di più
    non+autenticato