Gaia Bottà

Megaupload, il raid era legale

Il mandato che nel 2012 ha ordinato la perquisizione dell'abitazione di Kim Dotcom era valido, anche se non supportato da accuse precise. La decisione della Corte Suprema neozelandese

Roma - Sono trascorsi quasi tre anni dall'incursione nell'abitazione di Kim Dotcom ordinata dagli Stati Uniti e condotta dalle autorità neozelandesi: l'impero di Megaupload si è sgretolato sotto il peso di un'accusa di violazione del copyright e il suo fondatore non ha mai rinunciato a combattere, in Rete e nei tribunali. Ma, in attesa di decidere della sua estradizione, la giustizia sembra essergli avversa.


La Corte Suprema di Wellington ha appena confermato la legalità del raid che ha portato al sequestro di 135 dispositivi, tra macchine e supporti di archiviazione, dall'abitazione di Dotcom e del tecnico informatico Bram van der Kolk. Dotcom aveva già contestato l'operazione, a suo dire fondata su mandati troppo generici: se in prima istanza le autorità neozelandesi avevano dato ragione al fondatore di Megaupload, ritenendo che il mandato non fosse supportato da accuse circostanziate, la corte d'appello che aveva riesaminato il caso aveva ribaltato la decisione, ammettendo a favore di Dotcom solo la presenza di trascurabili vizi formali.

La Corte Suprema si è trovata d'accordo con il tribunale d'appello e ha respinto la richiesta di Dotcom: "nonostante i mandati di perquisizione fossero manchevoli nella descrizione delle accuse da cui erano motivati - così recita la decisione del tribunale - queste mancanze non sono risultate in alcuna errata amministrazione della giustizia nei confronti del ricorrente".
A favore di Dotcom resta però l'orientamento riguardo ai dati oggetto del sequestro, che non avrebbero dovuto essere stati copiati e consegnati alle autorità statunitensi: gli verranno restituiti, in cambio delle password per farvi accesso.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, Dotcom riavrà i datiLe informazioni contenute sui computer e sugli hard disk sequestrati al fondatore di Megaupload saranno restituiti. In cambio, Dotcom dovrà fornire alla polizia neozelandese le password per potervi accedere
  • AttualitàMegaupload, il sequestro è legale Ma le autorità neozelandesi non avevano il permesso di copiare ed inviare i dati rastrellati in casa di Kim Dotcom alla controparte statunitense
  • AttualitàMegaupload, il sequestro non era validoL'Alta Corte neozelandese stabilisce che il mandato di perquisizione ordinato dai federali statunitensi è stato troppo generico e privo di accuse specifiche. Illecito anche il trasferimento degli hard drive appartenenti al boss Dotcom
67 Commenti alla Notizia Megaupload, il raid era legale
Ordina
  • Attenzione scarriconi, la giustizia ha stabilito che:

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Come la mettiamo adesso? Indiavolato
    non+autenticato
  • ... le pressioni dello zio Sam sulla giustizia di casa altrui ha fatto di nuovo il suo sporco lavoro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: M.R.
    > ... le pressioni dello zio Sam sulla giustizia di
    > casa altrui ha fatto di nuovo il suo sporco
    > lavoro.

    Mi pare che la feccenda degli elicotteri fosse già piuttosto evidente: volevano e vogliono fare un caso spettacolare esemplare da punire con la peggior pena possibile e che faccia da monito agli altri imprenditori del WEB non USA (mentre youtube che prende una denuncia al giorno, ovviamente non lo sfiorano neppure).
    non+autenticato
  • Ma, in attesa di decidere della sua estradizione, la giustizia sembra essergli avversa.

    sarebbe bene non mischiare la parola giustizia in questa sporca faccenda, se si dovesse parlare di giustizia alla sbarra dovrebbe esserci il governo americano e quello neozelandese
    non+autenticato
  • > Ma, in attesa di decidere della sua estradizione,
    > la giustizia sembra essergli
    > avversa.

    Trovi? Kim Dotcom è a piede libero, gli sono stati sbloccati i beni personali inizialmente sequestrati dalle autorità, un mese fa ha rischiato di essere di nuovo privato della libertà ma il tribunale lo ha scagionato. Io non riscontro questa persecuzione.


    > sarebbe bene non mischiare la parola giustizia in
    > questa sporca faccenda

    La parola giustizia ha due significati:

    1) Virtù eminentemente sociale che consiste nella volontà di riconoscere e rispettare i diritti altrui attribuendo a ciascuno ciò che gli è dovuto secondo la ragione e la legge: uomo di grande g.; giudicare, premiare, punire, governare con g.; trattare tutti con g.;

    2) Il potere di realizzare il diritto con provvedimenti aventi forza esecutiva, e l’esercizio di questo potere: amministrare la g.; ministero della G.; Palazzo di G.; lasciare libero corso alla g.; intralciare la g.; asservire, vendere, prostituire la g.; g. civile, g. penale; g. amministrativa; g. militare .

    Indovina a quale delle due accezioni si riferisce l'articolo?


    > se si dovesse parlare di giustizia alla sbarra
    > dovrebbe esserci il governo americano e quello neozelandese

    E quello tedesco no? Così facciamo un po' per uno.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Io non
    > riscontro questa
    > persecuzione.

    Io invece riscontro questa persecuzione.
    1-1 palla al centro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio

    > E quello tedesco no?

    Esiste un obbligo di citare il govenro tedesco? E chi l'ha stabilito?
    non+autenticato
  • > > E quello tedesco no?
    >
    > Esiste un obbligo di citare il govenro tedesco? E
    > chi l'ha
    > stabilito?

    Ma quale obbligo, ma quale statuizione, io facevo una domanda.
    E l'allusione della domanda, che evidentemente ti sfugge, è che Kim Dotcom è già stato condannato con sentenza definitiva in Germania, e non una, ma due volte :

    http://www.ibtimes.co.uk/who-kim-dotcom-timeline-h...

    Perché dovrebbero essere cattive solo la giustizia Usa e Neozelandese, che ancora non l'hanno processato?
  • - Scritto da: Leguleio


    > E l'allusione della domanda, che evidentemente ti
    > sfugge, è che Kim Dotcom è già stato condannato
    > con sentenza definitiva in Germania, e non una,
    > ma due volte

    E cosa c'entra con i casi attuali?
    chi l'ha stabilito il legame? tu?


    > Perché dovrebbero essere cattive solo la
    > giustizia Usa e Neozelandese, che ancora non
    > l'hanno
    > processato?

    perchè hanno fatto in accordo un raid di tipo militare in modo palesemente non proporzionale al tipo di reato contestato.
    non+autenticato
  • > > E l'allusione della domanda, che
    > evidentemente
    > ti
    > > sfugge, è che Kim Dotcom è già stato
    > condannato
    > > con sentenza definitiva in Germania, e non
    > una,
    > > ma due volte
    >
    > E cosa c'entra con i casi attuali?


    Kim Dotcom ha compiuto quest'anno 40 anni, i reati che ha commesso risalgono agli anni Novanta, non all'epoca anteguerra.
    Davvero credi che tutti siano innocentisti a oltranza verso una persona che è già stata condannata due volte, e di recente?
    La gente non ragiona così, piaccia o no. E molto spesso neppure i giudici. È meglio saperlo prima, che dopo.



    > chi l'ha stabilito il legame? tu?

    Fra poco mi farai il terzo grado.A bocca aperta
  • - Scritto da: Leguleio

    > Kim Dotcom ha compiuto quest'anno 40 anni, i
    > reati che ha commesso risalgono agli anni
    > Novanta, non all'epoca anteguerra.

    e quindi?

    > Davvero credi che tutti siano innocentisti a
    > oltranza verso una persona che è già stata
    > condannata due volte, e di
    > recente?

    ah... ora si spiegano gli elicotteri per un reato di copyright.


    > Fra poco mi farai il terzo grado.A bocca aperta

    e chi l'ha stabilito questo? Come fai a dirlo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > ah... ora si spiegano gli elicotteri per un reato
    > di copyright.

    Non si spiegano. E non c'è nulla che leguleio possa dire per giustificarli legalmente. Ma almeno c'ha provato, di questo dopotutto, bisogna dargliene atto.
    non+autenticato
  • > > Kim Dotcom ha compiuto quest'anno 40 anni, i
    > > reati che ha commesso risalgono agli anni
    > > Novanta, non all'epoca anteguerra.
    >
    > e quindi?
    >
    > > Davvero credi che tutti siano innocentisti a
    > > oltranza verso una persona che è già stata
    > > condannata due volte, e di
    > > recente?
    >
    > ah... ora si spiegano gli elicotteri per un reato
    > di
    > copyright.

    Non c'entrano gli elicotteri.
    C'entra molto di più l'atteggiamento di troppi commentatori di PI, che scoprono solo con Kim Dotcom che la polizia può usare gli elicotteri e le squadre d'assalto come, quando e per il motivo che vuole. Da sempre.
    E non saranno i commenti di quattro urlatori da weblog a far cambiare la procedura. Adattarsi o perire (nel senso perire in uno scontro a fuoco con la polizia).


    > > Fra poco mi farai il terzo grado.A bocca aperta
    >
    > e chi l'ha stabilito questo? Come fai a dirlo?

    Il gioco dei perché è più divertente. Ad ogni affermazione, anche la più banale, si chiede sempre perché, e così all'infinito:

    https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20...

    Provalo, almeno spezzi un po' la monotonia.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Non c'entrano gli elicotteri.
    > C'entra molto di più l'atteggiamento di troppi
    > commentatori di PI, che scoprono solo con Kim
    > Dotcom che la polizia può usare gli elicotteri e
    > le squadre d'assalto come, quando e per il motivo
    > che vuole.

    No, la polizia è sempre e comunque tenuta al rispetto della persona e della sua dignità. Ed essere aggrediti da uno stormo di elicotteri, cani e squadre d'assalto -quando tutto questo non è assolutamente necessario- è semplice abuso di potere e di mezzi. Inutile tentare d'infarcirlo in altro modo.
    non+autenticato