Claudio Tamburrino

App Store: prezzi più alti, record per gli sviluppatori

Cupertino snocciola i numeri del successo del proprio store di applicazioni. L'aggiustamento dell'IVA su diversi mercati non rappresenta un problema per la Mela: i prezzi delle app in Europa si alzeranno di conseguenza

Roma - Apple ha annunciato un nuovo record di vendite per App Store: solo nella prima settimana di gennaio i clienti di tutto il mondo hanno speso circa mezzo miliardo di dollari in app e acquisti in app e il primo giorno del 2015 è stato il giorno di maggiore attività di sempre nella sua storia.

I numeri seguono quelli già straordinari segnati nel 2014, con un fatturato cresciuto del 50 per cento e le app che hanno superato gli 1,4 miliardi, in grado di generare più di 10 miliardi di dollari per gli sviluppatori, grazie anche al lancio di iOS 8 che ha aperto a nuove possibilità. Secondo quanto riferisce Cupertino complessivamente gli sviluppatori ad oggi hanno guadagnato un totale di 25 miliardi di dollari, oltre 8 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti.
Tutto questo, sottolinea ancora Cupertino, ha contribuito non poco all'economia a stelle e strisce: ha creato più di un milione di posti di lavoro (66mila dei quali impiegati direttamente da Apple).

Apple ha poi sottolineato come lo sviluppo di nuovi strumenti, ed in particolare di Apple Pay, apra nuove possibilità e dunque nuovi mercati ai sviluppatori che scelgono di lavorare con la sua piattaforma: altrettanto importante è stata così l'introduzione del nuovo linguaggio di programmazione Swift e della piattaforma per integrare gli smart device con gli elettrodomestici e la domotica in generale.
Sulla strada di un altro anno da record per Apple vi è tuttavia la questione tasse: Cupertino sia in Europa che in Canada ha alzato il prezzo delle app iOS. La motivazione di questo sensibile aggiustamento dei prezzi è da ricercare nella modifica del regime fiscale europeo e nell'aumento dell'IVA registrato nei paesi interessati, che comporterà anche un aumento della discrepanza rispetto ai prezzi negli Stati Uniti, dove la tassazione più favorevole risulta in un prezzo inferiore agli utenti.

Per le stesse ragioni cambierà il sistema di fatturazione in Russia e si abbasseranno invece i prezzi in Islanda: Apple, d'altronde, si è da sempre dimostrata sensibile alle fluttuazioni della finanzia internazionale, come ha per esempio dimostrato in seguito alle oscillazioni del Rublo.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàIl Rublo cala, Apple sospende le attivitàLe fluttuazioni della moneta sovrana costringono Cupertino a bloccare le vendite a Mosca e nel resto della Russia. Anche Valve costretta a prendere iniziative in merito per Steam
  • BusinessChe 2014 è stato per Apple?di D. Galimberti - Si chiude il primo triennio a guida Cook, e iniziano a maturare i frutti della sua gestione. Nel corso del 2015 per Tim ci sarà la disfatta o la consacrazione
10 Commenti alla Notizia App Store: prezzi più alti, record per gli sviluppatori
Ordina
  • Acquisto 99dollari che prima del 2015 mi costavano su x giù 75euro.adesso acquisto 99 dollari mi viene a costare 115euro.HO SEMPRE PIÙ VOGLIA DI PREPARARE LE VALIGIE E FUGGIRE DALL EUROPA!!
    non+autenticato
  • Normalmente nel mondo delle persone normali, quando i prezzi aumentano non è che la gente normale sia tanto contenta.

    Nel misterioso mondo di Apple, invece, quando devono pagare di più sono tutti contenti.
    Oppure è perché gli utenti Apple sono tutti sviluppatori. Ma allora a chi vendono le loro app? Se le vendono tra di loro?Con la lingua fuori
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > Normalmente nel mondo delle persone normali,
    > quando i prezzi aumentano non è che la gente
    > normale sia tanto
    > contenta.
    >
    > Nel misterioso mondo di Apple, invece, quando
    > devono pagare di più sono tutti
    > contenti.

    Dove l'hai letta questa?

    In realtà, adesso, seriamente voglio spiegarti una cosa poco nota di questo mondo.
    La questione sta nel fatto che la grana dura non si fa sui vari giochini sport / solitari / rpgsimila e cose del genere.
    La grana dura si fanno con i giochini slot/casino dove effettivamente passano capitali ingenti e dove Apple letteralmente domina.

    Vediamo prima perché domina:
    1. domina per una questione di sicurezza e stabilità della piattaforma, gli sviluppatori, ma sopratutto i loro committenti sono più sicuri nelle transazioni, sono più sicuri del fatto che app "zanza" circolano poco o niente, quindi si i loro caveaut sono più "parati" rispetto a piattaforme concorrenti.

    2. domina per una questione di immagine. E' innegabile che un casino on-line (e quelli grossi sul serio annegano le loro radici nel business reale tramite società riconducibili a Las Vegas) accostano la loro immagine alla piattaforma che ha più appeal e che sopratutto ha un'altissima percentuale di gente "danarosa" che può spendere.
    Ricordo benissimo una gara di appalto a riguardo di un gioco che tutt'ora è pubblicizzato nei vari media dove è stato chiaro per tutti i "concorrenti" che la piattaforma di riferimento era, è e sarà iOS. La versione Android, WP era a latere e nemmeno valutata nella prototipazione ma vista solo come un eventuale add-on.

    Ora vediamo la questione dei rincari.
    Diciamo fin da subito che si, i rincari danno fastidio a tutti. Però, guardiamo visto il suddetto chi colpisce. Colpisce i suddetti giocatori, ma sopratutto, le suddette aziende che fanno dei paradisi fiscali e dell'incontrollabilità dei movimenti il loro pane. Quindi, si, è giusto "pestare" fiscalmente la cosa.

    Io, personalmente, lo avrei fatto anche prima.
    maxsix
    10111
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: Funz
    > > Normalmente nel mondo delle persone normali,
    > > quando i prezzi aumentano non è che la gente
    > > normale sia tanto
    > > contenta.
    > >
    > > Nel misterioso mondo di Apple, invece, quando
    > > devono pagare di più sono tutti
    > > contenti.
    >
    > Dove l'hai letta questa?

    l'articolo, l'hai letto?
    No che non l'hai letto, altrimenti ti saresti accorto del tono trionfale per Apple e per gli sviluppatori.

    Che me ne sbatte a me degli introiti di Apple e degli sviluppatori?
    Un ca**o!
    A me interessa che i prodotti costino di meno, non di più!
    Comprì?Con la lingua fuori

    > In realtà, adesso, seriamente voglio spiegarti
    > una cosa poco nota di questo
    > mondo.

    sentiamo la solita sbrodolata

    > La questione sta nel fatto che la grana dura non
    > si fa sui vari giochini sport / solitari /
    > rpgsimila e cose del
    > genere.

    e a me che me ne cale?

    > La grana dura si fanno con i giochini slot/casino
    > dove effettivamente passano capitali ingenti e
    > dove Apple letteralmente
    > domina.

    interessante (anche no), ma non mi riguarda visto che non sono interessato al genere.

    > Vediamo prima perché domina:
    > 1. domina per una questione di sicurezza e
    > stabilità della piattaforma, gli sviluppatori, ma
    > sopratutto i loro committenti sono più sicuri
    > nelle transazioni, sono più sicuri del fatto che
    > app "zanza" circolano poco o niente, quindi si i
    > loro caveaut sono più "parati" rispetto a
    > piattaforme
    > concorrenti.

    buon per loro.

    > 2. domina per una questione di immagine. E'
    > innegabile che un casino on-line (e quelli grossi
    > sul serio annegano le loro radici nel business
    > reale tramite società riconducibili a Las Vegas)
    > accostano la loro immagine alla piattaforma che
    > ha più appeal e che sopratutto ha un'altissima
    > percentuale di gente "danarosa" che può
    > spendere.

    ecco, al solito.
    voi usate una piattaforma perché ha funzionalità interessanti, o perché volete fare l'"immagine" di quelli danarosi, quelli contenti di spendere in minc*ate per far vedere che c'hanno i soldi?
    Ogni volta mi confermate che fate parte della seconda categoria...

    > Ora vediamo la questione dei rincari.
    > Diciamo fin da subito che si, i rincari danno
    > fastidio a tutti. Però, guardiamo visto il
    > suddetto chi colpisce. Colpisce i suddetti
    > giocatori, ma sopratutto, le suddette aziende che
    > fanno dei paradisi fiscali e
    > dell'incontrollabilità dei movimenti il loro
    > pane. Quindi, si, è giusto "pestare" fiscalmente
    > la cosa.
    >
    >
    > Io, personalmente, lo avrei fatto anche prima.

    buon per voi. Io ho altri motivi per tenermi ben alla larga da Apple, dai suoi stores, dalle sue app, dai suoi sviluppatori e dai suoi utenti.
    Funz
    13017
  • è sindrome di stoccolma
    non+autenticato
  • Al pari dell'altro grande store mobile (Google Play) si glissa sulla categoria di prodotti che da sola genere oltre il 90% di questi proventi: acquisti in-app nei giochi. E per di più oltre l'80% finisce a poco più di una decina di soggetti.

    Ciò non sminuisce i numeri in assoluto, intendiamoci. E' solo per metterli nella giusta prospettiva.
  • - Scritto da: bradipao
    > Al pari dell'altro grande store mobile (Google
    > Play) si glissa sulla categoria di prodotti che
    > da sola genere oltre il 90% di questi proventi:
    > acquisti in-app nei giochi. E per di più oltre
    > l'80% finisce a poco più di una decina di
    > soggetti.
    >

    Addirittura? Una percentuale così alta?
    Ok, so che è un mercato rilevante, ma non avrei pensato arrivasse nemmeno alla metà del fatturato totale.

    > Ciò non sminuisce i numeri in assoluto,
    > intendiamoci. E' solo per metterli nella giusta
    > prospettiva.
    Izio01
    4466
  • Siamo sulla cinquantina secondo questo studio :
    http://www.forbes.com/sites/ewanspence/2014/07/08/.../
  • - Scritto da: Brainless
    > Siamo sulla cinquantina secondo questo studio :
    > http://www.forbes.com/sites/ewanspence/2014/07/08/

    Nell'articolo (letto rapidamente lo ammetto) dice: 84.9% of the 700 top grossing apps were games, and 81% of the top grossing apps originate from just fifty companies.

    Sostanzialmente ci siamo.
  • - Scritto da: bradipao
    > Al pari dell'altro grande store mobile (Google
    > Play) si glissa sulla categoria di prodotti che
    > da sola genere oltre il 90% di questi proventi:
    > acquisti in-app nei giochi. E per di più oltre
    > l'80% finisce a poco più di una decina di
    > soggetti.
    >
    > Ciò non sminuisce i numeri in assoluto,
    > intendiamoci. E' solo per metterli nella giusta
    > prospettiva.

    Concordo.

    La questione è molto semplice, e Apple l'ha capita bene.
    I soldoni si fanno con i giochini per la sura maria.
    Ed essendo che la sura maria AMA i giochini e AMA poter raccontare su faccialibro et simila le sue performance magari migliorate e arricchite da qualche power up tutto gira a meraviglia.

    Ed effettivamente Apple con iOS è la miglior piattaforma esistente in questo frangente, più titoli, più scelta, più controllo da parte di Apple nei casi di inculazio manifesta.

    Ed ecco svelato il motivo per cui è stato creato Swift e le librerie Metal, hanno ascoltato gli sviluppatori "di peso" e hanno creato un linguaggio di programmazione molto orientato a questo.

    Effettivamente usandolo ci si accorge nettamente di quanto abbiano spinto su questo versante (tralasciando altre cose che sono ad oggi ancora impossibili da realizzare con swift).
    maxsix
    10111