Claudio Tamburrino

EFF si autoesclude da iOS

Gli attivisti che si battono per i diritti dei netizen si scontrano con Apple per i diritti sulla propria app: non intendono scendere a patti con la licenza che regola il contratto con gli sviluppatori

Roma - Electronic Frontier Foundation (EFF) ha lanciato una nuova app per consultare i propri contenuti e permettere ai suoi lettori e sostenitori di schierarsi più facilmente sul fronte dell'attivismo digitale attraverso i propri smartphone. Tuttavia potranno usufruirne solo gli utenti Android.

L'app, in pratica, funzionerà da megafono per le iniziative della fondazione impegnata nella difesa dei diritti online: attraverso un sistema di notifiche informerà gli utenti delle ultime notizie su tali argomenti e con un semplice tap permetterà di collegarsi al centro d'azione di EFF, attraverso cui i netizen possono far sentire la propria voce o esprimersi riguardo alle iniziative dell'organizzazione.

Tuttavia EFF non ha potuto far esordire la versione per iOS dell'applicazione perché non intende accettare la licenza d'uso imposta da Apple agli sviluppatori terzi: in particolare EFF non può piegarsi alla richiesta di Cupertino di adottare un sistema di Digital Rights Management dei materiali in essa contenuti, che di fatto li rende di sua proprietà.
A non piacere ad EFF, inoltre, il fatto che con la licenza d'uso Apple obblighi gli sviluppatori terzi a non parlare delle licenze d'uso (anche se tale documento non è - in teoria - confidenziale), proibisca il reverse engineering anche nei casi espressamente consentiti dalla disciplina del fair use consolidatasi negli Stati Uniti (per esempio a fini di interoperabilità), e dichiari illegittime nonché tutte le operazioni che "permettono ad altri" il reverse engineering di iPhone OS o del suo software development kit (SDK).

Ma non basta: niente di nuovo sotto il sole, è nota l'intenzione ed il diritto di Apple di gestire il suo store digitale come un walled garden di cui tutte le chiavi sono nascoste a Cupertino, ma EFF attacca anche gli articoli della licenza d'uso che obbligano a distribuire i prodotti sviluppati tramite SDK solo su App Store, gli articoli che proibiscono il jailbreak e che concedono ad Apple il diritto di revisione finale sul prodotto e la possibilità di revocarne insindacabilmente la licenza in qualsiasi momento.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàCharlie Hebdo, tra sicurezza e libertàMentre i governi, Italia compresa, sono pronti a sacrificare la libertÓ di espressione in nome della lotta al terrorismo che soffoca proprio la libertÓ di espressione, gli hacktivisti annunciano di voler intervenire contro le organizzazioni criminali
  • AttualitàEFF si batte per riesumare i vecchi videogameGli attivisti chiedono un'eccezione alla legge sul copyright che sdogani il cracking dei titoli con autenticazione online ormai abbandonati. Giochi acquistati legalmente che scadono a comando del produttore
39 Commenti alla Notizia EFF si autoesclude da iOS
Ordina
  • Di fatto, tale app non servirebbe a molto, le stesse informazioni si potevano veicolare altrettanto bene con una pagina web.
    non+autenticato
  • Chi pubblica ebook tramite Amazon può scegliere di non usare il DRM.
    Ci mancherebbe, il libro è suo e la decisione sua di conseguenza.

    Leggo invece che sullo store di Apple sei obbligato ad usare il DRM anche se non vuoi!
    Non solo, le chiavi se le tiene cupertino!
    Che garanzia c'è a questo punto che l'app pubblicata sia LA STESSA che viene mandata dagli sviluppatori E NON una modificata con dentro l'ovetto di Pasquale?
    non+autenticato
  • Ma guarda che strano!

    Attivisti delle liberta' digitali sono in contrasto coi peggiori carcerieri.

    Hanno fatto bene a non piegarsi.
    Hanno fatto bene a far sapere al mondo la differenza che passa tra liberta' e schiavitu'.

    Tanto agli utenti apple della propria liberta' non puo' fregar di meno.
    Hanno pagato per farsela togliere e non meritano altro che la fredda gabbia in cui si sono fatti volontariamente rinchiudere.

    "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa!"
  • - Scritto da: panda rossa
    > Hanno fatto bene a non piegarsi.

    Bisogna anche riconoscere che l'utente medio Apple non si interessa minimamente di argomenti tecnici, per cui la perdita di audience è veramente limitata... al massimo gli sviluppatori.
  • Di solito sono daccordo con te ma in questo caso va detto che il metodo di cifratura permette un livello di sicurezza che su android è impensabile.
    Il che non mi pare poco visto il contenuto del telefonino è prezioso.
    Poi, se vogliamo dire che questa sicurezza (dimostrabilmente superiore) è in mano ad un privato e con un sistema non trasparente, allora sono daccordo.
    L'alternativa android però, in cui oltre che in mano ad un privato (che ne fa un uso ben peggiore) i nostri dati sono in mano a cani e porci dato che è un colabrodo, è nettamente peggio.
    In ogni caso, se uno non si preoccupa di rimanere un po' tagliato fuori dal mondo la miglior soluzione è ovviamente un dumbfone alla Calamari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: me medesimo
    > Di solito sono daccordo con te ma in questo caso
    > va detto che il metodo di cifratura permette un
    > livello di sicurezza che su android è
    > impensabile.
    > Il che non mi pare poco visto il contenuto del
    > telefonino è
    > prezioso.
    > Poi, se vogliamo dire che questa sicurezza
    > (dimostrabilmente superiore) è in mano ad un
    > privato e con un sistema non trasparente, allora
    > sono
    > daccordo.
    > L'alternativa android però, in cui oltre che in
    > mano ad un privato (che ne fa un uso ben
    > peggiore) i nostri dati sono in mano a cani e
    > porci dato che è un colabrodo, è nettamente
    > peggio.
    > In ogni caso, se uno non si preoccupa di rimanere
    > un po' tagliato fuori dal mondo la miglior
    > soluzione è ovviamente un dumbfone alla
    > Calamari.

    secondo me non ci hai capito un granché.
    non+autenticato
  • sono un tipo aperto, spiegami
    non+autenticato
  • - Scritto da: me medesimo
    > sono un tipo aperto, spiegami

    non basta essere aperti. Bisogna anche avere spirito critico e voglia di approfondire. Non vedo come potrei aiutarti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: me medesimo
    > sono un tipo aperto, spiegami

    > il metodo di cifratura permette un livello di
    > sicurezza che su android è impensabile"

    Tenuto conto del fatto che volendo puoi cifrare tutto il contenuto della memoria non volatile anche su Android, questa frase lascia il tempo che trova. Per dirla tutta, è una boiata markettara, si vede che tecnicamente hai competenza zero.

    > L'alternativa android però, in cui oltre che in mano ad un
    > privato (che ne fa un uso ben peggiore) i nostri dati sono
    > in mano a cani e porci dato che è un colabrodo, è
    > nettamente peggio."

    Questa è fuffa macaca della peggior specie. I tuoi dati con la mela sono in mano a un privato tale e quale, e NON HAI ALCUNA IDEA dell'uso che ne fa. Scegli di fidarti perché sei indottrinato.
    Buca il mio telefono, visto che è un colabrodo. Non avrai mica bisogno che io ti dica chi sono, no? Riesci a capirlo da solo, visto che uso un colabrodo.
    Izio01
    4465
  • ben detto ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: me medesimo
    > sono un tipo aperto, spiegami

    Il problema non è il "criptare", ma il "Digital Rights Management".

    Mettiamo che tu fai un app in cui metti tuoi brani di testo, tali brani verranno protetti dal DRM, i cui certificati sono in possesso di Apple (e che tu non hai). Se per qualche motivo vuole, può revocare i certificati da tutti i device in circolazione (suppongo basti si connettano allo store almeno una volta), e impedire l'accesso ai tuoi contenuti.

    EFF contesta il fatto che Apple detenga in modo "esclusivo" i certificati per accedere al contenuto di EFF.
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: me medesimo
    > > sono un tipo aperto, spiegami
    >
    > Il problema non è il "criptare", ma il "Digital
    > Rights
    > Management".
    >
    > Mettiamo che tu fai un app in cui metti tuoi
    > brani di testo, tali brani verranno protetti dal
    > DRM, i cui certificati sono in possesso di Apple
    > (e che tu non hai). Se per qualche motivo vuole,
    > può revocare i certificati da tutti i device in
    > circolazione (suppongo basti si connettano allo
    > store almeno una volta), e impedire l'accesso ai
    > tuoi
    > contenuti.
    >
    > EFF contesta il fatto che Apple detenga in modo
    > "esclusivo" i certificati per accedere al
    > contenuto di
    > EFF.

    You got it bro.

    E siamo sempre alle solite.

    Non capisco cosa ci sia da rompere tanto le balle visto che è così since 2007.
    Non ti piace il sistema?
    Guarda li fuori android cess che ti può dare enormi soddisfazioni. Ma anche WP (un po' meno), quindi EFF perché ti rode così tanto?

    Sarà mica per caso che si sono accorti che tutti quelli che hanno un po' di sale in zucca hanno un iphone e gli rodono gli zebedei non potergli far arrivare i contenuti come vogliono?

    Ehhhh si rosica alla grande nell'opensorcio.
    maxsix
    10109
  • - Scritto da: maxsix

    > Sarà mica per caso che si sono accorti che tutti
    > quelli che hanno un po' di sale in zucca hanno un
    > iphone

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Ossimoro! Non pensavo che tu fossi capace di scriverne uno.