Alfonso Maruccia

ENISA: pi¨ privacy per tutti, alla faccia di Cameron e degli USA

L'agenzia per la cyber-sicurezza europea spinge per l'integrazione di soluzioni volte a tutelare la privacy nelle tecnologie informatiche. Soluzioni che comprendono la crittografia, questione al centro di polemiche al di qua e al di lÓ dell'Atlantico

ENISA: pi¨ privacy per tutti, alla faccia di Cameron e degli USARoma - Dopo aver valutato i punti deboli degli attuali sistemi crittografici impiegati nelle comunicazioni digitali, ENISA (European Union Agency for Network and Information Security) ha ora rivolto la propria attenzione alla privacy e alla protezione dei dati, un ambito in cui il lavoro da fare è ancora molto.

I nuovi sistemi tecnologici dovrebbero essere realizzati a partire da principi "privacy-friendly", spiega ENISA, e gli ingegneri del software dovrebbero integrare la protezione dei dati a partire dal design dei loro progetti invece di ignorarli del tutto come fanno oggi. Tra gli sviluppatori c'è scarsa consapevolezza dell'importanza della privacy, e la mancanza di strumenti appositi non aiuta i meno coscienziosi a interessarsi alla questione: la comunità dei ricercatori è molto attivi, sostiene ENISA, ma all'atto pratico i risultati sono ancora abbastanza poveri.

La ricerca di un presunto equilibrio tra privacy e sicurezza non ha alcun senso, dice l'agenzia europea, perché entrambi gli obiettivi sono necessari e complementari. Considerazioni che si accompagnano a un vademecum sulle cose da fare per migliorare la situazione, e che sicuramente non piaceranno al primo ministro britannico David Cameron.
Cameron ha recentemente deciso di scendere in guerra contro le tecnologie crittografiche capaci di inibire l'intercettazione delle comunicazioni ai cyber-bobby di Sua Maestà, una posizione che è stata interpretata dai media come la volontà di mettere al bando tutte le tecnologie che fanno uso di protocolli crittografici, ambizione pressoché impossibile da mettere in pratica.

Il Prime Minister britannico si è spesso distinto per le posizioni radicali, roboanti e grossolane riguardo a tecnologia ed economia digitale, ma questo non gli impedisce di perseverare per la sua strada e di cercare il supporto della Casa Bianca per la sua crociata anti-crittografica vera o presunta, che sia.

Neanche a dirlo, al di là dell'Atlantico le posizioni pubbliche dell'intelligence sono ancora meno favorevoli all'uso diffuso delle tecnologie crittografiche. Ma documenti riservati messi ora a disposizione da Edward Snowden mostrano che lo US National Intelligence Council fin dal 2009 ritiene la cifratura la migliore arma di difesa da cracker di stato e cani sciolti.
Quando poi la NSA viene colta con le mani nella marmellata, cioè con una nota backdoor supportata ufficialmente nell'algoritmo Dual_EC_DRBG, allora il governo fa pubblica ammenda con solo qualche mese di ritardo sul fatto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaDatagate, tutti i buchi di RSANuovi studi accusano la societÓ di sicurezza di aver implementato non una ma due backdoor per la NSA nel proprio software crittografico. L'intelligence USA pu˛ far di tutto, e in Iraq ha il controllo totale delle comunicazioni
  • AttualitàCifratura, l'FBI richiama Apple e Google all'ordineIl direttore del Bureau si dice preoccupato per le ultime mosse delle corporation hi-tech in difesa della privacy degli utenti. Utenti che, a suo dire, potrebbero in tal modo ergersi al di sopra della legge
  • SicurezzaENISA fa il punto sulla crittografiaL'agenzia europea spinge per una maggiore sicurezza. La matematica alla base delle attuali tecnologie Ŕ buona, sono i protocolli che vanno male: la prossima generazione dovrÓ essere progettata con maggiore consapevolezza
  • AttualitàUK, il tecnocontrollo è una promessaIl Primo Ministro David Cameron non vede di buon occhio i sempre pi¨ numerosi servizi di comunicazione cifrata e accarezza l'idea di backdoor antiterrorismo. Nel nome della sicurezza nazionale i cittadini dovranno rinunciare a proteggersi?
11 Commenti alla Notizia ENISA: pi¨ privacy per tutti, alla faccia di Cameron e degli USA
Ordina
  • Forse non tutti sanno che gia' all epoca dell uccisione di Bin Laden erano stati trovati nastri porno...ebbene ESSI CONTENEVANO COMANDI STEGANOGRAFATI con i quali AlQuaeda comandava...basta quindi un piccolo pezzo di informazione da ognuna delle innumerevoli foto di uno di questi per -concatenandole con la giusta sequenza - ricostruire il comando nascosto...ebbene, pensate ai MILIONI di SNAPCHAT o SKYPE ecc che girano ogni giorno e avrete capito il problema...
    non+autenticato
  • - Scritto da: AlphaX
    > Forse non tutti sanno che gia' all epoca dell
    > uccisione di Bin Laden erano stati trovati nastri
    > porno...ebbene ESSI CONTENEVANO COMANDI
    > STEGANOGRAFATI con i quali AlQuaeda
    > comandava...basta quindi un piccolo pezzo di
    > informazione da ognuna delle innumerevoli foto di
    > uno di questi per -concatenandole con la giusta
    > sequenza - ricostruire il comando
    > nascosto...ebbene, pensate ai MILIONI di SNAPCHAT
    > o SKYPE ecc che girano ogni giorno e avrete
    > capito il
    > problema...

    Allora, facciamo finta che abbiamo capito il problema.

    La solunzione quale sarebbe?

    Se per caso e' chiudere internet, allora prendi pure il numeretto e mettiti in fila.
  • Quale problema?
    La Steganografia potrà sembrare un problema a qualcuno così come sempre a qualcuno sembra un problema la crittografia, peccato che per me invece non lo sia.
    Come qualunque mezzo può essere usato per fare cose giuste o sbagliate.
    Un coltello lo puoi usare per fare un arrosto o una carbonara o per tagliare la gola a una persona ma la eliminazione del coltello porta più verosimilmente alla anoressia più che alla estinzione degli omicidi.
    non+autenticato
  • Nessuno si ferma mai a pensare (corri, corri!) che i terroristi, oltre ad essere pochi e sembrare molti, hanno sempre comunicato via telefono con scrambler, via radio con scrambler e via posta con codice.
    E nessun governo aveva le chiavi di decrittazione, ma eventualmente se le procurava quando non riusciva per altri canali.
    Il terrorismo non si sconfigge facendo il suo gioco, cioè "costringere" i governi a reprimere le masse per sconfiggere letteralmente quattro gatti.
    Non si sconfigge enanche con l'intercettazione di una chat o di una mail, costringendo miliardi di persone (sempre per sconfiggere i quattro gatti) a privarsi della loro privacy.
    Forse i servizi segreti dovrebbero riesumare qualche loro pensionato, chiedendogli come facevano ai suoi tempi, e magari scoprire che spiavano solo quelli che andavano spiati, non gli altri miliardi di persone.
    ...o forse ci sono altri scopi dietro questo avanzare di repressione in repressione del cittadino un po' in tutto il mondo?
    non+autenticato
  • Osservando la storia, si vede che quando arrivava un periodo particolare tutta la società viene irresistibilmente attratta da ciò che accade in quel periodo.
    Anche adesso si sente questo processo, e niente potrà arrestarlo finché non sarà arrivato alla sua naturale conclusione, nel bene o nel male.
    Le masse sono composte da gente addormentata in un sonno verticale; non possono fare altro che seguire ciò che per loro si sta preparando, mentre discutono del loro orticello.
    Tutto qui.
    non+autenticato
  • praticamente illustri la scacchiera globale.
    (zombie vs robot)
    non+autenticato
  • I terroristi sono solo quattro gatti? Quelli dell'ISIS sono quattro gatti?
    Hai paura che spiandoti scoprano che hai l'amante?Sorride
    non+autenticato
  • Si forse neppure 4 direi solo 3 gatti.
    Nel territorio occupato dall'ISIS vivono (meglio vivevano) meno di 2 mlioni di persone che si sono ridotti a meno di un terzo (siamo ben oltre al milione e mezzo di profughi) dei rimanenti non certo tutti ansiosi di diventare "martiri" secondo te quanti sono quelli disposti a vivere di guerra 24 ore su 24 e 365 giorni su 365 all'anno?
    In qualunque posto di questo mondo chi è disposto a dedicare la propria esistenza all'inseguimento di ideali totalizzanti (giusti o sbagliati che siano) sono una sparuta minoranza.
    Le guerre le fanno sempre e solo le minoranze da qualunque parte siano è un dato storico oltre che attuale e vale per tutti i regimi prova a fare il rapporto tra esercito e popolazione e te ne rendi conto.
    Perchè vedi c'è un problema un AK47 costa (ovunque) diversi mesi di lavoro produttivo (o reddito che dir si voglia) in rapporto alla economia del luogo e oltre a questo costa enormemente mantenerci dietro una persona che lo usa e fa solo quello (che costa solo un botto e non produce nulla anzi distrugge valore).
    Capito ciccio?
    non+autenticato
  • Se ti piace pensare che i terroristi nel mondo sono solo 3 gatti continua pure a pensarlo. Non ho alcun interesse a farti cambiare idea, ci mancherebbe!
    non+autenticato
  • Non è che "mi piace pensarlo" i numeri sono numeri possiamo sempre riparlarne quando potrai dimostrare che sono percentuali diverse dai prefissi telefonici rispetto alla popolazione.
    non+autenticato
  • Non ce l'ho l'amante...
    E non devi convincere né convincerti di niente, altrimenti "credi" in qualcosa e questa è fede.
    Se non hai fede, allora puoi informarti e scoprire da te quello che anche Miao ha detto: chi fa le guerre sono delle minoranze e chi fa terrorismo sono tre o quattro gatti.
    Ma ciò che è ancora peggio è che chi architetta e decide entrambi, è sempre una o al massimo poche persone!
    La vita è fatta in forma di piramidi, con un vertice più o meno appuntito in cui si trovano i(l) decisori(e), una parte mediana più o meno ampia in cui si trovano gli esecutori e infine una base allargata dove ci sono le masse inerti, spinte e controllate dagli esecutori.
    Così era ed è adesso, in tutto il mondo.
    Nessuna convinzione: storia, antropologia, psicologia, ragionamento.
    non+autenticato