Marco Calamari

Lampi di Cassandra/ IoT, la fine dell'inizio

di M. Calamari - La Internet delle Cose è iniziata con un coniglietto, e gli oggetti connessi come conigli si sono moltiplicati. Domani verranno spenti i server dei Karotz, e nessuno ne erediterà il codice

Lampi di Cassandra/ IoT, la fine dell'inizioRoma - Ebbene sì, di nuovo una storia sui conigli. In queste pagine se ne è parlato molte volte, e questa non sarà certo l'ultima: dovrebbe valerne la pena ed i 24 indefettibili lettori lo decideranno. Cassandra fa risalire la nascita dell'IoT (Internet of Things), l'Internet delle Cose, al 1 giugno 2005, inizio delle vendite del primo modello di Nabaztag, un oggetto buffo ed empatico a forma di coniglio controllabile e programmabile sia manualmente che attraverso internet.
Essendo un oggetto prima che un computer, veniva capito ed apprezzato al primo sguardo anche da chi non avrebbe toccato un computer nemmeno con un bastone.

Il successo iniziale del Nabaztag, seguito alla fine del 2006 da un nuovo e diffusissimo modello perfezionato, il Nabaztag:tag, non salva Violet, l'azienda che lo aveva creato, dai suoi errori di marketing fatti anche di altri prodotti invendibili.
Prima della bancarotta l'azienda viene acquisita da Mindscape, che prima immette sul mercato un modello ancor più avanzato, Karotz, e poi con una decisione scioccante stacca la spina ai server che animavano i "vecchi" Nabaztag, creando cosi centomila piccoli orfani.

Per fortuna in qualche modo i sorgenti del server vengono resi pubblici e vari gruppi di appassionati, come gli italiani di Forum-Nabaztag, creano server amatoriali ma perfettamente funzionanti che risuscitano i piccoli orfani.
Ma Mindscape non sfugge dallo stesso destino di Violet, ed anche lei sull'orlo della bancarotta viene acquisita da Aldebaran Robotics, azienda specializzata in robot giocattolo ed amatoriali, che vende ad esaurimento le scorte di Karotz senza sviluppare il prodotto, malgrado esso avesse incorporati e ben visibili evidenti agganci per accessori ed estensioni. Infine, con un annuncio scioccante del suo CEO (apprezzabile solo per la sua chiarezza) comunica lo spegnimento dei server dei Karotz per il 18 febbraio 2015. Sì, domani!

Il CEO di Aldebaran Robotics non è evidentemente superstizioso, non ritiene di commettere gli stessi errori che hanno portato le due aziende precedenti alla bancarotta (far scappare i clienti non è mai stata una buona strategia commerciale). Infatti, per buona misura, ha anche tenuto a precisare, tramite l'apposita ed ormai irraggiungibile (dal sito Aldebaran) FAQ sul tema, che il software dei server, benché ormai inutile per l'azienda, non verrà comunque reso pubblicamente disponibile a causa di non meglio precisati "costi" che l'azienda dovrebbe sostenere.

Karotz

Chi volesse più particolari sulla storia può contare, come sempre su Wikipedia, sia con la voce italiana che con quella, molto più ricca, inglese.

La storia finisce qui: forse anche i coniglietti Karotz rialzeranno la testa, o forse tra 20-30 anni prenderanno il posto dei missili a fionda della Quercetti nei negozi di vintage tecnologico.

Non finisce qui la storia dell'Internet delle Cose, la cui popolazione hai continuato a crescere con ritmi, non a caso, da conigli.
Non si tratta però di oggetti fatti per piacere e per diletto, belli proprio per la loro fatuità, inessenziali e memorabili come lo zucchero filato.

Un malintenzionato avrebbe già potuto usare un Nabaztag per ascoltare e vedere cosa faceva il proprietario, ma Cassandra dubita che sia stato mai usato in questo modo. Ma nella sua semplicità e malgrado fosse stato pensato solo a fini ludici, avrebbe facilmente potuto essere piegato a certi scopi.

Dopo tanti anni, tanti CEO più astuti e con ancora meno scrupoli stanno riempiendo le nostre case e le nostre tasche di oggetti che fanno il possibile per rendere invisibile il loro essere permanentemente connessi ad Internet.
Dall'altra parte, per loro fortuna, hanno consumatori che non capiscono il significato profondo del fatto che dicendo "Hello Siri" al loro cellulare o "Accenditi" alla loro televisione, questi ti rispondano.

Ed ovviamente non ne capiscono nemmeno le inevitabili conseguenze.
Quindi onore a Rafi Haladjian e Olivier Mével, le cui creature ci hanno fatto sorridere così tante volte (e talvolta anche guadagnare qualche punto con le nostre signore e padrone).

Addio coniglietti: forse, tutto sommato, è meglio così.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari
L'archivio di Cassandra/ Scuola formazione e pensiero

fonte immagine
Notizie collegate
170 Commenti alla Notizia Lampi di Cassandra/ IoT, la fine dell'inizio
Ordina
  • Io sono in controtendenza. Per me era un grande prodotto con notevoli potenzialità. Oggi il settore dell'Internet of things lo dimostra... solo che quella volta non si parlava di IoT.

    Peccato, io vedrò se riesumare il mio primo o poi con un piccolo server interno. Per il momento resta un ottimo ricordo.

    F
    non+autenticato
  • In sostanza a nulla che fosse indispensabile era solo un gadget a cui il Cala si era affezionato (forse un peccatuccio di gioventù) ce ne ha parlato altre volte del "coniglio mannaro" che del resto era piaciuto a molti giornalisti e pubblicisti.
    Nessuno è perfetto.
    Neanche il Cala nonostante ce la metta tutta per capire dove va il mondo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sapevatelo
    > In sostanza a nulla che fosse indispensabile era
    > solo un gadget a cui il Cala si era affezionato
    > (forse un peccatuccio di gioventù) ce ne ha
    > parlato altre volte del "coniglio mannaro" che
    > del resto era piaciuto a molti giornalisti e
    > pubblicisti. Nessuno è perfetto.
    > Neanche il Cala nonostante ce la metta tutta per
    > capire dove va il mondo.

    A nulla che fosse indispensabile, e' vero.
    Come un quadro, una poesia, una canzone od altre inutilita' del genere ....
    non+autenticato
  • No il quadro e la poesia "continuano a funzionare" al coniglietto se gli stacchi il server invece....
    Che poi al Cala gli si "stringe il cuore" per lo zucchero filato a dirla tutta è solo un altro aspetto del marketing di "un certo tipo" che non smette di essere tale come quello "della nutella che ti dava la mamma" o le "nugatine" di Nanni Moretti.
    Forse "simpatiche" (come si fa ad avercela con lo zucchero filato e la nutella) ma non meno subdole se usate nel modo "giusto" e con le persone "giuste" il Cala è un tipo da "zucchero filato e nugatine" già questo fatto consente di "vendergli" (e vale per chiunque) certe cose.
    Fortunatamente poi il Cala con un colpo d'ali si rende conto (in fondo all'articolo) che forse il coniglietto e Siri sono parenti neanche troppo alla lontana.... (come le nugatine).
    non+autenticato
  • - Scritto da: eheheh
    > ma a cosa serviva?

    agli stessi scopi per cui servono tutti gli smartCosi: praticamente a nulla (per il 99.9% degli utenti clienti), se non a buttare soldi e farsi spiare...
    non+autenticato
  • http://www.amazon.it/Quercetti-Q3125-3125-Missile-...

    Ed esistono ancora gli ingranaggi e i chiodini della quercetti che sto regalando a tutti con grandi soddisfazioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > http://www.amazon.it/Quercetti-Q3125-3125-Missile-
    >
    > Ed esistono ancora gli ingranaggi e i chiodini
    > della quercetti che sto regalando a tutti con
    > grandi soddisfazioni.

    LEGO a carrettate !!!
    Altro che !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > http://www.amazon.it/Quercetti-Q3125-3125-Missile-
    > Ed esistono ancora gli ingranaggi e i chiodini
    > della quercetti che sto regalando a tutti con
    > grandi soddisfazioni.

    Meglio che ti informi tu, quel Tor non gli somiglia neanche a quello originale, come la 500 di allora al suv 500 di adesso
    non+autenticato
  • i piazzisti dicono che :
    Why stopping the server?

    We do not produce Karotz anymore and we've been out of stock for about 2 years now. Since less than 10% of the rabbits are still being used today, we've decided to stop server maintenance.


    se e' vero, qualche ragione possono anche averla. INGIUSTIFICABILE invece il non rilasciare codice e specs per fare un server open..
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > se e' vero, qualche ragione possono anche averla.
    > INGIUSTIFICABILE invece il non rilasciare codice
    > e specs per fare un server
    > open..

    Questo è il solito discorso di dare qualcosa in cambio di denaro, ma sono loro a decidere sino a quando utilizzarlo. Ho scritto "dare qualcosa in cambio di denaro" e non "vendere qualcosa" perchè nella vendita c'è un passaggio di proprietà ed è l'acquirente a decidere cosa farne e sino a quando utilizzare l'oggetto.
    Comunque bene gli sta a chi l'ha comprato anche se credo non impararerà nulla da questo, in quanto imparare dalle esperienze passate riguarda solo i sistemi intelligenti.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > - Scritto da: bubba
    >
    > > se e' vero, qualche ragione possono anche
    > averla.
    > > INGIUSTIFICABILE invece il non rilasciare
    > codice
    > > e specs per fare un server
    > > open..
    >
    > Questo è il solito discorso di dare qualcosa in
    > cambio di denaro, ma sono loro a decidere sino a
    > quando utilizzarlo.
    gia'....

    > Comunque bene gli sta a chi l'ha comprato anche
    > se credo non impararerà nulla da questo, in
    > quanto imparare dalle esperienze passate riguarda
    > solo i sistemi intelligenti.
    >A bocca aperta
    questo ormai mi convince sempre meno... quando c'era POCA roba era un conto... ora e' tutto un grande SaaS e uno deve pararsi il culo per ogni cosa? diventa faticosissimo sino all'impossibile
    non+autenticato
  • Non è impossibile, è facilissimo. Il mio default è NO. Poi vediamo un passo alla volta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Non è impossibile, è facilissimo. Il mio default
    > è NO. Poi vediamo un passo alla
    > volta.
    http://securelist.com/analysis/publications/66207/.../
    non+autenticato
  • E' l'articolo relativo ad uno che dice di essere un paranoico della sicurezza e poi usa la smart TV, molto probabilmente l'avrà anche pagata ... tu come lo chiameresti ? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > E' l'articolo relativo ad uno che dice di essere
    > un paranoico della sicurezza e poi usa la smart
    > TV, molto probabilmente l'avrà anche pagata ...
    > tu come lo chiameresti ?
    >A bocca aperta
    lo chiamerei "l'inevitabile"... se tieni linux desktop, un nokia 3310 e un router con openwrt forse forse da qualcosa ti salvi... tutto il resto e' sempre un maggior, continuato, reiterato (ab)uso di ads, polling, spam, cloud e quindi profilazione ecc ecc.
    non+autenticato
  • > se e' vero, qualche ragione possono anche averla.
    > INGIUSTIFICABILE invece il non rilasciare codice
    > e specs per fare un server
    > open..

    Premsso che capisco il tuo post e lo approvo, non so come sia Karotz ma il codice sorgente in certi casi è abbastanza irrilevante.

    Per il Nabaztag è stato sufficiente sniffare il traffico per capire le sequenze di attivazione delle varie luci e dei servocomandi e poi emularli.

    In fondo è un meccanismo semplice telecontrollato da Internet (Nabaztag usa addirittura un PIC) se lo tratti come una black box, fai reverse engineering nel giro di un giorno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luppolo
    > > se e' vero, qualche ragione possono anche
    > averla.
    > > INGIUSTIFICABILE invece il non rilasciare codice
    > > e specs per fare un server
    > > open..
    >
    > Premsso che capisco il tuo post e lo approvo, non
    > so come sia Karotz ma il codice sorgente in certi
    > casi è abbastanza
    > irrilevante.
    >
    > Per il Nabaztag è stato sufficiente sniffare il
    > traffico per capire le sequenze di attivazione
    > delle varie luci e dei servocomandi e poi
    > emularli.
    si ovvio, ma se i sorci ci sono e' meglio. non sapendo come sia il karotz magari ti fa perdere settimane il reverse, e poi altrettante per codare la bestiola. Per essere piu' precisi avrei potuto mettere "codice E/O specs". Se mi dai delle buone specs, posso anche ignorare i sorci.
    non+autenticato
  • Meglio un buono standard che delle buone specs con uno standard il lavoro potresti farlo una volta per tutte (conigli polli tacchini ecc...)
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Beffardo
    > Meglio un buono standard che delle buone specs
    > con uno standard il lavoro potresti farlo una
    > volta per tutte (conigli polli tacchini
    > ecc...)
    > A bocca aperta
    nel caso di specie allora sarebbe adatto il IPoAC ( IP over Avian Carriers )Con la lingua fuoriA bocca aperta

    .. cmq con 'buone specs' intendevo documentazione non omissiva
    non+autenticato
  • Guardando questi giocattoli mi hanno fatto ricordare l'infanzia (metà anni 70) quando alla fine dei giornalini c'erano i coupon per l'acquisto delle scimmie di mare, gli occhiali a raggi X per vedere attraverso i vestiti, la penna microscopio/telescopio delle spie e amenità varie.
    Un tempo erano chiamati semplicemente giocattoli. Oggi al marketing fortemente agevolato da una abissale ignoranza delle persone è sufficiente prendere un giocattolo attaccarci sopra una etichetta "tecnologica" e tutti (eccetto che in questo caso) si mettono in coda con il sorriso stampato in faccia per l'acquisto del giocattolino.
    Non per ultimo i "modellini telecomandati" che da un pò di tempo non si chiamano più così, ma vengono chiamati droni...
    Questi coniglietti sono giocattoli che sono nati e usciti fuori produzione più o meno velocemente come tanti altri, niente di più.
    La IOT o la iDIOT che sarà è nata morta (almeno lo spero): le persone normodotate non hanno alcuna voglia di discutere con un frigorifero che si ostina a volere ordinare un prodotto scaduto che non interessa più e che per poi configurarlo opportunamente devono perdere addirittura minuti preziosi della propria vita (che utilizzati anche solo per ruttare sono spesi meglio). L'elettronica nella vita deve essere come il sale nella minestra, ne basta un pizzico, se ce n'è troppo allora si tratta di tecnocontrollo. Tutto ciò che è dotato di un microfono, un ricevitore acustico ed è collegato alla rete deve essere bandito dalle proprie case.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123

    > L'elettronica nella vita deve essere come il sale
    > nella minestra, ne basta un pizzico, se ce n'è
    > troppo allora si tratta di tecnocontrollo.

    E per chi "sì ma i terroristi?".
    Notizia di oggi, chi viene beccato dall'ISIS ad usare uno smartphone gli tagliano le mani e lo frustano.

    Hai voglia ad inserire le backdoor spione su sistemi che non verranno utilizzati dai terroristi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > E per chi "sì ma i terroristi?".
    > Notizia di oggi, chi viene beccato dall'ISIS ad
    > usare uno smartphone gli tagliano le mani e lo
    > frustano.
    >
    > Hai voglia ad inserire le backdoor spione su
    > sistemi che non verranno utilizzati dai
    > terroristi.

    In francia dei terroristi avevano nome, cognome fotografie e non hanno fatto nulla prima dell'attentato... sapere le cose dopo non ha alcun senso logico.
    Il tecnocontrollo non è finalizzato contro il terrorismo, di questa gente hanno già fotografie, nomi e cognomi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: prova123
    >
    > > L'elettronica nella vita deve essere come il
    > sale
    > > nella minestra, ne basta un pizzico, se ce
    > n'è
    > > troppo allora si tratta di tecnocontrollo.
    >
    > E per chi "sì ma i terroristi?".
    > Notizia di oggi, chi viene beccato dall'ISIS ad
    > usare uno smartphone gli tagliano le mani e lo
    > frustano.
    >
    Solo se NON è un iPhoneA bocca aperta
    non+autenticato
  • PS: è voluto il fatto di descrivere il coniglietto come tenero giocattolino e poi successivamente in modo graduale descriverlo come sistema di telecontrollo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)