Gaia Bottà

Soccorso alpino, tracciamento senza consenso

Il Garante Privacy dà il nulla osta a due sistemi di geolocalizzazione dei terminali mobile dei dispersi, così da favorire le operazioni di soccorso. La vita vale più di un mancato consenso

Roma - Senza la mediazione dell'operatore telefonico, senza che l'intestatario dell'abbonamento dia un consenso che sarebbe scontato: il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) potrà geolocalizzare i dispositivi mobile dei dispersi in aree montane o in qualsiasi altro ambiente ostile ed impervio nel tentativo di individuarli e salvaguardarne l'incolumità.

Il Garante Privacy ha dato il via libera all'adozione di due tecnologie per cui il Soccorso Alpino aveva chiesto consulto, tecnologie che possono risultare complementari a sistemi già attivabili dall'utente sul proprio smartphone, quali il servizio di tracciamento GeoResQ. L'una è basata sull'invio di SMS Flash (tipo 0) in grado di installare un'applicazione specifica e di configurare una stazione ricevente in grado di scambiare dati GPS con i soccorritori; l'altra prevede l'invio di SMS ping che avviino la trasmissione dei dati relativi alle stazioni radio base di qualsiasi operatore telefonico agganciate dal terminale alla centrale operativa del CSNAS, così da poter effettuare la triangolazione e determinare la posizione del dispositivo: quelle che a tutti gli effetti rappresentano soluzioni di tracciamento silente e non autorizzato sono state valutate dal Garante delle soluzioni adatte a far fronte alle situazioni di emergenza.

Gli unici paletti fissati dall'authority riguardano il trattamento e la conservazione dei dati raccolti: gli unici dati che potranno essere raccolti dal personale incaricato saranno quelli relativi alla posizione geografica del terminale dell'individuo in situazione di pericolo, e potranno essere utilizzati "soltanto per lo scopo di salvaguardare la vita o l'integrità fisica delle persone disperse o infortunate". Il tracciamento può avvenire solo a seguito della chiamata di soccorso al 118, al 115 o alle autorità di pubblica sicurezza e contestualmente all'attivazione delle ricerche da parte del CNSAS. La trasmissione dei dati, specifica il Garante, deve avvenire per il solo intervallo temporale in cui si svolgono le operazioni di soccorso e deve essere inibita una volta realizzato l'intervento.
Le tecnologie a cui il Garante Privacy ha fornito l'autorizzazione permetteranno probabilmente di sveltire le procedure di individuazione del soggetto disperso: nel 2008 era stato adottato un provvedimento che incoraggiava la geolocalizzazione del disperso con il supporto dell'operatore telefonico, ora è possibile scavalcare l'intermediazione del fornitore dei servizi, ottenendo direttamente dal terminale le informazioni relative alla posizione del disperso.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUE, sulle nuove auto scatterà eCallEntro ottobre 2015, tutte le nuove auto dovranno montare a bordo il sistema telematico per la gestione automatica delle chiamate di emergenza in caso di grave incidente stradale. Le proposte dell'Unione Europea
  • Attualità911 via SMSIl numero d'emergenza statunitense è pronto anche a richieste di soccorso che non giungano con una telefonata
  • AttualitàServe aiuto? Chiama il 112!In vista delle vacanze estive la Commissione Europea promuove l'utilizzo del numero in tutta l'Unione. Un solo punto di riferimento per le chiamate di tutti i cittadini in difficoltà. Quasi pronto
14 Commenti alla Notizia Soccorso alpino, tracciamento senza consenso
Ordina
  • Se sono disperso ed ho un iphone sono nei guai la sua autonomia e' assurdamente bassa: quando mi danno per disperso la batteria e' gia' bella che esaurita, oltre al fatto che in montagna il telefono si mette continuamente alla ricerca delle celle disponibili visto che la copertura il piu' delle volte funziona a singhiozzo, velocizzando di molto la scarica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Snorky
    > Se sono disperso ed ho un iphone sono nei guai

    Impossibile. Le due cose sono incompatibili.
    A meno che per "disperso" non intendi dire che ti sei perso all'interno di una SPA.
  • no, dico l'articolo... sembra tratto da Donna Moderna. Visto che questo e' p-informatico, sarebbe stato interessante un dettaglio tecnico un po' maggiore..... no?
    ok abbiamo gli sms flash (aka class 0).. un comune terminale puo' mandarli e nel ricevente invece di finire archiviati tra i ricevuti nella SIM o nel term, hanno la prerogativa di essere visualizzati subito e poi discarded (questo al netto di tweak o quirks a piu alto livello).
    Di per se pero' NON HANNO niente a che vedere col "in grado di installare un'applicazione specifica ecc..". Quindi? ... qui scatta tutt'un altra bestia legata al STK (gsm) o USAT (3g)... che rimane del tutto nebulosa (anche perche' con la miriade di term che ci sono....). Ma sara' cosi'? o l'app non c'entra?

    Poi abbiamo gli "sms stealth ping"... roba un po meno standard, dove un term manda l'sms e il ricevente non lo visualizza per nulla, ma il network risponde invece al sender, se/quando e' stato correttamente deliverato (una ricevuta praticamente). E quindi? anche qui il resto e' piuttosto fumoso... fara' uso di una call all'HLR, previamente autorizzata dalle telco (in teoria questo non fa ritornare le info sull snr delle bts vicine cosi' da triangolare, ma magari).. oppure cosa?

    Seguono altra dozzina di curiosita'/domandeCon la lingua fuoriSorride
    non+autenticato
  • Il provvedimento e' sensato, e quasi si stenta a credere che una PA iperburocratizzata come quella italica sia arrivata a concepire una simile trovata a costo zero.

    Tuttavia questo provvedimento implicitamente stabilisce che tecnicamente e' possibile rintracciare chiunque, dovunque e comunque.

    E se una cosa e' tecnicamente possibile, vuol dire che e' possibile e quindi c'e' qualcuno che lo fa.
  • Beh l'autorizzazione del Garante stabilisce in maniera piuttosto precisa quando il tracciamento può iniziare e quanto può durare. L'articolo non spiega invece cosa faranno dei dati di tracciamento una volta conclusa l'operazione di soccorso.
    Il pericolo più che altro è che vari "servizi" possano utilizzare questa funzionalità di tracciamento, ma temo purtroppo che già lo facciano senza aver bisogno della copertura del Soccorso Alpino.
  • - Scritto da: r1348
    > Beh l'autorizzazione del Garante stabilisce in
    > maniera piuttosto precisa quando il tracciamento
    > può iniziare e quanto può durare. L'articolo non
    > spiega invece cosa faranno dei dati di
    > tracciamento una volta conclusa l'operazione di
    > soccorso.
    > Il pericolo più che altro è che vari "servizi"
    > possano utilizzare questa funzionalità di
    > tracciamento, ma temo purtroppo che già lo
    > facciano senza aver bisogno della copertura del
    > Soccorso
    > Alpino.


    Infatti. E' proprio questa la questione.
    Se una cosa e' tecnicamente fattibile, viene fatta.
    Di nascosto.
    I risultati ottenuti non hanno valore legale.
    Ma viene fatta, viene tutto archiviato, e consultato da chi puo' farlo, e da chi paga per farlo.

    Inutile che facciano questa manfrina per dire che questo accesso alla geolocalizzazione viene fatto solo a partire da un certo giorno e solo per chi si e' perso in montagna.

    Dicano chiaramente che viene fatto sempre, ma che noi non dobbiamo saperlo, per il nostro bene e per la nostra sicurezza.
  • Se non devi saperlo, perchè dovrebbero dirtelo chiaramente?
    non+autenticato
  • Ma vai tranquillo, a chi vuoi che gliene fotta qualcosa di geolocalizzarti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Tuttavia questo provvedimento implicitamente
    > stabilisce che tecnicamente e' possibile
    > rintracciare chiunque, dovunque e
    > comunque.
    >
    > E se una cosa e' tecnicamente possibile, vuol
    > dire che e' possibile e quindi c'e' qualcuno che
    > lo
    > fa.


    chissenefrega, il modo per evitare il tracciamento esiste, quindi taci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: merdaro
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Tuttavia questo provvedimento implicitamente
    > > stabilisce che tecnicamente e' possibile
    > > rintracciare chiunque, dovunque e
    > > comunque.
    > >
    > > E se una cosa e' tecnicamente possibile, vuol
    > > dire che e' possibile e quindi c'e' qualcuno
    > che
    > > lo
    > > fa.
    >
    >
    > chissenefrega, il modo per evitare il
    > tracciamento esiste

    quale sarebbe (a parte rimuovere sim e/o batteria)?
    non+autenticato
  • Usa il telefonino di mio nonno, cosi sei bello contento
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo
    > Usa il telefonino di mio nonno, cosi sei bello
    > contento

    non cambia nulla, il tracciamento si fa anche in base alle celle gsm cui sei agganciato
    non+autenticato
  • - Scritto da: fgngfbdbg
    > - Scritto da: merdaro
    > > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > > Tuttavia questo provvedimento
    > implicitamente
    > > > stabilisce che tecnicamente e' possibile
    > > > rintracciare chiunque, dovunque e
    > > > comunque.
    > > >
    > > > E se una cosa e' tecnicamente possibile,
    > vuol
    > > > dire che e' possibile e quindi c'e'
    > qualcuno
    > > che
    > > > lo
    > > > fa.
    > >
    > >
    > > chissenefrega, il modo per evitare il
    > > tracciamento esiste
    >
    > quale sarebbe (a parte rimuovere sim e/o
    > batteria)?

    ti tracciano ANCHE se togli la sim. l'unica e' staccare la batteria.
    non+autenticato
  • > Tuttavia questo provvedimento implicitamente
    > stabilisce che tecnicamente e' possibile
    > rintracciare chiunque, dovunque e
    > comunque.

    Quello che sia tecnicamente possibile non lo stabilisce un garante od una legge ma la tecnologia. Il garante può solamente stabilire la *liceità* dell'utilizzo di una tecnologia relativamente a certi scopi.
    non+autenticato