Alfonso Maruccia

Yahoo contro le backdoor di NSA

Scambio di battute accese tra il management di Yahoo e il responsabile dell'intelligence USA: l'argomento Ŕ la richiesta delle agenzie federali di installare backdoor nel software e nei servizi telematici

Roma - A Yahoo non vanno a genio le richieste di intercettazioni "embedded" provenienti dalle autorità federali statunitensi, e i responsabili dell'azienda hanno espresso il loro scarso entusiasmo per il paventato obbligo di garantire l'intercettabilità delle comunicazioni cifrate direttamente al responsabile della National Security Agency, l'ammiraglio Mike Rogers.

Rogers ha dovuto fare i conti con le domande insinuanti di Alex Stamos, responsabile della sicurezza per Yahoo, e i due hanno battibeccato in occasione di una conferenza sul tema dello spionaggio digitale. Stamos ha domandato a Rogers se Yahoo debba acconsentire alle richieste di installare backdoor nei canali di comunicazione cifrata provenienti da paesi quali Arabia Saudita, Cina, Russia o anche Francia.

Il riferimento diretto è ovviamente alla richiesta dell'FBI di rendere intercettabili le comunicazioni degli utenti di gadget mobile, una pratica resa quasi impossibile dalla disponibilità di nuovi meccanismi crittografici abilitati di default sui sistemi più recenti.
A Rogers non è piaciuta la domanda di Stamos, e il botta e risposta e andato avanti per un po', tra il primo che sosteneva la legittimità di una backdoor "legale" e il secondo che parlava di inaccettabili decisioni "unilaterali" della NSA.

Il dibattito sul Datagate e lo spionaggio mondiale a opera dell'intelligence USA è più vivo che mai, e anche Edward Snowden vi prende parte con un AMA su Reddit: la talpa del tecnocontrollo, fresca di Oscar per il documentario Citizenfour, ha parlato del tempo a Mosca e del rimorso per non aver denunciato prima le pratiche antidemocratiche della NSA. Snowden, è emerso di recente, aveva preparato un manifesto contro il tecnocontrollo con tanto di petizione globale da mettere online nel caso in cui fosse finito nelle galere statunitensi agli inizio dello scandalo Datagate.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàCifratura, l'FBI richiama Apple e Google all'ordineIl direttore del Bureau si dice preoccupato per le ultime mosse delle corporation hi-tech in difesa della privacy degli utenti. Utenti che, a suo dire, potrebbero in tal modo ergersi al di sopra della legge
  • Digital LifeUno Snowden da OscarCitizenfour premiato come miglior documentario: Hollywood sembra prendere una posizione molto chiara sulla vicenda
  • SicurezzaMobile, NSA e GCHQ spiano il mondoLe intelligence del Datagate responsabili di una breccia in Gemalto, una delle principali aziende produttrici di SIM protette da crittografia. Miliardi di utenti mobile potenzialmente intercettati per anni, senza (quasi) possibilitÓ di difesa
22 Commenti alla Notizia Yahoo contro le backdoor di NSA
Ordina
  • avete presente il gioco del "poliziotto buono, poliziotto cattivo"?
    ecco, qui giocano al "farabutto farabutto, farabutto farabutto farabutto".
    non+autenticato
  • Ma se a yahoo non piacciono le backdoors per legge perché non sposta la sede in qualche Paese civile?


    La mia sensazione è che sia sempre pià evidente la vera attività della NSA: ormai se sei un'azienda devi criptare tutto, se sei l'ISIS puoi reclutare su internet senza preoccuparti di nulla.

    E allora i clienti business di yahoo cominciano a rumoreggiare per non dire emigrare.


    Perché è dura andarsere? Magari perché ci sono degli "incentivi" a lasciare tutto a portata di NSA.


    Insomma: da un lato il finanziamento governativo per tenere la sede nelle spyLands, dall'altro i clienti business che si lamentano o scappano.

    Nel mezzo il manager che cerca di salvare capre e cavoli (leggasi clienti e finanziamenti)
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > Ma se a yahoo non piacciono le backdoors per
    > legge perché non sposta la sede in qualche Paese
    > civile?

    Il problema è che se vendi i servizi negli USA vale sempre il Patriot Act. L'unica soluzione sarebbe di andare via dagli USA e non vendere i servizi negli USA ...
    non+autenticato
  • Potrebbe ad es. sdoppiarsi in due aziende separate:
    -"SPYahoo" con datacenter e sede in USA, per i soli clienti residenti nelle spyLands. Che tanto sono spiati in ogni caso

    -"Yahoo Freedom" con datacenter e sede in Europa, per i clienti residenti del mondo libero


    Si possono vendere servizi negli USA anche senza farsi spiare gli utenti residenti nel resto del mondo.
    non+autenticato
  • Vedi caro amico anche se ti chiami Mario Rossi e sei italianissimo se vendi servizi in USA ti tocca di sottostare allo stesso diktat cui sottostà yahoo.
    Mica ti fanno lo "sconto" se ti chiami Mario Rossi...
    non+autenticato
  • che vende i propri servizi negli USA: per il Patriot Act o mette le backdoor o chiude. L'unica cosa certa è che non è chiusa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > che vende i propri servizi negli USA: per il
    > Patriot Act o mette le backdoor o chiude. L'unica
    > cosa certa è che non è
    > chiusa.
    che backdoor avra' la fiat 500 made in FCA?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > che backdoor avra' la fiat 500 made in FCA?

    tu magari scherzavi, però io non darei per scontato che non ci infilino roba anche lì.
    non+autenticato
  • Potrebbe accadere che le macchine con navigatore integrato al power latch possano memorizzare la posizione GPS se disponibile, non è necessario che il navigatore sia acceso. Se poi hai in tasca uno smartphone/iphone potrebbe essere incrociato con la cella disponibile o meglio con il GPS se disponibile identificando tramite il telefono il guidatore ed il luogo dove ha fermato l'auto Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Potrebbe accadere che le macchine con navigatore
    > integrato al power latch possano memorizzare la
    > posizione GPS se disponibile, non è necessario
    > che il navigatore sia acceso.
    a me preoccupano di piu' le 'scatole nere' che ti propinano le assicurazioni gia' oggi... non sono obbligatorie, ma seduttive si (come molta altra roba che porta al tecnocontrollo)

    > Se poi hai in tasca
    > uno smartphone/iphone potrebbe essere incrociato
    > con la cella disponibile o meglio con il GPS se
    > disponibile identificando tramite il telefono il
    > guidatore ed il luogo dove ha fermato l'auto
    >Deluso
    e non viene gia' fatto? spesso volontariamente (g.maps in su)?
    non+autenticato
  • Hanno una informazione maggiore: la "tua" posizione legata all'autoveicolo da te utilizzato, quindi il tuo collegamento con il proprietario dell'auto che potresti non essere tu ... quindi una relazione tra te ed il proprietario dell'auto (che banalmente potresti essere tu stesso).
    non+autenticato
  • In questo discorso è racchiusa la debolezza di NSA & Co. ed il motivo per cui checchè ne dicano, i fatti remano contro. Quanti più dati accumuleranno raggiungeranno il primo obiettivo, ma allontaneranno il secondo!

    Essendo umani sono animati dalla speranza.A bocca aperta
    "La quintessenziale illusione umana è al tempo stesso la fonte della vostra massima forza e della vostra massima debolezza." (L'Architetto, Matrix Reloaded).

    Purtroppo adesso non posso continuare perchè ho la NSA che bussa alla porta e i Men in Black sul balcone, penso che siano venuti per farmi un'offerta che non potrò rifiutare!!!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > a me preoccupano di piu' le 'scatole nere' che ti
    > propinano le assicurazioni gia' oggi... non sono
    > obbligatorie, ma seduttive si (come molta altra
    > roba che porta al
    > tecnocontrollo)
    >

    A pensare male si fa peccato, ma si indovina: secondo me le scatole nere servono solo per aumentare i casi di concorso di colpa a vantaggio solo delle compagnie di assicurazione: ad esempio tu hai ragione ma andavi a 56 km/h ... paradossalmente se vieni tamponato ma tu procedi a 56 km/h comunque non rispetti il limite di velocitàOcchiolino ma se procedi a 30 km/h potresti essere accusato di intralcio al traffico.Sorride
    Le scatole nere vanno boicottate anche da chi si comporta onestamente, perchè è quello che ha tutto da perdere.
    non+autenticato
  • Quindi possono sapere chi è in macchina al momento della lettura della posizione, con un solo dato ... con più dati ... ovviamente con la precisione del GPS.
    non+autenticato
  • temo sia tutta una messinscena, un gioco delle parti della dirigenza di yahoo per non perdere la faccia
    non+autenticato
  • Tutto questo perché Obama aveva detto che si cambiava rotta...
    Comunque anche i nuovi paladini della privacy, che loro stessi sottraggono ai clienti, e che non vogliono condividere, riusciranno a convincere le masse belanti che lo fanno per loro.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)