Claudio Tamburrino

Twitter, corsa agli armamenti anti-troll

La piattaforma continua a cercare una soluzione per bloccare troll, fake e offese. Facebook, nel mentre, pensa a rispondere ai messaggi che sembrano annunciare l'idea del suicidio

Roma - I social network possono essere ferro o essere piuma: Twitter e Facebook stanno ora cercando di usare il pugno duro con i disturbatori e i bulli, ma vogliono anche dare una mano ai propri utenti che stanno passando un momento tanto difficile da pensare al suicidio.

Twitter ha presentato l'implementazione dell'annunciata strategia anti-troll: nella ricerca di una maggiore qualità del servizio e della tutela degli utenti da contenuti violenti e offensivi riorganizza in particolare il suo sistema di notifiche.

Nel dettaglio, la piattaforma metterà a disposizione un nuovo sistema di notifiche per quanto riguarda le molestie, i furti di identità, i messaggi di auto-violenza, i pensieri suicidi e la condivisione di informazioni private e confidenziali (il cosiddetto doxing).
Oltre al nuovo sistema di notifiche, Twitter ha annunciato nuove regole e tipologie di intervento possibili con i quali farle rispettare.
In particolare sembra aver esteso anche ad altri tipi di account la procedura già adottata per la verifica degli account VIP: si tratta di una verifica (via telefono o email) che ora dovranno effettuare anche i proprietari di account bloccati perché trovati in violazione delle policy di Twitter. Questo dovrebbe permettere di impedire ai troll seriali di agire nascondendosi sempre dietro nuovi account.

Accanto a questi nuovi strumenti, inoltre, Twitter ha annunciato che triplicherà nei prossimi sei mesi il numero di dipendenti incaricati di occuparsi delle segnalazioni di abusi.

Questo dovrebbe servire a mantenere legati a sé gli utenti, cercando al contempo di incoraggiare gli inserzionisti ad agire in un ambiente rassicurante, in cui non spopolino troll e violenza: lo stesso obiettivo ha anche Facebook, che oltre al nuovo sistema di notifiche anti-bufala, si distingue da ultimo per un nuovo strumento dedicato alla prevenzione (o meglio all'aiuto) nei possibili casi di suicidio.

Il nuovo strumento, sviluppato in collaborazione con diverse organizzazioni per la salute mondiale tra cui il National Suicide Prevention Lifeline e Now Matters Now, permette agli utenti di segnalare post o contenuti che indicano l'intenzione di arrecarsi danno o pensieri suicidi, spesso trattati dalle cronache come il risvolto di episodi di bullismo mediato dalla Rete: la segnalazione darà il via ad un procedimento che eventualmente innescherà per l'utente l'invito a rivolgersi ad un supporto medico.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter, tra troll e advertisingMentre la piattaforma saggia nuovi sistemi per mettere a frutto la propria platea di utenti, rinnovando anche un accordo con Google, il CEO ammette il proprio fallimento nel contrastare i troll. Un ostacolo al successo con cui è necessario confrontarsi
  • AttualitàFacebook, la faccia della veritàIl social network dichiara guerra alle bufale, attribuendo meno rilevanza ai contenuti che gli utenti percepiscono come tali. L'ironia dovrà essere esplicita, affinché non venga segnalata
6 Commenti alla Notizia Twitter, corsa agli armamenti anti-troll
Ordina
  • Su Facebook gli utenti prima si sentono male e
    vogliono suicidarsi per amicizie negate, storie finite,
    abusi vari, stalking, ecc.

    E poi spunta un meccanismo informatico che tenta di
    fermarli prima del folle gesto...

    Mmmmh... Ma non era meglio non far iscrivere proprio
    al social network quelle menti deboli e fragili?!
  • - Scritto da: sentinel
    > Su Facebook gli utenti prima si sentono male e
    > vogliono suicidarsi per amicizie negate, storie
    > finite,
    > abusi vari, stalking, ecc.
    >
    > E poi spunta un meccanismo informatico che tenta
    > di
    > fermarli prima del folle gesto...
    >
    > Mmmmh... Ma non era meglio non far iscrivere
    > proprio
    > al social network quelle menti deboli e fragili?!

    Siiiii: facciamo un quiz a domande cattive da fare davanti alla telecamera, chi viene beccato che si mette a piangere non lo iscriviamo.
    Ti piace ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 074522
    > - Scritto da: sentinel
    > > Su Facebook gli utenti prima si sentono male
    > e
    > > vogliono suicidarsi per amicizie negate,
    > storie
    > > finite,
    > > abusi vari, stalking, ecc.
    > >
    > > E poi spunta un meccanismo informatico che
    > tenta
    > > di
    > > fermarli prima del folle gesto...
    > >
    > > Mmmmh... Ma non era meglio non far iscrivere
    > > proprio
    > > al social network quelle menti deboli e
    > fragili?!
    >
    > Siiiii: facciamo un quiz a domande cattive da
    > fare davanti alla telecamera, chi viene beccato
    > che si mette a piangere non lo
    > iscriviamo.
    > Ti piace ?

    No, e clicco sul tato "Non mi piace"!
    Ehi ma quel tasto su facebook non vogliono metterlo!!!
    Che strano...
  • Premetto che non sono su TW e quindi può essere che non funzioni: la soluzione che suggerisco io va bene per il social dove sono io, dove si può cambiare il nike
    TW dovrebbe impedire l'uso dello stesso nome: chi arriva primo, è l'unico che può usarlo, punto. Ripeto, può essere che su TW non funzioni, la mia esperienza riguarda un social dove si può cambiare il nike, senza che ci sia un controllo se quel nike sia già in uso E giù polemiche..
    FW e suicidi: quale adolescente non ha mai pensato e magari scritto che vorrebbe farla finita?.. comunque, se trovano una soluzione che funzioni, ben fatto
    Dopodiché ogni mattina a prendere il treno vedo ragazzi dai 13 anni, nati con i polmoni puliti.. che si fanno belli con la sigaretta in mano.. Al mondo esiste anche la libertà di essere imbecilli...
    non+autenticato
  • > Premetto che non sono su TW e quindi può essere
    > che non funzioni: la soluzione che suggerisco io
    > va bene per il social dove sono io, dove si può
    > cambiare il
    > nike
    > TW dovrebbe impedire l'uso dello stesso nome: chi
    > arriva primo, è l'unico che può usarlo, punto.
    > Ripeto, può essere che su TW non funzioni, la mia
    > esperienza riguarda un social dove si può
    > cambiare il nike, senza che ci sia un controllo
    > se quel nike sia già in uso E giù
    > polemiche..

    Il nickname, in italica favella pseudonimo. Nike è la dea greca della vittoria.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Il nickname, in italica favella pseudonimo. Nike
    > è la dea greca della vittoria.

    Ah ah ah Sorride Grazie! guarda, quando ho postato me lo sono detto, c'è qualcosa che non va in nike.. ma non mi veniva la scritta giusta Nick, ok nick
    non+autenticato