Alfonso Maruccia

Obama: no alle backdoor cinesi

L'inquilino della Casa Bianca esprime la propria preoccupazione per le backdoor di stato presso le pi¨ alte autoritÓ di Pechino. Sul tecnocontrollo solo gli USA possono dettare legge, pare, mentre anche Google fa marcia indietro sulla cifratura

Roma - Barack Obama ha assunto una posizione a dir poco insolita, per il presidente del paese più spione del mondo: le autorità cinesi, ha ammonito, non devono costringere i produttori di tecnologia a integrare backdoor con cui poter spiare gli utenti (ovviamente in caso di necessità) bypassando sicurezza e tecniche crittografiche.

Ultimamente il rapporto tra la Cina e l'hi-tech cinese è burrascoso, per cosi dire, e la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente se Pechino ratificherà la nuova proposta di legge anti-terrorismo per richiedere l'installazione obbligatoria di backdoor alle aziende operanti nel paese.

Obama ha detto di aver espresso le proprie preoccupazioni direttamente al presidente Xi, parlando della necessità di cambiare radicalmente strada se la Cina vuole continuare a essere partner commerciale degli Stati Uniti.
Le parole del presidente americano sono state ovviamente accolte in malo modo dalla community degli esperti di sicurezza, che tra l'altro evidenziano gli enormi danni fatti da NSA, governo federale ed FBI con la guerra senza quartiere alle tecnologie di sicurezza evidenziate oltre ogni ragionevole dubbio dai documenti condivisi con il mondo da Edward Snowden.

Neanche a parlarne, anche la Cina respinge le "preoccupazioni" di Obama al mittente: Pechino so comporta come tutti gli altri paesi che si preoccupano della sicurezza informatica e fine della storia. Dopotutto la sicurezza è un optional extra-lusso, nell'epoca post-Datagate, e anche Google sembra aver fatto marcia indietro dalla abilitazione di default delle comunicazioni cifrate su Android "Lollipop" 5.0. O forse, volendo fare gli ingenui, si tratta solo di un problema di performance risolvibile in futuro.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaAndroid L, cifrato di defaultLa prossima versione dell'OS mobile sarÓ pi¨ sicura grazie all'attivazione automatica della cifratura dei dati. Google si mette in pari con Apple, che pure sfugge ai ladri grazie al kill switch remoto
  • AttualitàLa Cina mette al bando l'hi-tech USALe autoritÓ di Pechino avrebbero deciso di eliminare nomi molto noti dell'industria tecnologica dalla lista dei fornitori autorizzati per gli acquisti statali. Il tecnocontrollo della NSA fa danni, e a guadagnarci sono i produttori locali
22 Commenti alla Notizia Obama: no alle backdoor cinesi
Ordina
  • http://thestack.com/belarus-bans-tor-250215

    purtroppo aperto il vaso di pandora dell'ITC alle masse, l'escalation e' inevitabile....
    non+autenticato
  • Si sulla carta ma se il metodo "cinese", lo chiamo così perchè è fra i paesi più noti in cui questa metodologia è in uso funzionasse sul serio non ci sarebbe traffico dalla cina (che invece c'è).....
    "Ce provano" (e già questo può provocare qualche problema in più) ma da "provarce a riusirce" c'è una bella differenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Capitan Ovvio
    > Si sulla carta ma se il metodo "cinese", lo
    > chiamo così perchè è fra i paesi più noti in cui
    > questa metodologia è in uso funzionasse sul serio
    > non ci sarebbe traffico dalla cina (che invece
    > c'è).....
    e c'e' ANCHE perche' l'US Navy ha inventato e distribuito TOR... contemporaneamente TOR non piace ne agli Usa ne ai cinesi ecc... e sinche' lo usavano 2 gatti, alle agenzie-a-3-lettere poteva far comodo... poi, ora che te lo trovi anche su Donna Moderna ... ci vogliono le backdoor... ecc ecc...
    Da cui "purtroppo aperto il vaso di pandora dell'ITC alle masse" ecc.
    non+autenticato
  • ma ci stanno riprovando con lo IOT ... come si dice: piangono il morto per f*ttere il vivo ...
    non+autenticato
  • magari adesso inizieranno a vendere anche computer UEFI/Palladium uncompliant!A bocca aperta
    non+autenticato
  • Il problema è che con questo orientamento legislativo da parte della Cina tanti "produttori" hi-tech (come per esempio un noto iProduttore) sarebbero costretti a spostare le fabbriche da lì e anche velocemente.

    Fintanto che si usano gli iSchiavi per produrre va bene. Ma se mettono le backdoors allora non più, perché ci potrebbero essere problemi con le vendite.


    E c'è solo da sperare che in Cina non continuino a produrre anche dopo la migrazione delle aziende straniere, dato che non hanno problemi con le leggi sui brevetti.
    Potrebbero benissimo vendere degli cPhones = China Phones stranamente uguali ai "vecchi" iPhones, ma ad una frazione del prezzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > Il problema è che con questo orientamento
    > legislativo da parte della Cina tanti
    > "produttori" hi-tech (come per esempio un noto
    > iProduttore) sarebbero costretti a spostare le
    > fabbriche da lì e anche velocemente.
    >
    >
    > Fintanto che si usano gli iSchiavi per produrre
    > va bene. Ma se mettono le backdoors allora non
    > più, perché ci potrebbero essere problemi con le
    > vendite.
    >
    >
    > E c'è solo da sperare che in Cina non continuino
    > a produrre anche dopo la migrazione delle aziende
    > straniere, dato che non hanno problemi con le
    > leggi sui
    > brevetti.
    > Potrebbero benissimo vendere degli cPhones =
    > China Phones stranamente uguali ai "vecchi"
    > iPhones, ma ad una frazione del
    > prezzo.

    Questo?
    http://www.asiapads.com/en/sciphone-i6-mtk6582-qua...
    Prozac
    4976
  • > Questo?
    > http://www.asiapads.com/en/sciphone-i6-mtk6582-qua

    No: queste sono solo copie.

    Io intendo un prodotto "ufficiale" ovvero un iPhone "celtificato" dalle autorità come estensione della "ploduzione" precedente. Un prodotto autentico di quelli che trovavi negli iNegozi.

    Non è neanche detto che lo rimarchino. Potrebbero vendere degli iPhones prodotti in Cina contro gli iPhones prodotti altrove e la differenza sarebbe solo nella nazionalità delle backdoors e nel costo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > > Questo?
    > >
    > http://www.asiapads.com/en/sciphone-i6-mtk6582-qua
    >
    > No: queste sono solo copie.
    >
    > Io intendo un prodotto "ufficiale" ovvero un
    > iPhone "celtificato" dalle autorità come
    > estensione della "ploduzione" precedente. Un
    > prodotto autentico di quelli che trovavi negli
    > iNegozi.
    >
    >
    > Non è neanche detto che lo rimarchino. Potrebbero
    > vendere degli iPhones prodotti in Cina contro gli
    > iPhones prodotti altrove e la differenza sarebbe
    > solo nella nazionalità delle backdoors e nel
    > costo.

    Di uguale ci sarebbe solo l'hardware. Non penso che iOS lo installino direttamente in Cina.
    Prozac
    4976
  • La guerra informatica, come del resto ogni altra azione compiuta dagli stati, è decisa da quei pochi che li governano.
    I loro cittadini, che belano indecisi fra un partito e l'altro (quando possono farlo) sono la manovalanza che garantisce che la volontà di chi governa sia sovvenzionata ed eseguita.
    Quando diciamo "la cina" oppure "gli usa" o "l'europa" o "la russia", stiamo parlando dei loro governanti, non delle moltitudini manipolate che stoltamente li hanno eletti (se hanno potuto farlo).
    Quando parliamo di una azienda, stiamo parlando dei quattro gatti che la dirigono, non dei belanti sottoposti che a testa bassa eseguono quello che i loro capi ordinano.
    Mi fa ridere (per non piangere) chi parla di "democrazia".
    Nessuno è meglio di nessuno: ci sono solo diversi tipi di dominio dei pochi lupi sulle sterminate greggi di pecore, che è giusto vadano sorvegliate, visto che non sono in grado di pensare con la loro testa.
    non+autenticato
  • Qui si vedono le differenze tra un paese libero e una dittatura.
    Nel paese libero le backdoor si mettono di nascosto, mica si ci fa sopra una legge che renda la cosa palese
    non+autenticato
  • - Scritto da: hotrats
    > Qui si vedono le differenze tra un paese libero e
    > una
    > dittatura.
    > Nel paese libero le backdoor si mettono di
    > nascosto, mica si ci fa sopra una legge che renda
    > la cosa
    > palese


    l'altra differenza è che nel paese libero ci si finge perfino indignati e tutto il gregge bela ignorantemente pendendo dalle labbra del pastore.
    non+autenticato
  • Aldous Huxley ammonì nientemeno che George Orwell a questo proposito, dicendogli quando il modello di tecnocontrollo di 1984 fosse sbagliato, ed aveva ragione. ╚ molto meglio illudere la gente di essere libera e non sorvegliata, come scrisse lui in "Brave New World".
    Noi possiamo stare sereni, tanto che siano americane o cinesi sono sempre backdoor straniere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Drummer
    > Aldous Huxley ammonì nientemeno che George Orwell
    > a questo proposito, dicendogli quando il modello
    > di tecnocontrollo di 1984 fosse sbagliato, ed
    > aveva ragione. È molto meglio illudere la gente
    > di essere libera e non sorvegliata, come scrisse
    > lui in "Brave New World".
    > Noi possiamo stare sereni, tanto che siano
    > americane o cinesi sono sempre backdoor
    > straniere.

    Ingestibile il modello di 1984: chi gestisce quell'enorme mole di informazioni? Come si fa ad assicurarsi la fedeltà della polizia segreta? Chi ci guadagna?
    In "Brave New World" non c'è una dittatura occulta, semplicemente la stabilità sociale è messa in cima alle priorità. Ognuno è condizionato da prima della nascita ad amare il proprio ruolo, ma vale tanto per gli infimi epsilon, a cui sono riservati i lavori più umili, quanto per gli alpha che in teoria dirigono l'orchestra. Nemmeno questi ultimi sono liberi. Non c'è chissà che organismo di spionaggio stile 1984, il condizionamento sociale lo rende quasi inutile.
    Direi che siamo lontani anche da questo modello. I VERI alpha si tengono ben stretti i loro privilegi e della stabilità sociale se ne fregano. Il loro unico scopo è accrescere all'infinito il proprio potere, e dubito che cambieranno rotta Occhiolino
    Izio01
    3790
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)