Claudio Tamburrino

Hillary Clinton, email privata e pubblica insicurezza

L'ex Segretario di Stato usava un account email personale per gestire gli affari pubblici: le critiche si abbattono su Clinton, accusata di trascurare sicurezza e trasparenza

Roma - Hillary Clinton usava la sua email privata per questioni ufficiali anche quando ricopriva il ruolo di Segretario di Stato: una scoperta che ha sollevato polemiche su questioni di sicurezza e di trasparenza, e la promessa da parte della politica di rendere pubbliche le sue comunicazioni.

I server utilizzati per l'invio e la ricezione delle email di Hillary Clinton - di un account privato utilizzato tuttavia per affari ufficiali - fanno riferimento ad un servizio registrato a nome della casa della sua famiglia a Chappaqua, New York. Tale account era utilizzato da Hillary Clinton per affari ufficiali quando ricopriva la carica di Segretario di Stato degli USA: non utilizzava i server più sicuri del Governo per le comunicazioni e gli affari ufficiali, lasciando aperta una vera e propria autostrada per eventuali hacker e cracker.

Per la sua email privata passavano le informazioni altamente riservate legate al Governo degli Stati Uniti. Un'ingenuità - anche se meno grave di quelle commesse da Mitt Romney e Sarah Palin, che utilizzavano account di servizi email gratuiti gestiti da Microsoft e Yahoo - che ora la Clinton sta pagando a suon di critiche, soprattutto perché la cybersicurezza a stelle e strisce l'aveva già avvertita dei rischi che avrebbe corso.
Le accuse più pesanti le contestano di voler in questo modo sfuggire alle eventuali richieste di accesso da parte dei giornalisti in base al Freedom of Information Act; inoltre il problema con l'account privato è legato all'archiviazione delle email: alcune informazioni legate allo scacchiere geopolitico mondiale rischiano in questo modo di restare ad esclusivo appannaggio di Clinton.

Hillary Clinton ha ribattuto senza spiegare le motivazioni che l'hanno spinta ad utilizzare un server email privato per affari pubblici, ma promettendo che per garantire la trasparenza vorrebbe garantire la massima trasparenza a favore dei cittadini riguardo alle sue email. Il Dipartimento di Stato - prima di concederlo - si è preso del tempo per verificarne il contenuto.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàMitnick: come ti cracko l'email di ObamaNonostante i lucchetti, nonostante i PDA supersicuri, il Blackberry di Obama non sfugge all'occhio vigile del più famoso hacker del mondo. Che rivela come, secondo lui, una strada per arrivare allo smartphone presidenziale c'è
  • AttualitàDatagate, spioni contro l'IslamEnnesima bomba nello scandalo delle intercettazioni illegali di NSA, agenzia apparentemente focalizzata sulla persecuzione (a mezzo tecnocontrollo) di personalità pubbliche integerrime, ma di religione islamica
13 Commenti alla Notizia Hillary Clinton, email privata e pubblica insicurezza
Ordina
  • Brutta cosa la politica.
    Niente amici, solo convenienza e pugnalate alle spalle quando non sei più utile, dai fastidio a molti o urti poteri più forti del tuo.
    E il popolo bue che legge le notizie è usato dai vari contendenti come indispensabile amplificatore per attuare le loro strategie.
    Non che la Clinton mi stia simpatica: è una iena come tutti gli altri, ma questa è la triste realtà.
    non+autenticato
  • Sono cinica, falsa, opportunista e paracula e per questo molti mi voteranno
    non+autenticato
  • l'avevo gia' letta gg fa.... sinceramente penso sia banale noncuranza... non penso vada lapidato nessuno (se no Petraeus dovrebbero mandarlo a guantanamo)... certo lei e sopratutto lo staff ci fanno la figura dei frollocconi....
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > l'avevo gia' letta gg fa.... sinceramente penso
    > sia banale noncuranza... non penso vada lapidato
    > nessuno (se no Petraeus dovrebbero mandarlo a
    > guantanamo)... certo lei e sopratutto lo staff ci
    > fanno la figura dei
    > frollocconi....


    Mettiamola cosi': la signora Clinton, quasi 70 anni, fa uso dell'email.

    C'e' per caso qualche suo coetaneo tra gli italici politicanti della casta in grado di fare altettanto?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: bubba
    > > l'avevo gia' letta gg fa.... sinceramente
    > penso
    > > sia banale noncuranza... non penso vada
    > lapidato
    > > nessuno (se no Petraeus dovrebbero mandarlo a
    > > guantanamo)... certo lei e sopratutto lo
    > staff
    > ci
    > > fanno la figura dei
    > > frollocconi....
    >
    >
    > Mettiamola cosi': la signora Clinton, quasi 70
    > anni, fa uso
    > dell'email.
    >
    > C'e' per caso qualche suo coetaneo tra gli
    > italici politicanti della casta in grado di fare
    > altettanto?

    Mettiamola così... ad una tipa che è in politica da decenni e che invece di usare l'email fornita appositamente per il suo ruolo (e anche memoria storica per i suoi atti durante il mandato da SdS)usa una comune email... daresti i codici della valigetta nucleare?
    Ad oggi la tipa ha solo 67 anni...e durante il mandato in questione ne aveva 62-66 anni (essendo di Ottobre)... sì, ne trovi a decine di politici italiani che sanno usare la posta elettronica
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: bubba
    > > > l'avevo gia' letta gg fa.... sinceramente
    > > penso
    > > > sia banale noncuranza... non penso vada
    > > lapidato
    > > > nessuno (se no Petraeus dovrebbero
    > mandarlo
    > a
    > > > guantanamo)... certo lei e sopratutto lo
    > > staff
    > > ci
    > > > fanno la figura dei
    > > > frollocconi....
    > >
    > >
    > > Mettiamola cosi': la signora Clinton, quasi 70
    > > anni, fa uso
    > > dell'email.
    > >
    > > C'e' per caso qualche suo coetaneo tra gli
    > > italici politicanti della casta in grado di fare
    > > altettanto?
    >
    > Mettiamola così... ad una tipa che è in politica
    > da decenni e che invece di usare l'email fornita
    > appositamente per il suo ruolo (e anche memoria
    questo e' uno dei punti principali della bizarria. nessuno "gli ha fornito la mail appositamente per il suo ruolo". Di converso qualcuno (DUBITO sia stata lei personalmenteSorride ) gli ha registrato un domain & co e ha iniziato a usare quella hostata li'..
    non+autenticato
  • *non utilizzava i server più sicuri del Governo per le comunicazioni e gli affari ufficiali*
    Le pare che negli Usa non ci sia la casella di posta del tipo "segretariodistato@governoamericano" inserito nel fascicolo di tutti i mezzi che passano al cambio di carica?
    Solo che quell'indirizzo lì, veniva poi registrato tutta l'attività e passata alla Storia, ma alla Clinton forse scocciava che qualcosa venisse ricordato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > *non utilizzava i server più sicuri del Governo
    > per le comunicazioni e gli affari ufficiali*
    >
    > Le pare che negli Usa non ci sia la casella di
    > posta del tipo
    > "segretariodistato@governoamericano" inserito nel
    > fascicolo di tutti i mezzi che passano al cambio
    > di
    > carica?
    pensi che la clinton si sia configurata il domain, l'host, il blackberry e cazzabubbole varie da sola?A bocca aperta
    poco prima di diventare segretario di stato si e' fatta creare da uno dello staff (tra l'altro un fundraiser pare) il domain di famiglia, la posta e il blackberry ecc...
    sicuramente qualche +- oscuro burocrate dell'homeland security prima o dopo avra' anche detto che non era bene farlo, ma se ne son banalmente fregati (noncuranza ,come dicevo)...

    > Solo che quell'indirizzo lì, veniva poi
    > registrato tutta l'attività e passata alla
    > Storia, ma alla Clinton forse scocciava che
    > qualcosa venisse
    > ricordato
    possibile... ma improbabile e bizzarro (ci sono migliaia di modi migliori)... piu' che oscure trame segrete penserei alla banale cialtroneria....
    Tantopiu' che non so neanche bene perche e' "rinata" questa storia... che venne fuori quando un hacker violo' la mail su aol.comSorride di una importante che parlava con la clinton... (ovviamente nessuno usa piu' decentemente la mail ma rimane tutto parcheggiato sulla webmail.. e quindi ..).
    In merito a cio', mi chiedo quanto potesse essere utile per la clinton avere la supersicura mail su @gov.gov se poi si chiacchiera con utenze su aolA bocca aperta
    non+autenticato
  • > possibile... ma improbabile e bizzarro (ci sono
    > migliaia di modi migliori)... piu' che oscure
    > trame segrete penserei alla banale
    > cialtroneria....

    Quando si ricoprono cariche di alto livello la prima cosa che si fa è violare le regole per il gusto di farlo. È l'effetto che fa non avere superiori a cui rendere conto.


    > Tantopiu' che non so neanche bene perche e'
    > "rinata" questa storia...

    Be', questa è facile, dai: di che cosa parlano nella prossima campagna elettorale, se non di questo? Anzi, a ben vedere la campagna elettorale è già in corso: un possibile sfidante, Jeb Bush, ha reso pubbliche le e-mail scambiate durante il mandato di governatore della Florida:

    http://www.latimes.com/nation/la-pn-jeb-bush-email...
  • - Scritto da: Leguleio
    > > possibile... ma improbabile e bizzarro (ci
    > sono
    > > migliaia di modi migliori)... piu' che oscure
    > > trame segrete penserei alla banale
    > > cialtroneria....
    >
    > Quando si ricoprono cariche di alto livello la
    > prima cosa che si fa è violare le regole per il
    > gusto di farlo. È l'effetto che fa non avere
    > superiori a cui rendere conto.
    >
    mhh una variante sul tema... non gombloddi da nascondere, ne cialtroneria, ma la volonta' cosciente di sfoggiare un ego stile Arcoriano? interessante...

    >
    > > Tantopiu' che non so neanche bene perche e'
    > > "rinata" questa storia...
    >
    > Be', questa è facile, dai: di che cosa parlano
    > nella prossima campagna elettorale, se non di
    ehhh.. avrei dovuto evidenziarlo come domanda retorica...Sorride claro che ci si pigia sopra ORA per quello.... anche se come primo 'rilancio' credo sia nata da una mera questione tecnica (in sintesi dovevano mettere a posto le scartoffie)
    non+autenticato
  • > > > possibile... ma improbabile e bizzarro (ci
    > > sono
    > > > migliaia di modi migliori)... piu' che
    > oscure
    > > > trame segrete penserei alla banale
    > > > cialtroneria....
    > >
    > > Quando si ricoprono cariche di alto livello la
    > > prima cosa che si fa è violare le regole per il
    > > gusto di farlo. È l'effetto che fa non
    > avere
    > > superiori a cui rendere conto.
    > >
    > mhh una variante sul tema... non gombloddi da
    > nascondere, ne cialtroneria, ma la volonta'
    > cosciente di sfoggiare un ego stile Arcoriano?
    > interessante...

    Il potere fa cadere in queste tentazioni.
    Aggiungi che spesso le regole a cui dovrebbero sottostare gli amministratori pubblici sono complesse e fanno perdere tempo, le si viola soprattutto per comodità e per quieto vivere. Un lusso che un impiegato pubblico non potrebbe mai permettersi, perché lui di superiori ne ha, sempre.
  • Nell'ultimo paragrafo dell'articolo c'e' la seguente frase:

    "... ma promettendo che per garantire la trasparenza vorrebbe garantire la massima trasparenza a favore dei cittadini ..."

    Qualcuno potrebbe gentilmente spiegarmi che vor di'?
  • - Scritto da: panda rossa
    > Nell'ultimo paragrafo dell'articolo c'e' la
    > seguente
    > frase:
    >
    > "... ma promettendo che per garantire la
    > trasparenza vorrebbe garantire la massima
    > trasparenza a favore dei cittadini
    > ..."
    >
    > Qualcuno potrebbe gentilmente spiegarmi che vor
    > di'?
    e' la testina del giradischi di tamburrino che salta... niente de grave...
    non+autenticato