Claudio Tamburrino

Mars One, Marte deve attendere

Intervenuto per cercare di smontare le polemiche legate al processo di selezione dei primi coloni, il CEO alla guida dell'impresa ha annunciato lo slittamento della prima missione

Roma - Mars One ha rinviato l'ambizioso progetto di colonizzazione di Marte al 2027: un problema legato al flusso dei fondi che ha causato ritardi alla programmazione dei lavori.


Secondo quanto ha raccontato il CEO Bas Lansdorp con un video su YouTube, finora sperimentazioni e sviluppo di tecnologie erano stati portati avanti con i fondi raccolti nel 2013, tuttavia la seconda tornata di investimenti - pur essendo stata di successo - ha subito ritardi burocratici che adesso di ripercuotono sulla ricerca e sulla tabella di marcia.

Il progetto privato, d'altronde, non fa della fretta la sua caratteristica principale, quanto dell'ambizione: vuole stabilire una colonia umana sul Pianeta Rosso puntando sulla gestione delle coltivazioni in serra, lo sfruttamento delle tecnologie già sviluppate ed il reclutamento dei primi avventurieri, disposti a mettere la propria vita talmente in pericolo da costituire un problema per le polizze di assicurazione sulla vita.
Così, dal primo obiettivo che prevedeva l'immaginifica prima pietra della colonia da porre nel 2025, ora l'obiettivo è slittato al 2027, almeno secondo i calcoli di Lansdrop. Il CEO ha infatti riferito che la situazione burocratica dovrebbe sbloccare i nuovi investimenti questa estate: una data che comporterà dei ritardi sui lavori programmati, ma che dovrebbe poi permettere di recuperare in un paio di anni.

La prossima scadenza per Project Mars One è la missione senza piloti da lanciare nel 2018 (ora 2020) insieme a Lockheed Martin e che prevede una prima sonda per esplorare le condizioni del Pianeta Rosso.

L'intervento di Lansdrop, tra l'altro, è servito anche a smentire quanto riferito da uno dei candidati a diventare un colonizzatore di Mars One, il ricercatore ed ex NASA Joseph Roche, secondo cui le richieste di partecipazione alla missione (quasi suicida) sarebbero state appena poco meno di 3mila e non 200mila come riferito da Mars One. La selezione finale, poi, sarebbe avvenuta solo in base a canoni finanziari, cioè agli investimenti e alle donazioni sostenute dagli aspiranti partecipanti nella missione stessa, nonché dal merchandising da essi acquistato.

A smentire le accuse di Roche sono peraltro intervenuti anche i 100 candidati coloni finalisti, che hanno ribattuto a tutte le accuse specificando che le due cifre si riferiscono a due parametri differenti: oltre 200mila sono coloro che hanno fatto richiesta di partecipazione al concorso di selezione, ma solo poco meno di 3mila sono arrivati a fare un video per parteciparvi effettivamente. Inoltre riferiscono che è normale che in una missione come Mars One ad essere premiati siano anche coloro che riescono ad attirare meglio l'attenzione, in modo da aiutare la raccolta di fondi necessaria a favorirne la realizzazione, ma d'altra parte non ci sarebbe alcun obbligo di natura finanziaria a pendere sui partecipanti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàChi ha il Mars Factor?La colonizzazione del Pianeta Rosso inizia in stile reality: la selezione dei membri della prima colonia ha scremato cento potenziali pionieri fra i centomila candidati
  • AttualitàMars One, la morte arriva in 68 giorniUn gruppo di studenti del MIT ha analizzato gli ambiziosi progetti della iniziativa privata che vuole portare i primi coloni umani sul pianeta rosso. Per ora la missione non sta in piedi
15 Commenti alla Notizia Mars One, Marte deve attendere
Ordina
  • Per finire nel nulla perchè questo progetto è il nulla assoluto.

    Con buona pace dei sognatori che non hanno i piedi per terra!
    non+autenticato
  • Ammesso che sia vero e non una "bufala", il progetto spaziale sarebbe una missione consapevolmente omicida-suicida. Non siamo nemmeno capaci di creare basi lunari e vogliamo cominciare con Marte. Forse perchè fa più sensazionalismo. Consiglio di investire su progetti molto più utili in favore di questa nostra martoriata Terra.
    non+autenticato
  • > Ammesso che sia vero e non una "bufala", il
    > progetto spaziale sarebbe una missione
    > consapevolmente omicida-suicida.

    Non una bufala, ma una trovata pubblicitaria. Come questa:

    http://www.ansa.it/sito/notizie/magazine/numeri/20...

    Poi, secondo me, il processo di diventare adulti consiste anche nel saper discriminare fra imbonitori e realtà. Se c'è chi ci casca e ha più di 18 anni, a un certo punto, dia colpa solo alla propria naïveté .
  • la NSA cambierà il nome in UAC !A bocca aperta
    non+autenticato
  • col miraggio di mandare coloni su marte, il tipo che sta dietro a tutto questo fa una bella vita amministrando i fondi che intanto arrivano: viaggi, conferenze, alberghi, "amiche-per-una-notte".... tutte spese che finiscono nel calderone.

    poi non ci sono abbantaza soldi nemmeno per il primo lancio robotizzato? pazienza, lui ha fatto il massimo (per godersi i soldi che comunque sono arrivati nel frattempo!!)

    quello li ha avuto un'idea geniale, altro che! non e' che ha qualche antenato italiano oriundo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > il tipo che sta dietro a tutto questo

    Quindi non sai chi sia nè sai che per fare la vita da te descritta certo non aveva bisogno di questo progetto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 621427
    > - Scritto da: ...
    > > il tipo che sta dietro a tutto questo
    >
    > Quindi non sai chi sia nè sai che per fare la
    > vita da te descritta certo non aveva bisogno di
    > questo
    > progetto...

    ai ricchi i soldi non bastano mai. e qeullo che non compri coi soldi - fama e riconoscimento sociale - si ottiene con questi truccehtti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: 621427
    > > - Scritto da: ...
    > > > il tipo che sta dietro a tutto questo
    > >
    > > Quindi non sai chi sia nè sai che per fare la
    > > vita da te descritta certo non aveva bisogno di
    > > questo progetto...
    >
    > ai ricchi i soldi non bastano mai. e qeullo che
    > non compri coi soldi - fama e riconoscimento
    > sociale - si ottiene con questi
    > truccehtti.

    Quindi non sai chi sia nè sai che per fare la vita da te descritta certo non aveva bisogno di questo progetto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 621427
    > - Scritto da: ...
    > > - Scritto da: 621427
    > > > - Scritto da: ...
    > > > > il tipo che sta dietro a tutto
    > questo
    > > >
    > > > Quindi non sai chi sia nè sai che per
    > fare
    > la
    > > > vita da te descritta certo non aveva
    > bisogno
    > di
    > > > questo progetto...
    > >
    > > ai ricchi i soldi non bastano mai. e qeullo
    > che
    > > non compri coi soldi - fama e riconoscimento
    > > sociale - si ottiene con questi
    > > truccehtti.
    >
    > Quindi non sai chi sia nè sai che per fare la
    > vita da te descritta certo non aveva bisogno di
    > questo
    > progetto...

    si si, tu comunque continua pure a seguire i pifferai magici... firulin firula'.... il progetto semplicemente non sta in piedi, non si puo' ragionevolmente dire "andiamo su marte" senza un piano finaziario, tecnologico, ecc.. e quello li vuole fare le nozze coi fichi secchi.
    non+autenticato
  • "Così, dal primo obiettivo che prevedeva l'immaginifica prima pietra della colonia da porre nel 2025, ora l'obiettivo è slittato al 2027, almeno secondo i calcoli di Lansdrop".

    Verrebbe da rievocare il contrepet che trasforma un mazzo di carte, e applicarlo a chi lavora a questi progetti, ma sarebbe contrario alla policy, quindi mi fermo qui. Alla vigilia del 2025 la data sarà spostata al 2050, sicuro: tanto lo scopo é farsi pubblicità gratuita, mica altro.
  • - Scritto da: Leguleio
    > "Così, dal primo obiettivo che prevedeva
    > l'immaginifica prima pietra della colonia da
    > porre nel 2025, ora l'obiettivo è slittato al
    > 2027, almeno secondo i calcoli di
    > Lansdrop
    ".
    >
    > Verrebbe da rievocare il contrepet che
    > trasforma un mazzo di carte, e applicarlo a chi
    > lavora a questi progetti, ma sarebbe contrario
    > alla policy, quindi mi fermo qui. Alla vigilia
    > del 2025 la data sarà spostata al 2050, sicuro:
    > tanto lo scopo é farsi pubblicità gratuita, mica
    > altro.
    un vero ottimista!Sorride
    non+autenticato
  • > > " Così, dal primo obiettivo che prevedeva
    > > l'immaginifica prima pietra della colonia da
    > > porre nel 2025, ora l'obiettivo è slittato al
    > > 2027, almeno secondo i calcoli di
    > > Lansdrop
    ".
    > >
    > > Verrebbe da rievocare il contrepet che
    > > trasforma un mazzo di carte, e applicarlo a chi
    > > lavora a questi progetti, ma sarebbe contrario
    > > alla policy, quindi mi fermo qui. Alla vigilia
    > > del 2025 la data sarà spostata al 2050, sicuro:
    > > tanto lo scopo é farsi pubblicità gratuita, mica
    > > altro.

    > un vero ottimista!Sorride

    Le agenzie di marketing hanno fiutato il businness in promesse di questo genere, e lo usano a man bassa, anche quando i progressi tecnologici sono ancora palesemente inadeguati allo scopo.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > " Così, dal primo obiettivo
    > che
    > prevedeva
    > > > l'immaginifica prima pietra della
    > colonia
    > da
    > > > porre nel 2025, ora l'obiettivo è
    > slittato
    > al
    > > > 2027, almeno secondo i calcoli di
    > > > Lansdrop
    ".
    > > >
    > > > Verrebbe da rievocare il
    > contrepet

    > che
    > > > trasforma un mazzo di carte, e
    > applicarlo a
    > chi
    > > > lavora a questi progetti, ma sarebbe
    > contrario
    > > > alla policy, quindi mi fermo qui. Alla
    > vigilia
    > > > del 2025 la data sarà spostata al 2050,
    > sicuro:
    > > > tanto lo scopo é farsi pubblicità
    > gratuita,
    > mica
    > > > altro.
    >
    > > un vero ottimista!Sorride
    >
    > Le agenzie di marketing hanno fiutato il
    > businness in promesse di
    > questo genere, e lo usano a man bassa, anche
    un bizinizz enorme... e' gia molto se sono in 4
    .... cmq vedo che non mai visto Contact? peccatoSorride

    e di SpaceX che ne dici? www.space.com
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Così, dal primo obiettivo che prevedeva
    > l'immaginifica prima pietra della colonia da
    > porre nel 2025, ora l'obiettivo è slittato al
    > 2027, almeno secondo i calcoli di
    > Lansdrop
    ".
    >
    > Verrebbe da rievocare il contrepet che
    > trasforma un mazzo di carte, e applicarlo a chi
    > lavora a questi progetti, ma sarebbe contrario
    > alla policy, quindi mi fermo qui. Alla vigilia
    > del 2025 la data sarà spostata al 2050, sicuro:
    > tanto lo scopo é farsi pubblicità gratuita, mica
    > altro.

    Le grandi opere si misurano in SARC time.

    Un SARC e' l'unita' di tempo necessaria per costruire la Salerno-Reggio Calabria, e non e' ancora stata definita.

    Ma possiamo ragionevolmente stimare che la costruzione di una colonia su Marte richieda almeno 2 SARC di tempo.
  • 2 SARC di tempo equivalente. Vuole significare che con i giusti mezzi e parallelizzando le attività i 2 SARC (ere geologiche) possono rientrare in tempi "umani". Saluti