Claudio Tamburrino

Droni, una ricognizione sulla legge

Dal regolamento ENAC alle evoluzioni italiane ed europee in materia di Aeromobili a Pilotaggio Remoto: Punto Informatico intervista l'avvocato Rocco Panetta

Droni, una ricognizione sulla leggeRoma - Tra le polemiche per i (presunti) mancati permessi dei droni utilizzati da Expo per la panoramica quotidiana dell'andamento lento dei lavori e la proposta di legalizzare l'utilizzo dei droni da parte della Polizia italiana per il pattugliamento delle strade, la questione degli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR, o UAV, Unmanned Aerial Vehicles) sta diventando sempre più scottante per il legislatore italiano che si trova a dover avere a che fare con una tecnologia in veloce evoluzione e dagli impieghi che sono già insiti nella vita di tutti i giorni.

Punto Informatico ne ha parlato con l'avvocato Rocco Panetta, con cui si è cercato di delineare il quadro di riferimento di riferimento e fare il punto sulla normativa italiana di settore.

PI: Qual è la normativa attualmente vigente in Italia per regolamentare l'utilizzo dei droni?
Rocco Panetta: Recentemente è stato l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile ("ENAC"), in attuazione dell'art. 743 del Codice della Navigazione, ad assumere con delibera C.d.A. n. 42/2013 del 16 dicembre 2013 il Regolamento "Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto" (il "Regolamento ENAC") che costituisce, ad oggi, l'unica disciplina in Italia sull'utilizzo dei droni cosiddetti APR.
Tale disciplina contempla diversi requirements che devono essere rispettati al fine di poter fare un uso corretto e soprattutto lecito dei droni ed a tale disciplina spetterà regolamentare l'utilizzo, in particolare, dei droni per uso civile, vale a dire quegli APR dotati di microcamere e in grado di inviare in tempo reale, anche agli smartphone, le immagini riprese a distanza ravvicinata.

PI: Facciamo un passo indietro. Rispetto agli Stati Uniti, dove sono state introdotte limitazioni relative soprattutto all'orario possibile di volo, agli utilizzi (vietato il trasporto di oggetti) e alla necessità di una sorta di patente, con che strategia si è mosso il legislatore italiano negli anni?
R.P.: Dunque, prima del regolamento ENAC, è difficile registrare altri interventi del Legislatore Italiano sulla tematica dei droni.

Ad ogni buon conto, il Regolamento ENAC prevede tutta una serie di regole, calibrate sulla tipologia di aeromobile utilizzato. Più nel dettaglio, il Regolamento ENAC distingue tra sistemi con Aeromobile a Pilotaggio Remoto ("APR") di massa massima al decollo minore di 25 kg, ovvero con massa al decollo uguale o maggiore di 25 kg.

Con riferimento alla prima ipotesi, per i sistemi APR utilizzati in operazioni di volo non critiche (vale a dire, quelle condotte in uno scenario operativo nel quale, in caso di malfunzionamenti, non si prevedono ragionevolmente danni a terzi) è stato introdotto il concetto di "autocertificazione" - conseguentemente, per tale tipo di operazioni, la responsabilità è lasciata all'operatore che valuta la criticità e l'idoneità del sistema. Le operazioni critiche (vale a dire, il sorvolo di aree congestionate o di infrastrutture industriali) sono invece autorizzate dall'ENAC, sulla base di accertamenti, che tengono conto della complessità del sistema e della criticità degli scenari operativi.

Con riferimento, invece, alla seconda ipotesi è sempre prevista una certificazione del mezzo aereo e una autorizzazione all'operatore aereo, indipendentemente dalla criticità delle operazioni di volo. Per tali mezzi, infatti, si mantiene la stessa tipologia di regolamentazione in uso per gli aeromobili tradizionali, certificazioni di aeronavigabilità e autorizzazione all'impiego.

In ogni caso, i piloti di APR devono essere maggiorenni e devono aver effettuato un programma di addestramento. Con specifico riferimento all'ipotesi di droni con massa al decollo uguale o maggiore di 25 kg, la qualificazione del pilota di un APR è soggetta a riconoscimento da parte dell'ENAC.

Inoltre, per operare i sistemi APR è necessario stipulare un'assicurazione concernente la responsabilità verso i terzi.

PI: Entrando nel merito del regolamento, la patente prevista come obbligatoria per chi vuole telecomandare tali velivoli è un mero strumento burocratico utile a fini fiscali o è agganciato ad un corso abilitativo ed è accompagnata a responsabilità aggiuntive?
R.P.: Non si tratta di un mero "strumento burocratico" ma anzi, il pilota di un APR deve avere conoscenza delle regole dell'aria applicabili e deve aver conseguito un programma di addestramento. In determinati casi, inoltre, la qualificazione del pilota di un APR è anche soggetta a riconoscimento da parte dell'ENAC.

PI: Quella della possibile invasione della quotidianità e della privacy di chiunque appare la questione più stringente da affrontare: tutti sembrano destinati a confrontarsi prima o poi con questa nuova tecnologia. Cosa prevede il Regolamento a riguardo?
R.P.: Ad oggi, in Italia, non esiste ancora una regolamentazione ad hoc che disciplini il trattamento dei dati personali e delle informazioni raccolte mediante l'impiego dei droni. Per di più, non si registrano ancora dei provvedimenti significativi e degni di rilevanza da parte del Garante per la protezione dei dati personali con riferimento a tale tema.

Tuttavia il regolamento non manca di approfondire le questioni legate alla protezione dei dati personali e delle informazioni degli individui eventualmente ripresi dagli UAV. In particolare l'art. 22 - rubricato "Protezione dei dati e privacy" - stabilisce che laddove le operazioni svolte attraverso APR possano comportare un trattamento di dati personali, tale circostanza dovrà essere menzionata nella documentazione sottoposta ai fini del rilascio della pertinente autorizzazione e, in particolare, che il trattamento dei dati personali deve essere effettuato in ogni caso nel rispetto del D. Lgs. n. 196/2003 - il Codice in materia di protezione dei dati personali - "con particolare riguardo all'utilizzo di modalità che permettano di identificare l'interessato solo in caso di necessità ai sensi dell'Art. 3 del Codice, nonché delle misure e degli accorgimenti a garanzia dell'interessato prescritti dal Garante per la protezione dei dati personali".

Nella relazione annuale sull'attività svolta nel corso del 2013 - a mesi dovremmo avere disponibile anche quella concernente il 2014 - il Garante sottolinea in ogni caso la rilevanza della propria attività a livello internazionale, in particolare a partire da quella svolta dal Gruppo delle Autorità per la privacy europee (c.d. "Gruppo Articolo 29") riguardo ai numerosi pareri e documenti adottati, fra le altre cose, anche in materia di trattamento dei dati personali svolto per mezzo dell'utilizzo dei droni.

PI: A parte il riferimento alla normativa relativa alla privacy, che cosa è previsto - per esempio - rispetto alla possibilità di fare panoramiche aeree riprendendo abitazioni, giardini privati, persone ecc.?
R.P.: Quel che si prevede nel Regolamento ENAC è che laddove le operazioni svolte attraverso un sistema APR possano comportare un trattamento di dati personali, una simile circostanza deve necessariamente essere menzionata nella documentazione che viene sottoposta ai fini del rilascio della pertinente autorizzazione dell'ENAC.
Conseguentemente, qualsiasi trattamento di dati personali dovrà essere effettuato nel rispetto della normativa privacy.

Per tutti gli altri profili diversi dalla protezione dei dati personali, si prevede che debbano essere rispettate, in generale, le regole dell'aria (si veda il "Regolamento dell'ENAC Regole dell'Aria").

PI: Quali sono le principali differenze - se ci sono - per quanto riguarda l'utilizzo dei droni in ambito pubblico, commerciale o privato? Come abbiamo visto dall'esperienza statunitense, i discorsi cambiano se si ha a che fare con piloti amatoriali, usi a livello industriale o impieghi innovativi in ambito commerciale, dove solo da ultimo aziende come Amazon hanno ricevuto permessi speciali per le loro sperimentazioni.
R.P.: Apparentemente, sembrerebbero non essere previste delle differenze.

PI: Dal momento che sono tecnologie potenzialmente in grado di generare un enorme mole di dati, sono state previste misure di data retention oltre a quelle per la privacy?
R.P.: Al momento, sembrerebbe non esserci alcuna specifica previsione normativa al riguardo e, conseguentemente, con riferimento ai dati personali eventualmente raccolti, devono necessariamente applicarsi i principi generali stabiliti dalla normativa sulla protezione dei dati personali.

PI: L'approccio italiano segue una linea esclusivamente nazionale o c'è la volontà di uniformare la materia a livello europeo?
R.P.: Sussiste certamente una volontà di uniformare la materia a livello europeo. Questa volontà è possibile evincerla, per esempio, dalla recentissima "Dichiarazione di Riga" sull'utilizzo dei droni, del 6 marzo 2015, che racchiude i principi e le linee guida alle quali dovranno attenersi le Autorità per l'aviazione civile dei paesi che fanno parte dell'Unione Europea.

Si pensi, poi, proprio al questionario inoltrato al Gruppo Articolo 29 dalla Commissione italiana DG Imprese e Industrie nell'ambito di un progetto volto a integrare tali mezzi nel piano di gestione del traffico aereo europeo (ATM-Air Traffic Management) al fine di aprire un confronto con le autorità di protezione dei dati europee sul tema e alla relativa comunicazione di risposta inviata nel dicembre 2013. A tal riguardo, nella propria relazione annuale il Garante dà atto del fatto che è stata predisposta ed inviata alla Commissione europea una risposta al questionario sugli aspetti di riservatezza e protezione dei dati correlati all'utilizzo dei droni in ambito pubblico, commerciale e privato inoltrato al Gruppo Articolo 29 nell'ambito di tale progetto. Il Garante, in qualità di rapporteur, ha raccolto le risposte fatte pervenire dalle diverse autorità e ha predisposto la lettera volta a sintetizzarne il contenuto e a richiamare l'attenzione su alcuni aspetti problematici del trattamento dei dati personali (base giuridica, informativa, titolarità del trattamento, etc.) effettuato attraverso i sempre più avanzati sistemi di rilevazione con cui tali mezzi possono essere equipaggiati (microfoni, telecamere ad alta risoluzione e/o per la visione termica notturna, strumenti per intercettare le comunicazioni wireless, etc.).

Non possiamo, dunque, che restare in attesa di una regolamentazione ad hoc che intervenga con specifico riferimento alla tutela dei dati personali e delle informazioni che i droni sarebbero in grado di raccogliere durante il loro utilizzo.

PI: Cosa ci si aspetta dal lavoro del "Gruppo Articolo 29"?
R.P.: Che possa esercitare in modo incisivo la propria funzione consultiva e che, con specifico riferimento all'utilizzo dei droni, sappia indirizzare il Legislatore europeo verso un'armonizzazione dei profili di tutela degli individui e di protezione dei dati personali.

a cura di Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàDroni, attacco-giocattolo alla Casa BiancaUn oggetto volante non identificato atterra nel giardino del Presidente. Obama è fuori sede ma i servizi segreti si impensieriscono lo stesso. L'uso degli UAV continua a far discutere e c'è chi ne fa un uso "creativo" ancorché illegale
  • AttualitàUSA, limiti per i droni sregolatiSi dovrà rispettare un regolamento preciso relativo al volo e alle sue modalità. Ma il quadro della FAA non risulta troppo restrittivo, fatta eccezione per gli UAV dedicati alle spedizioni
  • Digital LifeAlibaba, consegne al voloUna flotta di quadricotteri solcherà i cieli delle maggiori città cinesi per consegnare tè: in attesa di Amazon, una sperimentazione che non è nuova al paese asiatico
18 Commenti alla Notizia Droni, una ricognizione sulla legge
Ordina
  • Coma al solito si parla dei droni facendo riferimento alle sole regole che vanno adottate per chi ne fa un uso PROFESSIONALE, dando ad intendere alla gente che le uniche regole siano quelle.
    Il fatto che un drone cambi completamente classificazione e relative regole a seconda della destinazione d'uso non viene minimanente citato.

    Consiglio di leggersi il regolamento ENAC invece che questo articolo.
  • Burocrazia.
    Riconosco che in parte è giustificata, ma è lo stesso triste vederla sempre in azione, ingessando tutto e tutti, senza lasciare a nessuno la libertà e la conseguente responsabilità per le sue azioni.
    non+autenticato
  • Chi ha cattive intenzioni con i droni non chiede certo la licenza , poi
    non essendo registrati ( almeno per ora ) e oggetto di libero commercio sara' difficile affibbiare responsabilita' per incidenti o usi impropri ...
    non+autenticato
  • non si sa bene cosa fare: io ero curioso, potevo essere interessato a prendere un modello "da trastullo", più per gioco che per altro, ma non si capisce bene quali sono le regole, e se a breve potrebbero cambiare (trattandosi del nostro paese mi aspetterei in peggio, soprattutto per la confusione)
    Quindi per il momento rinuncio (soldi risparmiati)
  • - Scritto da: filobus
    > non si sa bene cosa fare: io ero curioso, potevo
    > essere interessato a prendere un modello "da
    > trastullo", più per gioco che per altro, ma non
    > si capisce bene quali sono le regole, e se a
    > breve potrebbero cambiare (trattandosi del nostro
    > paese mi aspetterei in peggio, soprattutto per la
    > confusione)

    Non farti illusioni su futuribili regole più permissive: nessuna autorità dell'aviazione, di nessun Paese, permetterà mai di far svolazzare oggetti più pesanti di un passerotto sulla testa della gente, quindi volo in città verboten.

    Forse le regole potrebbero diventare più restrittive... ma più restrittive di così!Sorride
  • no, più permissive non me l'aspettavo, più chiare forse
    non pensavo certo di farlo girare in città, ma un parco o un campo da calcio in città è fuori luogo? e in campagna ovunque o solo a tot km?

    se mai decidessi mi dovrei informare meglio., certo..
  • > no, più permissive non me l'aspettavo, più chiare
    > forse
    > non pensavo certo di farlo girare in città, ma un
    > parco o un campo da calcio in città è fuori
    > luogo?

    Direi proprio di sì. Che gusto c'è a far volare un apparecchio che, con alcuni modelli, si può allontanare di centinaia di metri dalla base, solo sulla verticale? È chiaro che dando il permesso di volo all'interno di questi luoghi si aprirebbe una fessura rapidamente evoluta in voragine.
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: filobus
    > > non si sa bene cosa fare: io ero curioso,
    > potevo
    > > essere interessato a prendere un modello "da
    > > trastullo", più per gioco che per altro, ma
    > non
    > > si capisce bene quali sono le regole, e se a
    > > breve potrebbero cambiare (trattandosi del
    > nostro
    > > paese mi aspetterei in peggio, soprattutto
    > per
    > la
    > > confusione)
    >
    > Non farti illusioni su futuribili regole più
    > permissive: nessuna autorità dell'aviazione, di
    > nessun Paese, permetterà mai di far svolazzare
    > oggetti più pesanti di un passerotto sulla testa
    > della gente, quindi volo in città
    > verboten.

    possono fare le leggi che gli pare, ma è chiaro come il sole che resteranno lettera morta a meno di non sguinzagliare un mare di poliziotti a rincorrere ogni singolo drone.
    Alla fine, piaccia o no, dopo infinite polemiche processi e ricorsi, si sancirà l'ovvio ovvero ognuno fa il ca**o che gli pare col suo drone finché non arreca danno a terzi.
    In questi casi non ci va la palla di cristallo...
    Funz
    13032
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: filobus
    > > > non si sa bene cosa fare: io ero
    > curioso,
    > > potevo
    > > > essere interessato a prendere un
    > modello
    > "da
    > > > trastullo", più per gioco che per
    > altro,
    > ma
    > > non
    > > > si capisce bene quali sono le regole, e
    > se
    > a
    > > > breve potrebbero cambiare (trattandosi
    > del
    > > nostro
    > > > paese mi aspetterei in peggio,
    > soprattutto
    > > per
    > > la
    > > > confusione)
    > >
    > > Non farti illusioni su futuribili regole più
    > > permissive: nessuna autorità dell'aviazione,
    > di
    > > nessun Paese, permetterà mai di far
    > svolazzare
    > > oggetti più pesanti di un passerotto sulla
    > testa
    > > della gente, quindi volo in città
    > > verboten.
    >
    > possono fare le leggi che gli pare, ma è chiaro
    > come il sole che resteranno lettera morta a meno
    > di non sguinzagliare un mare di poliziotti a
    > rincorrere ogni singolo
    > drone.
    > Alla fine, piaccia o no, dopo infinite polemiche
    > processi e ricorsi, si sancirà l'ovvio ovvero
    > ognuno fa il ca**o che gli pare col suo drone
    > finché non arreca danno a
    > terzi.
    > In questi casi non ci va la palla di cristallo...

    C'e' un termine tecnico internazionale ben preciso per indicare questo modo di procedere: "All'italiana".

    Si fa una legge che dice tutto e il contrario di tutto, alla quale non seguira' alcuna norma attuativa.
    Tutti faranno come gli pare, fino a che qualcuno non andra' a pestare i calli sbagliati, nel qual caso la legge vedra' una rigida applicazione ad personam.
  • Tutto quello che e' scritto qui sopra in quest'articolo e' relativo ai droni ad uso PROFESSIONALE, per quelli come dici tu "DA TRASTULLO" il drone non e' nemmeno piu' classificato come SAPR ma come AEROMODELLO, per cui puoi volare senza "patente", senza "corsi", senza assicurazione, rispettando solo l'altezza massima di 70 metri, l'uso nel raggio di visuale, lontano da aeroporti e in zone non popolate.


    - Scritto da: filobus
    > non si sa bene cosa fare: io ero curioso, potevo
    > essere interessato a prendere un modello "da
    > trastullo", più per gioco che per altro, ma non
    > si capisce bene quali sono le regole, e se a
    > breve potrebbero cambiare (trattandosi del nostro
    > paese mi aspetterei in peggio, soprattutto per la
    > confusione)
    > Quindi per il momento rinuncio (soldi risparmiati)
  • > Tutto quello che e' scritto qui sopra in
    > quest'articolo e' relativo ai droni ad uso
    > PROFESSIONALE, per quelli come dici tu "DA
    > TRASTULLO" il drone non e' nemmeno piu'
    > classificato come SAPR ma come AEROMODELLO,

    Guarda che la classificazione non la decidi tu, in base alla qualifica che tu vuoi dare all'uso.
    Le regole dell'ENAC sono relativamente nuove, ed è vero che gli aeroplanini telecomandati esistevano da molto prima. Tutto sta nel vedere se queste regole si applicano anche a quelli, oppure no. Non ad una fantomatica destinazione d'uso, che ognuno, in teoria, potrebbe cambiare a seconda delle convenienze.
  • E infatti chi l'ha detto che "lo decido io"?
    Lo stabilisce il regolamento ENAC, mica io:

    '-----
    4. Gli Aeromodelli non sono considerati aeromobili ai fini del loro assoggettamento alle previsioni del Codice della Navigazione e possono essere utilizzati esclusivamente per impiego ricreazionale e sportivo. Pur tuttavia, il presente Regolamento contiene specifiche disposizioni applicabili all’impiego degli aeromodelli a garanzia della sicurezza di cose e persone al suolo e degli altri mezzi aerei.
    '-----


    '-----
    Aeromodello: dispositivo aereo a pilotaggio remoto, senza persone a bordo, impiegato esclusivamente per scopi ricreativi e sportivi, non dotato di equipaggiamenti che ne permettano un volo autonomo, e che vola sotto il controllo visivo diretto e costante dell’aeromodellista, senza l’ausilio di aiuti visivi.
    '-----


    '-----
    Aeromobile a Pilotaggio Remoto (APR): mezzo aereo a pilotaggio remoto senza persone a bordo, non utilizzato per fini ricreativi e sportivi.
    '-----


    '-----
    Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto (SAPR): sistema costituito da un mezzo aereo
    (aeromobile a pilotaggio remoto) senza persone a bordo, non utilizzato per fini ricreativi e sportivi, e dai relativi componenti necessari per il controllo e comando da parte di un pilota remoto.
    '-----



    - Scritto da: Leguleio
    > > Tutto quello che e' scritto qui sopra in
    > > quest'articolo e' relativo ai droni ad uso
    > > PROFESSIONALE, per quelli come dici tu "DA
    > > TRASTULLO" il drone non e' nemmeno piu'
    > > classificato come SAPR ma come AEROMODELLO,
    >
    > Guarda che la classificazione non la decidi tu,
    > in base alla qualifica che tu vuoi dare
    > all'uso.
    > Le regole dell'ENAC sono relativamente nuove, ed
    > è vero che gli aeroplanini telecomandati
    > esistevano da molto prima. Tutto sta nel vedere
    > se queste regole si applicano anche a quelli,
    > oppure no. Non ad una fantomatica destinazione
    > d'uso, che ognuno, in teoria, potrebbe cambiare a
    > seconda delle
    > convenienze.
  • > E infatti chi l'ha detto che "lo decido io"?
    > Lo stabilisce il regolamento ENAC, mica io:
    >
    > '-----
    > 4. Gli Aeromodelli non sono considerati
    > aeromobili ai fini del loro assoggettamento alle
    > previsioni del Codice della Navigazione e possono
    > essere utilizzati esclusivamente per impiego
    > ricreazionale e sportivo. Pur tuttavia, il
    > presente Regolamento contiene specifiche
    > disposizioni applicabili all’impiego degli
    > aeromodelli a garanzia della sicurezza di cose e
    > persone al suolo e degli altri mezzi
    > aerei.
    > '-----

    Quindi alcune disposizioni valgono anche per gli aeromodelli. Scommetto proprio quella che disciplina il volo sopra i centri abitati, l'unica che interessa davvero.Sorride

    Magari non te ne fregherà nulla, ma una volta avevo chiesto a un amico se fosse necessaria la patente per guidare un trattore. "Sì" è stata la risposta "ma in mezzo ai campi chi ti controllerà mai?!?". Non ci avevo pensato, in effetti è un un caso tipico di obbligo facilissimamente eludibile.


    > Aeromodello: dispositivo aereo a pilotaggio
    > remoto, senza persone a bordo, impiegato
    > esclusivamente per scopi ricreativi e sportivi,
    > non dotato di equipaggiamenti che ne permettano
    > un volo autonomo, e che vola sotto il controllo
    > visivo diretto e costante dell’aeromodellista,
    > senza l’ausilio di aiuti
    > visivi.

    Facciamo uscire la discussione dal suo alveo teorico: degli APR si parla, e attorno a questi c'è interesse, perché diversi soggetti (preciso che Amazon non è stato il primo, il primato spetta probabilmente ad un'associazione studentesca australiana) sostengono di essere in grado di fare consegne a domicilio con questi esacotteri. Ora, che interesse commerciale potranno mai avere dei velivoli che si possono comandare solo a vista? Erano, e rimangono, giocattoli senza applicazioni pratiche, probabilmente l'ENAC fa anche bene a lasciarli fuori dalle sue regolamentazioni, nessuno li potrà mai impiegare per altro fuorché giocare.
    Se in futuro a questo giocattoli applicheranno delle videocamere che registrano in locale, e se il problema dovesse diventare generalizzato, l'ENAC proibirà anche questi giocattoli, senza opportuna autorizzazione. Non ci vuole molto a prevedere il futuro, in queste situazioni.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > E infatti chi l'ha detto che "lo decido io"?
    > > Lo stabilisce il regolamento ENAC, mica io:
    > >
    > > '-----
    > > 4. Gli Aeromodelli non sono considerati
    > > aeromobili ai fini del loro assoggettamento
    > alle
    > > previsioni del Codice della Navigazione e
    > possono
    > > essere utilizzati esclusivamente per impiego
    > > ricreazionale e sportivo. Pur tuttavia, il
    > > presente Regolamento contiene specifiche
    > > disposizioni applicabili all’impiego degli
    > > aeromodelli a garanzia della sicurezza di
    > cose
    > e
    > > persone al suolo e degli altri mezzi
    > > aerei.
    > > '-----
    >
    > Quindi alcune disposizioni valgono
    > anche
    per gli aeromodelli. Scommetto
    > proprio quella che disciplina il volo sopra i
    > centri abitati, l'unica che interessa davvero.
    >Sorride

    Certo, le regole che ho scritto fin dal primo messaggio.

    > Magari non te ne fregherà nulla, ma una volta
    > avevo chiesto a un amico se fosse necessaria la
    > patente per guidare un trattore. "Sì" è stata la
    > risposta "ma in mezzo ai campi chi ti controllerà
    > mai?!?". Non ci avevo pensato, in effetti è un un
    > caso tipico di obbligo facilissimamente eludibile

    Non vedo il nesso. In mezzo ai campi, come aeromodellista, per volare non serve nulla, non perché non ti controllano ma perché lo dice il regolamento.


    > Facciamo uscire la discussione dal suo alveo
    > teorico: degli APR si parla, e attorno a questi
    > c'è interesse, perché diversi soggetti (preciso
    > che Amazon non è stato il primo, il primato
    > spetta probabilmente ad un'associazione
    > studentesca australiana) sostengono di essere in
    > grado di fare consegne a domicilio con questi
    > esacotteri.

    Dissento, degli "APR" si parla anzitutto a sproposito perché (e ho ascritto apposta per questo), si fa disinformazione dicendo che "tutto e' APR" (cosa dico nel mio primo messaggio?), poi se ne parla perché si sono abbassati i costi e quindi sono piu' diffusi, e infine se ne parla cosi' tanto per dire qualcosa, stile "letture sotto l'ombrellone", perché le cosiddette consegne di amazon con i droni erano 1) il pesce d'aprile dell'anno scorso 2) un modo per far parlare di amazon 3) qualcosa di attualmente inconcepibile visto il traffico aereo che si verrebbe a creare.

    >Ora, che interesse commerciale
    > potranno mai avere dei velivoli che si possono
    > comandare solo a vista? Erano, e rimangono,
    > giocattoli senza applicazioni pratiche,
    > probabilmente l'ENAC fa anche bene a lasciarli
    > fuori dalle sue regolamentazioni, nessuno li
    > potrà mai impiegare per altro fuorché giocare.

    Muove piu' soldi il "gioco" che le cosiddette "applicazioni commerciali". La vendita di un gioco non e' una applicazione commerciale? Chiaramente del venditore, non dell'acquirente. L'ultima notizia e' che i droni della DJI sono approdati nei supermercati (http://www.dronezine.it/13710/da-oggi-i-droni-dji-.../), a parte i giocattolosi PARROT da sempre nei MediaWorld, ora i DJI si vendono proprio ovunque.

    Per cui, ribadisco il motivo per cui ho scritto la mia risposta e cosa voglio sottolineare con la mia risposta: quando si parla di droni e si pretende di farlo "seriamente" (qui addirittura intervista all'avvocato....) non si puo' far finta che tutti i droni siano APR con tutte le infinite regole del caso, i droni possono essere sia APR che AEROMODELLI e hanno regole diverse. In sostanza questo articolo non informa ma disinforma e prova ne e' il fatto che qui sopra ci sia qualcuno che dica "eh ma se devo sottostare a tutte queste regole allora io che ci voglio solo giocare e' meglio che non lo copro".


    > Se in futuro a questo giocattoli applicheranno
    > delle videocamere che registrano in locale, e se
    > il problema dovesse diventare generalizzato,
    > l'ENAC proibirà anche questi giocattoli, senza
    > opportuna autorizzazione. Non ci vuole molto a
    > prevedere il futuro, in queste
    > situazioni.