Claudio Tamburrino

Privacy, nessuna indagine italiana contro Facebook

L'Ufficio del Garante per la Privacy ha smentito alla redazione di Punto Informatico il coinvolgimento dell'Italia nell'istruttoria di alcuni paesi europei contro il social network. A differenza di quanto ha sostenuto il Wall Street Journal

Roma - L'Ufficio del Garante per la privacy ha smentito a Punto Informatico il coinvolgimento dell'autorità italiana nell'indagine portata avanti da alcuni paesi europei per presunta violazioni perpetrate da Facebook nella raccolta e nella gestione dei dati dei suoi utenti.

La notizia era trapelata attraverso una fonte del Wall Street Journal, rilanciata anche da quotidiani italiani: nei confronti della gestione della privacy degli utenti da parte di Facebook, secondo le indiscrezioni, si sarebbero attivati i Garanti per la privacy di diversi paesi europei tra cui Francia, Spagna ed Italia.

Stando a quanto riferisce il giornale statunitense, i tre paesi si sarebbero uniti per investigare nel quadro delle indagini relative alla politiche sulla privacy adottate dal social network nei confronti degli oltre 300 milioni di utenti europei, portati avanti negli scorsi mesi da Germania, Olanda e Belgio.
Il Belgio, in particolare, aveva approfondito nelle scorse settimane le possibili violazioni alla normativa europea di riferimento dell'ultima revisione delle policy relative alla privacy, e ha rilevato che Facebook sarebbe in grado di raccogliere dati dai siti che ospitano i suoi tasti social (per i "mi piace" ed i commenti), oltre a riservarsi il diritto di aggregare i dati raccolti dal social network, da Whatsapp e da Instagram, al fine di predisporre messaggi pubblicitari mirati. Tuttavia il tutto si inserisce in un'iniziativa di respiro europeo che vede Facebook analizzata da cima a fondo per la sua policy in materia di trattamento dei dati degli utenti.

La notizia del Wall Street Journal, relativa al coinvolgimento diretto di Francia, Spagna ed Italia, è stata in primo luogo ridimensionata da Facebook, che riferisce di non avere ricevuto alcuna notifica dalle autorità di questi paesi.
Contattato da Punto Informatico, inoltre, anche l'Ufficio del Garante per la privacy italiano ha smentito la notizia, riferendo di non far parte del gruppo, costituito da Germania, Olanda e Belgio, che sta approfondendo la situazione del social network, e di "non avere istruttorie indipendenti aperte nei confronti di Facebook".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • SicurezzaFacebook, l'ultimatum del Garante PrivacyIl Garante italiano scrive al social network per chiedere chiarimenti sulla gestione dei dati dopo il bug da 6 milioni di account. Le conseguenze della falla potrebbero essere ben peggiori di quanto affermato dal sito in blu
  • AttualitàPrivacy, tutti contro FacebookA non piacere, la gestione della privacy offerta dal social network: Max Schrems torna ad agire ricorrendo alla giustizia europea ed invocando la partecipazione degli utenti di tutto il mondo
  • AttualitàPrivacy, trasparenza sulle violazioni europeeOperatori di telecomunicazioni e provider dovranno avvisare le singole autoritÓ nazionali entro 24 ore dal furto o dalla compromissione dei dati personali degli utenti comunitari
8 Commenti alla Notizia Privacy, nessuna indagine italiana contro Facebook
Ordina