Claudio Tamburrino

Microsoft al tavolo dei pagamenti mobile

Anche Redmond si mostra interessata a costruire la propria piattaforma di pagamenti elettronici e mobile. Il servizio potrebbe mostrarsi con l'avvento di Windows 10

Roma - Microsoft ha fatto richiesta - attraverso un'azienda di nuova costituzione chiamata Microsoft Payment - alla Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) per operare come intermediario per il trasferimento di denaro in diversi Stati degli USA: si tratta di una prova dell'interessamento di Redmond a muovere i primi passi sul nuovo terreno di conquista dei pagamenti via smartphone.

Il mercato pagamenti senza contanti alternativi alle carte di credito è in fibrillazione da quando Cupertino ha giocato la carta del suo Apple Pay: spettatrice del successo del sistema associato all'ultima versione del sistema operativo con la Mela, Mountain View si è convinta ad aggiornate l'ambiente creato intorno a Google Wallet, che pur essendo un pioniere del settore non ha mai attecchito con successo.

Per farlo Mountain View ha rilanciato i suoi sforzi, investendo su altri servizi e startup da cui attingere spunti, brevetti ed applicazioni, ma soprattutto estendendo le alleanze in ottica della diffusione: proprio la mancanza di impetuosi effetti di rete è stata individuata da Google come una delle cause del fallimento iniziale.
Gli acerrimi avversari Google ed Apple non sono gli unici a scommettere sul settore: da ultimo anche Facebook ha avanzato l'ipotesi di utilizzare il suo Messenger per i pagamenti, mentre Samsung ha acquistato LoopPay per offrire un proprio servizio e diversi altri soggetti stanno cercando di estrarre dal cilindro l'idea vincente per imporsi definitivamente.

Microsoft starebbe sviluppando la sua piattaforma per i pagamenti mobile che potrebbe fare il suo esordio nei prossimi dispositivi Windows 10. Un altro indizio della sua strategia è il supporto ad Host Card Emulation (HCE), un metodo per gestire a mezzo software il trasferimento di informazioni relative alle carte di credito: una tecnologia adottata anche dai device Android per scambiare i segnali NFC ai terminali.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessGoogle e le bollette pagate via GmailUn nuovo progetto di Mountain View per consentire i pagamenti via email. Un'idea che ben si integra con le sue ambizioni da intermediario per i pagamenti elettronici
  • AttualitàGoogle scommette sul PayMountain View ufficializza i nuovi piani per i pagamenti mobile, ed il settore si infiamma anche grazie ai nuovi investimenti di PayPal
  • Digital LifePrimo aprile, il mondo che la Rete vorrebbeTra i pesci d'aprile di quest'anno fanno leva sulle tendenze del momento, tra selfie, pagamenti contactless ed auto che si guidano da sole. In anticipo su tutti Google abbatte la produttività degli uffici con Pacman su Maps, mentre Microsoft reinventa MS-DOS Mobile