Gaia Bottà

Office e Dropbox, sempre più vicini

Microsoft consente di lavorare con Office Online su documenti ospitati su Dropbox, aprendo il fronte dell'integrazione anche nel browser

Roma - L'integrazione tra la suite di produttività di Microsoft e il popolare servizio per lo stoccaggio e la condivisione di file non si espleta solo nelle applicazioni mobile: Dropbox e Office Online sono pronti a lavorare appaiati anche nel browser.


Dopo l'accordo annunciato nel mese di novembre, con il quale Microsoft ha dichiaratamente rinunciato ai favoritismi rispetto al proprio servizio OneDrive a favore di una più produttiva interoperabilità degli strumenti Office, si è aperto un nuovo fronte di integrazione: Office Online e Dropbox possono essere collegati reciprocamente per modificare documenti che risiedono su Dropbox e per salvare documenti Office sul servizio cloud, direttamente nel browser.


Se è possibile modificare e salvare agevolmente documenti rimbalzando tra le due piattaforme, nell'integrazione fra i due servizi mancano gli strumenti atti alla collaborazione fra utenti disponibili per gli abbonati di Office 365: è possibile linkare un file, che il destinatario può limitarsi a scaricare.
Dropbox offre ora ai propri utenti la possibilità di elaborare i documenti in maniera semplice, nel quadro della propria piattaforma con gli strumenti Microsoft; Microsoft, dal canto suo, non rinuncia alla possibilità di offrire un accesso privilegiato a Office Online anche a coloro che non fruiscano dei suoi servizi di storage. A partire dal mese di novembre, riferisce Dropbox, sono oltre 35 miliardi i documenti Office stoccati sulla sua piattaforma.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaOffice attinge alle nuvole altruiLe app iOS di Word, Excel e PowerPoint consentono ora di aprire documenti conservati su iCloud e Box: Microsoft vede il futuro di Office nell'integrazione con un numero sempre maggiore di servizi
  • TecnologiaPiù Office per tuttiMicrosoft libera le app per iOS e apre le porte alla beta per Android. Novità ci saranno presto anche per Windows 10 e i dispositivi touch basati sul sistema operativo di Redmond
  • BusinessMicrosoft e Dropbox, accordo tra le nuvoleA sorpresa le due aziende annunciano una partnership onnicomprensiva. Che garantirà agli utenti di Office l'accesso al cloud storage di Dropbox e viceversa
7 Commenti alla Notizia Office e Dropbox, sempre più vicini
Ordina
  • "A partire dal mese di novembre, riferisce Dropbox, sono oltre 35 miliardi i documenti Office stoccati sulla sua piattaforma".

    Come fa Dropbox a distinguere nettamente fra documenti Office e non Office?
  • - Scritto da: Leguleio
    > "A partire dal mese di novembre, riferisce
    > Dropbox, sono oltre 35 miliardi i documenti
    > Office stoccati sulla sua
    > piattaforma
    ".
    >
    > Come fa Dropbox a distinguere nettamente fra
    > documenti Office e non
    > Office?

    Hanno contato tutti i .doc, i .xls, i .pps eccetera, no? Con la lingua fuori
  • - Scritto da: anverone99
    > - Scritto da: Leguleio
    > > "A partire dal mese di novembre, riferisce
    > > Dropbox, sono oltre 35 miliardi i documenti
    > > Office stoccati sulla sua
    > > piattaforma
    ".
    > >
    > > Come fa Dropbox a distinguere nettamente fra
    > > documenti Office e non
    > > Office?
    >
    > Hanno contato tutti i .doc, i .xls, i .pps
    > eccetera, no?
    >Con la lingua fuori
    Ahò, non sono mica tutti 'nformatici come te !
    non+autenticato
  • - Scritto da: anverone99
    > - Scritto da: Leguleio
    > > " A partire dal mese di novembre, riferisce
    > > Dropbox, sono oltre 35 miliardi i documenti
    > > Office stoccati sulla sua
    > > piattaforma
    ".
    > >
    > > Come fa Dropbox a distinguere nettamente fra
    > > documenti Office e non
    > > Office?
    >
    > Hanno contato tutti i .doc, i .xls, i .pps
    > eccetera, no?
    >Con la lingua fuori

    È una maniera rozza di classificare i file. Ognuno può dare l'estensione che vuole, i programmi lo leggono lo stesso. E poi un file Office compresso come lo riconoscono?
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: anverone99
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > " A partire dal mese di
    > novembre,
    > riferisce
    > > > Dropbox, sono oltre 35 miliardi i
    > documenti
    > > > Office stoccati sulla sua
    > > > piattaforma
    ".
    > > >
    > > > Come fa Dropbox a distinguere
    > nettamente
    > fra
    > > > documenti Office e non
    > > > Office?
    > >
    > > Hanno contato tutti i .doc, i .xls, i .pps
    > > eccetera, no?
    > >Con la lingua fuori
    >
    > È una maniera rozza di classificare i file.
    > Ognuno può dare l'estensione che vuole, i
    > programmi lo leggono lo stesso. E poi un file
    > Office compresso come lo
    > riconoscono?

    Allora vuol dire che le stime sono al ribasso se non hanno conteggiato i .doc zippati e/o rarati. A bocca aperta
  • Comando 'file', questo sconosciuto...
    http://linux.die.net/man/1/file

    :)
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: anverone99
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > " A partire dal mese di
    > novembre,
    > riferisce
    > > > Dropbox, sono oltre 35 miliardi i
    > documenti
    > > > Office stoccati sulla sua
    > > > piattaforma
    ".
    > > >
    > > > Come fa Dropbox a distinguere
    > nettamente
    > fra
    > > > documenti Office e non
    > > > Office?
    > >
    > > Hanno contato tutti i .doc, i .xls, i .pps
    > > eccetera, no?
    > >Con la lingua fuori
    >
    > È una maniera rozza di classificare i file.
    > Ognuno può dare l'estensione che vuole, i

    ma quale percentuale degli utenti fa una cosa del genere? Lo zero virgola zerozerozeroqualcosa?
    Poi non c'è solo Windows, il formato di un file si può desumere anche senza estensione.

    > programmi lo leggono lo stesso. E poi un file
    > Office compresso come lo
    > riconoscono?

    Se l'archivio non è criptato, non c'è differenza.
    Funz
    12917