Gaia Bottà

Kim Dotcom tradito dalla velocità

Il fondatore di Megaupload potrebbe dover lasciare la Nuova Zelanda, ancora prima della decisione della giustizia locale a proposito della sua estradizione verso gli States. Galeotta fu la guida pericolosa

Roma - Erano gli anni d'oro di Megaupload quando Kim Dotcom era stato visto sfrecciare a 149 chilometri orari a bordo della sua Mercedes AMG, in un tratto di strada dove vige il limite di 50 chilometri orari. Era stato inseguito dalla polizia fino alla propria villa neozelandese: Dotcom aveva ammesso l'errore e aveva pagato la multa. Lo sgarro commesso nel 2009 potrebbe ora costargli l'espulsione dalla Nuova Zelanda, e ripercuotersi sul procedimento con il quale sta tentando di sfuggire all'estradizione verso gli Stati Uniti, dove è atteso per essere giudicato per la presunta violazione delle leggi sul copyright.


Il motivo per cui l'eccesso di velocità potrebbe costargli caro è la mancata dichiarazione delle proprie colpe nei documenti per ottenere la cittadinanza neozelandese, documenti che aveva depositato presso l'ufficio immigrazione nel 2010, 8 mesi dopo la multa.
Kim Dotcom si è dichiarato vittima di un'incomprensione con i legali che lo hanno assistito nella compilazione della richiesta, e il Ministero dell'Immigrazione neozelandese valuterà la sua pratica nel corso di questo mese: potrebbe decidere per l'espulsione del fondatore di Megaupload.

Dotcom potrebbe essere riconsegnato alla Finlandia o alla Germania, dove detiene la cittadinanza. Non è chiaro come l'eventuale espulsione possa influire sul confronto in tribunale in corso per decidere della sua estradizione verso gli States, ripetutamente rimandato e ora fissato per il mese di giugno.

Nel frattempo le autorità degli Stati Uniti si sono legalmente aggiudicate tutti i beni sequestrati a Dotcom, tecnicamente ritenuto un fuggitivo. In fuga per reati per cui deve ancora essere giudicato.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, la prima condannaIl tecnico Andrus Nomm, dopo essersi consegnato alla giustizia statunitense, ha patteggiato. Sconterà un anno di carcere per aver violato la legge che tutela il copyright
  • AttualitàMegaupload, arresto statunitenseIl capo della divisione tecnica della piattaforma di file hosting è stato arrestato negli Stati Uniti. Era stato fermato nei Paesi Bassi nel 2012 ed era in attesa di discutere della sua estradizione
  • AttualitàMegaupload, il raid era legaleIl mandato che nel 2012 ha ordinato la perquisizione dell'abitazione di Kim Dotcom era valido, anche se non supportato da accuse precise. La decisione della Corte Suprema neozelandese
19 Commenti alla Notizia Kim Dotcom tradito dalla velocità
Ordina
  • e poi ci si chiede perche non sono amati gli azzeccagarbugli e l'MPAA.... pure techdirt (ameregano) dice chiaro "If that sounds insane, you're absolutely right.".... capriole legali impressionanti per pappare i beni ad un innocente e farlo estradare nella madrepadria di MPAA...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > e poi ci si chiede perche non sono amati gli
    > azzeccagarbugli e l'MPAA.... pure techdirt
    > (ameregano) dice chiaro "If that sounds insane,
    > you're absolutely right.".... capriole legali
    > impressionanti per pappare i beni ad un innocente
    > e farlo estradare nella madrepadria di
    > MPAA...

    Ma quale innocente?
    Tonnellate di dollari arraffati a sbafo di contenuti altrui secondo te fanno di kimdotpanzer un innocente ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo Certo

    > Ma quale innocente?
    > Tonnellate di dollari

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo Certo
    > - Scritto da: bubba
    > > e poi ci si chiede perche non sono amati gli
    > > azzeccagarbugli e l'MPAA.... pure techdirt
    > > (ameregano) dice chiaro "If that sounds
    > insane,
    > > you're absolutely right.".... capriole
    > legali
    > > impressionanti per pappare i beni ad un
    > innocente
    > > e farlo estradare nella madrepadria di
    > > MPAA...
    >
    > Ma quale innocente?
    come quale? quello che non e' mai stato condannato. O ti risulta che la megaoperazione internazionale contro il panzone abbia portato a una sua condanna?
    non+autenticato
  • Che sia innocente l'hai stabilito tu?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Che sia innocente l'hai stabilito tu?

    Eccerto bro, in 3 anni le uniche cose interessanti emerse sono i legami tra l'industria dei contenuti e la politica, mentre tutto ciò che riescono a trovare per cercare di arrivare ad una condanna per lui è la guida per eccesso di velocità Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • devi dichiarare nella richiesta di cittadinanza anche se hai preso una multa

    da noi invece...
    non+autenticato
  • > devi dichiarare nella richiesta di cittadinanza
    > anche se hai preso una
    > multa

    Se hai ricevuto una condanna. Ecco il testo del modulo per la richiesta di cittadinanza:

    " Have you or your family members included in your application ever been ... convicted of an offence (including a traffic offence) committed in the last five years involving dangerous driving ".

    Tratto da qui:

    http://www.odt.co.nz/news/national/321740/offence-...
  • Col "common law" non si scherza... una dichiarazione mendace, sia anche una multa, comporta la perdita di fiducia dello Stato nei confronti del cittadino.... da noi sono i cittadini che non hanno fiducia dello Stato!
    non+autenticato
  • ok, ma agli irreperibili che si sa in vita da qualche parte si sequestra tutto ? non mi pare.
    cioe' l'uomo non ispira simpatia ma questa storia sembra arrogante persecuzione.-


    il codice antipam dura troppo poco
    non+autenticato
  • > ok, ma agli irreperibili che si sa in vita da
    > qualche parte si sequestra tutto ? non mi
    > pare.

    Si sequestra tutto quanto sotto la giurisdizione Usa. È chiaro che nulla possono sequestrare di quanto detenuto in Nuova Zelanda o in altri Stati in cui Kim Dotcom ha beni.
    È un sequestro preventivo. Non è una confisca.



    > cioe' l'uomo non ispira simpatia ma questa storia
    > sembra arrogante
    > persecuzione.-

    Il sistema giudiziario è arrogante persecuzione, ovunque nel mondo, e per ogni reato.
    Nessuno se ne rende conto fino al giorno in cui vi rimane invischiato.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 aprile 2015 11.28
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Leguleio

    > Il sistema giudiziario è arrogante persecuzione,
    > ovunque nel mondo, e per ogni
    > reato.
    > Nessuno se ne rende conto fino al giorno in cui
    > vi rimane
    > invischiato.

    Non c'e' alcun bisogno di aspettare tanto.
    Basta leggere la cronaca:

    http://www.repubblica.it/esteri/2015/04/20/news/fb.../

    Decidono a priori chi e' colpevole, poi falsficano le prove, e infine tengono un regolare processo basato su prove false.

    Con quale faccia osi negare che si tratti di arrogante persecuzione?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Leguleio
    >
    > > Il sistema giudiziario è arrogante
    > persecuzione,
    > > ovunque nel mondo, e per ogni
    > > reato.
    > > Nessuno se ne rende conto fino al giorno in
    > cui
    > > vi rimane
    > > invischiato.
    >
    > Non c'e' alcun bisogno di aspettare tanto.
    > Basta leggere la cronaca:
    >
    > http://www.repubblica.it/esteri/2015/04/20/news/fb
    >
    > Decidono a priori chi e' colpevole, poi
    > falsficano le prove, e infine tengono un regolare
    > processo basato su prove
    > false.
    >
    > Con quale faccia osi negare che si tratti di
    > arrogante
    > persecuzione?

    Dove hai trovato il termine "negare", scusa?!?

    Il tuo problema è che il mondo per te finisce con l'informatica, non esiste nulla al di fuori di essa e al di sopra di essa.
    Queste cose succedono tutti i giorni, molte volte al giorno, contro tutti i cittadini, per tutti i tipi di reato. Solo i tuoi paraocchi ti fanno vedere solo quelli dell'FBI... perché l'accusa contro Dotcom proviene dal DoJ e dall'FBI. Se provenisse dalla polizia di Tonga, avresti messo un link che denuncia gli abusi della polizia di Tonga.
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Leguleio
    > >
    > > > Il sistema giudiziario è arrogante
    > > persecuzione,
    > > > ovunque nel mondo, e per ogni
    > > > reato.
    > > > Nessuno se ne rende conto fino al
    > giorno
    > in
    > > cui
    > > > vi rimane
    > > > invischiato.
    > >
    > > Non c'e' alcun bisogno di aspettare tanto.
    > > Basta leggere la cronaca:
    > >
    > >
    > http://www.repubblica.it/esteri/2015/04/20/news/fb
    > >
    > > Decidono a priori chi e' colpevole, poi
    > > falsficano le prove, e infine tengono un
    > regolare
    > > processo basato su prove
    > > false.
    > >
    > > Con quale faccia osi negare che si tratti di
    > > arrogante
    > > persecuzione?
    >
    > Dove hai trovato il termine "negare", scusa?!?

    Maldestramente celato dietro un velo di sarcasmo.

    > Il tuo problema è che il mondo per te finisce con
    > l'informatica, non esiste nulla al di fuori di
    > essa e al di sopra di essa.

    C'e' un "per te" di troppo. E non e' affatto un problema.

    > Queste cose succedono tutti i giorni, molte volte
    > al giorno, contro tutti i cittadini, per tutti i
    > tipi di reato. Solo i tuoi paraocchi ti fanno
    > vedere solo quelli dell'FBI... perché l'accusa
    > contro Dotcom proviene dal DoJ e dall'FBI.

    Guarda che io so qua che dico proprio che avvengono sempre, e dovunque.
    Dove hai letto che io vedo solo quelli dell'FBI?

    > Se
    > provenisse dalla polizia di Tonga, avresti messo
    > un link che denuncia gli abusi della polizia di
    > Tonga.

    Non ti vanno bene piu' neanche le prove, adesso?
  • > > Dove hai trovato il termine "negare",
    > scusa?!?
    >
    > Maldestramente celato dietro un velo di sarcasmo.

    Qui siamo alla paranoia spinta. Non commento.


    > > Il tuo problema è che il mondo per te
    > finisce
    > con
    > > l'informatica, non esiste nulla al di fuori
    > di
    > > essa e al di sopra di essa.
    >
    > C'e' un "per te" di troppo. E non e' affatto un
    > problema.

    Ecco, come volevasi dimostrare.


    > Non ti vanno bene piu' neanche le prove, adesso?

    Vanno benissimo, invece. Solo che scopri l'acqua calda. Davvero credi che sia il primo caso in cui l'FBI è stata sorpresa ad alterare prove? E che lo faccia solo l'FBI?
    Tra l'altro questo caso particolare è ancora sotto indagine, aspetta a correre alle conclusioni.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Tra l'altro questo caso particolare è ancora
    > sotto indagine, aspetta a correre alle
    > conclusioni.

    Io non corro a nessuna conclusione.
    Faccio solo notare come, visti i precedenti menzogneri, il testimone d'accusa sia da considerarsi inaffidabile.
  • > > Tra l'altro questo caso particolare è ancora
    > > sotto indagine, aspetta a correre alle
    > > conclusioni.
    >
    > Io non corro a nessuna conclusione.
    > Faccio solo notare come, visti i precedenti
    > menzogneri, il testimone d'accusa sia da
    > considerarsi
    > inaffidabile.

    Ha i pieni poteri anche con questa considerazione su PI.
    Come tutte le procure italiane e del mondo, del resto.
  • "Nel frattempo le autorità degli Stati Uniti si sono legalmente aggiudicate tutti i beni sequestrati a Dotcom, tecnicamente ritenuto un fuggitivo. In fuga per reati per cui deve ancora essere giudicato".


    Poiché è già accaduto in passato che qualcuno si indignasse in buona fede ma in base ad informazioni sbagliate, riprendo qui la questione dell'inglese fugitive. Ecco la definizione legale:

    "one who having committed or being accused of a crime in one jurisdiction is absent for any reason from that jurisdiction"

    http://www.merriam-webster.com/dictionary/fugitive...

    Non significa quindi necessariamente fuggitivo o fuggiasco, con tutta la connotazione negativa che hanno le due parole. È un falso amico. Il termine italiano più vicino a questa definizione è latitante, o meglio irreperibile.
    Chiunque è irreperibile dopo che è stato spiccato un ordine di arresto e prima che la polizia lo trovi. È una qualifica tecnica.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Poiché è già accaduto in passato che qualcuno si
    > indignasse in buona fede

    sai cosa dicevano i latini?
    " Excusatio non petita, accusatio manifesta "

    E infatti eri proprio TU a non credere al termine 'fugitive', come si evince dalla tua affermazione:
    " Mi indichi una comunicazione del Dipartimento di giustizia Usa, o, in ogni caso, una fonte governativa di prima mano, che definisce Kim Dotcom " fugitive "?
    Grazie
    ."

    E infatti poi abbiamo scoperto che OGNI testata giornalistica anglofona ha usato CORRETTAMENTE il termine fugitive.
    Buon bagno di umiltà (cit.)
    non+autenticato