Alfonso Maruccia

Aaron's Law, l'hacking è cambiato

I politici nordamericani di buona volontà provano ancora una volta a riformare la stantia legge contro i crimini informatici sulla base della quale era stato accusato Aaron Swartz. La speranza è che la nuova proposta non faccia la fine della precedente, affossata dalla politica

Roma - Uno sparuto gruppo di Congressman capitanati dal senatore democratico Ron Wyden propone la cosiddetta Aaron's Law, una riforma pensata per modificare in maniera radicale il Computer Fraud and Abuse Act (CFAA) e rimettere la legge anti-hacking americana al passo coi tempi dopo più di 30 anni di norme anacronistiche.

La proposta di riforma del CFAA si ispira in maniera palese alla storia tragica di Aaron Swartz, programmatore e attivista che nel 2013 ha preferito suicidarsi piuttosto che rischiare di finire in galera per decenni a causa dell'applicazione senza se e senza ma delle misure punitive previste dalla legge.

La Aaron's Law riforma il CFAA definendo più chiaramente come va inteso l'"accesso non autorizzato" ai sistemi informatici, delineando la differenza tra la violazione dei termini di servizio (il "crimine" commesso dal succitato Swartz) e l'azione di hacking/cracking vera e propria.
Il CFAA è stato fin qui utilizzato per deliberare su questioni sempre meno pertinenti all'hacking che la legge dovrebbe sovrintendere, e la Aaron's Law rappresenta il nuovo tentativo per ripristinare l'impostazione originaria tenendo in debita considerazione il fatto che, diversamente da 30 anni fa, oggi esistono Internet e il codice malevolo, e che la pratica dell'"hacking" non è più classificabile come una semplice azione illegale contro servizi e sistemi interconnessi.

Altra questione importante che la Aaron's Law si incarica di trattare è quella della proporzionalità delle pene, che è appunto la causa principale del suicidio dell'attivista a cui la proposta di riforma del CFAA si ispira.

Il tentativo di Wyden e colleghi dovrà ora fare i conti con il Congresso americano, che ha già affossato la precedente proposta di riforma risalente al 2013.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
16 Commenti alla Notizia Aaron's Law, l'hacking è cambiato
Ordina
  • "Il tentativo di Wyden e colleghi dovrà ora fare i conti con il Congresso americano, che ha già affossato la precedente proposta di riforma risalente al 2013".

    Se come detto all'inizio dell'articolo il gruppo che appoggia questa proposta è "sparuto", per quanto bipartitico, come fanno ad ottenere la maggioranza?
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Il tentativo di Wyden e colleghi dovrà ora
    > fare i conti con il Congresso americano, che ha
    > già affossato la precedente proposta di riforma
    > risalente al
    > 2013
    ".
    >
    > Se come detto all'inizio dell'articolo il gruppo
    > che appoggia questa proposta è "sparuto", per
    > quanto bipartitico, come fanno ad ottenere la
    > maggioranza?

    Curioso.
    Proprio le stesse esatte parole che il rappresentante della maggioranza bianca sudista rivolse al neo eletto al congresso Abramo Lincoln, quando questo mise sul tavolo la questione della schiavitu'.
  • > > " Il tentativo di Wyden e colleghi
    > dovrà
    > ora
    > > fare i conti con il Congresso americano, che
    > ha
    > > già affossato la precedente proposta di
    > riforma
    > > risalente al
    > > 2013
    ".
    > >
    > > Se come detto all'inizio dell'articolo il
    > gruppo
    > > che appoggia questa proposta è "sparuto", per
    > > quanto bipartitico, come fanno ad ottenere la
    > > maggioranza?
    >
    > Curioso.
    > Proprio le stesse esatte parole che il
    > rappresentante della maggioranza bianca sudista
    > rivolse al neo eletto al congresso Abramo
    > Lincoln, quando questo mise sul tavolo la
    > questione della
    > schiavitu'.

    Cosa scrisse il rappresentante della maggioranza bianca sudista? E soprattutto, chi era?
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > " Il tentativo di Wyden e
    > colleghi
    > > dovrà
    > > ora
    > > > fare i conti con il Congresso
    > americano,
    > che
    > > ha
    > > > già affossato la precedente proposta di
    > > riforma
    > > > risalente al
    > > > 2013
    ".
    > > >
    > > > Se come detto all'inizio dell'articolo
    > il
    > > gruppo
    > > > che appoggia questa proposta è
    > "sparuto",
    > per
    > > > quanto bipartitico, come fanno ad
    > ottenere
    > la
    > > > maggioranza?
    > >
    > > Curioso.
    > > Proprio le stesse esatte parole che il
    > > rappresentante della maggioranza bianca
    > sudista
    > > rivolse al neo eletto al congresso Abramo
    > > Lincoln, quando questo mise sul tavolo la
    > > questione della
    > > schiavitu'.
    >
    > Cosa scrisse il rappresentante della maggioranza
    > bianca sudista? E soprattutto, chi
    > era?

    Disse: "Non avete il 50%+1!"
  • > > Cosa scrisse il rappresentante della
    > maggioranza
    > > bianca sudista? E soprattutto, chi
    > > era?
    >
    > Disse: "Non avete il 50%+1!"

    Hai dei libri di storia scritti su misura per te. Asterix è più rigoroso.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > Cosa scrisse il rappresentante della
    > > maggioranza
    > > > bianca sudista? E soprattutto, chi
    > > > era?
    > >
    > > Disse: "Non avete il 50%+1!"
    >
    > Hai dei libri di storia scritti su misura per te.
    > Asterix è più
    > rigoroso.

    Disse: "You're four cats, how do you win?"
    Chi era non è importante.
  • > > > > Cosa scrisse il rappresentante della
    > > > maggioranza
    > > > > bianca sudista? E soprattutto, chi
    > > > > era?
    > > >
    > > > Disse: "Non avete il 50%+1!"
    > >
    > > Hai dei libri di storia scritti su misura per
    > te.
    > > Asterix è più
    > > rigoroso.
    >
    > Disse: "You're four cats, how do you win?"

    Questa invece è una ricostruzione da festicciola fra alunni delle medie.
    Il modo di dire "essere quattro gatti" si traduce in inglese colloquiale come "ain't nobody here but us chickens", oppure semplicemente "to be a very small number".

    https://books.google.com/books?id=lLXNoX3u6XUC&lpg...

    "To be four cats" non significa nulla in inglese.


    > Chi era non è importante.

    Non è importante per te. È importante per chi vuole ricostruire i fatti, e non le fantasie di qualcun altro.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Disse: "You're four cats, how do you win?"
    >
    > Questa invece è una ricostruzione da festicciola
    > fra alunni delle medie.
    >
    > Il modo di dire "essere quattro gatti" si traduce
    > in inglese colloquiale come "ain't nobody here
    > but us chickens", oppure semplicemente "to be a
    > very small
    > number".
    >
    > https://books.google.com/books?id=lLXNoX3u6XUC&lpg
    >
    > "To be four cats" non significa nulla in inglese.

    Rotola dal ridere But speak like you eat Rotola dal ridere
    Funz
    13032
  • > Curioso.
    > Proprio le stesse esatte parole che il
    > rappresentante della maggioranza bianca sudista
    > rivolse al neo eletto al congresso Abramo
    > Lincoln, quando questo mise sul tavolo la
    > questione della
    > schiavitu'.

    In più occasioni tu ed altri avete paragonato le leggi relative alla proprietà intellettuale (brevetti e copyright) alle leggi sulla schiavitù; in realtà, le due leggi sono molto più legate fra loro di quanto non possa sembrare a prima vista.

    Infatti, la prima forma di violazione della proprietà intellettuale che è stata riconosciuta giuridicamente era la violazione più plateale: spacciare per propria l'opera altrui, sottraendo quindi al legittimo autore la paternità; tale comportamento è ritenuto illecito praticamente da tutti, e nemmeno le licenze libere (tranne qualche eccezione, come la CC0) lo autorizzano. In ambito giuridico, questa violazione è chiamata "plagio".

    Ma il termine "plagio", originariamente, aveva un significato completamente diverso: nel diritto romano indicava il reato di chiunque si appropriasse illecitamente di uno schiavo altrui, oppure riducesse in schiavitù un uomo libero; infatti, ancora oggi si usa in psicologia il termine "plagio" per indicare il lavaggio del cervello, la riduzione di una persona in totale soggezione di un'altra. Per estensione, si è poi cominciato ad usare lo stesso termine non solo per chi si appropriava degli schiavi altrui, ma anche delle opere di ingegno altrui (in entrambi i casi, infatti, si trattava di crimini compiuti da persone molto abili nella persuasione e nell'inganno, tanto da risultare convincenti). Per questo oggi il termine "plagio" è usato con due significati completamente diversi (lavaggio del cervello, o contraffazione di opere altrui): in origine il concetto era simile, e la proprietà intellettuale era effettivamente equiparata al possesso di uno schiavo.
    non+autenticato
  • > Infatti, la prima forma di violazione della
    > proprietà intellettuale che è stata riconosciuta
    > giuridicamente era la violazione più plateale:
    > spacciare per propria l'opera altrui, sottraendo
    > quindi al legittimo autore la paternità; tale
    > comportamento è ritenuto illecito praticamente da
    > tutti, e nemmeno le licenze libere (tranne
    > qualche eccezione, come la CC0) lo autorizzano.
    > In ambito giuridico, questa violazione è chiamata
    > "plagio".

    No, non in Italia almeno. In Italia si chiama semplicemente violazione del diritto d'autore, in questa fattispecie violazione per falsa attribuzione di paternità.


    > Ma il termine "plagio", originariamente, aveva un
    > significato completamente diverso: nel diritto
    > romano indicava il reato di chiunque si
    > appropriasse illecitamente di uno schiavo altrui,
    > oppure riducesse in schiavitù un uomo libero;
    > infatti, ancora oggi si usa in psicologia il
    > termine "plagio" per indicare il lavaggio del
    > cervello, la riduzione di una persona in totale
    > soggezione di un'altra.

    Il plagio era un reato, in Italia, e giuridicamente si chiamava proprio così: art. 603 del codice penale. Venne abrogato dalla Corte costituzionale il 9 aprile 1981.
    Ora non c'è più nulla che giuridicamente si chiama così.
  • - Scritto da: Leguleio
    > " Il tentativo di Wyden e colleghi dovrà ora
    > fare i conti con il Congresso americano, che ha
    > già affossato la precedente proposta di riforma
    > risalente al
    > 2013
    ".
    >
    > Se come detto all'inizio dell'articolo il gruppo
    > che appoggia questa proposta è "sparuto", per
    > quanto bipartitico, come fanno ad ottenere la
    > maggioranza?

    Da quando una legge per essere approvata deve essere proposta da una maggioranza?

    N.B. Ho scritto proposta, non votata.