Claudio Tamburrino

UE, un'autorità per le megaditte del web

Sul tavolo del commissario Oettinger un documento che propone la costituzione di una nuova istituzione con specifici poteri di vigilanza sui colossi della Rete che godono di posizioni dominanti

UE, un'autorità per le megaditte del webRoma - L'Unione Europea starebbe meditando sulla creazione di una nuova autorità con il potere di regolare e vigilare sul mercato e sulle posizioni dominanti delle piattaforme Web.

Secondo un documento interno alla Commissione Europea e destinato al commissario al digitale Günther Oettinger, infatti, le grandi aziende ICT sarebbero considerate dalle istituzioni come una vera e propria minaccia all'intera economia europea e per questo ci sarebbe bisogno di nuovi strumenti. Il rischio - si legge ancora - è che si arrivi ad un punto di non ritorno oltre al quale l'economia sarà legata irrevocabilmente a poche grandi imprese. La paura, in sintesi, è un futuro di Mega corporazioni più grandi e più potenti degli Stati.

Se nei confronti di Google l'Europa ha preso posizione dopo anni di indagini, è da qualche settimana che si accavallano le voci di interventi dell'antitrust europeo anche nei confronti di Apple.
Tuttavia ora il discorso è più generale: le istituzioni europee starebbero pensando di mettere mano all'intero impianto normativo per costituire una vera e propria autorità aggiuntiva con poteri trasversali, e sentirebbero l'urgenza di farlo al più presto.
Si tratterebbe infatti di una nuova authority con poteri nel campo dei monopoli, ed in particolare nei confronti delle piattaforme Web, dove pochi protagonisti detengono il settore su mercati specifici, come nel settore del search (Google), dei negozi digitali (Amazon ed Apple per la musica) e dei social network (Facebook): la nuova autohority avrebbe poteri legati alla vigilanza sui monopoli di mercato, alla privacy degli utenti ed alla trasparenza della gestione di tali entità.

A preoccuparsi, dunque, sono ora gli Stati Uniti, paese di origine delle principali aziende che sarebbero interessate dalla nuova riforma: tuttavia si tratta ancora, come spiega il commissario Oettinger, di uno studio che analizza solo una delle possibilità di intervento nel settore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUE, soffiate sul mercato unico digitaleStesse regole per le telco ed i servizi VoIP ed esaurimento europeo del copyright: così la Commissione sembra voler costruire il mercato digitale unico
  • BusinessGoogle e l'ora dell'antitrust europeoCon un memo interno Mountain View anticipa ai suoi dipendenti la potenziale formalizzazione delle accuse da parte di Bruxelles. La Commissione deve ancora pronunciarsi, e potrebbe coinvolgere anche Android
  • BusinessApple e Google, nubi antitrust sull'EuropaL'una è sospettata di poter sparigliare le carte sul mercato dello streaming musicale con un servizio che ancora deve essere lanciato, l'altra potrebbe trovarsi a dover affrontare le accuse formali che fermentano da quasi un lustro
42 Commenti alla Notizia UE, un'autorità per le megaditte del web
Ordina
  • ...poltrone, poltrone, poltrone e ancora poltrone
    non+autenticato
  • Nientr'altro che fuffa!
    non+autenticato
  • Cosa succederà con questa commissione?
    Basta osservare cosa fanno in altri settori Monsanto, Bayer, Nestlé, Big Pharma; per non parlare dei colossi editoriali e televisivi.
    Fumo negli occhi per le masse di pollame starnazzante.
    non+autenticato
  • Fosse solo fumo, il problema è che queste commissioni costano, una nuova manica di parassiti ...
    non+autenticato
  • Non è possibile che chi ha il monopolio dello scambio di informazioni possa decidere se posso postare un'immagine o un commento.
    IL MIO STATO DEVE DECIDERLO, NON LORO.

    Questo dev'essere il primo provvedimento: la policy di pubblicazione deve seguire le norme dello stato di chi pubblica, lo policy di visualizzazione quella delle norme dello stato di chi visualizza
    Non deve più accadere che il padrone del servizio possa decidere cosa possono pubblicare o leggere oltre un miliardo di persone, è un potere immenso che nessuno ha il diritto di arrogarsi NEMMENO se la piattaforma è sua.
    non+autenticato
  • > Non è possibile che chi ha il monopolio dello
    > scambio di informazioni possa decidere se posso
    > postare un'immagine o un
    > commento.
    > IL MIO STATO DEVE DECIDERLO, NON LORO.

    E invece è così. Ognuno a casa propria decide come vuole. Può anche decidere che gli ospiti debbano camminare a testa in giù, sulle mani.
    Sta agli ospiti non frequentare quella casa, semplicemente.



    > Questo dev'essere il primo provvedimento: la
    > policy di pubblicazione deve seguire le norme
    > dello stato di chi pubblica, lo policy di
    > visualizzazione quella delle norme dello stato di
    > chi
    > visualizza

    Poi sottoponiamo ad ogni aspirante investitore il problema dei sette ponti di Königsberg e siano a posto: possono venire ad operare in EU solo quelli che propongono una soluzione efficace al problema secondo i commentatori di PI. Esclusi tutti gli altri.



    > Non deve più accadere che il padrone del servizio
    > possa decidere cosa possono pubblicare o leggere
    > oltre un miliardo di persone, è un potere immenso
    > che nessuno ha il diritto di arrogarsi NEMMENO se
    > la piattaforma è
    > sua.

    E invece è proprio così.
    E a vedere come si stanno mettendo le cose l'alternativa non è una piattaforma che agisce rispettando le leggi di ogni Paese in cui è presente. L'alternativa è che la piattaforma non sia più visibile in una parte del mondo a causa di leggi repressive.
  • che tristume... ma ancora questi problemi ci poniamo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Non è possibile che chi ha il monopolio dello
    > > scambio di informazioni possa decidere se
    > posso
    > > postare un'immagine o un
    > > commento.
    > > IL MIO STATO DEVE DECIDERLO, NON LORO.
    >
    > E invece è così. Ognuno a casa propria decide
    > come vuole.

    Infatti Microsoft s'è presa miliardi di multa dalla UE perché ha deciso che 'a casa sua' explorer è il browser preinstallato di default.
    Come vedi, IN REGIME DI MONOPOLIO, le tue normette e leggine cambiano eccome.
    non+autenticato
  • e come soluzione il grandioso ballot screen....
    ed oggi? tutto come prima.
    non+autenticato
  • > e come soluzione il grandioso ballot screen....
    > ed oggi? tutto come prima.

    Sul lato dei browser no, Internet Explorer non è più quello dominante.
    Certo, nutro qualche dubbio che sia a causa della tardiva decisione UE. Semplicemente Google con Chrome ha martellato meglio.
  • - Scritto da: spossato
    > e come soluzione il grandioso ballot screen....


    OPINABILE e non c'entra un tubo.
    Dato di fatto: ho dimostrato che in regime di monopolio quello che sembra un diritto naturale per il monopolista, spesso non lo è.
    non+autenticato
  • > Dato di fatto: ho dimostrato che in regime di
    > monopolio quello che sembra un diritto naturale
    > per il monopolista, spesso non lo
    > è.

    Quale dimostrazione?
    E quale regime di monopolio?
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Dato di fatto: ho dimostrato che in regime di
    > > monopolio quello che sembra un diritto
    > naturale
    > > per il monopolista, spesso non lo
    > > è.
    >
    > Quale dimostrazione?
    > E quale regime di monopolio?


    il mio discorso è chiarissimo senza bisogno di domande atte esclusivamente ad allungare il brodo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: Leguleio
    > > > Dato di fatto: ho dimostrato che in
    > regime
    > di
    > > > monopolio quello che sembra un diritto
    > > naturale
    > > > per il monopolista, spesso non lo
    > > > è.
    > >
    > > Quale dimostrazione?
    > > E quale regime di monopolio?
    >
    >
    > il mio discorso è chiarissimo senza bisogno di
    > domande atte esclusivamente ad allungare il
    > brodo.

    Non è chiaro per nulla, ma se lo credi tu, contenti tutti.
    Non insisto.
  • - Scritto da: Leguleio

    > Non è chiaro per nulla

    è chiarissimo: alla tua scusante 'casa propria fanno quello che vogliono' fulcro della tua teoria, è stato opposto un controesempio reale che dimostra in posizione dominante, talvolta a 'casa propria' non si può fare quello che si vuole.


    più banale di così...
    non+autenticato
  • Le autorità di controllo, sia a livello nazionale sia, come questa, a livello sovranazionale, non devono essere "contro" qualcuno in particolare. Devono essere contro i comportamenti contrari alla libertà di mercato, chiunque li compia.
    Perciò impostare un articolo come "un'autorità contro le megaditte del web" lascia intendere che l'UE caldeggi per il web solo piccole aziende artigianali, e che sia intenzionata a far fuggire i grossi investiotori Usa. Proprio quello di cui abbiamo bisogno!
  • Hai perfettamente ragione, provvediamo a sistemare.
    Grazie!
  • il problema della concentrazione di megaziende sul web e' nettissimo e prevalente, e chiaramente l'autority a controllare quello punta, principi o non principi.
    chiaramente il fatto che siano aziende per lo piu americane e non europee fa molto sui principi, ma una volta tanto sprona nel senso giusto, tutelando i consumatori europei.
    non+autenticato