Domenico Galimberti

Strategie Apple: modifiche in corso?

di D. Galimberti - Nuova trimestrale, nuovi prodotti, nuove strategie. Se iPad continua a calare iPhone rappresenta la gran parte del fatturato di Cupertino, e Apple Watch potrebbe addirittura trainarne le vendite

Strategie Apple: modifiche in corso?Roma - Nuova trimestrale, nuovo record e nuovi chiaroscuri per Apple. Anche stavolta Cupertino sorprende tutti con l'ennesimo picco: con 58 miliardi di dollari di fatturato, è il miglior trimestre di sempre per quanto riguarda i primi tre mesi dell'anno, e se per certi versi pare strano parlare di sorpresa (visti i ritmi con i quali Apple ci ha ormai abituati da diversi anni) è comunque sorprendente il modo in cui la casa della mela riesce sempre e comunque a rimettersi in gioco ogni volta che si paventa l'ombra di un calo o anche di un semplice rallentamento.

Se l'iPhone tentenna, ecco il modello con schermo maggiorato che sembra piacere di più e che, dopo l'incredibile cifra di 75 milioni di unità nel corso del trimestre natalizio, segna anche per i primi mesi del 2015 un incremento del 40 per cento rispetto allo scorso anno, superando i 61 milioni di pezzi e lasciando nuovamente al palo le solite cassandre che vogliono Apple, iPhone, e iOS sul viale del tramonto. Da solo iPhone realizza quasi il 70 per cento dell'intero fatturato della Mela, più di 40 miliardi di dollari, e se è vero che non tutte le vendite sono relative agli ultimi modelli, in mancanza di cifre ufficiali sui singoli modelli si stima comunque che l'80 per cento delle unità vendute riguardi iPhone 6 e iPhone 6 plus, tanto che il fatturato di questo segmento ha goduto di un incremento annuale del 55 per cento. Il fatto che iPhone continui a crescere con questi ritmi significa che non può assolutamente essere ignorato nel piano strategico di Apple, anzi, ne diventa necessariamente uno dei perni fondamentali: chi si lamenta del fatto che Apple pensi più ai telefoni che ai computer, dovrebbe capire da un lato che l'aspetto iOS non può passare in secondo piano (a meno di non voler perdere in un colpo solo tre quarti di fatturato, per non parlare di quel che accadrebbe in borsa) e dall'altro che, nonostante tutto, anche il Mac continua a crescere.

Non dimentichiamo che, contestualmente all'evento di lancio di Apple Watch, è stato presentato anche un nuovo portatile e sono state introdotte altre piccole novità (come il trackpad con Force Touch) mentre aggiornamenti della linea desktop sono attesti come di consueto a scadenza annuale.
Il Mac (pur rappresentando ormai solo il 10 per cento del fatturato totale di Apple) in questi anni di stasi del settore dei computer ha sempre avuto una crescita lenta ma costante, e anche per il secondo trimestre fiscale del 2015 registra un incremento del 10 per cento nel numero di unità vendute. Si tratta, a mio avviso, di un evidente segno che il circolo vizioso messo in atto da Apple continui a funzionare: si comincia con un oggetto di consumo (in passato era l'iPod, ora l'iPhone) e poi magari si passa al Mac. A questa catena si aggiunge oggi un ulteriore elemento: Apple Watch.

Non ci sono ancora dati ufficiali riguardo all'ultimo prodotto di Cupertino, visto che la vendita di Apple Watch è iniziata solo in questo week-end, ma le stime dei preordini lasciano intendere che abbia già venduto più di tutti i dispositivi Android Wear dell'intero 2014. Contrariamente ad ogni ipotesi iniziale, pare poi che un discreto numero di persone sia disposta a passare ad iOS pur di poter indossare uno smartwatch della Mela, tant'è che lo stesso Tim Cook ha affermato che Apple sta registrando "un tasso di persone che passano ad iPhone più alto di quanto mai visto nei cicli precedenti". La strategia di Apple sembra quindi arricchirsi di un nuovo elemento in grado di portare nuovi clienti attraverso diverse vie, tant'è che anche la voce dei servizi annessi ai propri prodotti (iTunes Store, App Store, Mac App Store, iBook Store) con un incremento del 9 per cento rispetto allo scorso anno e del 4 per cento rispetto al trimestre precedente, fa registrare un nuovo record di fatturato, portandosi vicino alla soglia dei 5 miliardi di dollari.
A livello di distribuzione geografica, si nota l'incredibile aumento di fatturato che arriva dalla grande Cina: con un aumento del 71 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014, supera ormai l'Europa e si avvicina ali valori registrati in America. Il potenziale di questo mercato è enorme ed Apple vi è entrata da poco, quindi le prospettive di crescita sono ancora elevate: non sorprende quindi l'attenzione dedicata da Cook a questo segmento nello scorso anno.
Ma visto che si è parlato di chiaroscuri, veniamo al punto dolente di questa trimestrale: confermando il trend decrescente già registrato negli ultimi trimestri, l'iPad perde il 23 per cento rispetto agli stessi mesi del 2014. Possiamo trovare infinite ragioni a questo declino: da un lato la concorrenza sfrenata di prodotti a costi molto inferiori, dall'altro la bassa percentuale di ricambio per un prodotto che, tutto sommato, continua a fare il proprio dovere anche dopo molti anni (conosco diverse persone che utilizzano ancora oggi, con soddisfazione, un iPad 2 del 2011). Non va inoltre sottovalutato il fatto che anche i computer ultra-portatili possono fare concorrenza ai tablet: Apple ha costruito parte della sua fortuna su macchine come il MacBook Air da 11", e fra tre mesi potremo vedere i risultati dell'arrivo del nuovo MacBook da 12". Non è facile tirare le somme in questo momento, ma pare che Apple si stia preparando a contrastare questo calo con un nuovo iPad dalla dimensioni maggiorate, altro tassello della strategia di Apple: il rischio è che le energie si disperdano in troppi prodotti, come accadde negli anni '90 (prima del ritorno di Jobs) ma oggi i tempi sono diversi ed è la strategia di Apple nel suo complesso ad essere completamente differente.

Tornando più specificatamente ai numeri della trimestrale, a fronte dei 58 miliardi di dollari di fatturato (+27 per cento come variazione annuale) Apple registra un utile netto di 13,6 miliardi di dollari (contro 10,2 miliardi dell'anno precedente) che corrispondono a 2,33 dollari per azione diluita (da raffrontare con gli 1,66 dollari del 2014). Il margine lordo è stato del 40,8 per cento, e il mercato sembra aver accolto favorevolmente tutti questi numeri: nell'After Hours il titolo AAPL cresce di 1,76 dollari, grazie anche al dividendo dichiarato di 0,52 dollari per azione (che verrà corrisposto il 14 maggio) e all'estensione del programma di ritorno del capitale fino a 200 miliardi di dollari (da completarsi entro marzo del 2017). Al di là di questo, e nonostante la battuta d'arresto di iPad, i mercati vedono probabilmente con favore il fatto che si siano registrati numeri da record pur senza considerare gli ultimi arrivati: Apple Watch e il nuovo MacBook da 12". Per il trimestre in corso si prevede un fatturato tra i 46 e i 48 miliardi di dollari, più basso del trimestre attuale ma che rappresenterebbe un balzo del 25 per cento rispetto ai 37,5 miliardi dello scorso anno: Apple ha ancora molto da dire e personalmente credo che le novità del 2015 saranno ancora molte, anche per quanto riguarda i Mac.

Infine, nella consueta conferenza stampa che fa seguito alla presentazione dei dati, Cook ha parlato a lungo di Europa, probabilmente anche per contrastare le accuse che attualmente vedono Apple nel mirino del fisco proprio in alcuni paesi del Vecchio Continente: Apple sta costruendo in Irlanda e in Danimarca i suoi due più grandi data-center, che saranno alimentati con energie rinnovabili. Cook ha anche ricordato che Apple, in Europa, già in questo momento offre lavoro a 670 mila persone (in modo più o meno diretto) ed ha pagato 7,5 miliardi di dollari agli sviluppatori europei. Al di là dell'interesse implicito nel rilasciare queste dichiarazioni, si tratta comunque di dati inediti che vale la pena di citare.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • TecnologiaÈ l'ora di Apple Watchdi D. Galimberti - Lo smartwatch di Cupertino viene finalmente svelato, insieme a prezzi (molto variabili) e disponibilità (ancora lontana). Apple ha in serbo anche nuovi MacBook e una soluzione per la ricerca medica
  • BusinessApple, iPhone da recorddi D. Galimberti - Il trimestre di Cupertino risulta al di sopra delle aspettative, con il comparto iOS che rappresenta la maggior parte del fatturato. iPhone fa registrare numeri impressionanti, ma cosa lo sostituirà nei prossimi mesi? Apple Watch è atteso per aprile
  • BusinessChe 2014 è stato per Apple?di D. Galimberti - Si chiude il primo triennio a guida Cook, e iniziano a maturare i frutti della sua gestione. Nel corso del 2015 per Tim ci sarà la disfatta o la consacrazione
318 Commenti alla Notizia Strategie Apple: modifiche in corso?
Ordina
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: 6 giaguar
    > >
    > > "Gestisce" una fava devi pure aggiornare lo
    > UEFI
    > > bios e (come detto) ci mette i
    > suoi
    > >
    drivers forse leggere ti farebbe
    > > bene.
    > > "A parte questo trattasi di volgarissimo
    > "boot
    > loader"
    >
    > albedo ha chiesto cose fosse BootCamp, tu oltre
    > ad accusare me di non saperlo, hai pure dato una
    > risposta sbagliata e non
    > chiara.
    >
    > la tua prima frase è stata:
    > il "mitico" boot camp è un banalissimo boot
    > manager.
    >
    > da nessuna parte hai scritto che gestisce il
    > partizionamento del disco, ad
    > esempio.
    Cioè addirittura!!!
    Vuoi dire che fa quello che io faccio con un banalissimo programma di installazione che usa Grub che oltre a partizionare (udite! udite! il miracolo) mi fa pure lo shrink delle partizioni (ovvero il ridimensionamento) ????
    Ma è un miracolo!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    E quali altre "MARAVIGLIOSE" ficiur ha questo mitico Boootcamp (mettiamoci una o in più che rende meglio l'idea) che non sia già comunissime in un qualunque programma di installazione Linux?
    No giusto per sapere....
    Ne avessi poi "aggiustati" pochi di boot-record che qualche amico utonto si è perso (o ha sovrascritto per dabbedaggine) sul suo Mac.
    Rotola dal ridereRotola dal ridere.
    non+autenticato
  • Sono giocattoli sbrilluccicosi inaffidabili:

    http://qz.com/393909/american-airlines-planes-are-.../

    Vanno bene solo per il cazzeggio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: riso_e_oro
    > Vivo in affitto, se necessario si fanno mesi di
    > fila in attesa di un esame medico, i miei figli
    > frequentano scuole di terza categoria, il frigo è
    > semivuoto, l' acqua la si prende dal
    > rubinetto.
    >
    > Quello che non mancherà mai in questa famiglia
    > sono gli abiti firmati all' ultima moda, un' auto
    > differente ogni anno, le vacanze all' estero
    > anche se di soli tre giorni, il nuovo modello di
    > telefonino quando
    > esce.
    >
    > Io ci tengo ai bisogni della mia famiglia.
    l'importante e' darsi da fare... 2 dozzine di carte revolving e cedere la casa del padre come nuda proprieta' alla banca.... e via di ipr0n7
    non+autenticato
  • Non so perchè il mio post sia stato cancellato, comunque con i miei soldi faccio quello che mi pare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: riso_e_oro
    > Non so perchè il mio post sia stato cancellato

    Non preoccuparti, non lo sa nessuno.
    non+autenticato
  • Perche' spendere soldi per un telefono prodotto in cina quando ne posso comprare direttamente uno cinese ad un quarto del prezzo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > Perche' spendere soldi per un telefono prodotto
    > in cina quando ne posso comprare direttamente uno
    > cinese ad un quarto del prezzo?
    Perché come già citato daq qualcuno in un altro ost più sopra non puoi esibirlo ... mica perché non funziona o è meno performante. E' solo mero esibizionismo ... manca qualche cosa d'altro allora esibisco il telefono "sciccoso"
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > Perche' spendere soldi per un telefono prodotto
    > in cina quando ne posso comprare direttamente uno
    > cinese ad un quarto del
    > prezzo?

    Perche se tu vai in Cina a farti costruire una cosa come vuoi tu, con i materiali che vuoi tu, non è una cosa cinese, è una cosa tua, fatta come vuoi tu.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: tritone
    > > Perche' spendere soldi per un telefono
    > prodotto
    > > in cina quando ne posso comprare
    > direttamente
    > uno
    > > cinese ad un quarto del
    > > prezzo?
    >
    > Perche se tu vai in Cina a farti costruire una
    > cosa come vuoi tu,

    ...ma costruita da loro...

    >con i materiali che vuoi tu,

    ...ma reperiti da loro, lavorati da loro, con i loro macchinari e il loro personale...

    > non è una cosa cinese, è una cosa tua, fatta come
    > vuoi
    > tu.

    ...è una cosa cinese... tua.
  • > ...ma reperiti da loro, lavorati da loro, con i
    > loro macchinari e il loro
    > personale...
    >

    Quello che sta avvendo e' gia' il passo successivo, molti smettono di lavorare come terzisti o come dipendenti e provano attraverso un loro marchio di aprire una loro attivita' fondando una propia industria cosa normalissa quasi tutti hanno iniziato cosi'. Con l'aggravante che la cina produce il 75 % di tutta l'elettronica mondiale da ormai molti anni che non sono gli ultimi arrivati e che non e' un'industria pesante che richiede chissa quali investimenti iniziali non e' un caso che tutti si vogliano spostare sui servizi anche Apple per differenziarsi punto molto su di essi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > > ...ma reperiti da loro, lavorati da loro, con i
    > > loro macchinari e il loro
    > > personale...
    > >
    >
    > Quello che sta avvendo e' gia' il passo
    > successivo, molti smettono di lavorare come
    > terzisti o come dipendenti e provano attraverso
    > un loro marchio di aprire una loro attivita'
    > fondando una propia industria cosa normalissa
    > quasi tutti hanno iniziato cosi'. Con
    > l'aggravante che la cina produce il 75 % di tutta
    > l'elettronica mondiale da ormai molti anni che
    > non sono gli ultimi arrivati e che non e'
    > un'industria pesante che richiede chissa quali
    > investimenti iniziali non e' un caso che tutti si
    > vogliano spostare sui servizi anche Apple per
    > differenziarsi punto molto su di
    > essi.
    c'è una differenza, copiare un computer Hp o dell o un telefono samsung non è molto difficile poi ci metti su windows e android e il gioco è fatto , ma se copi Apple poi che ci metti su?
    non+autenticato
  • > c'è una differenza, copiare un computer Hp o dell
    > o un telefono samsung non è molto difficile poi
    > ci metti su windows e android e il gioco è fatto
    > , ma se copi Apple poi che ci metti
    > su?


    copiare ancora per quanto? il futuro dei cellurari e di tutti i dispositivi portatili sono legati gioco-forza con i display flessibili tecnologia completamente in mano agli orientali e richiedera' tutta una serie di nuovi strumenti software
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > Perche' spendere soldi per un telefono prodotto
    > in cina quando ne posso comprare direttamente uno
    > cinese ad un quarto del prezzo?

    1) perché non esiste alcun telefono cinese con iOS
    2) perché non riescoi a capire la differenza tra una cosa "prodotta" in cina e una cosa "assemblata" in cina
    3) perché stai trollando
    4) perché se la [3] non è vera, io (fossi in te) inizierei a preoccuparmi
    5) perché farsi i fatti propri è un buon modo per tirare avanti
    non+autenticato
  • A livello di prestazioni l'iPhone non vale assolutamente il prezzo a cui è venduto. Molti smartphone (android e windows phone) fanno pelo e contropelo.
    Anche la paventata assenza di malware è fasulla. Seppure in modo molto ridotto qualcosina ogni tanto passa anche sull'app store.
    Quindi, quali sono i motivi tecnici e oggettivi per preferire un iPhone ad un Android? Nessuno.
    Però, e qui non si può negare, la apple sa come vendere i propri prodotti. Samsung sta provando ad imitarli, ma con magri risultati e con scelte scellerate (utilizzare il metallo, lo stai facendo male).
    Parlando squisitamente di marketing la apple batte tutti. A me della scatole non frega nulla, per cui non capisco il successo. Mi limito a constatarlo.

    P.S. Sull'ipad...beh sì! Un iPad 2 del mio capo è tutt'ora operativo e non vi è alcuna necessità di cambiarlo. Per lo sviluppo si usa un iPad 3....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > A livello di prestazioni l'iPhone non vale
    > assolutamente il prezzo a cui è venduto. Molti
    > smartphone (android e windows phone) fanno pelo e
    > contropelo.

    Falso, ma ovviamente va contestualizzato, visto che parliamo di dispositivi che si aggiornano con determinate scadenze

    > Anche la paventata assenza di malware è fasulla.
    > Seppure in modo molto ridotto qualcosina ogni
    > tanto passa anche sull'app store.

    non proprio, ma se anche fosse parliamo di un paio di casi rispetto a migliaia bene noti...

    > Quindi, quali sono i motivi tecnici e oggettivi
    > per preferire un iPhone ad un Android?

    Provarli entrambi (onn 5 minuti, ma qualche settimana) e scegliere quello col quale ci si trova meglio

    > Nessuno.
    > Però, e qui non si può negare, la apple sa come
    > vendere i propri prodotti. Samsung sta provando
    > ad imitarli, ma con magri risultati e con scelte
    > scellerate (utilizzare il metallo, lo stai
    > facendo male).

    Ti fermi all'apparenza... la sostanza sta nell'OS e nella sua integrazione con l'hardware

    > Parlando squisitamente di marketing la apple
    > batte tutti. A me della scatole non frega nulla,
    > per cui non capisco il successo. Mi limito a
    > constatarlo.

    Parlando squisitamente di marketing, quella che spende più di tutti e che regala i propri prodotti per aumentarne la diffusione, non è Apple

    > P.S. Sull'ipad...beh sì! Un iPad 2 del mio capo è
    > tutt'ora operativo e non vi è alcuna necessità di
    > cambiarlo. Per lo sviluppo si usa un iPad 3....

    quindi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Falso, ma ovviamente va contestualizzato, visto
    > che parliamo di dispositivi che si aggiornano con
    > determinate
    > scadenze
    Io prendo il confronto tra il nexus 6 e l'iphone 6 plus. A livello di benchmark non c'è storia.


    > non proprio, ma se anche fosse parliamo di un
    > paio di casi rispetto a migliaia bene
    > noti...
    Certo che la proporzione è favorevole all'app store (e non mi aspetterei diversamente visto il processo di approvazione), ma qualcosa passa. Ha senso avere un sistema che promette l'assenza di malware, ma che non funziona?

    > Provarli entrambi (onn 5 minuti, ma qualche
    > settimana) e scegliere quello col quale ci si
    > trova
    > meglio
    Sviluppato su entrambi i dispositivi e tutt'ora lo faccio. Le mie ragioni sono anche come sviluppatore.

    > Ti fermi all'apparenza... la sostanza sta nell'OS
    > e nella sua integrazione con
    > l'hardware
    Che come sa ogni programmatore è una scelta _scellerata_. Parlare di questa cosa come una feature la dice lunga. Da anni si cerca in tutti i modi di slegare il più possibile il software e l'hardware (Java nasce anche con questo scopo). E cosa si inventa la Apple? Di rimanere indietro! LOL!

    > Parlando squisitamente di marketing, quella che
    > spende più di tutti e che regala i propri
    > prodotti per aumentarne la diffusione, non è
    > Apple
    Chi regala i propri prodotti? Me lo puoi dire. Il mio smartphone ormai ha i suoi anni.

    > > P.S. Sull'ipad...beh sì! Un iPad 2 del mio
    > capo
    > è
    > > tutt'ora operativo e non vi è alcuna
    > necessità
    > di
    > > cambiarlo. Per lo sviluppo si usa un iPad
    > 3....
    >
    > quindi?
    Mi riferivo all'articolo. Confermo che l'iPad tende ad essere ricambiato molto di meno rispetto all'iPhone.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > - Scritto da: Nome e cognome
    > > Falso, ma ovviamente va contestualizzato, visto
    > > che parliamo di dispositivi che si aggiornano con
    > > determinate
    > > scadenze
    > Io prendo il confronto tra il nexus 6 e l'iphone
    > 6 plus. A livello di benchmark non c'è storia.

    http://www.phonedog.com/videos/12-reasons-why-ipho...

    > > non proprio, ma se anche fosse parliamo di un
    > > paio di casi rispetto a migliaia bene
    > > noti...
    > Certo che la proporzione è favorevole all'app
    > store (e non mi aspetterei diversamente visto il
    > processo di approvazione), ma qualcosa passa.

    sarà... ma non mi risulta... mentre di gente che ha preso malware su Android ne conosco... e comunque, a parte gli store, con Android hai anche altre vie di infezione

    > Ha senso avere un sistema che promette l'assenza di
    > malware, ma che non
    > funziona?

    Che non funziona lo dici ti

    > > Provarli entrambi (onn 5 minuti, ma qualche
    > > settimana) e scegliere quello col quale ci si
    > > trova
    > > meglio
    > Sviluppato su entrambi i dispositivi e tutt'ora
    > lo faccio. Le mie ragioni sono anche come
    > sviluppatore.

    come sviluppatore dovrebbero interessarti cose tipo questa

    http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/...

    > > Ti fermi all'apparenza... la sostanza sta nell'OS
    > > e nella sua integrazione con
    > > l'hardware
    > Che come sa ogni programmatore è una scelta
    > _scellerata_.

    Da sviluppatore io stesso, direi proprio di no

    > > Parlando squisitamente di marketing, quella che
    > > spende più di tutti e che regala i propri
    > > prodotti per aumentarne la diffusione, non è
    > > Apple
    > Chi regala i propri prodotti? Me lo puoi dire.

    Samsung, l'ha fatto spesso in passato, ora lo fa meno, ed infatti con quello di questi giorni è il quinto o sesto trimestre negativo

    > > quindi?
    > Mi riferivo all'articolo. Confermo che l'iPad
    > tende ad essere ricambiato molto di meno rispetto
    > all'iPhone.

    quindi? vuoi dire che è normale il calo di vendite dei iPad?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > http://www.phonedog.com/videos/12-reasons-why-ipho
    Più della metà sono considerazioni soggettive. Più sottile è un pregio? Per me no, visto che per forza di cose (la fisica non si può cambiare) tenderà ad essere più fragile. La plastica è una copertura ben migliore del metallo, ma il metallo fa figo, la plastica no.

    > sarà... ma non mi risulta... mentre di gente che
    > ha preso malware su Android ne conosco...
    Basta cercare
    http://www.computerworld.com/article/2483867/malwa...

    > comunque, a parte gli store, con Android hai
    > anche altre vie di
    > infezione
    Mi potresti dare qualche esempio che non sfrutti bug

    > Che non funziona lo dici ti
    Che non funziona lo hanno dimostrato. Leggi il link che ho ripotato.

    > come sviluppatore dovrebbero interessarti cose
    > tipo
    > questa
    >
    > http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/
    Mi dà un "page not found".Sorride


    > > > Ti fermi all'apparenza... la sostanza
    > sta
    > nell'OS
    > > > e nella sua integrazione con
    > > > l'hardware
    > > Che come sa ogni programmatore è una scelta
    > > _scellerata_.
    >
    > Da sviluppatore io stesso, direi proprio di no
    Considerando che tutta i linguaggi di programmazione puntano a ridurre le dipendendenze non ti suggerisce nulla? Creare dipendenza hardware-software è da evitare. Sempre. Si fa solo quando non ci sono alternative. Se no vuol dire che ad ogni modifica di uno dei due anche l'altro dovrà essere modificato. Non mi pare sia il segreto di fatima.

    > Samsung, l'ha fatto spesso in passato, ora lo fa
    > meno, ed infatti con quello di questi giorni è il
    > quinto o sesto trimestre
    > negativo
    Mi sono perso questi regali. Con la lingua fuori

    > quindi? vuoi dire che è normale il calo di
    > vendite dei
    > iPad?
    Sì, ma è una constatazione di un fatto, come segnalato anche da chi ha scritto l'articolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > - Scritto da: Nome e cognome
    > >
    > http://www.phonedog.com/videos/12-reasons-why-ipho
    > Più della metà sono considerazioni soggettive.
    > Più sottile è un pregio? Per me no, visto che per
    > forza di cose (la fisica non si può cambiare)
    > tenderà ad essere più fragile. La plastica è una
    > copertura ben migliore del metallo, ma il metallo
    > fa figo, la plastica no.
    >

    Ma vuoi mettere? Quel RILEVANTISSIMO sito mostra che il Nexus 6 pesa ben UNDICI grammi più dell'iCoso!!! In pratica la differenza tra una piuma e un mattone! Come puoi mettere in dubbio un articolo così evidentemente significativo??? (rofl)

    Nota anche come glissino su TUTTI i punti in cui vince il Nexus. Un esempio: "While the Nexus 6 can capture higher quality video in 4K UHD, the iPhone 6 Plus can capture better slow motion video at 240 fps".
    Secondo loro questo è un plus dell'iFogn, non un 1 a 1 (rofl)
    Izio01
    4068
  • - Scritto da: Luca

    > Più della metà sono considerazioni soggettive.

    L'uso del telefono "è" una questione soggettiva

    > Più sottile è un pregio?

    Si, perché lo rende più leggero e meno ingombrante

    > > sarà... ma non mi risulta... mentre di gente che
    > > ha preso malware su Android ne conosco...
    > Basta cercare
    > http://www.computerworld.com/article/2483867/malwa

    Cercando io trovo un sacco di gente che ha preso malware su Androi, mentre su iOS, non ho ancora conosciuto uno

    > > comunque, a parte gli store, con Android hai
    > > anche altre vie di
    > > infezione
    > Mi potresti dare qualche esempio che non sfrutti bug

    è proprio questo il problema... bug... uno degli ultimi riguarda la gestione delle impronte sul Samsung

    > > come sviluppatore dovrebbero interessarti cose
    > > tipo questa
    > >
    > >
    > http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/
    > Mi dà un "page not found".Sorride

    http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/...

    > > Da sviluppatore io stesso, direi proprio di no
    > Considerando che tutta i linguaggi di
    > programmazione puntano a ridurre le dipendendenze
    > non ti suggerisce nulla?

    Quello è un altro discorso... l'integrazione ti assicura prestazioni migliori e tempi di debug ridotti

    > > Samsung, l'ha fatto spesso in passato, ora lo fa
    > > meno, ed infatti con quello di questi giorni è il
    > > quinto o sesto trimestre
    > > negativo
    > Mi sono perso questi regali. Con la lingua fuori

    Mi spiace per te... faceva il 2x1 sui telefoni e tregalava tablet a destra e a manca aquistando altra roba...

    > > quindi? vuoi dire che è normale il calo di
    > > vendite dei
    > > iPad?
    > Sì, ma è una constatazione di un fatto, come
    > segnalato anche da chi ha scritto l'articolo.

    OK... quindi???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > L'uso del telefono "è" una questione soggettiva
    E allora l'articolo è fuffa! Perché determinate cose io non le considero nemmeno e altre le ritengo fondamentali. Si parlava di dati oggettivi. I soggettivi trovano il tempo che trovano, cioé niente.

    > Si, perché lo rende più leggero e meno ingombrante
    e più fragile. Avendo un marsupio dove ci può stare anche uno smartphone più spesso ciò è irrilevante. Inoltre, più sottile non vuol dire per forza che sia meno pesante.

    > > Basta cercare
    > >
    > http://www.computerworld.com/article/2483867/malwa
    >
    > Cercando io trovo un sacco di gente che ha preso
    > malware su Androi, mentre su iOS, non ho ancora
    > conosciuto
    > uno
    Tu non l'hai conosciuto, a me basta riportare il caso di cui sopra per smentire che l'app store sia blindato.

    > è proprio questo il problema... bug... uno degli
    > ultimi riguarda la gestione delle impronte sul
    > Samsung
    Perchè? iOS non ha bug?
    Tu hai detto che uno può essere infettato anche da altre fonti oltre agli store. Porta elementi a sostegno.
    E inoltre hai citato uno degli esempi dove non è Android il problema, ma il produttore che ha smanacciato dove non doveva.

    > http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/
    Sempre 404

    > Quello è un altro discorso... l'integrazione ti
    > assicura prestazioni migliori
    E su questo sono anche d'accordo, ma dipende qual è l'aumento di prestazione rispetto all'aumento dei tempi di manutenzione. Nel caso è una scelta priva di logica.
    > e tempi di debug
    > ridotti
    E questo è assolutamente falso. Leggiti qualche libro di ingegneria del software. Meno dipendenze tra componenti = tempi di manutezione ridotti. Se tu aumenti le dipendenze i tempi di debug, rilascio, ecc ecc aumentano perché l'errore non riesci a isolarlo subito.

    > Mi spiace per te... faceva il 2x1 sui telefoni e
    > tregalava tablet a destra e a manca aquistando
    > altra roba...
    Amen.

    > OK... quindi???
    Ho solo dato ragione a chi ha scritto all'articolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca

    > > http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/
    > Sempre 404

    o hai cliccato sul link vecchio (dove effettivamente mancava l'ultima parte), o hai dei problemi col tuo Android(e), perché io ci vado tranquillamente tanto da iPhone quanto da PC-Win (sia con Firefox che con
    Exploder)

    http://blog.monumentvalleygame.com/blog/2015/1/15/...
    non+autenticato
  • Veramente ho sempre provato dal Mac che uso per lavoro A bocca aperta

    Comunque mi sfugge il senso del tutto. Mi stai dicendo che quell'app è più diffusa su iOS? Tanto meglio per loro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > Veramente ho sempre provato dal Mac che uso per
    > lavoro

    e allora non riesci a cliccare...

    > Comunque mi sfugge il senso del tutto. Mi stai
    > dicendo che quell'app è più diffusa su iOS? Tanto
    > meglio per loro.

    No: ti sto dicendo che gli sviluppatori fanno più soldi con iOS, nonostante la minore percentuale di mercato. Questo è un esempio, ma la stessa solfa la trovi per molte altre (tutte?) App multipiattaforma. Poi ognuno faccia le scelte che vuole...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)