Claudio Tamburrino

Francia, primo sì al tecnocontrollo antiterrorismo

Manca ora il passaggio al Senato per innescare la sorveglianza e la conservazione dei dati dei cittadini: l'intelligence francese potrebbe presto imbracciare nuovi poteri di monitoraggio indiscriminato

Roma - I deputati dell'Assemblea Nazionale francese hanno votato a larga maggioranza (438 sì contro 86 no e 42 astenuti) le projet de loi relatif au renseignement che introduce la possibilità da parte delle autorità di effettuare operazioni di sorveglianza di massa.

La legge mette mano ai poteri dell'intelligence francese e lo fa seguendo la corsia preferenziale riservata alle leggi anti-terroristiche in Francia all'indomani della strage della redazione del giornale satirico Charlie Hebdo. Insieme a questi poteri di sorveglianza, è stata introdotta una legge che prevede la possibilità di blocco di siti cui venga contestato il reato di apologia di terrorismo o di pedo-pornografia: tecnicamente si tratta di un blocco via DNS che gli Internet Service Provider sono obbligati ad adottare entro 24 ore dalla richiesta delle autorità. Il tutto - senza passare al vaglio del potere giudiziario - ha già portato alla sospensione di alcuni siti: segno che Parigi ha tutta l'intenzione di agire con durezza sul fronte dell'antiterrorismo.

Le due leggi - d'altronde - sembrano prevaricare definitivamente il controllo giudiziario sul potere di sorveglianza e sull'autorità di vigilanza sui contenuti online: la loi relatif au renseignement, nonostante alcuni emendamenti introdotti ad aprile, mantiene l'impianto di base ed i suoi propositi originali estendendo i poteri e gli scopi dell'intelligence fino ad arrivare a permettergli di adottare strumenti di data retention e di sorveglianza globale, anche attraverso nuove tecnologie per l'intercettazione delle comunicazioni elettroniche. Il tutto fuori dal controllo della commissione che sarà incaricata nel paese di vigilare sulle intercettazioni.
Oltre al passaggio al Senato, in ogni caso, la nuova legge dovrà presumibilmente passare al vaglio del Consiglio di Stato, che ne valuterà la costituzionalità: non è fuori discussione che rispetti diritti e principi normativi della Carta fondamentale francese.
In particolare, appare preoccupante il fatto che non siano previsti controlli giudiziari sull'azione di sorveglianza né sia previsto il condizionamento degli interventi alle prove di un reato: anche per questo diverse istituzioni come l'Autorità garante per la privacy e quella per i diritti umani ed diversi osservatori, come la Quadrature Du Net, nonché l'associazione delle vittime del terrorismo, hanno fortemente contestato la strada imboccata da Parigi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàFrancia: anno nuovo, nuova sorveglianzaCon la legge di programmazione militare sono stati estesi i poteri di ingerenza nelle conversazioni private da parte delle autorità. I dati dei cittadini saranno accessibili e conservati in barba alle disposizioni europee in materia di data retention
  • AttualitàItalia: contro il terrorismo, contro l'EuropaGli emendamenti al testo che convertirà in legge il decreto antiterrorismo agevolano intercettazioni preventive a mezzo trojan di stato e prolungano a 2 anni la conservazione dei metadati di comunicazioni e sessioni online. Proprio quando l'Europa ha sconfessato la data retention. Il Garante Privacy interviene
8 Commenti alla Notizia Francia, primo sì al tecnocontrollo antiterrorismo
Ordina
  • Ahahah ancora con questa bazzecola del tecnocontrollo per combattere il terrorismo ogni 3X4, na chi ci crede più ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Servirà solo dopo che si è verificato il misfatto per dire "Avete visto, abbiamo le registrazioni!" alla quale seguirà un sonoro "sti c*zzi!" visto che non sono state utili per prevenirlo.
    non+autenticato
  • Comincio a pensare che abbia ragione Firefox a imporre l'HTTPS. Con gli utonti che abbiamo in Europa, rendere inutile lo spionaggio di massa è l'unico modo per fermarlo
    non+autenticato
  • I francesi hanno completamente disatteso gli ideali della loro storica rivoluzione, passando all'altro lato della barricata.
    Se risorgessero coloro che vi parteciparono, manderebbero subito questi insulsi politicanti, venduti ed incapaci, a raccogliere le barbabietole, utile occupazione sociale adatta per loro, altro che legiferare.
    VERGOGNA!
    non+autenticato
  • La rivoluzione francese é avvenuta più di due secoli fa, i tempi sono cambiati. La gente vuole sicurezza, non "libertà". "Libertà" di fare cosa, poi?
    Mettiti l'animo in pace, nessuno risorgerà, nessuno verrà mandato a raccogliere barbabietole. Chi legifera oggi legifererà domani.
    L'Era della Sorveglianza é qui. Io, tu, i nostri figli e i loro figli ci vivranno e ci moriranno.
    non+autenticato
  • Si, la tendenza è quella che delinei.
    Quello che Orwell non poteva prevedere era che la gente sarebbe stata contenta di vivere nel totalitarismo, addirittura senza neanche riconoscerlo come tale.
    Quale incredibile vittoria per chi preme in questa direzione, e quale incredibile sconfitta per le pecore l'umanità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > La rivoluzione francese é avvenuta più di due
    > secoli fa, i tempi sono cambiati. La gente vuole
    > sicurezza, non "libertà". "Libertà" di fare cosa,
    > poi?

    No, la gente non la vuole la sicurezza.
    La sicurezza la vogliono gli appartenenti alle caste, sicurezza di non essere indagati ne' sgamati. Cher per loro si traduce in liberta' di fare quello che vogliono alla faccia tua che li difendi.

    > Mettiti l'animo in pace, nessuno risorgerà,
    > nessuno verrà mandato a raccogliere barbabietole.
    > Chi legifera oggi legifererà domani.

    Quanto ti sbagli. Chi legifera oggi, domani muore. La natura fa il suo corso.

    > L'Era della Sorveglianza é qui. Io, tu, i nostri
    > figli e i loro figli ci vivranno e ci
    > moriranno.

    I tuoi forse.
    I miei figli stanno imparando a difendersi.
    E il mondo del futuro sara' fatto dai figli dei governanti al governo, dai figli tuoi, loro schiavi, e dai figli miei che combatteranno per difendere la loro liberta'.
    E se saranno pochi, meglio per loro: verranno ignorati dalle caste governanti che avranno schiavi a sufficienza.

    Quindi, per il bene dei miei figli, insegna pure ai tuoi che saranno schiavi.
  • - Scritto da: Get Real
    > La rivoluzione francese é avvenuta più di due
    > secoli fa, i tempi sono cambiati.

    Di sicuro non in meglio...

    > La gente vuole
    > sicurezza, non "libertà".

    Chi te l'ha detta questa baggianata ? La gente vuole sicurezza ? Rotola dal ridere
    Da chi poi ? il terrorismo ?A bocca aperta

    > "Libertà" di fare cosa, poi?

    A quando le frustate in pubblico ?

    > Mettiti l'animo in pace, nessuno risorgerà,
    > nessuno verrà mandato a raccogliere barbabietole.
    > Chi legifera oggi legifererà
    > domani.

    Come sei ottimistaA bocca aperta

    > L'Era della Sorveglianza é qui. Io, tu, i nostri
    > figli e i loro figli ci vivranno e ci
    > moriranno.

    Hai fatto tuo il motto "pessimismo e rassegnazione" ehA bocca aperta

    Io mi auguro che tu stia solo trollando....
    non+autenticato