Alfonso Maruccia

Russia, nuovo chip fatto in casa con emulazione x86

Presentata la nuova versione di uno storico chip autarchico russo, un processore multi-core compatibile con il software x86 e che dovrebbe in teoria garantire a Mosca l'indipendenza tecnologica dall'Occidente

Roma - La società russa MCST (Moscow Center for SPARC Technologies) ha commercializzato Elbrus-4S, ultima versione di una tecnologia di computer risalente agli anni '70 e tradizionalmente usata da Mosca in ambito spaziale, nucleare o militare. La nuova CPU è però in grado di fare molto di più, anche in ambito domestico o professionale, grazie a un computer completo (ARM-401) costruito attorno alle sue caratteristiche.

Prodotto dalla fonderia taiwanese TSMC con un processo produttivo a 65 nanometri, Elbrus-4C (o Elbrus-4S) è un processore quad-core con frequenza di clock da 800MHz e DSP integrato, potenza di picco da 25 Gigaflops con precisione a 64-bit, 986 milioni di transistor e consumo energetico di circa 45W.

Il chip russo è basato su un'architettura proprietaria chiusa ma, grazie a una traduzione "al volo" del codice tramite virtual machine che ricorda la tecnologia Crusoe di Transmeta, è anche in grado di far girare software per CPU x86; il layer di compatibilità con i chip "occidentali" permetterebbe al processore di far girare senza problemi - performance a parte - i sistemi operativi Microsoft da Windows XP in poi.

Se il confronto tra le capacità tecnologiche di Elbrus-4C e una CPU quad-core x86 di Intel è complicato viste le variabili in gioco, dal punto di vista dei costi le due offerte sono piuttosto facili da soppesare: il succitato computer ARM-401 costa la bellezza di 200.000 rubli, vale a dire oltre 3.500 euro; MCST promette di ridurre sensibilmente il prezzo del sistema entro la fine dell'anno.

Come il continuo sviluppo di una tecnologia come Elbrus sta a dimostrare, la volontà di autarchia tecnologica dell'ex-fronte "rosso" delle nazioni asiatiche è un'idea che viene da lontano; a voler fare a meno dei componenti informatici è prevedibilmente anche la Cina, un paese che pensava a una propria CPU (Loongson) molto prima di incorrere nel protezionismo americano sui chip Xeon di Intel. Non è un caso, in tal senso, che Russia e Cina abbiano da poco stretto un patto di collaborazione e non belligeranza contro le tecnologie telematiche in grado di "destabilizzare" l'ordine pubblico.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessAcer e Dell pronti a sfidare Eee PCStando ad alcune indiscrezioni i due noti produttori di PC stanno per svelare i loro primi modelli di UMPC pensati per rivaleggiare più o meno direttamente con Eee PC e gli altri mini notebook low cost
  • TecnologiaIntel, supercomputer dei paesi tuoiLe autorità statunitensi commissionano un nuovo supercomputer da assemblare entro tre anni, e tra le aziende coinvolte c'è la solita Intel con i suoi chip Xeon. Chip che non dovranno essere venduti alla Cina, decidono quelle stesse autorità
32 Commenti alla Notizia Russia, nuovo chip fatto in casa con emulazione x86
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)