Gaia Bottà

Google Maps, vandalismo razzista

La Casa Bianca ha un inquilino nero, informano le mappe di Google reagendo a ricerche a sfondo razzista. La Grande G si scusa e promette un intervento tempestivo

Roma - Ricerche a sfondo razzista restituiscono risultati oltraggiosi nei confronti del presidente dagli Stati Uniti Barack Obama: la Casa Bianca, su Google Maps, viene identificata in maniera dispregiativa sulla base del colore della pelle del suo inquilino.


"Nigger House", "Nigger King", "niggahouse": sono alcune delle varianti delle chiavi di ricerca che indirizzano i netizen localizzati in certe aree degli States verso la Casa Bianca. Non è chiaro se ciò sia il risultato di un'operazione di Google bombing, di un intervento di modifica sulle mappe di Google operato con gli strumenti di Map Maker, o dello sfruttamento improprio degli strumenti messi a disposizione da Google per posizionare attività commerciali sulle mappe: certo è che le segnalazioni indignate degli utenti si stavano affollando da giorni sulla pagina dedicata alla Casa Bianca.

Google, dopo la pubblicazione di un articolo sul Washington Post, è intervenuta per offrire precipitosamente la scuse del caso: "Contrariamente a come dovrebbe essere, Google Maps sta restituendo alcuni risultati inappropriati e ci scusiamo se questo può avere offeso qualcuno". I tecnici di Mountain View sono al lavoro per risolvere il problema.
La Grande G, dopo le polemiche dei giorni scorsi correlate a certi atti di vandalismo compiuti sulle proprie mappe, era intervenuta per sospendere il servizio Map Maker, la cui community non si è evidentemente dimostrata all'altezza di un controllo fra pari.

Gaia Bottà
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Google Maps, vandalismo razzista
Ordina