Alfonso Maruccia

Google, Brillo e la sbornia da IoT

Mountain View sarebbe al lavoro su un sistema operativo specificatamente pensato per la Internet delle Cose, un OS con richieste hardware particolarmente contenute in arrivo entro pochi giorni. Anche Apple si scalda per la casa connessa

Roma - Il sempre più affollato panorama di SoC, piattaforme, infrastrutture e sistemi operativi per la Internet delle Cose (IoT) si arricchirà presto dell'ennesima offerta "universale", un OS sviluppato nientemeno che da Google e apparentemente basato su tecnologia Android.

L'indiscrezione, pubblicata in anticipo sulla probabile rivelazione del nuovo sistema in occasione della prossima conferenza I/O, parla di una versione di Android progettata per l'utilizzo con gadget a basso consumo energetico e un quantitativo di RAM minimo di 32 o 64 Megabyte.

Brillo, questo il nome che sarebbe stato scelto da Google per indicare il suo OS IoT, avrebbe in dotazione tutto il necessario per gestire la domotica delle case "smart" tra sensori, dispositivi interconnessi, termostati, serrature elettroniche, lampadine hi-tech e tutto quanto.
Con Brillo Google tornerebbe insomma a esplorare le possibilità già abbozzate con tecnologie come la oramai defunta piattaforma Android@Home, una tecnologia archiviata molto presto con la giustificazione della "immaturità" di un prodotto molto in anticipo sulla recente mobilitazione per la IoT.

I dispositivi interconnessi, i W.C. scaricati da remoto e la domotica next-gen promettono infatti buoni affari e nuove opportunità per estrarre denaro dall'utente desideroso di possedere il nuovo gingillo ad alto contenuto tecnologico.
Lupus in fabula: Apple, che come Google si prepara a offrire nuove soluzioni in chiave IoT, prima fra tutte la piattaforma HomeKit: i primi dispositivi per la casa intelligente arriveranno entro giugno, ha assicurato Cupertino, e con il prossimo iOS (9) dovrebbe anche essere disponibile una nuova app "Home" per il controllo centralizzato (tramite iPhone) di tutti i dispositivi compatibili con HomeKit.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
36 Commenti alla Notizia Google, Brillo e la sbornia da IoT
Ordina
  • Grande notizia.
    Così, oltre ad avere il pieno controllo dei nostri spostamenti, delle nostre conversazioni e delle nostre informazioni personalissime (numeri telefonici su tutti), presto avranno anche il controllo dei nostri citofoni, dei nostri frigoriferi e perfino delle serrature delle nostre porte.
    Mi chiedo: ma davvero non c'è nessuno che ancora si accorga di quel che sta accadendo alla nostra libertà? Ma siamo davvero, tutti, così mentalmente rinchioccioliti? ...
  • - Scritto da: LUKAL
    > Grande notizia.
    > Così, oltre ad avere il pieno controllo dei
    > nostri spostamenti, delle nostre conversazioni e
    > delle nostre informazioni personalissime (numeri
    > telefonici su tutti), presto avranno anche il
    > controllo dei nostri citofoni, dei nostri
    > frigoriferi e perfino delle serrature delle
    > nostre porte.
    > Mi chiedo: ma davvero non c'è nessuno che ancora
    > si accorga di quel che sta accadendo alla nostra
    > libertà? Ma siamo davvero, tutti, così
    > mentalmente rinchioccioliti?
    > ...

    Domanda: tu che te ne sei accorto che cosa fai per mandare un segnale ? Ad esempio cripti le tue comunicazioni il più possibile facendo notare ad amici e colleghi che non farlo è passibile di perdita della privacy ?
    non+autenticato
  • Ma che cosa stai dicendo?! Adesso, secondo te, un utente "normale" cripta o non cripta i segnali a propria discrezione?

    E poi tu conosci un sistema di criptaggio che, nella storia, non sia mai stato decriptato prima o poi (senza poi)? Tu scommetteresti che i codici per decriptare restino riservati ed esclusivi di chi li ha congegnati, senza mai nessuna fuga di informazioni?

    No, non so te, ma noi vogliamo vivere liberi senza essere costretti a criptare, né a nascondere, nulla.

    Fin quando usare queste tecnologie sarà solo un'opzione ce la caveremo, ma spero non si debba aspettare che diventino obbligatorie ed inevitabili prima di ribellarci. Spero ci si possa ribellare molto prima.

    Altrimenti significa che non siamo in grado di leggere questi semplici segnali di avvertimento che ci stanno arrivando e che, ti assicuro, non sono affatto criptati.
  • - Scritto da: LUKAL
    > Ma che cosa stai dicendo?! Adesso, secondo te, un
    > utente "normale" cripta o non cripta i segnali a
    > propria discrezione?

    Un utente normale non cripta i suoi messaggi, se lo facesse gli attuali sistemi di intercettazione sarebbero intutili, quindi forse l'unica soluzione ha per rendere inutile l'ambaradan è proprio criptare e nessuno è interessato a farlo al posto suo.

    > E poi tu conosci un sistema di criptaggio che,
    > nella storia, non sia mai stato decriptato prima
    > o poi (senza poi)? Tu scommetteresti che i codici
    > per decriptare restino riservati ed esclusivi di
    > chi li ha congegnati, senza mai nessuna fuga di
    > informazioni?

    Quindi siccome tra un milione di anni qualcuno potrebbe avere una tecnologia per rendere inutile quello che fai ora tu non lo fai ?
    Secondo il tuo ragionamento non si sarebbe mai scoperto il fuoco in attesa di scoprire la fusione fredda.

    > No, non so te, ma noi vogliamo vivere liberi
    > senza essere costretti a criptare, né a
    > nascondere, nulla.

    Una cosa è volere una cosa è la realtà, se ti accorgi che una cosa che fai ti rende debole da un lato puoi rimanere debole o cercare modi per rafforzare quel laro.

    > Fin quando usare queste tecnologie sarà solo
    > un'opzione ce la caveremo, ma spero non si debba
    > aspettare che diventino obbligatorie ed
    > inevitabili prima di ribellarci. Spero ci si
    > possa ribellare molto prima.

    Se i cittadini e le aziende avessero criptato per abitudine lo spionaggio globale non ci sarebbe, o no ?

    > Altrimenti significa che non siamo in grado di
    > leggere questi semplici segnali di avvertimento
    > che ci stanno arrivando e che, ti assicuro, non
    > sono affatto criptati.

    Esatto: non ne siamo capaci nonostante da tempo ci siano, se ne fossimo stati capaci con pochi banali accorgimenti avremmo potuto affrancarcene.
    Abbiamo lasciato che leggessero le nostre email, le nostre chat ed ora è un pò ridicolo lamentarsi che leggono le nostra posizioni (o meglio quelle di chi ha uno smartphone).
    non+autenticato
  • - Scritto da: LUKAL

    > No, non so te, ma noi vogliamo vivere liberi
    > senza essere costretti a criptare, né a
    > nascondere,
    > nulla.

    A me basta vivere libero.
    Criptare e nascondere non e' mica un problema, soprattutto se serve a garantire la mia liberta'.

    Tu non mi pare che voglia vivere libero, ma comodo.
    E la comodita' si paga in termini di privazione di liberta' e tecnocontrollo.
  • - Scritto da: LUKAL


    > No, non so te, ma noi vogliamo vivere liberi
    > senza essere costretti a criptare, né a
    > nascondere, nulla.

    Chi te lo impedisce ?
    Tu sei libero di non nascondere e gli altri sono liberi di spiarti.
    non+autenticato
  • Vabbe', pensavo di essere stato chiaro. Chissà, forse non mi sono spiegato, ma è altrettanto da considerare che in questo ambiente - più che in altri - ci sono molte persone dalle facoltà mentali flessibili come il granito e morbide come il diamante.
  • - Scritto da: LUKAL
    > Vabbe', pensavo di essere stato chiaro. Chissà,
    > forse non mi sono spiegato, ma è altrettanto da
    > considerare che in questo ambiente - più che in
    > altri - ci sono molte persone dalle facoltà
    > mentali flessibili come il granito e morbide come
    > il diamante.

    Evidentemente non ti sai esprimere chiaramente.
    non+autenticato
  • L'assicurazione per la copertura dei furti in casa costa di più o di meno se uno ha una casa con la sicurezza gestita con dispositivi IOT ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > L'assicurazione per la copertura dei furti in
    > casa costa di più o di meno se uno ha una casa
    > con la sicurezza gestita con dispositivi IOT
    > ?

    vedrai che se userai Apple homekit uno sconto lo avrai di sicuro loro sono i migliori
    non+autenticato
  • Apple ... uno sconto ? ... la qualità si paga!!! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Apple ... uno sconto ? ... la qualità si paga!!!
    > Rotola dal ridere
    no, ma non hai capito... sarebbe uno "sconto" tipo..
    - icoso : 699
    - idIOT : 199
    - assicurazione : 150 "MA ti facciamo lo sconto DEL DIECI PERCENTO! solo per te che hai eppol + idIOT kit!" [cioe hai speso 135eu di assicurazione invece di 150, ma per ottenere cio' hai speso 900eu di garbage ]
    non+autenticato
  • Se Apple vuole le code davanti ai suoi store è sufficiente che una volta al mese venda gli stessi iCosi con sovrapprezzo dal 10% al 20% in più e solo con un numero limitato di pezzi disponibili. A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Se Apple vuole le code davanti ai suoi store è
    > sufficiente che una volta al mese venda gli
    > stessi iCosi con sovrapprezzo dal 10% al 20% in
    > più e solo con un numero limitato di pezzi
    > disponibili.
    >A bocca aperta

    ...e un incremento del numero progressivo del modello che e' l'unico paramentro che consente al macaco medio di distinguere un iCoso 5 da un iCoso 6.
  • Sicurezza?!?!?
    Hahahahahahahaha...
    non+autenticato
  • Sono troppo perfido ... Indiavolato

    Comunque se qualcuno ha qualche polizza a copertura dei furti consiglio vivamente di chiedere prima in qualche agenzia assicurativa in modo di farsi una idea più chiara del così tanto strombazzato IOT e non buttare via il denaro della polizza ... A bocca aperta
    non+autenticato
  • Chissà se m$ ha pensato di integrare il suo OS in IoT.
    Dal canto mio mi guarderò bene dal piazzare in casa iottate di ogni genere, sempre più invadenti e sempre più spremisoldi con la scusa di agevolare la vita.
    Certo, la agevolano, e poi devi farti un mazzo per guadagnare abbastanza, oppure devi privarti delle ferie o di latro per pagare questi robin hood al contrario.
    Che vadano a quel paese, che nel mio non entrano.
    non+autenticato
  • Il "latro" sarebbe "altro"...
    Ne approfitto per aggiungere che oltretutto, stare immersi costantemente in campi elettromagnetici tutto il giorno, in ufficio, per strada e a casa, credo che sia il migliore sistema per aumentare i tumori e altre malattie assortite.
    No, grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banner
    > Il "latro" sarebbe "altro"...
    > Ne approfitto per aggiungere che oltretutto,
    > stare immersi costantemente in campi
    > elettromagnetici tutto il giorno, in ufficio, per
    > strada e a casa, credo che sia il migliore
    > sistema per aumentare i tumori e altre malattie
    > assortite.
    > No, grazie.

    Ormai se non è il tuo apparecchio, è quello del vicino, o l'antenna davanti casa, o gli altri mille-mila apparati wireless che ci sono costantemente intorno... bisognerebbe vivere in una gabbia di Faraday per essere immuni.
    Comunque credo che la paura sia maggiore del dovuto. Ormai sono anni che circolano tanti oggetti wireless (dai cellulari in avanti) e se dovessero essere pericolosi come qualcuno paventa, avremmmo dovuto essere tutti morti da tempo
  • I tumori sono in aumento, non sono stabili e tantomeno in diminuzione.
    Certo saranno dovuti al cibo sempre più imbottito di additivi ed esso stesso sempre meno sano, all'aria schifosa, all'acqua del rubinetto potabilizzata per legge, ai campi elettromagnetici a cui siamo sottoposti 24/7, alle medicine che curano (non guariscono) da una parte e poco a poco ammalano da un'altra, e anche all'interazione fra tutti questi fattori.
    Ormai è impossibile farlo, come giustamente noti, ma eliminarne anche solo uno sarebbe un bel passo avanti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Idea

    > Ormai è impossibile farlo, come giustamente noti,
    > ma eliminarne anche solo uno sarebbe un bel passo
    > avanti.
    Qualunque cambiamento è "un passo avanti" il problema non è il "passo" ma verso dove lo fai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: The Eraser
    > - Scritto da: Idea

    > > Ormai è impossibile farlo, come giustamente
    > > noti, ma eliminarne anche solo uno sarebbe un
    > > bel passo avanti.
    > Qualunque cambiamento è "un passo avanti" il
    > problema non è il "passo" ma verso dove lo fai.

    Io nel dubbio a casa mia ho sostituito il wireless con il powerlan.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: The Eraser
    > > - Scritto da: Idea
    >
    > > > Ormai è impossibile farlo, come
    > giustamente
    > > > noti, ma eliminarne anche solo uno
    > sarebbe
    > un
    > > > bel passo avanti.
    > > Qualunque cambiamento è "un passo avanti" il
    > > problema non è il "passo" ma verso dove lo
    > fai.
    >
    > Io nel dubbio a casa mia ho sostituito il
    > wireless con il
    > powerlan.
    Quindi ti sei circondato di antenne?
    Almeno cuoci in modo uniformeA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hop
    > - Scritto da: Passante

    > > Io nel dubbio a casa mia ho sostituito il
    > > wireless con il powerlan.

    > Quindi ti sei circondato di antenne?
    > Almeno cuoci in modo uniformeA bocca aperta

    ????
    Quali antenne ?

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante
    > - Scritto da: Hop
    > > - Scritto da: Passante
    >
    > > > Io nel dubbio a casa mia ho sostituito
    > il
    > > > wireless con il powerlan.
    >
    > > Quindi ti sei circondato di antenne?
    > > Almeno cuoci in modo uniformeA bocca aperta
    >
    > ????
    > Quali antenne ?
    >
    I cavi del 220 sono antenne a quelle frequenze...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hop
    > - Scritto da: Passante
    > > - Scritto da: Hop
    > > > - Scritto da: Passante

    > > > > Io nel dubbio a casa mia
    > > > > ho sostituito il wireless con il
    > > > > powerlan.

    > > > Quindi ti sei circondato di antenne?
    > > > Almeno cuoci in modo uniformeA bocca aperta

    > > ????
    > > Quali antenne ?

    > I cavi del 220 sono antenne a quelle frequenze...

    Il campo elettromagnetico sviluppato da quelle frequenze in cavo hanno un'estensione che va dai 2 ai 5 centimetri, sostanzialmente non esce dallo spessore dei muri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Banner
    > Il "latro" sarebbe "altro"...
    > Ne approfitto per aggiungere che oltretutto,
    > stare immersi costantemente in campi
    > elettromagnetici tutto il giorno, in ufficio, per
    > strada e a casa, credo che sia il migliore
    > sistema per aumentare i tumori e altre malattie
    > assortite.
    > No, grazie.
    Hai provato a spegnere il sole?A bocca aperta
    non+autenticato
  • e basta e avanza.
    Gira tranquillamente in oggetti con 32Mb di RAM e 8Mb di FLASH.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > e basta e avanza.
    > Gira tranquillamente in oggetti con 32Mb di RAM e
    > 8Mb di
    > FLASH.

    E se 32MB fossero troppe, esiste anche questo: http://www.contiki-os.org/
  • Pure con 4 di flash.... volendo....
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > e basta e avanza.
    > Gira tranquillamente in oggetti con 32Mb di RAM e
    > 8Mb di
    > FLASH.

    Ah no... scusa...
    per loro poca ram significa fino a 4GB...
    Shiba
    4103
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Certo nessuno e' paragonabile a "Tavolette per il CES"
  • a dire il vero nell'articolo si parla di "WC scaricati" Sorride
  • - Scritto da: pentolino
    > a dire il vero nell'articolo si parla di "WC
    > scaricati"
    > Sorride
    non solo p.i. va forte coi titoli, ma anche il marketing di google non scherza..... evidentemente nello staff non hanno nessun italianoCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: pentolino
    > a dire il vero nell'articolo si parla di "WC
    > scaricati"
    > Sorride

    In quale articolo? In questo?
    Non l'ho letto. Brillo non so chi sia, quindi non credo mi possa interessare.
  • questo articolo, ultimo paragrafo; quanto a brillo oggi a pranzo una bella birretta ed ho risolto il problema che mi assillava da una settimana