Claudio Tamburrino

Google e la macchina morbida

Un brevetto di Mountain View rivendica l'idea di un controller dedicato ai dispositivi domestici dalle fattezze di un giocattolo: dovrebbe riconoscere il padrone e assolvere al compito di intrattenerlo

Roma - Google sta pensando di sviluppare un assistente giocattolo per il controllo dei dispositivi elettronici in casa. Anche Mountain View sembra dunque confermare che nel promettente mercato della Internet delle Cose (IoT) ci sia spazio per i giocattoli intelligenti, in cui già credono aziende come Mattel.

illustrazione brevetto

Per il momento i giocattoli intelligenti di Google hanno solo la forma di un richiesta di brevetto attraverso cui la Grande G vorrebbe rivendicare per sé l'invenzione di un dispositivo antropomorfo, ma illustrato piuttosto come un animaletto, "in forma di bambola o giocattolo e configurabile per controllare uno o più dispositivi media".

Il maggiordomo-peluche, rivolto all'intrattenimento dei più piccoli ma non solo, dovrebbe identificare il proprietario attraverso il riconoscimento facciale e rispondere ai comandi vocali: il device descritto da Google è programmato per offrire la propria attenzione (per esempio, girando la sua testa) e poi provvedendo ad attivare i dispositivi elettronici cui è collegato, interpretando e convertendo in azioni semplici le istruzioni ricevute, in maniera simile a Amazon Echo.
La maggior preoccupazione rispetto a un dispositivo Google dotato di registratore e microfono è naturalmente legata alla privacy degli utenti: sono già innumerevoli, d'altronde, i dati gestiti da Mountain View e legati alla vita privata delle persone. Accoppiando questi dati alle tecnologie di machine learning e di intelligenza artificiale in corso di sviluppo presso Mountain View non sorprende che un personaggio come Elon Musk sia arrivato ad annoverare fra le sue più grandi paure la possibilità che Google sviluppi per sbaglio un esercito di robot che finisca per sterminare la razza umana. Magari incarnando un tenero orsacchiotto.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle, Brillo e la sbornia da IoTMountain View sarebbe al lavoro su un sistema operativo specificatamente pensato per la Internet delle Cose, un OS con richieste hardware particolarmente contenute in arrivo entro pochi giorni. Anche Apple si scalda per la casa connessa
  • TecnologiaCogniToys, IA verde senza etàUna raccolta fondi per il primo giocattolo basato sull'intelligenza artificiale di IBM, Watson: crescerà insieme al bimbo che lo subisserà di domande. I balocchi intelligenti si moltiplicano e anche la Barbie si connette
  • BusinessQuando Tesla sbandò verso GoogleNei primi mesi del 2013, le trattative per l'operazione volta a salvare la casa automobilistica dal fallimento. Elon Musk, però è riuscito a sterzare per tempo
  • AttualitàA Elon Musk proprio non piace l'intelligenza artificialeIl fondatore di Tesla e SpaceX non riesce a non temere i computer dotati di consapevolezza di sé. Ma le sue paure non sono condivise da tutti: Google, per esempio, ci investe i suoi soldi
  • TecnologiaAmazon ti ascolta, con EchoNuovo device del negozio digitale. Stavolta un assistente digitale travestito da altoparlante wireless, che punta a essere angelo del focolare
6 Commenti alla Notizia Google e la macchina morbida
Ordina