Gaia Bottà

Roboto, carattere open

Il font distintivo dell'ecosistema di Google e dei suoi servizi, insieme agli strumenti per modificarlo, sono ora disponibili su GitHub

Roma - Rappresentativo dell'identità di Google almeno dal 2012, quando ha fatto la propria comparsa con Android Ice Cream Sandwich, aggiornato nel 2014 per essere in linea con il Material Design, Roboto, il font che caratterizza Android, Chrome OS e sempre più numerosi, è ora completamente open source.

Roboto

Google, che da anni propone agli sviluppatori e ai designer l'utilizzo dei propri font web e da tempo li incoraggia a scaricare Roboto, rilasciato sotto licenza Apache come alcuni degli altri font della Grande G, ha ora affidato loro la possibilità di modificarlo, migliorarlo e personalizzarlo: anche il codice per lavorare su Roboto è ora disponibile su GitHub, riorganizzato sulla base di strumenti open.

Mountain View coglie l'occasione per ricordare che ora Roboto sa esprimersi con tutti i caratteri Unicode 7.0 latini, dell'alfabeto greco e cirillico, a raggiungere gli oltre 40mila glifi per ciascuno dei font della famiglia.
Gaia Bottà