Alfonso Maruccia

Swift, Apple si dà all'open source

Cupertino è pronta a trasformare il suo nuovo linguaggio di programmazione in un progetto FOSS, una mossa apparentemente ispirata alla volontà di diffondere la buona novella di Swift per mari, monti e sistemi Linux

Roma - Tra gli annunci di un certo peso che arrivano dalla WWDC 2015, quello sulla conversione di Swift in un progetto open source è certamente uno dei più interessanti. Per lo meno dal punto di vista degli sviluppatori, a cui verranno presto garantite nuove opportunità dentro e (soprattutto) fuori il giardino recintato dell'ecosistema Apple.

Swift è un linguaggio di programmazione compilato presentato da Cupertino esattamente un anno fa, pensato come alternativa resiliente, sicura e "concisa" ad Objective-C per lo sviluppo di codice e app native sui gadget iOS e i Mac OS X; col tempo, la tecnologia si è imposta come scelta prediletta per la realizzazione di app da parte della maggioranza di coder della Mela.

Fuori dai confini dei dispositivi marcati Apple, però, di Swift si è quasi sentito parlare. Ora, però, Cupertino promette di voler cambiare in maniera radicale lo stato delle cose trasformando Swift in un progetto a codice aperto, rilasciando il codice del compilatore e della libreria standard per l'adozione del linguaggio su altre piattaforme.
Swift è la prossima star nel mondo dei linguaggi di programmazione, dice il management di Apple, e la distribuzione del codice sorgente sotto una licenza open dovrebbe far sì che la tecnologia si adatti a "girare dovunque" oltre a iOS e OS X - su Linux, certo, ma volendo anche su Windows.

Cupertino non fornisce tempistiche precise per la conversione FOSS di Swift, limitandosi a indicare un non meglio precisato periodo dell'anno in corso. Né offre dettagli riguardo al tipo di licenza, ancora ignoto e per ora definito "OSI-approved permissive license", scelta da cui probabilmente dipenderanno le sue sorti.
Quel che è certo è che Apple è solo l'ultimo colosso dell'IT e dell'elettronica di consumo, in ordine di tempo, ad abbracciare la filosofia open source nell'ambito dello sviluppo software.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaSviluppatori, chi fa cosaLa stragrande maggioranza dei programmatori è di sesso maschile, i linguaggi per il Web sono i più popolari e Apple conta i suoi appassionati anche tra i coder. Questo e altro nella nuova indagine annuale sugli sviluppatori di Stack Overflow
  • BusinessMicrosoft riporta l'open source a casaRedmond decide di riassorbire la sussidiaria nata con l'obiettivo specifico di realizzare progetti FOSS a beneficio dell'azienda e della community tutta. La nuova Microsoft è oramai innervata di open source, la start-up non serve più
  • TecnologiaWWDC 2015, Apple è tutta software e servizidi D. Galimberti - Da El Capitan a iOS 9, passando per WatchOS 2, all'atteso streaming musicale e all'offerta per gli editori: Cupertino scopre le carte nel keynote di apertura della conferenza dedicata agli sviluppatori
20 Commenti alla Notizia Swift, Apple si dà all'open source
Ordina
  • Il sistema operativo di Apple, MacOS X è basato sul Darwin il cuore Open Source (solo l'interfaccia Aqua è proprietaria) a sua volta basato su robusto codice BSD che rende MacOS X uno UNIX autentico (a differenza di GNU/Linux che non lo è) e cosa straordinaria (che molti non sanno) MacOS X alias Darwin è strutturato ed implementato sul kernel XNU.

    XNU è un kernel ibrido, basato su un'unione del codice del famigerato microkernel MACH e del kernel monolitico FreeBSD (XNU è un acronimo ricorsivo che sta per XNU's Not Unix = "XNU Non è Unix")

    Darwin è un sistema operativo a tutti gli effetti software libero perché distribuito con l'Apple Public Source License per renderlo open source.
    non+autenticato
  • se sono disponibili tutte le righe di codice. Se esiste almeno una riga di codice non nota allora tutto il software continua ad essere CLOSED!
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > se sono disponibili tutte le righe di codice. Se
    > esiste almeno una riga di codice non nota allora
    > tutto il software continua ad essere
    > CLOSED!
    ergo, data l'esistenza dei google play services, android non è open.
    non+autenticato
  • > Se
    > > esiste almeno una riga di codice non nota
    > allora
    > > tutto il software continua ad essere
    > > CLOSED!
    > ergo, data l'esistenza dei google play services,
    > android non è
    > open.
    Vero, infatti non si capisce chi continua a menarla con android libero e cretinate simili.
    non+autenticato
  • Android è open. Libero di crederci o meno. Licenza Apache 2.0 e gpl 2.0 per la parte di kernel linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > ergo, data l'esistenza dei google play services,
    > android non è open.

    Dipende da quale android parli:
    - c'è AOSP (android open source program) che è tutto open, incluse le app di mail, messaggi, etc
    - c'è android di google, con le personalizzazioni del Play Store, Play Services ed app proprietarie
    - c'è android di Amazon (vedi kindle fire), con le proprie personalizzazioni ed app
    - c'è android di nokia, con le proprie personalizzazioni ed app

    E ce ne sono tanti altri in estremo oriente. Si dice che è "open source" proprio perchè ognuno può legalmente prenderlo, modificarlo e distribuirlo con le proprie personalizzazioni.
  • Ormai praticamente tutte le piattaforme di sviluppo rilevanti sono open; che Swift fosse closed era semplicemente un'anomalia destinata a risolversi.
    Vedremo se troverà spazio al di fuori di IOS/Mac Os X, il panorama è giù piuttosto affollato.
  • - Scritto da: pentolino
    > Ormai praticamente tutte le piattaforme di
    > sviluppo rilevanti sono open; che Swift fosse
    > closed era semplicemente un'anomalia destinata a
    > risolversi.

    Però se ho ben capito non stanno "aprendo" la piattaforma di sviluppo, ma solo il linguaggio base. Infatti tools di sviluppo e framework continueranno ad essere closed e proprietari.
  • Credo di sì, con piattaforma intendevo linguaggio, compilatore e libreria generica; poi sarà da vedere quanto sarà interessante la piattaforma Swift una volta che gli levi l'ecosistema Apple ed usi GTK, QT etc.
  • bisognerà vedere quanti e quali vantaggi offrirà in ambienti che non hanno l'api cocoa

    è un pò com'era c# su linux senza .net, figo sicuramente ma limitatamente utile ( poi venne mono ovviamente e adesso .net core che però è una frazione dell'intero framework .net )

    cioè in soldoni perchè un programmatore dovrebbe scegliere swift invece di haskell ( per esempio )?

    apple dovrà rispondere a questa domanda
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > cioè in soldoni perchè un programmatore dovrebbe
    > scegliere swift invece di haskell ( per esempio
    > )?
    >
    > apple dovrà rispondere a questa domanda

    esatto, ma fintanto che non è open (come appunto tutti gli altri) non può che rispondere con un assordante silenzio; una volta che sarà open si porrà sul piano degli altri e si vedrà.
    Personalmente vedo sempre di buon occhio i nuovi linguaggi, se non altro magari portano qualche idea nuova di cui potranno giovarsi gli altri!
  • - Scritto da: pentolino
    > Ormai praticamente tutte le piattaforme di
    > sviluppo rilevanti sono open; che Swift fosse
    > closed era semplicemente un'anomalia destinata a
    > risolversi.
    > Vedremo se troverà spazio al di fuori di IOS/Mac
    > Os X, il panorama è giù piuttosto
    > affollato.

    Sono esterefatto: ma come, Apple chiusa al mondo e confinata nella sua Turris Eburnea, cosa sta facendo mai, si sta sbracando aprendosi al mondo open, è il crollo di un mito...

    Oh tempora, oh mores...!
  • - Scritto da: rockroll
    >
    > Sono esterefatto: ma come, Apple chiusa al mondo
    > e confinata nella sua Turris Eburnea , cosa
    > sta facendo mai, si sta sbracando aprendosi al
    > mondo open, è il crollo di un
    > mito...
    >
    > Oh tempora, oh mores...!

    buongiorno, ben svegliato! A bocca aperta

    questa pagina
    http://www.opensource.apple.com
    esiste soltanto da 15 anni, ma dormi pure sereno A bocca aperta

    fonte: http://tinyurl.com/wakie-wakie-rockroll
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 giugno 2015 16.25
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: rockroll
    > >
    > > Sono esterefatto: ma come, Apple chiusa al
    > mondo
    > > e confinata nella sua Turris
    > Eburnea
    ,
    > cosa
    > > sta facendo mai, si sta sbracando aprendosi
    > al
    > > mondo open, è il crollo di un
    > > mito...
    > >
    > > Oh tempora, oh mores...!
    >

    >
    >
    > buongiorno, ben svegliato! A bocca aperta
    >
    > questa pagina
    > http://www.opensource.apple.com
    > esiste soltanto da 15 anni, ma dormi pure sereno
    >A bocca aperta
    >
    > fonte: http://tinyurl.com/wakie-wakie-rockroll
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 09 giugno 2015 16.25
    > --------------------------------------------------

    quasi tutta roba portata da linux, eh! non e' che c'e' tanto da vantarsi.
    non+autenticato
  • non c'è neanche un Kb derivato da Linux, è tutto *BSD
    non+autenticato
  • http://www.apple.com/opensource/

    Apple believes that using Open Source methodology makes Mac OS X a more robust, secure operating system, as its core components have been subjected to the crucible of peer review for decades. Any problems found with this software can be immediately identified and fixed by Apple and the Open Source community.
    MeX
    16897
  • - Scritto da: pentolino
    > Ormai praticamente tutte le piattaforme di
    > sviluppo rilevanti sono open
    Visual studio NON mi sembra open
    non+autenticato