Gaia Bottà

Apple Music, un atto di fede

Gratis per gli utenti è gratis per Cupertino: la Mela chiede alle etichette indipendenti di scommettere e si arroga il diritto di non corrispondere alcunché ai detentori dei diritti per i primi tre mesi di offerta gratuita del servizio

Roma - Il lancio dell'atteso servizio Apple Music è avvenuto nei giorni scorsi, in occasione della conferenza per sviluppatori WWDC: già oggetto di polemiche per indiscrezioni relative ai rapporti intrattenuti da Cupertino con la major, già oggetto di indagini formali da parte delle autorità statunitensi, il servizio alimenta ora il chiacchiericcio in merito alla fetta di introiti che prevede di condividere con i detentori dei diritti, nello specifico il mondo indie.

Nei giorni scorsi Digital Music News aveva mostrato quello che appariva essere lo stralcio di un contratto standard sottoposto all'attenzione delle etichette (non agli autori), fatta eccezione per le major che hanno probabilmente stipulato degli accordi su misura per il loro repertorio e per i loro artisti. La percentuale promessa nel contratto è pari al 58 per cento dei denari raccolti con le sottoscrizioni degli abbonamenti individuali e familiari.

Alle indiscrezioni dei giorni scorsi si aggiungono ora le dichiarazioni rilasciate a Re/code da Robert Kondrk, incaricato per Apple delle trattative con l'industria della musica: negli Stati Uniti Apple cederà ai detentori dei diritti il 71,5 per cento delle entrate garantire dagli abbonamenti, una cifra che varierà negli altri paesi del mondo e che in media varrà il 73 per cento.
Le cifre illustrate nel contratto e quelle delineate da Cupertino per bocca del suo manager non coincidono: la motivazione sembra risiedere nel fatto che la fetta del 58 per cento non include quanto spetta alle edizioni ma solo quanto previsto per coloro che detengono i diritti sulle registrazioni, mentre il 71,5 per cento rappresenterebbe il totale versato alla globalità dei detentori dei diritti.

Quello che invece coincide è la determinazione di Cupertino nell'arrogarsi la gratuità dei contenuti per i tre mesi di tempo in cui Apple Music verrà offerto agli utenti senza pretendere un corrispettivo in denaro. Questo processo di conquista degli utenti, fatto di indagini di mercato e promozione, nonché dell'offerta gratuita di un servizio, si stima possa costare a Apple 4,4 miliardi di dollari, vale a dire il sacrificio che Cupertino intende imporre alle etichette che non facciano parte della categoria delle major, che probabilmente subiranno il contraccolpo di una contrazione delle fruizioni sulle piattaforme concorrenti a Apple. Questo trattamento starebbe spingendo le etichette indipendenti a temporeggiare nello stipulare contratti che, in cambio di un atto di fede per ottenere visibilità su una piattaforma che promette di conquistare 100 milioni di utenti, assicurano percentuali di poco superiori a quelle offerte da attori come Spotify, che ne vanta già 20 milioni.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessApple Music, alla buonoraUno e trino, il servizio della Mela dedicato allo streaming offrirà libertà di scelta, radio e opportunità social. Dopo una lunga attesa, nulla di nuovo rispetto alla concorrenza?
  • BusinessStreaming e musica, chi cospira contro il freemium?Apple, Universal, Warner e Sony sono coinvolte in una indagine delle autorità di due stati americani: dovranno provare di non voler usare il proprio potere per sopprimere i modelli di business meno redditizi e la libertà di scelta del consumatore
  • BusinessApple gioca sporco per lo streaming musicale?Cupertino, secondo indiscrezioni di The Verge, starebbe tentando di sabotare la concorrenza per preparare il lancio del proprio servizio di streaming musicale. Le autorità statunitensi avrebbero già fiutato pratiche sospette
175 Commenti alla Notizia Apple Music, un atto di fede
Ordina
  • Apple va multata pesantemente e obbligata a ripagare di tasca propria i costi dei mancati guadagni per i detentori dei diritti! Indiavolato
    non+autenticato
  • ben detto!! e in più ai detentori gli offriamo un kebab aggratis nella tua ex videoteca...
    non+autenticato
  • quanta fede ci vuole http://www.theregister.co.uk/2015/06/17/apple_hose.../

    buchino buchetto e l'hacker t'inchiappetta Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Sono davvero troppi tre mesi gratis nel mercato musicale, dove un pezzo orecchiabile dura, se va bene, un'estate. Cioè tre mesi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Sono davvero troppi tre mesi gratis nel mercato
    > musicale, dove un pezzo orecchiabile dura, se va
    > bene, un'estate. Cioè tre
    > mesi.

    io ascolterò tutto l'ascoltabile per tre mesi intensissimi.
    in un brodo di giuggiole per il fatto che le mayor non prenderanno un cent e Apple neppure.
    Poi disdico tutto con un tap bello deciso.
    Godrò ad ogni singolo secondo di ascolto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > Godrò ad ogni singolo secondo di ascolto.
    Io invece godevo già prima e continuerò a godere pure dopo senza tip e senza tap...
    Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Sono davvero troppi tre mesi gratis nel mercato
    > musicale, dove un pezzo orecchiabile dura, se va
    > bene, un'estate. Cioè tre
    > mesi.

    Un pezzo che dura solo 3 mesi non vale un centesimo.
    La musica vera e' quella che anche dopo anni, ancora la ascolti!
  • musica commerciale questa sconosciuta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ninnoli portafortu na
    > musica commerciale questa sconosciuta

    Deve essere una di quelle leggende urbane, come le pubblicita' su internet.
  • - Scritto da: ninnoli portafortu na
    > musica commerciale questa sconosciuta

    Ah intendi dire "musica per truzzi e bimbiminkia"... allora capisco...
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Un pezzo che dura solo 3 mesi non vale un
    > centesimo.
    > La musica vera e' quella che anche dopo anni,
    > ancora la
    > ascolti!

    un pezzo che dura solo 3 mesi non sarà un pezzo di valore, ma ha un grande valore economico (soprattutto per i tuoi amici intermediari).
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: rico
    > > Sono davvero troppi tre mesi gratis nel
    > mercato
    > > musicale, dove un pezzo orecchiabile dura,
    > se
    > va
    > > bene, un'estate. Cioè tre
    > > mesi.
    >
    > Un pezzo che dura solo 3 mesi non vale un
    > centesimo.
    Nahhhh!
    Stavolta sei stato assai generoso... mica ci arriva al centesimo...
    Occhiolino
    Ti ricordo che sono pur sempre (in teoria) quasi 20 "grasse lirette" diciamo che ci dovrebbe stare almeno un orsetto gommoso (forse addirittura 2) in quella cifra... e francamente tra il pezzo "gratis per 3 mesi" e l'orsetto gommoso preferisco assai il pezzo gratis tutta la vita + l'orsetto gommoso!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Sono davvero troppi tre mesi gratis nel mercato
    > musicale, dove un pezzo orecchiabile dura, se va
    > bene, un'estate. Cioè tre
    > mesi.

    Precisiamo, un pezzo orecchiabile che non vale niente.

    Un pezzo vale qualcosa invece di estati ne dura almeno quaranta.
    non+autenticato
  • "Gratis per gli utenti è gratis per Cupertino"

    Se l'accento è intenzionale, bella frase!

    A prima vista sembra un errore.
    non+autenticato
  • La potenza Apple: riuscire ad imporre ad altri i costi di investimento e il rischio d'impresa.
  • - Scritto da: bradipao
    >
    > La potenza Apple: riuscire ad imporre ad altri i
    > costi di investimento e il rischio
    > d'impresa.

    in effetti, la scommessa sta alle etichette: da una parte ci sono i 20 milioni di utenti paganti su spotify, dall'altra i potenziali 100 milioni di Apple

    da che mondo è mondo, le vincite grosse si fanno solo quando il rischio è alto.

    sul rischio di impresa, penso che apple possa tranquillissimamente dire la sua.. nella fattispecie, lei la sua scommessa l'ha già fatta acquistando Beats (3 miliardi di dollari).. adesso tocca alle etichette
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: bradipao
    > >
    > > La potenza Apple: riuscire ad imporre ad
    > altri
    > i
    > > costi di investimento e il rischio
    > > d'impresa.
    >
    > in effetti, la scommessa sta alle etichette: da
    > una parte ci sono i 20 milioni di utenti paganti
    > su spotify, dall'altra i potenziali 100 milioni
    > di Apple

    Pensa che le piattaforme P2P dispongono invece di milioni di utenti.
    Se le major fossero coerenti dovrebbero ridere in faccia ad apple.

    Ti ricordo il modo assurdo di ragionare delle major:
    Se la scelta e' tra:

    A) NOI guadagnamo 100 ma ALTRI guadagnano 1
    B) NOI andiamo in perdita ma ALTRI guadagnano zero

    hanno sempre scelto la soluzione B

    La prova sono tutti i servizi terzi che hanno stroncato sul nascere e i milioni sprecati in processi contro nullatenenti che si sono scaricati un paio di canzonette.

    > da che mondo è mondo, le vincite grosse si fanno
    > solo quando il rischio è
    > alto.

    Da che mondo e' mondo le vincite si fanno quando il cavallo e' sicuro.

    > sul rischio di impresa, penso che apple possa
    > tranquillissimamente dire la sua.. nella
    > fattispecie, lei la sua scommessa l'ha già fatta
    > acquistando Beats (3 miliardi di dollari)..
    > adesso tocca alle etichette

    Fino ad oggi tutte le volte che le etichette sentono la parola GRATIS, le vendite di maalox hanno un incremento significativo.
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Pensa che le piattaforme P2P dispongono invece di
    > milioni di utenti.
    > Se le major fossero coerenti dovrebbero ridere in
    > faccia ad apple.

    sì ma io ho scritto "utenti paganti" non "utenti" Sorride

    >
    > Ti ricordo il modo assurdo di ragionare delle
    > major:
    >
    > Se la scelta e' tra:
    >
    > A) NOI guadagnamo 100 ma ALTRI guadagnano 1
    > B) NOI andiamo in perdita ma ALTRI guadagnano zero
    >
    > hanno sempre scelto la soluzione B

    vero, infatti c'è voluto uno come Jobs per convincerli che stavano sbagliando tutto

    >
    > La prova sono tutti i servizi terzi che hanno
    > stroncato sul nascere e i milioni sprecati in
    > processi contro nullatenenti che si sono
    > scaricati un paio di
    > canzonette.

    e la riprova è il fatto che davanti a questa proposta di Apple ancora indugiano

    > Da che mondo e' mondo le vincite si fanno quando
    > il cavallo e' sicuro.

    il cavallo in questione è quello che gli ha fatto fare la vincita del secolo con iTunes

    > Fino ad oggi tutte le volte che le etichette
    > sentono la parola GRATIS, le vendite di maalox
    > hanno un incremento significativo.
  • - Scritto da: bertuccia

    > il cavallo in questione è quello che gli ha fatto
    > fare la vincita del secolo con
    > iTunes
    Ma come?
    iTunes non conta nulla nelle revenues di Apple è tutto hardware (sic dixit macaca sylvana aka il berty).
    Va bene la fede... ma bisognerà pur fare pace col cervello.....
    No?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fare Pace
    >
    > Ma come?
    > iTunes non conta nulla nelle revenues di Apple è
    > tutto hardware (sic dixit macaca sylvana aka il
    > berty).

    "gli ha fatto fare" = ha fatto fare alle etichette della musica l'affare del secolo.

    ovvero gli ha permesso di continuare ad avere profitti in un mercato ormai completamente in mano alla pirateria

    > Va bene la fede... ma bisognerà pur fare pace col
    > cervello.....
    > No?

    devi solo imparare a leggere con calma prima di battere a caso sulla tastiera
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Fare Pace
    > >
    > > Ma come?
    > > iTunes non conta nulla nelle revenues di
    > Apple
    > è
    > > tutto hardware (sic dixit macaca sylvana aka
    > il
    > > berty).
    >
    > "gli ha fatto fare" = ha fatto fare alle
    > etichette della musica l'affare del
    > secolo.
    Insomma è un ente benefico...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Lo fa per dare il "cavallo vincente" a loro...
    è una tesi davvero fantastica.
    Hai chiesto al cuoco timoteo se lo sa?
    Occhiolino
    >
    > ovvero gli ha permesso di continuare ad avere
    > profitti in un mercato ormai completamente in
    > mano alla
    > pirateria
    Veramente la pirateria prospera come non mai ...

    >
    > devi solo imparare a leggere con calma prima di
    > battere a caso sulla
    > tastiera
    Beh date le precedenti affermazioni dubito che tu abbia letto addirittura ciò che scrivi...
    è per questo che dovresti fare pace prima di tutto almeno col tuo cervello se non con quello altrui...
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fare Pace
    >
    > Insomma è un ente benefico...
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere

    no, ottiene un profitto.

    che, sommato ai profitti derivanti dagli altri software e servizi, non arriva a costituire nemmeno il 10% dei profitti totali di Apple.

    questa cosa, nella tua testa bacata, significa evidentemente che per le etichette non sia stato un grande affare. Cosa ti devo dire? Il resto del mondo ha capito, tu no.

    > Lo fa per dare il "cavallo vincente" a loro...
    > è una tesi davvero fantastica.
    > Hai chiesto al cuoco timoteo se lo sa?
    > Occhiolino

    La musica fa parte dell'ecosistema di Apple.
    Apple potrebbe benissimo guadagnare zero direttamente dalla musica. Il grosso del guadagno di Apple viene dal ferro. La gente compra il ferro perchè dentro c'è l'ecosistema, di cui iTunes fa parte.

    Lavagnetta e gessetti o ci sei arrivato?

    > Veramente la pirateria prospera come non mai ...

    spotify ha 75 milioni di utenti attivi.
    20 milioni pagano un abbonamento.

    la pirateria c'è, ma non è più una minaccia alla sopravvivenza delle etichette come lo era prima di iTunes

    > Beh date le precedenti affermazioni dubito che tu
    > abbia letto addirittura ciò che
    > scrivi...
    > è per questo che dovresti fare pace prima di
    > tutto almeno col tuo cervello se non con quello
    > altrui...
    > Occhiolino

    Annoiato
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 giugno 2015 12.12
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Fare Pace
    > >
    > > Insomma è un ente benefico...
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > no, ottiene un profitto.
    Irrilevante (sic dixit....)

    > Lavagnetta e gessetti o ci sei arrivato?
    Arrivato a che?
    Alla fede?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere

    > spotify ha 75 milioni di utenti attivi.
    > 20 milioni pagano un abbonamento.
    Totale paganti 20 milioni (il resto non conta).

    >
    > la pirateria c'è, ma non è più una minaccia alla
    > sopravvivenza delle etichette come lo era prima
    > di
    > iTunes
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Se non "minaccia" perchè preoccuparsene tanto c'è iTunes (il cavaliere sul cavallo bianco)..
    Ma davvero quando scrivi queste cose riesci a restare serio?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > /PLONK
    Eggià quando non si riesce a dimostrare che iTunes ha salvato il mondo resta poco di altro da fare...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    3 ave maria e un paternoster...
    Ego te absolvo.....
    Ma solo perchè sei rimasto l'unico del "trio lescano" con cui si riesce a divertirsi.
    (from 4 cats to 3 cats and from 3 cats to 1 single cat ...)
    Risultato who saved the world ?....
    Il berty con iTunes...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato