Alfonso Maruccia

TLC, l'Italia spera nel futuro

Il nuovo rapporto sullo stato delle telecomunicazioni italiane fotografa una situazione ambivalente, dove gli investimenti crescono ma i ricavi scendono e cosė i posti di lavoro

Roma - Asstel ha presentato il sesto rapporto sulla filiera delle telecomunicazioni in Italia, una fotografia annuale sullo stato dell'industria delle TLC e le dinamiche economiche che caratterizzano il settore nel Belpaese. C'è molto da piangere, ovviamente, ma anche i segnali positivi non mancano.

Nel complesso, dal 2013 al 2014 il settore delle TLC italiane ha perso il 5 per cento dei ricavi raggiungendo i 42,3 miliardi di euro (-2,5 miliardi), mentre l'occupazione è scesa del 3 per cento; meglio, molto meglio hanno fatto gli investimenti, cresciuti del 7 per cento fino a 5,9 miliardi di euro.

Particolarmente negativa la situazione degli operatori mobile, con un giro d'affari diminuito del 10 per cento e che in sette anni ha perso per strada 7,9 miliardi di euro, vale a dire un terzo del valore complessivo del business. La colpa? Soprattutto della concorrenza feroce a suon di offerte e promozioni, una situazione ideale per i clienti ma che alla lunga impatta sui conti delle aziende.
Per quanto riguarda la banda larga, poi, le connessioni ultra-broadband (sopra i 30 Mbps) sono ancora una risicata minoranza (copertura dello 0,5 per cento) e crescono con passo a dir poco da lumaca (+0,1 per cento, la più bassa d'Europa); molto meglio le connessioni in broadband fissa standard, la cui copertura ha oramai raggiunto il 99 per cento della popolazione contro una media UE del 97 per cento. Sopra la media europea anche le connessioni mobile LTE, oramai disponibili all'84 per cento dell'utenza.

Tutto considerato, dice Asstel, le TLC in Italia rappresentano un settore che continua a soffrire della crisi economica ma che è ben disposto verso il futuro come gli investimenti in crescita stanno a dimostrare; il governo promette meraviglie, ma l'attuale piano normativo non sembra aiutare il rilancio del business.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessItalia, l'anno nero delle TLCNonostante gli investimenti ed la continua crescita delle vendite di tablet e smartphone, secondo un nuovo rapporto Asstel la filiera delle telecomunicazioni nel 2013 ha subito la crisi
  • AttualitàBanda Ultra Larga, il piano del GovernoIl progetto dell'Italia passa per l'autonomia degli operatori rispetto alle tecnologie. E per 6,5 miliardi di fondi pubblici, sperando che altrettanti giungano dai privati
8 Commenti alla Notizia TLC, l'Italia spera nel futuro
Ordina
  • Delinquenti greci ?

    Mi spieghi a cosa serva un organismo di controllo a quello statale che si è fatto gabbare da conti falsi in questo modo ?

    credi che i greci siano gli unici ?

    La verità è che chi deve comprare leggi e politici a suo favore, invece di doverlo fare per singolo stato adesso può risparmiare pagando una volta sola e siamo contenti Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tsipras
    > Delinquenti greci ?
    >
    > Mi spieghi a cosa serva un organismo di controllo
    > a quello statale che si è fatto gabbare da conti
    > falsi in questo modo
    > ?
    >
    > credi che i greci siano gli unici ?
    >
    > La verità è che chi deve comprare leggi e
    > politici a suo favore, invece di doverlo fare per
    > singolo stato adesso può risparmiare pagando una
    > volta sola e siamo contenti
    > Sorride

    Ci mancava il bel qualunquismo sullo stile tanto sono tutti ladri non ci puoi fare niente.

    La verità è che i governi più disonesti d'Europa sono quelli di Grecia e Italia.
    Sono loro quelli che possono affondare tutto.
    non+autenticato
  • Ollallà....
    E questo sarebbe un post di risposta al qualunquismo?????
    hahahahaha!!!
  • - Scritto da: tamaratammone
    > Ollallà....
    > E questo sarebbe un post di risposta al
    > qualunquismo?????
    > hahahahaha!!!

    Qualunque risposta più seria verrebbe prontamente stroncata dal T1000.
    Il qualunquismo è uno strumento molto potente per neutralizzare la rabbia delle masse e mantenere il potere.
    non+autenticato
  • boh!Sorpresa
    certo che finchè ripondi al "qualunquismo" con:
    "La verità è che i governi più disonesti d'Europa sono quelli di Grecia e Italia. Sono loro quelli che possono affondare tutto."....
    oppure:
    "Qualunque risposta più seria verrebbe prontamente stroncata dal T1000."
    ... siamo appposto! Rotola dal ridere
    qui c'è la fiera del qualunquismo!Annoiato
  • >
    > La verità è che i governi più disonesti d'Europa
    > sono quelli di Grecia e
    > Italia.
    > Sono loro quelli che possono affondare tutto.

    Ad affondare se stessi gli italiani sono campioni del mondo ma non ti preoccupare l'Italia e' sempre stato un paese diviso in caso di guai grossi e' possibile che pacificamente la repubblica italiana sia divida in piu' parti come lo e' stato per i cecolosvacchi si stanno creando tutti i presupposti:

    A grandi linee

    lombardia da sola ma potrebbe allargarsi annettendo tutte le provincie a ovest e a sud confinanti

    veneto con friuli   

    Aosta per gli affari suoi piemontesi e liguri non so

    toscana umbria molise marche abruzzo insieme

    lazio per gli affari suoi

    puglia e basilicata insieme

    campania e calabria non so

    Isolani per gli affari suoi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tsipras

    > politici a suo favore, invece di doverlo fare per
    > singolo stato adesso può risparmiare pagando una
    > volta sola

    wow, qualcuno che ha compreso il vero scopo dell'UE
    non+autenticato
  • Dalle mie parti si dice che chi vive sperando muore cag**do
    non+autenticato