Alfonso Maruccia

Secondo intercalare, apocalittici e connessi

Il famigerato leap second č scoccato senza le apocalissi tecnologiche previste da qualcuno: problemi ce ne sono stati, soprattutto in Brasile, ma niente di globale come invece accadde nel 2012

Roma - Come deciso all'inizio dell'anno, alla mezzanotte del 30 giugno 2015 gli orologi atomici interconnessi sono stati messi in pausa per un secondo per sincronizzare lo scorrere del tempo universale con il lento ma inesorabile rallentamento della rotazione terrestre. Č il cosiddetto secondo intercalare, o leap second, che nelle previsioni avrebbe dovuto provocare molti più problemi di quelli effettivamente sperimentati.

Il nuovo secondo intercalare, il ventiseiesimo aggiunto a partire dal 1971, arriva a tre anni esatti di distanza dall'ultima sincronizzazione Terra-UTC e in teoria avrebbe potuto causare non pochi grattacapi ai sistemi connessi basati su OS Linux, i sensori GPS - particolarmente sensibili allo scorrere del tempo universale - e chissà cos'altro.
L'ultima volta, in effetti, la comunità mondiale sperimentò svariati crash sui siti social di alto profilo basati su database (Reddit, Yelp, LinkedIn) e una compagnia aerea australiana (Qantas) fu costretta a posticipare la partenza di 50 voli.

Per quel che riguarda il secondo intercalare del 2015, invece, i problemi sin qui documentati sono stati relativamente ridotti e risultano essere concentrati soprattutto in Brasile: il paese sudamericano ospita il 50 per cento dei 2.000 network che secondo le analisi di traffico di Dyn sarebbero finiti offline a causa del leap second, particolarità dovuta all'utilizzo diffuso di una particolare marca di router di rete evidentemente sensibile al problema.
Meno dello 0,5 per cento dei 500.000 network presenti nelle tabelle di routing globali di Internet è stato coinvolto nei problemi del leap second, dicono gli analisti, e la maggior parte delle reti telematiche è in ogni caso tornata velocemente online dopo il riavvio del router o poco più.

Il secondo intercalare del 2015 non ha causato disastri, disservizi diffusi o apocalissi da Millennium Bug, insomma, e il felice passaggio al nuovo tempo universale è stato certamente aiutato dai preparativi approntati anzitempo dalle aziende grandi e piccole che operano in Rete.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Digital LifeIl secondo che crasha il WebL'adeguamento degli orologi mondiali al rallentamento della rotazione terrestre provoca problemi ai sistemi informatici. Disservizi per bacheche Web e per alcuni voli di linea
  • AttualitàUn secondo in più, Internet nel caos?Nel 2015 gli orologi atomici si fermeranno per un secondo, e la cosa potrebbe provocare non pochi problemi ai sistemi di rete. E' il ritorno del famigerato leap second, tra FUD e Google che mitiga i rischi adoperando i millisecondi
10 Commenti alla Notizia Secondo intercalare, apocalittici e connessi
Ordina
  • Questa storia delle apocalissi informatiche ogni volta che c'e' un problema che fuoriesce dalla normale comprensione dei non addetti ai lavori dovra' finire prima o poi.

    C'e' un accadimento che potrebbe causare un potenziale problema.
    Era successo con l'Y2K, succede ogni 4 anni coi bisestili, succede coi secondi intercalari, succede sempre quando c'e' qualcosa di insolito.

    E come funzioana la ocsa?

    Non e' che non succede niente per magia o per intervento divino.
    Succede che i sistemisti lavorano per gestire l'accadimento insolito e non far provocare conseguenze.

    Non c'e' nessuna apocalisse.

    I casi sono solo i seguenti:
    1) Ci sono sistemisti capaci che risolvono il problema
    2) Ci sono manager incapaci che hanno assoldato sistemisti incapaci e quindi si beccano il problema
    3) Ci sono imprenditori incapaci che non hanno devoluto il budget per risolvere il problema e quindi se lo beccano.

    Nessuna apocalisse: solo gente che sa lavorare o gente che non sa lavorare.
  • 4) non è un problema proprio... a meno che tu non stia gestendo un server a stratum 1 (e anche così è banale)....
    visto in termini di log (/var/log/ntp e senza fare nulla) ecco cosa resta del tutto che si "aggiusta" automaticamente:

    "1 Jul 01:59:59 ntpd[1109]: 0.0.0.0 061b 0b leap_event"...
    fine della questione...
    A volte ci si può addirittura permettere di essere ignoranti (non dico che sia auspicabile) se lo si fa con buon senso...
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Co Glionazzo
    > 4) non è un problema proprio... a meno che tu non
    > stia gestendo un server a stratum 1 (e anche così
    > è
    > banale)....
    > visto in termini di log (/var/log/ntp e senza
    > fare nulla) ecco cosa resta del tutto che si
    > "aggiusta"
    > automaticamente:
    >
    > "1 Jul 01:59:59 ntpd[1109]: 0.0.0.0 061b 0b
    > leap_event"...
    > fine della questione...
    > A volte ci si può addirittura permettere di
    > essere ignoranti (non dico che sia auspicabile)
    > se lo si fa con buon
    > senso...
    > Occhiolino


    senti tucu, tu che te ne intendi, cosa mi dici del numero di telefono dell'utente navigante che appare quando vai usando la rete con SIM in alcuni siti?
    Io punto tutto su accordo fra operatore e sito per aggiunta al volo di header HTTP con numero di tel.
    Tu che dici?
    Mi dicono che in HTTPS non funziona (il che avvalora l'ipotesi, visto che non possono aggiungere header on the fly in quel tipo di comunicazione).
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > senti tucu, tu che te ne intendi, cosa mi dici
    > del numero di telefono dell'utente navigante che
    > appare quando vai usando la rete con SIM in
    > alcuni
    > siti?
    E che ne so?
    Io manco ci ho mai fatto caso...
    in ogni circostanza l'operatore il numero tuo lo sa.. quindi se si mette d'accordo con qualcuno perchè si veda.. non direi che tu possa farci un tubo (salvo lamentarti col tuo operatore)...
    Ma perchè proprio ora ti "punge" tale vaghezza?
    Pensavi che l'operatore non sapesse il tuo numero?
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Co Glionazzo
    > - Scritto da: ...
    >
    > > senti tucu, tu che te ne intendi, cosa mi
    > dici
    > > del numero di telefono dell'utente navigante
    > che
    > > appare quando vai usando la rete con SIM in
    > > alcuni
    > > siti?
    > E che ne so?
    > Io manco ci ho mai fatto caso...
    > in ogni circostanza l'operatore il numero tuo lo
    > sa.. quindi se si mette d'accordo con qualcuno
    > perchè si veda.. non direi che tu possa farci un
    > tubo (salvo lamentarti col tuo
    > operatore)...
    > Ma perchè proprio ora ti "punge" tale vaghezza?
    > Pensavi che l'operatore non sapesse il tuo numero?
    > A bocca aperta

    Forse pensava non andasse a sbandierarlo in giro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Patriot

    > Forse pensava non andasse a sbandierarlo in giro.

    Esatto, facendolo pure pagare come servizio (ai siti) e rendendo così non solo possibili, ma necessarie le truffe più disparate (come i vari abbonamenti a tap o peggio).
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: Patriot
    >
    > > Forse pensava non andasse a sbandierarlo in
    > giro.
    >
    > Esatto, facendolo pure pagare come servizio (ai
    > siti) e rendendo così non solo possibili, ma
    > necessarie le truffe più disparate (come i vari
    > abbonamenti a tap o
    > peggio).
    Ma (ripeto) lamentarsi col gestore e se non capisce cambiare contratto no?
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Co Glionazzo

    > Ma (ripeto) lamentarsi col gestore e se non
    > capisce cambiare contratto
    > no?
    > Occhiolino

    Lo fanno tutti i gestori.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Patriot

    > Forse pensava non andasse a sbandierarlo in giro.
    Uno può pensare quello che vuole e se non gli piace il suo gestore... cambia contratto con uno che gli piace di più... (e magari gli dice pure il motivo così quello del "marketting" fa 2+2)
    Non è che sei senza alternative.
    non+autenticato