Claudio Tamburrino

Chicago tassa la nuvola

Per servizi cloud universali, una tassa locale: peserà sui fornitori di intrattenimento online e sulle piattaforme di computing remoto

Roma - La città di Chicago ha adottato una nuova tassa subito soprannominata "cloud tax" che peserà sui "fornitori di intrattenimento forniti per via elettronica" e sui servizi di computing remoto.

Il nuovo balzello ha esordito lo scorso mercoledì primo luglio, ma entrerà in vigore dopo un periodo di grazia che si estenderà fino al primo settembre. Avrà effetto solo a Chicago, applicandosi con una tassa che va a gravare sulle quote pagate dagli utenti locali per assistere o partecipare ad una qualsiasi forma di intrattenimento fornito per via elettronica, che sia uno show dal vivo, un contenuto via streaming qualsiasi o un gioco online, e servizi cloud come Amazon Web Services.

Ad accorgersene sono stati subito gli utenti di Netflix della città, dato che proprio il servizio di streaming a stelle e strisce, che sta per raggiungere anche l'Italia, ha annunciato il sovrapprezzo che sarà costretto a caricare sui suoi abbonati: più nove per cento rispetto a quanto finora pagato a causa della tassa. Tuttavia a breve è probabile che anche altri servizi possano aggiornare i loro prezzi.
Un portavoce della città di Chicago ha spiegato che la nuova tassa cerca di intervenire su un settore finora poco regolato ed uniformato: la mancanza di linee guida univoche aveva permesso ai fornitori di diverse forme di intrattenimento online di sviare il pagamento delle tasse o pagarne solo una parte.

Come spiegano tuttavia gli osservatori, per colmare questo mancanza i legislatori locali hanno finito per intervenire in maniera diretta così come nessuno ha mai fatto finora negli Stati Uniti, con una nuova tassa che si va aggiungere a quelle già previste, non a sostituirsi ad esse, per esempio quelle sulle vendite di servizi, con un conseguente sovrapprezzo che andrà a pesare con ogni probabilità sugli utenti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàNetflix e VPN, giochi senza frontiere?La piattaforma dichiara di non accettare le VPN: non è chiaro se l'intento sia repressivo o propositivo, se voglia accontentare l'industria dei contenuti e i suoi blocchi regionali o miri a scardinarli nel nome di un mercato globale. Anche l'Europa è divisa
  • Diritto & InternetCopyright UE, verso una riforma annacquata?Il report dell'europarlamentare Pirata Julia Reda è stato limato dal primo voto in Commissione JURI: è prevalso il compromesso, nel tentativo di orientare il Vecchio Continente nel delineare un nuovo diritto d'autore
6 Commenti alla Notizia Chicago tassa la nuvola
Ordina
  • tassare di piu' i vari netflix perche' danno “electronically delivered amusements” e' giusto. Avevi bittorrent e hai preferito pagare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > tassare di piu' i vari netflix perche' danno
    > “electronically delivered amusements” e' giusto.

    ben detto ora scattano le tasse anche qui in Italia alla fonte direttamente sul conto telefonico le tasse devono pagarle tutti

    >Avevi bittorrent e hai preferito pagare...

    insegnamo la via della legalità alle nostre progenie non quella della furbizia guarda l'Italia dei furbi come si è ridotta, i nostri governanti quando vanno a Bruxelles ogni volta si piegano a 90 e tutto per colpa dei furbi. Avete capito?
    non+autenticato
  • - Scritto da: mondo video
    > - Scritto da: bubba
    > > tassare di piu' i vari netflix perche' danno
    > > “electronically delivered amusements” e' giusto.
    >
    > ben detto ora scattano le tasse anche qui in
    > Italia alla fonte direttamente sul conto
    > telefonico le tasse devono pagarle
    > tutti
    ai sottoscrittori dei vari netflix la mettano pure

    > >Avevi bittorrent e hai preferito pagare...
    >
    > insegnamo la via della legalità alle nostre
    > progenie non quella della furbizia guarda
    > l'Italia dei furbi come si è ridotta, i nostri
    > governanti quando vanno a Bruxelles ogni volta si
    > piegano a 90 e tutto per colpa dei furbi. Avete
    > capito?
    e' quel che dico anch'io. E' 20 anni che continuamente piegano la normativa agli interessi delle major e di certe idee che furono buone *forse* a fine '800. E' ora di smetterla di fare i furbi
    non+autenticato
  • Così, per dire, un bel proxy?

    Incredibile che ci siano queste minc*****!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > Così, per dire, un bel proxy?
    >
    > Incredibile che ci siano queste minc*****!

    Non è una tassa TECNICA, ma una tassa CONTRATTUALE.

    Non penso serva un proxy, quel che servirebbe è una seconda casa fuori chicago in cui far recapitare le fatture di netflix.....
    non+autenticato
  • A questo punto potrebbero fare un'analisi dei dati degli utenti e variare le tasse a seconda della loro attività:
    dai "tuoi" dati nel cloud risulti un imprenditore? tot dollari di tasse in più al gestore.
    Hai messo i dati criptati? altri dollari da pagare per ostacolo allo spion...ehm...giustizia.


    E offerta speciale: se hai messo Mp3 sul server te li cripto col DRM così...ah ma aspettate...questa credo di averla già iSentita da qualche parte...


    Sempre per rispetto alla privacy, per la sicurezza e contro al terrorismo, sia ben chiaro.
    non+autenticato