Gaia Bottà

Prince silenzia lo streaming

Dopo il lancio dell'ultimo singolo, l'artista si nega ad ascolti e playlist su numerose piattaforme. Potrebbe voler ripercorrere i passi di Taylor Swift, dettando ai servizi di streaming le proprie condizioni

Roma - L'artista precedentemente noto per le profezie riguardo alla fine di Internet conferma la propria determinazione nel voler dettare legge sulle dinamiche dei mercati online: in un guizzo seguito alla pubblicazione dell'ultimo singolo, Prince ha proceduto ad ordinare la rimozione del proprio catalogo dalle maggiori piattaforme di streaming musicale a cui aveva aderito.

Prince su Soundcloud

Prince si concede parsimoniosamente su SoundCloud, piattaforma che si prepara ad estendere il proprio raggio d'azione verso un'offerta di streaming completa, pur essendo in odore di scontro con le major. Attraverso SoundCloud ha consegnato alle platee connesse il proprio ultimo singolo, Hardrocklover, non senza qualche esitazione. Nel giro di poche ore, la sua musica ha iniziato ad essere rimossa dalle altre piattaforme.

La pagina Spotify di Prince

Spotify racconta così la propria versione: "il publisher di Prince ha chiesto la rimozione del suo catalogo a tutte le piattaforme di streaming". Spotify lascia intendere di non essere la sola ad essere stata ammutolita dall'artista: Rdio, allo stesso modo, ha accolto la richiesta, mentre le sue opere permangono su Deezer, Google Play Music, con YouTube che continua a proporre video ufficiali e non. Warner, lo scorso anno, si è aggiudicata la possibilità di decidere della distribuzione dei maggiori successi della star: per questo alcune opere potrebbero continuare a rappresentarlo anche dopo la sua richiesta di rimozione. L'obiettivo di Prince, si mormora, sarebbe quello di negoziare nuovi accordi con le piattaforme per i brani su cui l'artista ha pieno dominio. Tidal, secondo gli osservatori, sarebbe l'unico servizio a cui sarebbero stati concessi, per l'ascolto ad alta qualità e per una retribuzione che Prince evidentemente ritiene degna della sua persona.
Attraverso il proprio account Twitter e citando stralci di articoli pubblicati in Rete, Prince non ha celato la propria avversità rispetto al modello di business dei servizi di streaming, e in particolare contro Spotify, fra le prime a posizionarsi agli albori del mercato non senza l'appoggio delle major, non senza pagare il fio. Forse incoraggiato dalla strategia della volitiva Taylor Swift, che si è scagliata contro lo streaming per preparare il terreno adatto a trarne vantaggio, l'artista continua a perseguire le proprie istanze: qualità, adeguatamente retribuita, o il silenzio.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàPrince: è una questione di qualitàE' volubile l'artista che aveva chiesto 1 milione di dollari ad ogni condivisore di bootleg: la denuncia è stata ritirata. Anche se le registrazioni illegali non rendono giustizia alle sue performance
  • AttualitàPrince e la fine di InternetDuro sfogo di The Artist contro piattaforme come iTunes. Bisognerebbe trovare nuovi modi di distribuire musica. E i computer non fanno bene, riempiono la testa di numeri. Intanto i suoi album ufficiali sono 27
  • AttualitàPrince denuncia tuttiPronte a partire le diffide ai principali siti di video sharing da parte dei manager della celeberrima rockstar. Per rimuovere i video non autorizzati da Prince
28 Commenti alla Notizia Prince silenzia lo streaming
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)