Claudio Tamburrino

Google, bocche scucite sugli stipendi

Un foglio di calcolo interno a Google parla apertamente del segreto più controverso delle aziende ICT: gli stipendi dei suoi dipendenti

Roma - Google si è trovata al centro di una nuova polemica legata alla circolazione dei dati ed alla trasparenza: stavolta non si tratta di una questione legata a uno dei suoi servizi, ma di una questione squisitamente interna al Googleplex, ovvero quanto Big G paga i suoi dipendenti e che differenze fa.

Ad aver scoperchiato il vaso di Pandora è stata Erica Baker, ex dipendente di Google ora passata all'app di messaggistica per ufficio Slack: con 34 tweet ha raccontato di come - quando si trovava ancora a Mountain View - con alcuni colleghi ha iniziato a scambiarsi informazioni circa i rispettivi salari, organizzando i dati ottenuti in un foglio di lavoro.

Questo è poi girato sulla rete interna di comunicazione di Mountain View dove progressivamente è stato arricchito da altri dipendenti di Big G (circa il 5 per cento degli ex colleghi di Baker) ed è ben presto diventato oggetto di diverse operazioni e classificazioni che hanno permesso di far luce sulle pratiche salariali a Mountain View e sul trattamento rispetto al genere ed alla carica: è stato anche utilizzato da diversi dipendenti per chiedere un diverso trattamento salariale.
Questo non è affatto piaciuto a Big G, tanto da costare ad Erica Baker un richiamo ufficiale, cui però non poteva seguire alcuna minaccia: è illegale per un'azienda a stelle e strisce impedire ai propri impiegati di condividere informazioni e discutere tra di loro circa il proprio salario, o minacciare conseguenze per averlo fatto.

Ciononostante, Baker si è vista respingere i Peer Bonus, gli extra frutto della riconoscenza dei propri colleghi ma emessi a discrezione del manager di riferimento: un trattamento che - secondo il racconto via Twitter - sembra assolutamente esclusivo nei suoi confronti.

Alla fine il suo rapporto di lavoro con Google si è concluso e i rapporti con i suoi ex capi non sono certo migliorati: in un altro tweet parla esplicitamente della volontà di continuare a credere in giustizia ed equità e la sua serie di tweet al veleno si pone esplicitamente in polemica con la scelta di dedicare un Doodle alla leader dei movimenti civili Ida B. Wells, una scelta giudicata assolutamente ipocrita.



Google si è limitata a commentare la notizia confermando che i Peer Bonus sono a discrezione dei manager di riferimento ed affermando che i suoi dipendenti sono liberi di condividere le informazioni relative ai propri salari tra di loro. Ha inoltre affermato di fare il possibile affinché compensi, performance e promozioni siano equi.

Nel frattempo, sempre nella Silicon Valley, ma in realtà più piccole rispetto a Big G, la trasparenza sui salari sta diventando un argomento: start up come lo strumento per social media Buffer, la sviluppatrice di videogame mobile Weeby.co e la società di analisi SumAll sono solo alcuni degli esempi delle aziende che rendono pubblici i dati sui salari offerti nel massimo spirito di trasparenza.

D'altra parte, secondo gli osservatori oltre alla questione sindacale legata alla libertà dei dipendenti di contrattare il proprio salario senza rischiare rappresaglie, la trasparenza sul fronte salariale è uno stimolo all'impegno.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook ed il suo Jobs ActIl social network annuncia misure a sostegno dei collaboratori che non sono alle sue dirette dipendenze: il salario minimo dovrà garantire loro di poter convivere dignitosamente con i suoi manager e i suoi ingegneri
  • BusinessCartello del lavoro, nuovo accordo in Silicon ValleyI colossi dell'IT depositano una nuova proposta per risarcire i lavoratori che hanno sofferto dei patti di non assunzione. Solo il giudice potrà stabilire se il prezzo è finalmente giusto
5 Commenti alla Notizia Google, bocche scucite sugli stipendi
Ordina
  • la dirigenza puo' essere (comprensibilmente) seccata da questo genere di cose... si chiama "battaglia per la lunghezza del pene"...
    dopo aver infilato i $$, i bonus, le ore lavorate, i benefit in uno spreadsheet, inevitabilmente qualcuno dira' : hei perche' lui (che e' un cojone) ha preso il bonus e io no? perche' ha l'auto aziendale e io no? perche' ha preso big$$ nonostante sia solo un collaboratore? ecc...

    Da un lato, ovviamente, c'e' l'aspirazione ideale a trattamenti equi... dall'altro, altrettanto ovviamente, crea conflitto e attrito...
    ovviamente non e' niente contro la legge... ma neanche non pagarti piu' un bonus lo e'....Con la lingua fuori (magari se ne parlava al bar, invece di far un mega spreadsheet... )
    non+autenticato
  • Già sentita e risentita: le donne vengono pagate meno, etc. etc. Se qualcuno osa rispondere che analizzando i dati reali, effettivi, in USA, emerge che un uomo è disponibile a lavorare più ore e fa meno assenze, si viene tacciati di sessismo.
    Nel mio piccolo ho visto un collega trovarsi sul collo una trasferta per il giorno dopo. Non era un intervento sul suo lavoro ma su quello di una collega, che però non è disponibile a fare trasferte di alcun genere (questo vale per diverse delle mie colleghe, con famiglia o meno). Una trasferta di un giorno implica tipicamente un fottio di ore di viaggio, oltre ad un orario di lavoro che supera tranquillamente le otto ore canoniche.
    Ora: questo tipo di disponibilità non deve avere alcun valore?
    Izio01
    4528
  • - Scritto da: Izio01
    > Già sentita e risentita: le donne vengono pagate
    > meno, etc. etc. Se qualcuno osa rispondere che
    > analizzando i dati reali, effettivi, in USA,
    > emerge che un uomo è disponibile a lavorare più
    > ore e fa meno assenze, si viene tacciati di
    > sessismo.
    > Nel mio piccolo ho visto un collega trovarsi sul
    > collo una trasferta per il giorno dopo. Non era
    > un intervento sul suo lavoro ma su quello di una
    > collega, che però non è disponibile a fare
    > trasferte di alcun genere (questo vale per
    > diverse delle mie colleghe, con famiglia o meno).
    > Una trasferta di un giorno implica tipicamente un
    > fottio di ore di viaggio, oltre ad un orario di
    > lavoro che supera tranquillamente le otto ore
    > canoniche.
    > Ora: questo tipo di disponibilità non deve avere
    > alcun
    > valore?

    Oddio un sessita! Italioti Linciatelo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Izio01
    > Già sentita e risentita: le donne vengono pagate
    > meno, etc. etc. Se qualcuno osa rispondere che
    > analizzando i dati reali, effettivi, in USA,
    > emerge che un uomo è disponibile a lavorare più
    > ore e fa meno assenze, si viene tacciati di
    > sessismo.
    > Nel mio piccolo ho visto un collega trovarsi sul
    > collo una trasferta per il giorno dopo. Non era
    > un intervento sul suo lavoro ma su quello di una
    > collega, che però non è disponibile a fare
    > trasferte di alcun genere (questo vale per
    > diverse delle mie colleghe, con famiglia o meno).
    > Una trasferta di un giorno implica tipicamente un
    > fottio di ore di viaggio, oltre ad un orario di
    > lavoro che supera tranquillamente le otto ore
    > canoniche.
    > Ora: questo tipo di disponibilità non deve avere
    > alcun valore?

    Questo tipo di disponibilità ha un valore. Ma non deve essere influenzata dal sesso, nè dal fatto che percentualmente un sesso è più o meno disponibile dell'altro.
    non+autenticato
  • Quoto, ed aggiungo che chi produce certe statistiche dovrebbe leggere e comprendere appieno ciò che hai scritto. Ben detto!
    non+autenticato