Gaia Bottà

Send, Microsoft sveltisce l'email

Un'app per gestire le conversazioni email più semplici e urgenti come fossero messaggi di chat. Per ora è riservata agli utenti iPhone statunitensi e canadesi

Roma - Formale come un'email, immediata come una conversazione su un servizio di instant messaging: Microsoft ha messo a disposizione l'app Send, per ora dedicata agli utenti statunitensi e canadesi di iPhone che possiedano un account email legato ai servizi di Office 365 business o scolastici.

Send

Precedentemente nota con il nome in codice Flow, l'applicazione è pensata per le comunicazioni tempestive che si scambiano spesso fra collaboratori, veicolate dalle email. Non sempre si è a conoscenza dei numeri di telefono o dei contatti IM dell'interlocutore e l'ordinaria casella di posta elettronica ospita comunicazioni futili nonché missive che richiedono letture attente e tempi di risposta variabili: Send è invece pensata per scambiare email come fossero messaggi di chat o SMS.

Messaggi urgenti e comunicazioni semplici potranno essere gestiti attraverso Send, che mostrerà i contatti email più recenti e le sole conversazioni avviate nel contesto dell'app, in ogni caso sincronizzate con Outlook, così da consentire all'utente di intergaire attraverso il canale che risulti più comodo. L'interlocutore avrà visibilità sull'interazione dell'utente in fase di risposta, come si conviene ad un servizio volto a soddisfare le esigenze legate a comunicazioni urgenti.
Send, simile ad altre applicazioni già esistenti quali Hop e MailTime, è stata sviluppata nell'ambito di Microsoft Garage. Redmond promette di estendere il supporto a Android e Windows Phone e di accogliere un più ampio ventaglio di servizi email.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle e Microsoft, novità per le emailGoogle annuncia un'estensione delle piattaforme supportate dal nuovo servizio Inbox, mentre Microsoft pensa a rafforzare la sicurezza della app Outlook per gadget mobile. Chissà se alla UE basterà
  • TecnologiaApple, tra beta pubbliche e OfficeMicrosoft rilascia la versione aggiornata della sua suite di produttività per gli abbonati di Office 365, mentre Apple pensa piuttosto a dispensare versioni beta di iOS 9 e El Capitan per il test pubblico
  • BusinessFacebook alla monetizzazione dei messaggiGiochi per Messenger e comunicazione business per WhatsApp: il social network intende mettere a frutto le peculiarità dei propri servizi di instant messaging e la loro nutrita base di utenti
12 Commenti alla Notizia Send, Microsoft sveltisce l'email
Ordina
  • Questi fanno un servizio che fa apparire le mail come messaggi di whatsup agli utonti meladotati, ma i loro corrispondenti? Gente dotata di un tradizionale client di posta con tanto di schermo grande, mouse, tastiera e che utilizza le mail in modo serio e si aspetta altrettanto?

    Gia' e odioso rcv msg sms kn qs kzz d abbrvz

    Ci manca solo che arrivino anche le mail fatte di abbreviazioni e faccine!
  • Il corrispondente legge lo stesso identico messaggio che il mittente avrebbe scritto con il client di posta;
    le faccine le mettono pure nelle mail se vogliono.
    Ma cosa te ne frega a te se il mittente usa un client che fa sembrare le mail dei messaggi oppure usa outlook?

    Un esempio di utilizzo sono tutte le tipiche comunicazioni con la segretaria o l' amministratore di sistema per chiedere:
    "Buon giorno XXX, Hai creato la virtual machine per il progetto YYY? Grazie /tizio"
    "Buon giorno XXX, Puoi avvisare che oggi arrivo in ritardo? Grazie /tizio"

    Si puo magari dire che non sara una applicazione da primo posto nello store perche non ti cambia cosi tanto la vita,
    ma questo e un problema dello sviluppatore, non tuo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cico
    > Il corrispondente legge lo stesso identico
    > messaggio che il mittente avrebbe scritto con il
    > client di
    > posta;
    > le faccine le mettono pure nelle mail se vogliono.
    > Ma cosa te ne frega a te se il mittente usa un
    > client che fa sembrare le mail dei messaggi
    > oppure usa
    > outlook?

    Se non metti il mittente in condizione di capire se sta mandando una mail o un messaggino, questo tendera' ad equivocare, col risultato che ti ho fatto vedere.

    > Un esempio di utilizzo sono tutte le tipiche
    > comunicazioni con la segretaria o l'
    > amministratore di sistema per
    > chiedere:
    > "Buon giorno XXX, Hai creato la virtual machine
    > per il progetto YYY? Grazie
    > /tizio"
    > "Buon giorno XXX, Puoi avvisare che oggi arrivo
    > in ritardo? Grazie
    > /tizio"

    Se sono come dici tu, niente da dire.
    Ma se inseriscono abbreviazioni o errori ortografici, o il correttore automatico gli modifica "progetto YYY" in "progetto XYZ", capisci che e' un problema per chi riceve, o no?

    > Si puo magari dire che non sara una applicazione
    > da primo posto nello store perche non ti cambia
    > cosi tanto la
    > vita,
    > ma questo e un problema dello sviluppatore, non
    > tuo.

    E' un problema mio quando io ricevo comunicazioni che mi manda qualcuno che usa la mail in modo non corretto.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: cico
    > > Il corrispondente legge lo stesso identico
    > > messaggio che il mittente avrebbe scritto
    > con
    > il
    > > client di
    > > posta;
    > > le faccine le mettono pure nelle mail se
    > vogliono.
    > > Ma cosa te ne frega a te se il mittente usa
    > un
    > > client che fa sembrare le mail dei messaggi
    > > oppure usa
    > > outlook?
    >
    > Se non metti il mittente in condizione di capire
    > se sta mandando una mail o un messaggino, questo
    > tendera' ad equivocare, col risultato che ti ho
    > fatto
    > vedere.
    Sarebbe?


    > Ma se inseriscono abbreviazioni o errori
    > ortografici, o il correttore automatico gli
    > modifica "progetto YYY" in "progetto XYZ",
    > capisci che e' un problema per chi riceve, o
    > no?
    Cosa c'entra questo con il fatto che un utente invia un'email da un'applicazione simile a quella delle chat?
    Se il correttore ortografico corregge o meno, dipende dalla sua esistenza, non da come sono visualizzate le email.
    Se chi scrive usa le faccine, dipende dall'utente, non dall'app.

    Sinceramente, non capisco che tipo di correlazione stai parlando.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ethype
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: cico
    > > > Il corrispondente legge lo stesso identico
    > > > messaggio che il mittente avrebbe scritto
    > > con
    > > il
    > > > client di
    > > > posta;
    > > > le faccine le mettono pure nelle mail se
    > > vogliono.
    > > > Ma cosa te ne frega a te se il mittente usa
    > > un
    > > > client che fa sembrare le mail dei messaggi
    > > > oppure usa
    > > > outlook?
    > >
    > > Se non metti il mittente in condizione di capire
    > > se sta mandando una mail o un messaggino, questo
    > > tendera' ad equivocare, col risultato che ti ho
    > > fatto
    > > vedere.
    > Sarebbe?
    >
    >
    > > Ma se inseriscono abbreviazioni o errori
    > > ortografici, o il correttore automatico gli
    > > modifica "progetto YYY" in "progetto XYZ",
    > > capisci che e' un problema per chi riceve, o
    > > no?
    > Cosa c'entra questo con il fatto che un utente
    > invia un'email da un'applicazione simile a quella
    > delle
    > chat?
    > Se il correttore ortografico corregge o meno,
    > dipende dalla sua esistenza, non da come sono
    > visualizzate le
    > email.
    > Se chi scrive usa le faccine, dipende
    > dall'utente, non
    > dall'app.
    >
    > Sinceramente, non capisco che tipo di
    > correlazione stai
    > parlando.

    Devo farti un disegnetto?
    Stiamo parlando dell'utonto medio, quello impersonificato dal giornalista di Repubblica che ha scritto nelle virgolette di oggi che il browser e' un motore di ricerca.

    Questa gente, che per brevita' chiameremo ignoranti digitali totali, ritengo che quello che vedono sul loro display e' esattamente quello che vede chiunque.

    Non hanno il concetto di client configurabile e personalizzabile, anzi, non hanno proprio alcun concetto di client.

    E se tu come interfaccia di invio messaggio gli proponi un balloon come quello di whatsapp, automaticamente scriveranno come tanti bimbiminkia, senza neppure ipotizzare che dall'altra parte qualcuno li leggera' all'interno della finestra di un client di posta e possa pure stampare quel messaggio.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Ethype

    > E se tu come interfaccia di invio messaggio gli
    > proponi un balloon come quello di whatsapp,
    > automaticamente scriveranno come tanti
    > bimbiminkia, senza neppure ipotizzare che
    > dall'altra parte qualcuno li leggera' all'interno
    > della finestra di un client di posta e possa pure
    > stampare quel
    > messaggio.
    Direi che il problema è soltanto tuo. Utilizza anche tu l'interfaccia di Send e sei a posto.
    Non vedo che problema ci possa essere se tu vuoi vedere l'email da un client di posta o se vuoi stamparlo. Sempre lo stesso messaggio vedrai.

    Pari un po' prevenuto. Puoi sempre mandarti le email da solo... eh?
    non+autenticato
  • è un non-problema:

    chiunque installi questa app, lo fa per un motivo specifico e quindi ne comprende l'utilità (peraltro prossima allo zero, anche perché necessita di un account di posta Office 365). Un utonto non ne conoscerà l'esistenza e non la cercherà mai sullo store.

    la installeranno in tre, quindi penso proprio che "l'inquinamento" che ne possa derivare nelle nostre caselle sia nullo
  • tante parole per dire nulla.
    non ti piace ricevere mails scritte come sms?

    ignorale o cestinale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: cico
    > > Il corrispondente legge lo stesso identico
    > > messaggio che il mittente avrebbe scritto
    > con
    > il
    > > client di
    > > posta;
    > > le faccine le mettono pure nelle mail se
    > vogliono.
    > > Ma cosa te ne frega a te se il mittente usa
    > un
    > > client che fa sembrare le mail dei messaggi
    > > oppure usa
    > > outlook?
    >
    > Se non metti il mittente in condizione di capire
    > se sta mandando una mail o un messaggino, questo
    > tendera' ad equivocare, col risultato che ti ho
    > fatto
    > vedere.

    Il problema più grosso saranno i clienti che manderanno per sbaglio le loro fotine zozze a te invece che alla morosaCon la lingua fuori
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz

    >
    > Il problema più grosso saranno i clienti che
    > manderanno per sbaglio le loro fotine zozze a te
    > invece che alla morosa
    >Con la lingua fuori

    Quello non e' mica un problema.
    Se lo fanno le posto immediatamente nei siti di porn revenge! Con la lingua fuori
  • - Scritto da: panda rossa

    > Se non metti il mittente in condizione di capire
    > se sta mandando una mail o un messaggino, questo
    > tendera' ad equivocare, col risultato che ti ho
    > fatto
    > vedere.
    >
    > > Un esempio di utilizzo sono tutte le tipiche
    > > comunicazioni con la segretaria o l'
    > > amministratore di sistema per
    > > chiedere:
    > > "Buon giorno XXX, Hai creato la virtual
    > machine
    > > per il progetto YYY? Grazie
    > > /tizio"
    > > "Buon giorno XXX, Puoi avvisare che oggi
    > arrivo
    > > in ritardo? Grazie
    > > /tizio"
    >
    > Se sono come dici tu, niente da dire.
    > Ma se inseriscono abbreviazioni o errori
    > ortografici, o il correttore automatico gli
    > modifica "progetto YYY" in "progetto XYZ",
    > capisci che e' un problema per chi riceve, o
    > no?

    Questo quando il progetto è indicato...

    Da me è pratica abituale di tutti i project manager di non mettere mai nel soggetto l'indicazione del progetto, ma solo cose tipo "problema network in produzione!!!!" o "attività urgente in test".
    non+autenticato