Claudio Tamburrino

Pesaro riabbraccia Microsoft

Addio ad OpenOffice per rituffarsi tra le braccia della suite per l'ufficio di Redmond. A convincere l'amministrazione il risparmio per dipendente

Roma - Dopo poco meno di cinque anni di OpenOffice, il Comune di Pesaro ha deciso di tornare sui suoi passi e riaffidarsi a Microsoft ed alla sua suite Office. Il Comune marchigiano aveva deciso di passare nel 2011 ad OpenOffice, addestrando i suoi 500 impiegati al suo utilizzo: tuttavia ora ha scelto di ripetere la migrazione al contrario, tornando al software proprietario di Microsoft e scegliendo gli strumenti per la produttività in cloud di Office 365.

Oltre che una considerazione di offerta (si parla nel comunicato principalmente dei vantaggi del cloud), il ragionamento è strettamente legato ai costi: con il ritorno a Microsoft il comune ha calcolato un risparmio fino all'80 per cento.

Dopo la scelta del software libero, infatti, il Comune si era trovato impreparato, o meglio sembrava aver sottovalutato il compito di conversione dei documenti finora redatti nel formato proprietario e dunque non più compatibile. Per tale processo di conversione dei file è stato calcolato che avrebbe avuto bisogno di circa 15 minuti al giorno da parte di tutti i suoi 300 impiegati dedicati specificatamente a tale compito, con una conseguenza perdita di efficienza nella produttività e di costi-lavoro da aggiungere ai 300mila euro inizialmente spesi per la formazione. A questa perdita di efficienza si deve aggiungere poi - secondo quanto riferisce l'amministrazione comunale - quella legata al maggior tempo necessario ad effettuare determinati compiti con OpenOffice rispetto che con la suite Microsoft.
In uno studio, commissionato dalla municipalità all'Osservatorio Netics, si parla addirittura di una spesa annuale per singolo utente "pari a oltre 500 Euro, ben superiore rispetto alla precedente spesa annuale per utente di Office pari a circa 118 Euro". Proprio perché il ragionamento è rimasto attaccato al mero calcolo dei costi, la notizia è stata ripresa da diverse parti come esempio: d'altra parte il dibattito sulla scelta tra software proprietario e libero è ancora aperta ed accesa in particolare su tale punto.

Se si esclude, almeno momentaneamente, di seguire la logica secondo cui il software libero permette di adattarlo specificatamente alle esigenze ed agli utilizzi che se ne intende fare, resta la valutazione dei costi di licenza rispetto a quelli che accompagnano il software libero (costi di migrazione e di addestramento di risorse umane in grado di utilizzarlo e farlo funzionare). Per traghettare il discorso fuori dalla teoria, tuttavia, serve la prova dei fatti: che passa appunto attraverso scelte di legislatori ed amministrazioni.

In questo senso negli ultimi anni sono diverse le storie di realtà che hanno abbandonato il software proprietario: è per esempio Monaco di Baviera ad aver portato avanti un'operazione di 10 anni per convertire la sua rete civica a Linux, ed in Italia il Consiglio provinciale di Trento ha dato il la alla trasformazione nel 2012 con una legge sul software libero e sull'utilizzo dei formati di dati aperti all'interno della pubblica amministrazione.

Prima di prendere Pesaro come esempio bisogna tuttavia sottolineare che, come spiega uno dei responsabili del rapporto che hanno portato all'abbandono di OpenOffice Stefano Bruscoli, la migrazione di Pesaro era stata solo parziale: "Abbiamo incontrato diversi ostacoli e disfunzioni nell'utilizzo di specifiche funzioni. Inoltre l'impossibilità di sostituire Access e - in parte - Excel - ci aveva spinto ad adottare una soluzione ibrida".

Inoltre nelle valutazioni che hanno portato all'abbandono della migrazione non si tiene conto del lungo periodo: il risparmio, cioè, che sarebbe stato generato quando i dipendenti comunali si sarebbero abituati ad utilizzare i nuovi strumenti (senza perdite e problemi) ed i documenti sarebbero stati convertiti tutti in formati compatibili con OpenOffice.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessLinux, Canonical canta vittoria a MonacoL'azienda annuncia al mondo che il merito di aver garantito milioni di euro di risparmi alla capitale della Baviera è tutto di Ubuntu. Il progetto di conversione è durato 10 anni
  • AttualitàM5S contro i relitti Web delle istituzioniDuplicati, parzialmente aggiornati, incapaci di consolidare la memoria storica del cittadino: il parlamentare Riccardo Nuti chiede chiarezza sulle spese sostenute per gestire siti Web istituzionali non più utili, dopo la risposta del Sottosegretario De Vincenti
  • BusinessUE, l'open che fa risparmiareBruxelles vuole che gli enti pubblici del Vecchio Continente adottino in massa standard e tecnologie aperti, un'operazione destinata - secondo le stime della UE - ad affrancare da dipendenze e sprechi
692 Commenti alla Notizia Pesaro riabbraccia Microsoft
Ordina
  • dopo 20 anni di abbondante discussione in Italia siamo ancora a discutere se e' meglio open-free o win per la pubblica ammnistrazione....marooonnnna che p...
    lo sanno pure i sassi ...megljo open e free (open office, linux, etc).

    Piu' tardi cominciamo se mai cominceremo e piu' soldi butteremo...tanto ci avanzano nel nostro paese vero?
  • Il tuo browser/rete/quello-che-vuoi-tu non ti fa vedere l'immagine, l'hai insultato pensando che fosse incapace di postare per bene un'immagine e neanche ti scusi ?

    Ma abiti nella stessa via di etype ? A bocca aperta
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Il tuo browser/rete/quello-che-vuoi-tu non ti fa
    > vedere l'immagine, l'hai insultato pensando che
    > fosse incapace di postare per bene un'immagine e
    > neanche ti scusi
    > ?
    >
    > Ma abiti nella stessa via di etype ? A bocca aperta

    Io noto questa arroganza in moltissimi "paladini dell'open source".
    Prozac
    5040
  • Da oggi lo chiameró "PALLAdini" Ficoso
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Da oggi lo chiameró "PALLAdini" Ficoso

    Ahahahahah
    Ci staA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    Prozac
    5040
  • nel closed invece...
    non+autenticato
  • Ti fai entrare in testa che i non "PALLAdini dell'opensorcio" usano OS closed ed open indipendentemente, tutto dipende dallo scopo che vuoi raggiungere e , a dipendenza di questo , usano lo strumento che ritengono migliore.

    Io lavoro sia con prodotti closed sia open indipendentemente, e pensa un po' che con un prodotto open , che vendo privatamente , ci faccio anche qualche soldino.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 agosto 2015 16.29
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: aphex_twin

    ---
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 agosto 2015 16.28
    -----------------------------------------------------------
  • Scopo ? Strumento ?

    Dove sta scritto che se uno usa un determianto OS deve per forza risolvere un problema ? ...almeno nel privato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Scopo ? Strumento ?
    >

    Scopo A -> Strumento X
    Scopo B -> Strumento Y
    Scopo C -> Strumento Z

    Poi magari un'altro si trova meglio con :

    Scopo A -> Strumento Y
    Scopo B -> Strumento Z
    Scopo C -> Strumento X

    Quello che dici di fare tu e che vuoi vendere come verità assoluta e chi non fa così non ci capisce nulla di informatica, invece é :

    Scopo A -> Strumento Y
    Scopo B -> Strumento Y
    Scopo C -> Strumento Y

    > Dove sta scritto che se uno usa un determianto OS
    > deve per forza risolvere un problema ? ...almeno
    > nel
    > privato.

    E chi ha parlato di "problemi" ?
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Etype
    > > Scopo ? Strumento ?
    > >
    >
    > Scopo A -> Strumento X
    > Scopo B -> Strumento Y
    > Scopo C -> Strumento Z
    >
    > Poi magari un'altro si trova meglio con :
    >
    > Scopo A -> Strumento Y
    > Scopo B -> Strumento Z
    > Scopo C -> Strumento X

    Si ma perchè ci deve essere per forza uno scopo ?
    Non può essere che un utente usi un OS per abitudine,o perchè conosce solo quello,ecc ? Ripeto,almeno nel privato.

    > Quello che dici di fare tu e che vuoi vendere
    > come verità assoluta e chi non fa così non ci
    > capisce nulla di informatica, invece é
    > :
    >
    > Scopo A -> Strumento Y
    > Scopo B -> Strumento Y
    > Scopo C -> Strumento Y

    Non ho mai detto a nessuno "tu devi usare quello che sto usando io"

    > E chi ha parlato di "problemi" ?

    "risolvere un problem informatico" come aveva detto poco più su Prozac
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: aphex_twin
    > > - Scritto da: Etype
    > > > Scopo ? Strumento ?
    > > >
    > >
    > > Scopo A -> Strumento X
    > > Scopo B -> Strumento Y
    > > Scopo C -> Strumento Z
    > >
    > > Poi magari un'altro si trova meglio con :
    > >
    > > Scopo A -> Strumento Y
    > > Scopo B -> Strumento Z
    > > Scopo C -> Strumento X
    >
    > Si ma perchè ci deve essere per forza uno scopo ?

    Gli usi che ne vengono fatti sono gli scopi.

    Uno non è che prende in mano un cacciavite e poi pensa a cosa gli possa servire.

    > Non può essere che un utente usi un OS per
    > abitudine,o perchè conosce solo quello,ecc ?

    E' cosí infatti, gli utonzi sono abituati ad usare un determinato OS perché lo conoscono. La maggioranza , anche se ne è a conoscenza , non cambia sistema perché non ha la curiosità e la voglia di re-imparare ancora tutto da capo. Una piccola parte che invece ci prova restano , altri tornano indietro.

    Poi ci siamo noi , curiosi e appassionati della tecnologia in senso lato che si guarda un po' tutto , OS e device , senza sputare sopra nulla , semplicemente se qualcosa non piace non ci si interessa.

    > Ripeto,almeno nel
    > privato.
    >
    > > Quello che dici di fare tu e che vuoi vendere
    > > come verità assoluta e chi non fa così non ci
    > > capisce nulla di informatica, invece é
    > > :
    > >
    > > Scopo A -> Strumento Y
    > > Scopo B -> Strumento Y
    > > Scopo C -> Strumento Y
    >
    > Non ho mai detto a nessuno "tu devi usare quello
    > che sto usando
    > io"
    >

    No , tu insulti perché sei un hater.

    E adesso non mi interessa se mi racconti che mi stai rispondendo da Windows 7 e per questo non puoi essere un hater, è il tuo comportamento che ti rende hater.

    Hater non è un offesa, tutti possiamo odiare qualcosa senza sentirsi offesi nel sentirselo dire (almeno per me).
  • - Scritto da: Il becchino dei winari
    > infatti in sistemisti winari prendono a malapena
    > la metà di quelli in ambito
    > Unix.

    Mah... Qui da me prendono uguale... Abbiamo tre tipi di sistemisti:
    - Quelli che si occupano di HPC (il nostro cluster + quello dei clienti)
    - Quelli che si occupano della rete aziendale linux
    - Quelli che si occupano della configurazione dei PC Windows (e della relativa rete aziendale microsoft)

    Il primo tipo prende un po' di più degli altri due tipi. Probabilmente perché svolge lavori anche presso i clienti. Gli altri, a parità di anni di anzianità, pari sono...

    Alla fine sono sempre dei semplici sistemisiti...
    Prozac
    5040
  • - Scritto da: Prozac

    > Mah... Qui da me prendono uguale...

    Quindi il "qui da me" ora è diventato lo standard di riferimento per il mondo intero ?

    > Alla fine sono sempre dei semplici sistemisiti...

    Eh beh certoA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > > Mah... Qui da me prendono uguale...
    >
    > Quindi il "qui da me" ora è diventato lo standard
    > di riferimento per il mondo intero
    > ?

    No. Semplicemente ho portato un esempio personale.

    > > Alla fine sono sempre dei semplici
    > sistemisiti...
    >
    > Eh beh certoA bocca aperta

    Già... Semplici sistemisti...
    Prozac
    5040
  • - Scritto da: Prozac

    > No. Semplicemente ho portato un esempio personale.

    Quindi se vai in giro per altre aziende non c'è neanche la più lontana possibilità che trovi qualcosa di diverso ?

    > Già... Semplici sistemisti...

    Vediamo un pò,sistemista windows un paio di clic e caselle spuntate.
    Sistemista Linux,puoi dire la stessa cosa ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Prozac
    >
    > > No. Semplicemente ho portato un esempio
    > personale.
    >
    > Quindi se vai in giro per altre aziende non c'è
    > neanche la più lontana possibilità che trovi
    > qualcosa di diverso
    > ?

    In linea di massima sì.
    Finora non ho trovato molta differenza di trattamento tra sistemisti windows e linux nelle varie aziende in cui sono stato (non come dipendente).

    > > Già... Semplici sistemisti...
    >
    > Vediamo un pò,sistemista windows un paio di clic
    > e caselle
    > spuntate.

    Viene pagato perché sa quale casella deve spuntare. Facendolo in un paio di click, magari, risparmia tempo rispetto che a modificare un file di testo.

    > Sistemista Linux,puoi dire la stessa cosa ?A bocca aperta


    Sì.

    Comunque mi hai fatto venire in mente una vecchia barzelletta. C'è il tecnico informatico che presenta al cliente la fattura (1000€) dopo che, avendo controllato per bene il PC del cliente, ha aperto il case e ha avvitato una vite.
    Il cliente, vista la fattura, si lamenta: Ma come!!! 1000€ per aver avvitato una vite???
    A quel punto il tecnico modifica la fattura e, anziché una voce da 1000€ unica, ne inserisce 2:
    1€ - Avvitamento vite
    999€ - Sapere quale vite avvitare

    ;)
    Prozac
    5040
  • - Scritto da: Prozac

    > In linea di massima sì.
    > Finora non ho trovato molta differenza di
    > trattamento tra sistemisti windows e linux nelle
    > varie aziende in cui sono stato (non come
    > dipendente).

    Però sei stato in ogni azienda del pianeta,sei un personaggione alloraSorride

    > Viene pagato perché sa quale casella deve
    > spuntare. Facendolo in un paio di click, magari,
    > risparmia tempo rispetto che a modificare un file
    > di
    > testo.

    Magari un sistemista Linux ha una conoscenza molto più profonda del sistema che sta usando rispetto ad uno Windows...

    > Sì.

    Sbagliato

    > Comunque mi hai fatto venire in mente una vecchia
    > barzelletta. C'è il tecnico informatico che
    > presenta al cliente la fattura (1000€) dopo che,
    > avendo controllato per bene il PC del cliente, ha
    > aperto il case e ha avvitato una
    > vite.
    > Il cliente, vista la fattura, si lamenta: Ma
    > come!!! 1000€ per aver avvitato una
    > vite???
    > A quel punto il tecnico modifica la fattura e,
    > anziché una voce da 1000€ unica, ne inserisce
    > 2:
    > 1€ - Avvitamento vite
    > 999€ - Sapere quale vite avvitare

    Che rimane una barzelletta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Però sei stato in ogni azienda del pianeta,sei un
    > personaggione allora
    >Sorride

    No.
    Alcune aziende italiane. Girate per lavoro. Non c'è differenza di salario tra sistemista Windows e sistemista Linux.

    > > Viene pagato perché sa quale casella deve
    > > spuntare. Facendolo in un paio di click, magari,
    > > risparmia tempo rispetto che a modificare un
    > file
    > > di
    > > testo.
    >
    > Magari un sistemista Linux ha una conoscenza
    > molto più profonda del sistema che sta usando
    > rispetto ad uno
    > Windows...

    Magari no.

    > > Sì.

    > Sbagliato

    No.
    Prozac
    5040
  • - Scritto da: Prozac

    > No.
    > Alcune aziende italiane. Girate per lavoro. Non
    > c'è differenza di salario tra sistemista Windows
    > e sistemista
    > Linux.

    In quelle che hai visitato tu...

    > Magari no.

    Magari non vuoi ammetterloA bocca aperta
    C'è un motivo per cui si dice "se vuoi imparare come funziona un OS e un computer intalla Linux/Unix"
    Dimmi che uno che sa usare perfettamente Gentoo,Slakware,ecc è allo stesso livello di WindowsA bocca aperta

    > No.

    Invece è sbagliato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Prozac
    >
    > > No.
    > > Alcune aziende italiane. Girate per lavoro.
    > Non
    > > c'è differenza di salario tra sistemista
    > Windows
    > > e sistemista
    > > Linux.
    >
    > In quelle che hai visitato tu...

    Certo. In quelle che ho visto io.
    Che non sono poi tantissime... Sono medie imprese (100-200 dipendenti) grandi imprese (1000+ dipendenti) italiane.

    > C'è un motivo per cui si dice "se vuoi imparare
    > come funziona un OS e un computer intalla
    > Linux/Unix"

    Ah sì? E dove si dice? Chi lo dice?

    > Dimmi che uno che sa usare perfettamente
    > Gentoo,Slakware,ecc è allo stesso livello di
    > Windows
    >A bocca aperta

    Tu paragoni persone con sistemi operativi????
    Prozac
    5040
  • - Scritto da: Prozac
    > Certo. In quelle che ho visto io.
    > Che non sono poi tantissime... Sono medie imprese
    > (100-200 dipendenti) grandi imprese (1000+
    > dipendenti)
    > italiane.

    Quante sono +/- ? Sei andato ad informarti su quanto prendeva il personale ?

    > Ah sì? E dove si dice? Chi lo dice?

    Già,come ho detto c'è un motivo per cui lo si dice...

    > Tu paragoni persone con sistemi operativi????

    No,io paragono il sapere di uno che usa quegli OS con quelli che usano Windows,sai qual'è la risposta inutile che fai finta di nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Prozac
    > > Certo. In quelle che ho visto io.
    > > Che non sono poi tantissime... Sono medie
    > imprese
    > > (100-200 dipendenti) grandi imprese (1000+
    > > dipendenti)
    > > italiane.
    >
    > Quante sono +/- ? Sei andato ad informarti su
    > quanto prendeva il personale
    > ?

    Poche. Una decina. Alla fine io sono un tecnico, lavorando all'incirca sempre agli stessi progetti, ho a che fare con quasi sempre le stesse aziendeOcchiolino

    Tra colleghi ci si parla mentre si lavora (soprattutto quando si sta a contatto per diverse settimane di seguito).

    > > Ah sì? E dove si dice? Chi lo dice?
    >
    > Già,come ho detto c'è un motivo per cui lo si
    > dice...

    Ah sì? E dove si dice? Chi lo dice?

    > > Tu paragoni persone con sistemi operativi????
    >
    > No,io paragono il sapere di uno che usa quegli OS
    > con quelli che usano Windows,sai qual'è la
    > risposta inutile che fai finta di
    > nulla.

    cito:
    Dimmi che uno ( persona ) che sa usare perfettamente Gentoo,Slakware,ecc è allo stesso livello di Windows ( sistema operativo )
    Prozac
    5040
  • Per chi volesse una disamina interessante su cosa abbiano fatto a pesaro.

    http://www.techeconomy.it/2015/07/17/pesaro-succed.../
    non+autenticato
  • Ecco,quindi tutte le fanfalucche detti degli enormi costi e tutto il resto è una gran fregnaccia.

    Alla fine non ci sono motivazioni tecniche serie ch eimpedivano il passaggio,questa era la verità.
    non+autenticato
  • Ammazza che disanima tecnica.

    E questi sarebbero i fatti oggettivi? Tutto quello che ho letto nella cosiddetta "traduzione" si può riassumere in "non mi sono voluto sbattere a far funzionare OO, ma do la colpa ai poveri cristi dell'ufficio e faccio anche un figurone".

    00/10
    non+autenticato
  • Appunto. Hanno fatto gli ITALIANI fino in fondo.
    Non ci si sono nemmeno sbattuti un secondo.

    Fatti oggettivi.
    Tornano a Mivrosoft perche' sono degli indolenti.
    Nessun motivo tecnico serio.

    W l'Italietta de noantri.
    non+autenticato
  • Forse ho/hai interpretato in modo diverso quello che ho detto (o forse stiamo dicendo la stessa cosa e non me ne rendo conto)

    - Scritto da: bollito
    > Appunto. Hanno fatto gli ITALIANI fino in fondo.
    > Non ci si sono nemmeno sbattuti un secondo.
    >
    > Fatti oggettivi.
    > Tornano a Mivrosoft perche' sono degli indolenti.
    > Nessun motivo tecnico serio.

    Il motivo tecnico c'era: procedure sviluppate per lavorare su .doc e mancanza di volontà da parte dell'IT di portarle per funzionare su odf, lentezza nell'apertura dei documenti dismessa come "scuse del personale", ecc...

    Io vedo la colpa in quelli dell'IT se non ha funzionato (quelli andrebbero sbattuti fuori, mentre qui dentro tutti stanno dando addosso al geometra e al camerlengo della situazione).
    non+autenticato
  • 1) Openoffice non è più in fase attiva di sviluppo, Libreoffice ha molte funzioni in più e compatibilità migliorata.
    2) E il tempo necessario a consentire ai lavoratori di adattarsi alla Ribbon e al sistema Cloud?
    3) O migri totalmente, o non migri. Il solito sistema all'italiana.
    4) Perdita di produttività di un dipendente di un comune è un concetto che mi è nuovo, il 90% compila due form prestampati e va una pausa caffè di 4 ore..
  • - Scritto da: franz1789
    > 1) Openoffice non è più in fase attiva di
    > sviluppo, Libreoffice ha molte funzioni in più e
    > compatibilità
    > migliorata.
    > 2) E il tempo necessario a consentire ai
    > lavoratori di adattarsi alla Ribbon e al sistema
    > Cloud?
    > 3) O migri totalmente, o non migri. Il solito
    > sistema
    > all'italiana.
    > 4) Perdita di produttività di un dipendente di un
    > comune è un concetto che mi è nuovo, il 90%
    > compila due form prestampati e va una pausa caffè
    > di 4
    > ore..


    sono d'accordo in pieno!
    so come lavorano, e' proprio cosi'!
    il costo del porting da MS Office a LibreOffice, ti assicuro che non lo "sente" nessuno!!!
    semplicemente lavoreranno un po' di meno le macchinette del caffe
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: franz1789
    > 1) Openoffice non è più in fase attiva di
    > sviluppo, Libreoffice ha molte funzioni in più e
    > compatibilità
    > migliorata.
    > 2) E il tempo necessario a consentire ai
    > lavoratori di adattarsi alla Ribbon e al sistema
    > Cloud?
    > 3) O migri totalmente, o non migri. Il solito
    > sistema
    > all'italiana.
    > 4) Perdita di produttività di un dipendente di un
    > comune è un concetto che mi è nuovo, il 90%
    > compila due form prestampati e va una pausa caffè
    > di 4
    > ore..

    Senza contare l'innata resistenza della maggior parte dei dipendenti della PA a qualunque modifica dello status che li costringa ad imparare qualcosa di nuovo. Poi vanno dal capo, si lamentano che il carico di lavoro è aumentato, che non riescono a fare tutto, così il capo va dal capo più grande a lamentarsi, ed il boss del livello finale li accontenta e manda tutto in fumo
    non+autenticato
  • > 3) O migri totalmente, o non migri. Il solito
    > sistema
    > all'italiana.

    e' questo l'errore grave e dopo 4 anni sono ancora in ballo, mette in risalto la loro inefficenza e pigrizia e la mancanza totale di pianificare qualsiasi cosa, mentre sono svelti come un lampo a notificarti una multa.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 25 discussioni)