Alfonso Maruccia

USA, non c'Ŕ prova delle violazioni di NSA

Una corte di appello statunitense ha capovolto il giudizio in un caso riguardante le intercettazioni a strascico condotte dalla NSA: la presunta vittima non ha presentato prove sufficienti della violazione dei diritti costituzionali

USA, non c'Ŕ prova delle violazioni di NSARoma - Dopo la vittoria, due anni fa, contro le intercettazioni della NSA e la violazione dei diritti costituzionali garantiti dal Quarto Emendamento, l'attivista Larry Klayman deve ora fare i conti con la nuova sentenza di una corte di appello che ha stabilito la piena legittimità delle intercettazioni a strascico della NSA. L'accusa non ha fornito prove sufficienti a dimostrare l'incostituzionalità della condotta dell'intelligence, hanno scritto i giudici.

Klayman aveva denunciato l'amministrazione federale per via delle (presunte) intercettazioni delle sue comunicazioni telefoniche, una denuncia che il giudice di prima istanza aveva riconosciuto come valida sancendo di conseguenza l'incostituzionalità dell'operato della NSA nell'ambito del Datagate.

La corte di appello - nel contesto di un procedimento avviato nel 2013 dall'amministrazione Obama - è però di opinione molto diversa, visto che a dire del panel di giudici Klayman aveva una contratto su Verizon Wireless e non su Verizon Business Network Services, e il governo ha riconosciuto di collaborare solo con quest'ultimo provider per le intercettazioni della NSA.
Nel più classico caso da comma 22, Klayman doveva provare di essere sottoposto a intercettazioni segrete ma la prova definitiva di dette intercettazioni è ancora segreta. All'accusa non resta che consolarsi con la possibilità, prevista dalla corte di appello, di tornare a discutere il caso in una corte di primo grado.

La legittimità costituzionale dello spionaggio di NSA, GCHQ e organizzazioni similari è oramai al centro del dibattito da anni, con le autorità del Regno Unito che hanno condannato ma solo a metà l'operato della loro intelligence e il Congresso USA che avrebbe in teoria stabilito un superamento delle vecchie "abitudini" di tecnocontrollo degli spioni a stelle e strisce con il ridimensionamento del Patriot Act.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàNSA, Costituzione cagionevoleMentre i giudici statunitensi stanno valutando la costituzionalitÓ delle azioni dell'agenzia, questa giustifica i mezzi con i fini ed accusa Snowden di aver rischiato di far conquistare il Mondo alla Cina
  • Diritto & InternetUK, spionaggio illegale ma solo a metàLe autoritÓ stabiliscono che l'intelligence britannica abbia fruito illegalmente degli archivi del tecnocontrollo assemblati dalla NSA, ma dal dicembre 2014 in poi Ŕ tutto ok. Un primo passo insufficiente, replicano le associazioni che operano in difesa dei diritti civili
  • AttualitàUK: intercettazioni di massa, ma senza colpevoliUna commissione parlamentare chiede un nuovo quadro normativo: quello attuale ha garantito troppe libertÓ e mancanza di trasparenza, contestate a GCHQ. Che per˛ avrebbe fatto il possibile per non scadere nella sorveglianza massiva
  • AttualitàUSA, ridimensionato il Patriot ActManca solo il visto Presidenziale per la normativa che riforma il Patriot Act, scaduto nei giorni scorsi dopo anni in vigore. I poteri delle agenzie di spionaggio a stelle e strisce per la prima volta vengono ridotti, anche se in maniera poco decisa
  • AttualitàDatagate, il ruolo degli operatoriAT&T e Verizon sarebbero stati determinanti nelle operazioni di sorveglianza di massa dell'NSA
60 Commenti alla Notizia USA, non c'Ŕ prova delle violazioni di NSA
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)