Alfonso Maruccia

L'invadenza di Windows 10 arriva anche su Windows 7 e 8

Tre diversi aggiornamenti per le vecchie versioni ancora supportate di Windows includono sistemi di "telemetria" e raccolta dati simili a quanto già fa Windows 10. Anche in questo caso la disabilitazione è complicata

L'invadenza di Windows 10 arriva anche su Windows 7 e 8Roma - Piuttosto che scrollarsi di dosso l'accusa di aver creato un sistema operativo che dispensa pubblicità e monitora i propri utenti, Microsoft sembra intenzionata a procedere sulla propria strada stendendo le presunte pratiche "spionistiche" anche a Windows 7 SP1 e Windows 8.1.

La corporation del cloud e del freemium ha recentemente distribuito tre diversi update, uno obbligatorio (KB3068708) e gli due altri opzionali (KB3075249 e KB3080149), pensati per aggiungere capacità di raccolta dei dati tramite telemetria ai sistemi degli utenti partecipanti al programma CEIP ("customer experience improvement program").

Una volta installati gli update, Windows comincerà a raccogliere dati diagnostici sul sistema e le applicazioni utilizzate inviandoli poi a indirizzi codificati all'interno del codice eseguibile ("settings-win.data.microsoft.com"), quindi impossibili da disabilitare tramite file degli host o tool di terze parti.
Oltre a disabilitare del tutto Windows Update, gli utenti preoccupati di questo ennesimo tentativo di intromissione di Microsoft nei fatti digitali altrui possono disinstallare gli update, infine individuare i tre aggiornamenti incriminati e inibire la loro reinstallazione su Update.

Particolarmente problematica anche l'estensione del programma CEIP, un tool di raccolta dati che Microsoft impone agli utenti del mondo Windows accettando ad esempio le impostazioni di default delle versioni recenti della suite Office. Alla "telemetria" obbligatoria di Redmond è sempre più difficile sfuggire.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
230 Commenti alla Notizia L'invadenza di Windows 10 arriva anche su Windows 7 e 8
Ordina
  • - Scritto da: claudia
    > in realtà basta andare in pannello di controllo,
    > cercare "analisi utilizzo software" e con un
    > click
    > disattivare.
    > NON c'è nulla di complicato
    >
    > Microsoft Italia

    BUGIARDI

    http://arstechnica.com/information-technology/2015.../
    non+autenticato
  • in realtà basta andare in pannello di controllo, cercare "analisi utilizzo software" e con un click disattivare.
    NON c'è nulla di complicato

    Microsoft Italia
    non+autenticato
  • - Scritto da: claudia
    > in realtà basta andare in pannello di controllo,
    > cercare "analisi utilizzo software" e con un
    > click
    > disattivare.
    > NON c'è nulla di complicato
    >
    > Microsoft Italia

    Gentile Claudia di Microsoft Italia, di default vengono rubati i dati ad insaputa dell'utente.

    questa è la situazione e le sue giustificazioni sono ilari,

    cordiali saluti
    giangianni di EFF
    non+autenticato
  • - Scritto da: giangianni
    > - Scritto da: claudia
    > > in realtà basta andare in pannello di
    > controllo,
    > > cercare "analisi utilizzo software" e con un
    > > click
    > > disattivare.
    > > NON c'è nulla di complicato
    > >
    > > Microsoft Italia
    >
    > Gentile Claudia di Microsoft Italia, di default
    > vengono rubati i dati ad insaputa
    > dell'utente.
    >
    > questa è la situazione e le sue giustificazioni
    > sono ilari,
    >
    >
    > cordiali saluti
    > giangianni di EFF


    SBAMM!!!
  • 90 minuti di applausi !!!!
    non+autenticato
  • Saluti giangianni di EFF, per mia informazione e cultura personale e credo anche degli utenti del forum: esattamente quali dati vengono rubati ? Quelli segnalati da ArsTechnica o altri più importanti ?
    A insaputa dell'utente in che senso ? Che ci sono altri dati che nessuno ha riportato ?
    Avete intenzione di aprire una azione legale contro Microsoft ? Se si, portando quali evidenze ? Avete fatto indagini approfondite ? Di che tipo ?

    Cordiali saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jek ill
    > Saluti giangianni di EFF, per mia informazione e
    > cultura personale e credo anche degli utenti del
    > forum: esattamente quali dati vengono rubati ?

    Sai perfettamente che a questa domanda può rispondere solo Microsoft visto il codice è closed.
    Analizzando la rete, ci sono innumerevoli connessioni ad altrettanti domini sotto il controllo di Microsoft
    Cosa comunichino è DOVERE di Microsoft chiarirlo , fornendo il modo per decodificare la sessione SSL e fornendo le specifiche di ogni formato che viene esportato, bit per bit.

    SE Microsoft NON HA NULLA DI LOSCO DA NASCONDERE, ALLORA NON HA NULLA DA TEMERE DALLA DISCLOSURE DEI DATI CHE PRENDE ALL'UTENTE.

    N.B. come detto sopra, non basta che lo dica, deve dare gli strumenti affinché ognuno possa verificarlo, intercettando le proprie connessioni e decodificandole nei due livelli (crittografia PRIMA e formato dei dati POI).

    Quando Microsoft avrà fatto questo potremmo rispondere alla tua domanda con precisione.
    Nel mentre, anche senza rispondere con precisione SAPPIAMO che innumerevoli dati vengono raccolti sia all'utente causale (che non sa neppure che facendo una ricerca sul testo di start, comunica coi server di MS) sia all'utente avanzato che ha disabilitato TUTTO ciò che Microsoft permette di disabilitare, ma che vede comunque partire connessioni verso svariati siti di MS.
    non+autenticato
  • Ciao, siccome io rivolgevo la domanda al tizio che si firmava come membro dell'EFF ti pongo la domanda: ma il plurale maestatis a chi o cosa si riferisce ?
    Per es: "SAPPIAMO che innumerevoli dati...", noi chi ?
    Poi dici: "...analizzando la rete..": chi ha fatto questa analisi ?
    Inoltre: "...innumerevoli connessioni ad altrettanti domini...", potresti dire quante connessione e quanti e quali domini esattamente ?

    Le informazioni che ho io è che ArsTechnica si è presa la briga di analizzare che tipo di dati vengono scambiati tra pc e server Microsoft ma tra l'altro non parla di connessioni criptate.
    Tu...anzi, VOI avete potuto verificare che le connessioni sono criptate ?
    Se si mi dai i riferimenti per potere leggere i risultati di queste analisi ? Oppure non puoi perchè sono closed ?
    Grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jek ill

    Fai troppe domande retoriche/idiote.
    Le connessioni puoi verificartele da solo, non ci vuole nulla.

    > Le informazioni che ho io è che ArsTechnica si è
    > presa la briga di analizzare che tipo di dati
    > vengono scambiati tra pc e server Microsoft ma
    > tra l'altro non parla di connessioni
    > criptate.

    sono tutte crittografate essendo connessioni HTTPS.
    Tranne un paio che probabilmente sono sfuggite a MS.
    E' ovvio che siano HTTPS, vuoi mandare i tuoi dati in chiaro in modo che tutti li vedano? Sarebbe folle.

    > Tu...anzi, VOI avete potuto verificare che le
    > connessioni sono criptate
    > ?

    Sì. Vedi sopra.

    > Se si mi dai i riferimenti per potere leggere i
    > risultati di queste analisi ?

    fai troppe domande idiote: usa un software di analisi delle rete a fattelo da te, tanto da come scrivi non ti fideresti delle mie risposte.

    Fall oe sbatterai la testa su un numero SMISURATO di connessioni.
    non+autenticato
  • Magari per te sono domande idiote ma se per te è idiota chiedere di supportare delle affermazioni che uno fa...non so...se qualcuno ti dice che gli asini volano, tu non gli chiederesti di supportare quell'affermazione ?
    No, secondo la tua logica contorta basta che quello ti dica, in tono scocciato, che puoi vederlo coi tuoi occhi e tu gli credi subito vero ?
    A invece me pare naturale chiedere a qualcuno da dove ha preso determinate informazioni perchè, caro utente, qui siamo su internet e qui ognuno può dire quel che gli pare, può dire tutto e il contrario di tutto.
    Qui le persone si pregiano di firmarsi come membri dell'EFF e pensano che basta fare quello per dare validità a qualsiasi idiozia scrivano.

    Ma veniamo al punto: certo che ho verificato le connessioni e sul mio pc, con tutte lo opzioni relative alla privacy abilitate non vedo queste: "innumerevoli connessioni ad innumerevoli siti Microsoft" o un "numero SMISURATO di connessioni".
    Siccome non dò per scontato che dici idiozie, come invece fai tu, capirai che mi viene naturale chiedere da dove vengono quei dati, anche perchè, come spiegavo nel post precedente, hai risposto ad una domanda che facevo ad un presunto membro dell'EFF.

    Vista la tua risposta aggressiva (per la serie: la miglior difesa è l'attacco....soprattutto quando si è in crisi e non si hanno gli strumenti per rispondere in modo civile ma soprattutto sensato) a questo punto ho dei grossissimi dubbi che tu quella prova l'abbia fatta, visto che l'esatto numero di connessioni attive a microsoft lo conosco.
    In questo contesto dare dell'idiota ad un utente che ti chiede chiarimenti non ti fa fare la figura della persona intelligente, anzi....

    Adesso ti saluto e siccome non hai neanche risposto alla domanda: "chi è quel NOI ?" allora:
    Saluti a tutti VOI che abitate nell'utente "..."


    PS: invito tutti gli utenti di Windows 10 a fare una analisi delle connessioni e ad identificare quelle ai server Microsoft. Se lo fate avrete conferma di quanti quaquaraquà visitano questo forum spacciandosi per superespertoni e come vivano nell'illusione che per dare credibilità alle loro idiozie e fandonie basti dare dell'idiota a chi gli chiede chiarimenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jek ill
    > Magari per te sono domande idiote ma se per te è
    > idiota chiedere di supportare delle affermazioni
    > che uno fa..

    Ti è stato detto chiaro e tondo: preso atto, dalla lettura dei tuoi messaggi pregressi, che pari uno che chiede dettagli all'infinito petulando su ogni cavillo, USA UN ANALIZZATORE DI RETE TU STESSO E VERIFICA TU STESSO QUANTO DETTO.

    > Qui le persone si pregiano di firmarsi come
    > membri dell'EFF e pensano che basta fare quello
    > per dare validità a qualsiasi idiozia
    > scrivano.

    o dipendenti di Microsoft, se è per quello, vero ?


    > Ma veniamo al punto: certo che ho verificato le
    > connessioni e sul mio pc, con tutte lo opzioni
    > relative alla privacy abilitate non vedo queste:
    > "innumerevoli connessioni ad innumerevoli siti
    > Microsoft" o un "numero SMISURATO di
    > connessioni".

    E quali vedi?
    Con quali frequenze?
    Quanto pesano?
    Ma non rispondere , perché questa tua uscita è una bugia.
    Infatti nel precedente messaggio avevi dubitato che le connessioni fossero crittografate , e invece chi le ha analizzate SA che lo sono praticamente tutte (in modo da poter essere decodificate solo col certificato lato server di MS).
    Se tu le avessi analizzate LO SAPRESTI.
    Beccato in castagna.
    Direi che possiamo chiudere qui.



    > In questo contesto dare dell'idiota ad un utente


    Anche qui hai detto una bella bugia: nessuno ti ha (ancora) dato dell'idiota.
    Scrivere un'idiozia non vuol dire essere idiota: tutti prima o poi la scrivono e solo un vero idiota crede di non aver mai scritto idiozie.
    Anche per la legge c'è differenza sostanziale tra dire, "questa che hai scritto è un'idiozia" e "sei un idiota".
    Nel secondo caso c'è diffamazione, nel primo no.

    adios...
    non+autenticato
  • Dipendente Microsoft ? Se alludi al sottoscritto ti sbagli di grosso, dove hai letto che mi sono firmato come dipendente Microsoft ? Non potrei farlo perchè non lo sono mio caro utente puntini puntini.
    Però qui qualcuno si è firmato membro della EFF e dimmi: per la legge spacciarsi per un membro di una organizzazione quando non lo si è e pretendere di parlare a nome di quella organizzazione cosa significa ?

    Posto che qui bisogna vedere chi ha un tono petulante ma, hai ragione: non bisognerebbe petulare su ogni cavillo quindi dimmi, VOI (veri o presunti) membri della EFF come fate a portare avanti le VOSTRE cause ? Col metodo: "un tanto al pezzo" o col metodo "più o meno a spanne" ? E dimmi: in un procedimento legale, quando c'è da fare valere i diritti degli utenti, davanti ad un giudice quel metodo funziona ?

    Il motivo per cui ho chiesto della connessione criptata te l'ho spiegato. Troppo impegnativo leggere con calma quello che c'è scritto ? Dal tono dei tuoi interventi direi che la calma non è sicuramente una dote che ti appartiene.
    Poi se per te chiedere = dubitare, mi spiace caro utente puntini puntini ma significa anche qui c'è un pregiudizio di fondo oppure ti ritieni troppo in gamba per potere condividere le tue informazioni ?

    Riguardo alla mia "uscita" non ti è venuto il dubbio che chiedessi proprio perchè l'analisi delle connessioni l'ho fatta e volevo confrontarmi sui risultati ?
    No tu hai già deciso che è una domanda in cattiva fede, perchè ? Forse perchè tu avresti posto le domande in cattiva fede ? Dal tono dei tuoi interventi non mi sorprenderebbe la cosa.

    Comunque se è una bugia lo vedranno tutti quegli utenti che avranno la bontà di andarsi ad analizzare le "innumerevoli connessioni agli altrettanti domini sotto il controllo Microsoft".
    Quando avranno visto il numero di queste connessioni si faranno un sacco di risate.

    Saluti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Shiba
    > > La solita giustificazione che leggo sempre
    > parte
    > > tua, maxsix e tutta la combricola: non
    > importa
    > se
    > > ho un palo nel ****, tanto ce l'ha anche
    > > quell'altro tizio
    > > là.
    >
    > Finché a rendermi attento del palo é uno che
    > cerca di mimetizzare il suo , io saró sempre
    > lí a ricordarglielo.
    >
    >
    > Ficoso

    Ragazzo un giorno ti insegnerò la differenza che passa fra uno stuzzicadenti spuntato ed un traliccio dell' alta tensione con la mela serigrafata.
    non+autenticato
  • Per rispondere a quello scritto nell'articolo e ai commenti:

    1) tutte le grosse compagnie che dispensano servizi raccolgono informazioni sull'utente,

    leggere ai seguenti link prego:

    http://images.apple.com/legal/sla/docs/iOS81.pdf
    http://images.apple.com/legal/sla/docs/OSX10103.pd...
    http://www.google.com/intl/en/policies/privacy/

    Quindi il punto è che se vuoi usare un device Apple o Android o i servizi google devi

    accettare che sarai sottoposto alla stessa raccolta dati.

    2) questo articolo spiega che tipo di dati vengono raccolti da Microsoft:
    http://arstechnica.com/information-technology/2015...-

    just-cant-stop-talking-to-microsoft/

    3) questi spiegano il problema (falso) delle password wifi:

    http://www.zdnet.com/article/no-windows-10s-wi-fi-.../
    http://www.forbes.com/sites/ygrauer/2015/07/31/wif.../

    4) questo è un vecchio articolo che dovrebbe leggere chi dice che Microsoft vende i dati

    al governo americano:

    http://www.neowin.net/news/microsoft-apple-google-...-

    spying-law

    5) questo è un articolo che i sostenitori di apple e della sicurezza informatica

    dovrebbero leggere:

    http://www.techtimes.com/articles/28517/20150124/e...-

    secret-ifeature-that-allows-government-to-spy-on-you.htm

    6) questo per chi si pone il problema di quale smartphone è migliore dal punto di vista

    della sicurezza:

    http://betanews.com/2015/06/11/windows-phone-secur.../


    Invece per quel che riguarda Windows 10 come sistema operativo che "dispensa pubblicità" (non attraverso le app) come dice l'articolo, qualcuno, compreso l'autore, si spieghi meglio portando esempi e argomentazioni sensate, grazie, altrimenti l'articolo diventa un articolo stile: novella 2000 della tecnologia.
    non+autenticato
  • Bravo! Il datagate è una palla e SLowden un impostore.
    non+autenticato
  • Se è una risposta al mio post non la capisco, sorry
    Se invece lo è non mi pare di avere detto quello, se pensi il contrario quota la frase in cui ho fatto quell'affermazione, thx
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zukkotto
    > Bravo! Il datagate è una palla e SLowden un
    > impostore.

    Esattamente ... il datagate è una palla mostruosa, inventa per prendere in giro i creduloni e i paranoici.

    Ti fanno credere che la NSA spenda milioni e paghi stuoli di Hacker per entrare nel tuo cellulare, quando nel tuo cellulare ci sono già comodamente Facebook, Google, Apple e Microsoft che fanno molte più cose e si fanno pure pagare da te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jek ill
    > Per rispondere a quello scritto nell'articolo e
    > ai
    > commenti:
    ...
    > novella 2000 della
    > tecnologia.

    Forse neanche riesci a rendertene conto, ma tu hai postato una marea di link la maggior parte dei quali conferma sia quanto scritto nell'articolo, sia quanto scritto nei commenti: Windows 10 è a tutti gli effetti uno spyware. Non ho capito cosa di ciò che hai linkato servirebbe a sostenere il contrario, perchè in realtà sono proprio tutte conferme ai peggiori sospetti. Anzi, alcuni dei link sono proprio FONTI dell'articolo di Maruccia, ad esempio ArsTechnica.


    Il fatto che gli utenti windows siano "informati" di ciò, molto semplicemente conferma l'opinione diffusa nel mondo dell'informatica professionale sui medesimi (cioè che sono ebeti). Infine, il fatto che microsoft non sia l'UNICO "cattivone" è vero, ma non è che uno si deve sentire "sollevato" da ciò. E' come se un commerciante napoletano costretto a pagare il pizzo alla camorra si sentisse sollevato dal fatto che i calabresi invece lo pagano all'ndrangheta, un ragionamento talmente idiota da non meritare commento.

    L'alternativa c'è e si chiama linux o BSD. C'è solo questo piccolo problema: servono i neuroni. E mi rendo conto che non sono democraticamente distribuiti tra la popolazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il becchino dei winari
    > Infine, il fatto che microsoft non sia l'UNICO
    > "cattivone" è vero, ma non è che uno si deve
    > sentire "sollevato" da ciò. E' come se un
    > commerciante napoletano costretto a pagare il
    > pizzo alla camorra si sentisse sollevato dal
    > fatto che i calabresi invece lo pagano
    > all'ndrangheta, un ragionamento talmente idiota
    > da non meritare
    > commento.
    >

    No, é come se uno con in mano un Android mi viene a dire che vengo spiato perché uso Windows 10.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Il becchino dei winari
    > > Infine, il fatto che microsoft non sia
    > l'UNICO
    > > "cattivone" è vero, ma non è che uno si deve
    > > sentire "sollevato" da ciò. E' come se un
    > > commerciante napoletano costretto a pagare il
    > > pizzo alla camorra si sentisse sollevato dal
    > > fatto che i calabresi invece lo pagano
    > > all'ndrangheta, un ragionamento talmente
    > idiota
    > > da non meritare
    > > commento.
    > >
    >
    > No, é come se uno con in mano un Android mi viene
    > a dire che vengo spiato perché uso Windows
    > 10.
    a parte che non e' "android" ma le g.apps il "problema"... ma per te e' mejo 2 spioni di uno?Sorride
    non+autenticato
  • Lascialo perdere è un fanboy.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Il becchino dei winari
    > > Infine, il fatto che microsoft non sia
    > l'UNICO
    > > "cattivone" è vero, ma non è che uno si deve
    > > sentire "sollevato" da ciò. E' come se un
    > > commerciante napoletano costretto a pagare il
    > > pizzo alla camorra si sentisse sollevato dal
    > > fatto che i calabresi invece lo pagano
    > > all'ndrangheta, un ragionamento talmente
    > idiota
    > > da non meritare
    > > commento.
    > >
    >
    > No, é come se uno con in mano un Android mi viene
    > a dire che vengo spiato perché uso Windows
    > 10.

    La solita giustificazione che leggo sempre parte tua, maxsix e tutta la combricola: non importa se ho un palo nel ****, tanto ce l'ha anche quell'altro tizio là.
    Shiba
    3876
  • In principio fu: "un PC su ogni scrivania".

    Poi venne quel gran geniaccio di Stiv Lavoretti e degli amichetti suoi a tre lettere ed il motto cambiò in: "un halo nel cuculo in ogni utente". A quel punto tutti i Fanboy andarono in delirio.
    non+autenticato
  • E le trimestrali schizzarono alle stelle!
    non+autenticato
  • Nel mio pc questo in ggetto non risulta obbligatorio come riportato nell'articolo.
    non+autenticato
  • Mi fido, il test comporterebbe l' installazione di quella porcata = non ci penso nemmeno.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)