Gaia Bottà

Jobs Act, nuove regole per il tecnocontrollo sul lavoro

PC, smartphone e tablet aziendali raccolgono per loro natura dati sul lavoratore, ma le leggi sulla privacy bastano a limitare gli abusi. Diverso il caso dei software di tecnocontrollo, per cui è necessario l'accordo sindacale

Roma - Che si tratti di un opportuno allineamento della normativa all'attualità come sostiene il governo, o che, come temono i sindacati, presupponga un più stretto controllo sui dipendenti, il Consiglio dei Ministri ha approvato nella sessione di oggi il decreto attuativo che modifica l'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, aggiornando la disciplina del controllo esercitato dal datore di lavoro.

Come previsto fin dal testo approvato nei mesi scorsi, ad essere investiti dalla legge sono ora anche gli "strumenti utilizzati per rendere la prestazione lavorativa" come PC, tablet, smartphone, prima esclusi dalla disciplina: per dotare il lavoratore di questi dispositivi non è necessario accordo sindacale o autorizzazione ministeriale, anche nel momento in cui "dagli stessi derivi anche la possibilità di un controllo a distanza del lavoratore". Tutti i dati rastrellati incidentalmente rispetto alle attività del lavoratore possono certo costituire un bacino inesauribile di informazioni sulle abitudini del personale: il normativa approvata stabilisce i lavoratori vengano adeguatamente informati e che questi dati possano essere utilizzati nel rispetto dell'impianto generale delle norme sulla privacy, a partire da quelle del 2007 in materia di Internet e posta elettronica. Quindi, spiega il Ministro del Lavoro Poletti, "non possono essere usati sistematicamente come strumenti mirati al controllo delle attività e del comportamento dei lavoratori perché la norma sulla privacy lo vieta".

Diverso il caso in cui questi strumenti di lavoro vengano equipaggiati con software esplicitamente destinato al tecnocontrollo, ad esempio con soluzioni di localizzazione: già in passato il Ministro aveva precisato che in questo caso il dispositivo non è più un semplice strumento di lavoro, ma uno strumento di controllo del dipendente e come tale vada trattato, e oggi Poletti ha ribadito che "Se si vuole rispettare la privacy su quel tablet devono esserci solo applicazioni finalizzate al lavoro per il quale è stato consegnato".
Per quanto riguarda gli strumenti esplicitamente destinati al monitoraggio, come le telecamere di sorveglianza, ma anche come i software di tecnocontrollo installati sui dispositivi di lavoro, è invece necessario l'accordo sindacale o l'autorizzazione della Direzione Territoriale del Lavoro o del Ministero, oltre ad informare il dipendente.

Gaia Bottà
Notizie collegate
55 Commenti alla Notizia Jobs Act, nuove regole per il tecnocontrollo sul lavoro
Ordina
  • Purtroppo è l'implacabile legge della domanda e dell'offerta. Se i posti di lavoro sono pochi e i lavoratori tanti, quest'ultimi si devono adattare sempre più alle nuove regole svantaggiose. Morale : se non ti va bene così ce ne sono altri dieci fuori della porta che attendono. Conclusione terra-terra: più siamo e peggio stiamo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Purtroppo è l'implacabile legge della domanda e
    > dell'offerta. Se i posti di lavoro sono pochi e i
    > lavoratori tanti, quest'ultimi si devono adattare
    > sempre più alle nuove regole svantaggiose. Morale
    > : se non ti va bene così ce ne sono altri dieci
    > fuori della porta che attendono. Conclusione
    > terra-terra: più siamo e peggio
    > stiamo.


    Nel momento in cui si prende la decisione (folle) di aprirsi ai mercati globali, ciò che dici diventa vero. I lavoratori sono "tanti" perchè le imprese possono anche delocalizzare in paesi a basso costo del lavoro. Ringraziamo prodi e gli europeisti vari (anche a destra) per aver rovinato il paese.

    Detto questo, abbiamo delle alternative, il futuro non è già scritto: dalla UE e dall'euro si può anche uscire, esattamente come dal WTO, e poi si possono rimettere i dazi sulle importazioni. A quel punto le imprese italiane non possono più delocalizzare, e dovranno assumere solo in Italia. Era così fino al 1992, non parliamo mica della preistoria: all'epoca non esistevano i precari, c'era la scala mobile dei salari, e con un singolo stipendio da operaio/impiegato un'intera famiglia viveva dignitosamente, oggi invece ce ne vogliono come minimo due.

    Morale: evitiamo i ragionamenti del tipo TINA (there is no alternative), la strada alternativa c'è, basta avere gli attributi per percorrerla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ........... ......
    > Detto questo, abbiamo delle alternative, il
    > futuro non è già scritto: dalla UE e dall'euro si
    > può anche uscire,
    Corretto, poi pagherai tutto in lirette che nessuno vuole e valgono un cavolo
    > esattamente come dal WTO, e poi
    > si possono rimettere i dazi sulle importazioni.
    Così nessuno esporta in Italia e l'Italia non esporta da nessuna parte (perché se lo fai tu lo fanno anche gli altri ... i dazi)
    > A quel punto le imprese italiane non possono più
    > delocalizzare, e dovranno assumere solo in Italia.
    Sbagliato, le imprese se ne vanno e tu ti ritrovi con un pugno di mosche
    > Era così fino al 1992, non parliamo mica
    > della preistoria: all'epoca non esistevano i
    > precari, c'era la scala mobile dei salari, e con
    > un singolo stipendio da operaio/impiegato
    Già ma siamo nel 2015 e le cose sono leggermente cambiate, altrimenti perché non ritorniamo all'era della pietra, si cacciava, si scopava e il resto del tempo non si faceva un c...o
    non+autenticato
  • Il piddino europeista di turno ci spiega che non si può star fuori da euro e UE. Tutto prevedibile, del resto vi ritrovate a dover difendere le vostre idee fallite e ormai minoritarie. Norvegesi e svizzeri, i due popoli più ricchi dell'occidente, entrambi rigorosamente rimasti fuori da UE ed euro, si fanno una grossa, grassa risata, e in più evitano anche altri obbrobri come la società "multietnica e multiculturale" che a voi piace tanto.
    non+autenticato
  • Italiani ridotti come i cani con il collarino elettronico e tutti stanno zitti in parlamento perche' se si ribellano l'elite gli toglie la poltroncina, forza dai abbaiate da bravi bau bau bau che e' arrivato il vostro padrone e' arrivato e vi porta la vostra ciotola di riso, valete meno dei cani per le vostre istituzioni e l'elite finanziaria\imprenditoriale
    non+autenticato
  • - Scritto da: sgabbio
    > 01/10


    Cosa avrebbe detto di sbagliato/falso? Tra l'altro in teoria (e in pratica) ora i datori di lavoro potranno veramente mettere un collare ai lavoratori.
    Non c'è più nulla che lo vieti in tutta la legislazione italiana, era solo il precedente articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori ad impedirlo.
    non+autenticato
  • Rigirata di frittata.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Ma vorrei capire qual è il male di questa norma.
    1) Se vi è software dedito al controllo c'è bisogno dell'autorizzazione, quindi direi che questo non può essere il punto di critica
    2) Rimane il primo punto, che però non capisca quale sia il problema, viceversa sugli smartphone non potrebbero essere installate app come gmail, chorme, ecc ecc in quanto collezionano dati personali a gogo.

    Attendo spiegazione, qualcosa mi sfugge.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    >
    > Attendo spiegazione, qualcosa mi sfugge.

    Il senso della dignità non si può spiegare.

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > Ma vorrei capire qual è il male di questa norma.
    > 1) Se vi è software dedito al controllo c'è
    > bisogno dell'autorizzazione, quindi direi che
    > questo non può essere il punto di
    > critica
    > 2) Rimane il primo punto, che però non capisca
    > quale sia il problema, viceversa sugli smartphone
    > non potrebbero essere installate app come gmail,
    > chorme, ecc ecc in quanto collezionano dati
    > personali a
    > gogo.
    >
    > Attendo spiegazione, qualcosa mi sfugge.

    Ti sfugge che:

    A) finora le tecnologie di controllo a distanza non potevano MAI essere usate per motivi disciplinari, a prescindere dall'autorizzazione sindacale. Ora invece sì. Poi con "sindacati" appecoronati a 90 gradi come CISL e UIL sta pur tranquillo che l'autorizzazione ci sarà sempre, si salvano solo quelli in aziende dove è maggioritaria la CGIL

    B) Gran parte dei software attuali, penso ai browsers o ai firewalls, possono essere usati per raccogliere dati sul lavoratore anche se non sono specificamente studiati per il controllo a distanza. E per quelli non c'è alcun bisogno di autorizzazioni sindacali


    Vuoi un esempio di ciò che succederà? Stai sulle balle al capo, posti un messaggio su punto informatico in orario da lavoro (l'avrai fatto già molte volte, no?), risultato: licenziato per giusta causa, hai usato un mezzo aziendale a fini personali.

    Hai capito qual'è il cazzo di problema ora?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Arciduca Onorario di Java

    > Vuoi un esempio di ciò che succederà? Stai sulle
    > balle al capo, posti un messaggio su punto
    > informatico in orario da lavoro (l'avrai fatto
    > già molte volte, no?), risultato: licenziato per
    > giusta causa, hai usato un mezzo aziendale a fini
    > personali.

    Esatto, questo probabilmente sarà il caso più classico. Verranno presi di mira sia quelli che stanno antipatici al capo per motivi personali, sia i sindacalisti "scomodi". I dirigenti fiat staranno già festeggiando, tra l'altro probabilmente il decreto l'hanno scritto loro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Arciduca Onorario di Java


    >

    >
    > Vuoi un esempio di ciò che succederà? Stai sulle
    > balle al capo, posti un messaggio su punto
    > informatico in orario da lavoro (l'avrai fatto
    > già molte volte, no?), risultato: licenziato per
    > giusta causa, hai usato un mezzo aziendale a fini
    > personali.



    Come capita un po' in tutto il mondo no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: Arciduca Onorario di Java
    >
    >
    > >
    >
    > >
    > > Vuoi un esempio di ciò che succederà? Stai sulle
    > > balle al capo, posti un messaggio su punto
    > > informatico in orario da lavoro (l'avrai fatto
    > > già molte volte, no?), risultato: licenziato
    > per
    > > giusta causa, hai usato un mezzo aziendale a
    > fini
    > > personali.

    >
    >
    > Come capita un po' in tutto il mondo no?


    No. Prova a "spiare" l'uso dei PC dei tuoi dipendenti in qualunque altro paese dell'europa continentale e finisci dritto in galera.
    non+autenticato
  • - Scritto da: maledizione dimontezum a

    > No. Prova a "spiare" l'uso dei PC dei tuoi
    > dipendenti in qualunque altro paese dell'europa
    > continentale e finisci dritto in
    > galera.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Ma un datore di lavoro - che elargisce lo stipendio al lavoratore - avrà pure il diritto di sapere cosa questi combina durante l'orario di lavoro!
    Certo che se nel 2015 siamo ancora qui a discutere di questo si può ben comprendere perchè l'Italia con la Grecia è fanalino di coda in Europa in tutti gli ambiti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio Foschi
    > Ma un datore di lavoro - che elargisce lo
    > stipendio al lavoratore - avrà pure il diritto di
    > sapere cosa questi combina durante l'orario di
    > lavoro!
    >
    > Certo che se nel 2015 siamo ancora qui a
    > discutere di questo si può ben comprendere perchè
    > l'Italia con la Grecia è fanalino di coda in
    > Europa in tutti gli
    > ambiti.

    Un datore di lavoro che ha bisogno di installare telecamere e/o altri amenicoli per verificare la produttività dei dipendenti è un incompetente e ha già fallito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Risposta

    > Un datore di lavoro che ha bisogno di installare
    > telecamere e/o altri amenicoli per verificare la
    > produttività dei dipendenti è un incompetente e
    > ha già
    > fallito.

    Tipica rispostina preconfezionata per tutti gli usi.
    Sindacalista eh? Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio Foschi
    > Ma un datore di lavoro - che elargisce lo
    > stipendio al lavoratore - avrà pure il diritto di
    > sapere cosa questi combina durante l'orario di
    > lavoro!
    >
    > Certo che se nel 2015 siamo ancora qui a
    > discutere di questo si può ben comprendere perchè
    > l'Italia con la Grecia è fanalino di coda in
    > Europa in tutti gli
    > ambiti.

    In Germania vale esattamente la stessa regola che valeva in Italia prima di questa porcheria approvata dai delinquenti del PD: è necessario l'assenso dei sindacati per qualunque forma di controllo sui lavoratori. E come se non bastasse nelle imprese con più di 2000 dipendenti metà del CdA è eletto dai lavoratori medesimi (si chiama "cogestione")

    Evapora, grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: AntiPD

    > In Germania vale esattamente la stessa regola che
    > valeva in Italia prima di questa porcheria
    > approvata dai delinquenti del PD: è necessario
    > l'assenso dei sindacati per qualunque forma di
    > controllo sui lavoratori.

    Quindi se questa regola vale in Germania bisogna dare per assodato che sia giusta e che si debba applicare a tutti gli altri Stati?
    Non credo proprio!

    > E come se non bastasse
    > nelle imprese con più di 2000 dipendenti metà del
    > CdA è eletto dai lavoratori medesimi (si chiama
    > "cogestione")


    Cogestione assomiglia molto ad: "Autogestione" di sessantottina memoria.


    > Evapora, grazie.


    Per il momento è evaporato il comunismo, e indietro non si torna!
    non+autenticato
  • Vi sfugge un dettaglio... tra i sindacati italiani e quelli tedeschi c'è più o meno la stessa distanza che c'è tra un sessantottino fatto e nullafacente ed uno scienziato nucleare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Vi sfugge un dettaglio... tra i sindacati
    > italiani e quelli tedeschi c'è più o meno la
    > stessa distanza che c'è tra un sessantottino
    > fatto e nullafacente ed uno scienziato
    > nucleare.

    Vai a chiedere a un sindacalista tedesco se accetterebbe mai i contratti offerti ai dipendenti italiani, vedrai come ti carica d'insulti.
    Ad esempio, qualche anno fa marchionne provò a sedersi a un tavolo coi sindacati tedeschi, voleva comprare Opel. Lo mandarono a fare in XXXX in meno di 1 ora.
    non+autenticato