Alfonso Maruccia

Il Ministero della Difesa passa a LibreOffice

Annunciata la migrazione di centinaia di migliaia di PC alla suite di produttività open source, un'operazione che dovrebbe migliorare l'interoperabilità e garantire risparmi economici sostenuti. Se tutto va bene

Il Ministero della Difesa passa a LibreOfficeRoma - Il Ministero della Difesa italiano avvierà presto un processo di migrazione a LibreOffice, suite di produttività FOSS "alternativa" alla concorrenza proprietaria e a pagamento (Microsoft Office) che dal prossimo ottobre sarà installata sui PC dell'autorità militare.

La migrazione nasce da un accordo siglato tra Associazione LibreItalia ONLUS e Ministero, impiegherà più di un anno e coinvolgerà la bellezza di 150mila PC: le due organizzazioni coinvolte collaboreranno nella gestione dell'importante switch software, realizzando tra l'altro iniziative di formazione online e attività di comunicazione a titolo volontario (nel caso di LibreItalia) rivolte al personale interno del Ministero.

Il passaggio a LibreOffice permetterà alle autorità di affrancarsi dal software proprietario e di adottare il formato standard Open Document Format (ODF), dice The Document Foundation (TDF), seguirà esperienze analoghe delle pubbliche amministrazioni europee e sancirà il rispetto del DL n. 83 del 22 giugno 2012 che obbliga la Pubblica Amministrazione a "preferire" il software FOSS in alternativa a quello proprietario.
Come sottolinea l'osservatorio sull'open source dell'Unione Europea, inoltre, lo switch della Difesa rappresenta il secondo più significativo abbandono del software proprietario del Vecchio Continente dopo la conversione dei 240mila PC del Ministero degli Interni francese.

La UE ha da tempo dettato la linea per il passaggio al software FOSS nell'ambito delle amministrazioni pubbliche del Vecchio Continente, le autorità europee e continentali hanno aderito con operazioni che hanno segnato risparmi milionari sulle spese per l'IT ma anche false partenze e ritorni all'ovile di Microsoft come nel caso del comune di Pesaro.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessUE, l'open che fa risparmiareBruxelles vuole che gli enti pubblici del Vecchio Continente adottino in massa standard e tecnologie aperti, un'operazione destinata - secondo le stime della UE - ad affrancare da dipendenze e sprechi
  • TecnologiaUK, il governo accarezza ODFLe autorità britanniche compiono il primo passo di un'apertura verso i formati aperti, con l'obiettivo dichiarato di abbattere gli oligopoli dei fornitori software della pubblica amministrazione. Ma la UE raccomanda anche DOCX
  • BusinessLinux, Canonical canta vittoria a MonacoL'azienda annuncia al mondo che il merito di aver garantito milioni di euro di risparmi alla capitale della Baviera è tutto di Ubuntu. Il progetto di conversione è durato 10 anni
  • AttualitàPesaro riabbraccia MicrosoftAddio ad OpenOffice per rituffarsi tra le braccia della suite per l'ufficio di Redmond. A convincere l'amministrazione il risparmio per dipendente
156 Commenti alla Notizia Il Ministero della Difesa passa a LibreOffice
Ordina
  • C' è la versione libera e gratuita non vi piace? Volete per forza il c***o di software/protocollo/formato closed nella PA? Si fa il calcolo e ve le pagate VOI le licenze, basta fare i 'nocchi col deretallo degli altri.
    non+autenticato
  • Ma qualcuno si è chiesto cosa se ne fa il ministero di 150.000 PC?
    E' così che buttano via i nostri soldi?
    150.000 PC
    E finora con licenze M$!
    Che schifo!
    non+autenticato
  • Ecco la notizia da tradurre in italiano per lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto del pianeta lo è venuto a sapere...

    MICROSOFT si rifiuta di usare Windows per i SUOI sistemi mission-critical! Per i server nei datacenter Azure (la gigantesca infrastruttura di cloud computing microsoft) si sono fatti la LORO distribuzione linux!!!

    http://linux.slashdot.org/story/15/09/18/1224234/m...

    Questa è la più grande umiliazione della storia dei winari! Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: ........... .......
    > Ecco la notizia da tradurre in italiano per
    > lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto
    > del pianeta lo è venuto a
    > sapere...
    peggio... la notizia e' del 17 ...Sorride
    > Questa è la più grande umiliazione della storia
    > dei winari! Rotola dal ridere
    > Rotola dal ridere
    in effetti e' una bella bottaA bocca aperta ... usano pure l'italianissimo Redis ...
    non+autenticato
  • Sostanzialmenthe questa umiliazione fa il paio con Cortana che fa casino alla presentazione con Nadella, più tutte le polemiche su windows 10=spyware. Tutto in poche settimane. Giornate tragiche per i winari.A bocca aperta

    Ormai hanno superato anche le bastonate dei tempi d'oro:
    https://www.youtube.com/watch?v=IW7Rqwwth84

    Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Se qualche anno fa MS riusciva a stare al passo adesso sono troppe le aziende\ prersone che lavorano intorno a Linux lato server ed il gap si sente, una azienda da sola non puo' farcela a seguire tutti i fronti come ha sempre fatto MS, da qualche parte rimane indietro e fisiologica la cosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ........... .......
    > Ecco la notizia da tradurre in italiano per
    > lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto
    > del pianeta lo è venuto a
    > sapere...
    >
    > MICROSOFT si rifiuta di usare Windows per i SUOI
    > sistemi mission-critical! Per i server nei
    > datacenter Azure (la gigantesca infrastruttura di
    > cloud computing microsoft) si sono fatti la LORO
    > distribuzione
    > linux!!!
    >
    > http://linux.slashdot.org/story/15/09/18/1224234/m
    >
    > Questa è la più grande umiliazione della storia
    > dei winari! Rotola dal ridere
    > Rotola dal ridere


    Effettivamente è una legnatona bella forte... Praticamente Microsoft sta candidamente ammettendo che winzozz va bene solo per videogoichi, mestieri da segreteria, e minchiate varie. Mi stupisce che la notizia non stia avendo maggiore copertura mediatica.
    non+autenticato
  • Se poi leggessi anche gli articoli linkati dal tuo capiresti che il linux che hanno sviluppato lo hanno fatto per essere installato sugli switch, ai fini di poter gestire bugfix e problematiche in modo centralizzato e uniforme a prescindere dal manufacturer dello switch fisico.

    Niente a che vedere quindi con l'OS che gira sui server Azure.
    non+autenticato
  • - Scritto da: . . . . . . .
    > Se poi leggessi anche gli articoli linkati dal
    > tuo capiresti che il linux che hanno sviluppato
    > lo hanno fatto per essere installato sugli
    > switch, ai fini di poter gestire bugfix e
    > problematiche in modo centralizzato e uniforme a
    > prescindere dal manufacturer dello switch
    > fisico.
    il catalyst e' uno switch... quello "va un po oltre" daiSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: . . . . . . .
    > il catalyst e' uno switch... quello "va un po
    > oltre" dai
    >Sorride

    Certamente, ma non è nemmeno il caso di millantare che "nemmeno Microsoft usa più Windows sui suoi sistemi !!1one!"Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: lupoalberto65

    > PS. Per la redazione, veramente terribile e
    > orrendo, il vosto sistema di commenti, questo
    > commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni
    > volta alla fine si cancellava quanto scritto,
    > alla fine ho dovuto scriverlo con un editor
    > esterno.

    Se ti dovesse ricapitare di scrivere, entra nella visualizzazione classica.

    Dall'altra parte succede qualcosa di strano che tutti sanno ma che ufficialmente non esiste, un po` come i segreti di stato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: El Pincho
    > - Scritto da: lupoalberto65
    >
    > > PS. Per la redazione, veramente terribile e
    > > orrendo, il vosto sistema di commenti, questo
    > > commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni
    > > volta alla fine si cancellava quanto scritto,
    > > alla fine ho dovuto scriverlo con un editor
    > > esterno.
    >
    > Se ti dovesse ricapitare di scrivere, entra nella
    > visualizzazione
    > classica.
    >
    cmq se puoi permetterti un browser serio (tipo firefox insomma) -> about:config -> accessibility.blockautorefresh = true e passa la merdura

    > Dall'altra parte succede qualcosa di strano che
    > tutti sanno ma che ufficialmente non esiste, un
    > po` come i segreti di
    > stato.
    :)
    non+autenticato
  • Leggendo l'articolo e i vari commenti, traspare che viene effettuato lo stesso errore di valutazione, nel caso in questione, del Ministero della Difesa, non viene considerato, che esso non ha rapporti con il pubblico,
    non rilascia documentazione, certificati, ecc. e visto che fino adesso non ci sono stati problemi nello scambio di documenti, all'interno del Ministero della Difesa, non ha bisogno di
    avere documenti che aderiscono ad uno standard aperto di scambio, l'unica motivazione alla base di tale scelta è di natura economica.
    Conoscendo l'ambiente e le persone che ci lavorano, credo questo esperimento non andrà avanti più di tre mesi, per l'incapacità di esportare i documenti, fogli di lavoro e tutti gli altri documenti nel nuovo formato, sempre che ciò sia possibile,
    sopratutto per quanto riguarda i fogli di lavoro in excel.

    PS. Per la redazione, veramente terribile e orrendo, il vosto sistema di commenti, questo commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni volta alla fine si cancellava quanto scritto, alla fine ho dovuto scriverlo con un editor esterno.
  • - Scritto da: lupoalberto65

    >
    > PS. Per la redazione, veramente terribile e
    > orrendo, il vosto sistema di commenti, questo
    > commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni
    > volta alla fine si cancellava quanto scritto,
    > alla fine ho dovuto scriverlo con un editor
    > esterno.

    Il sistema di commenti di PI e' ottimo.
    Nessuno di noi commentatori abituali ha problemi.

    Non e' che stai usando windows, per caso?
  • Uso Windows 10 con firefox, con cui non ho mai avuto problemi nel fare commenti, fino adesso.
  • - Scritto da: lupoalberto65
    > Uso Windows 10 con firefox, con cui non ho mai
    > avuto problemi nel fare commenti, fino
    > adesso.


    about:config
    accessibility.blockautorefresh=true
    non+autenticato
  • - Scritto da: lupoalberto65
    > Leggendo l'articolo e i vari commenti, traspare
    > che viene effettuato lo stesso errore di
    > valutazione, nel caso in questione, del Ministero
    > della Difesa, non viene considerato, che esso non
    > ha rapporti con il pubblico,
    >
    > non rilascia documentazione, certificati, ecc. e
    > visto che fino adesso non ci sono stati problemi
    > nello scambio di documenti, all'interno del
    > Ministero della Difesa, non ha bisogno
    > di
    > avere documenti che aderiscono ad uno standard
    > aperto di scambio, l'unica motivazione alla base
    > di tale scelta è di natura
    > economica.
    > Conoscendo l'ambiente e le persone che ci
    > lavorano, credo questo esperimento non andrà
    > avanti più di tre mesi, per l'incapacità di
    > esportare i documenti, fogli di lavoro e tutti
    > gli altri documenti nel nuovo formato, sempre che
    > ciò sia possibile,
    >
    > sopratutto per quanto riguarda i fogli di lavoro
    > in
    > excel.
    >



    Le basi militari italiane usano linux da circa un decennio:
    http://punto-informatico.it/2064208/PI/Interviste/...

    Sta pur tranquillo che windows sui sistemi mission-critical non esiste proprio.
    non+autenticato
  • Visto che si parla di software alternativo a microsoft office è da escludere totalmente, che venga installato su sistemi mission-critical e per quanto riguarda l'esempio che hai citato, una sola base militare non fa testo.
    Per quanto mi riguarda sono favorevole all'uso di software free, ma il passaggio da software commerciale a software libero, fatto solo per motivi economici è solo il precludio di un disastro annunciato, se nei primi anni non si investe nella formazione del personale, sia per quanto riguarda gli utilizzatori finali, sia per quanto riguarda il personale tecnico e l'investimento da fare nei primi anni, sicuramente per essere efficacie, deve essere di molto superiore a quanto si spenderebbe, per rinnovare le licenze di office attualmente installate.
    Poi mi piacerebbe sapere, cosa pensano di utilizzare, come programma di posta, al posto di outlook, non mi sembra che ci siano software free che funzionano con i server exchange.
  • - Scritto da: lupoalberto65
    > Visto che si parla di software alternativo a
    > microsoft office è da escludere totalmente, che
    > venga installato su sistemi mission-critical e
    > per quanto riguarda l'esempio che hai citato, una
    > sola base militare non fa
    > testo.
    > Per quanto mi riguarda sono favorevole all'uso di
    > software free, ma il passaggio da software
    > commerciale a software libero, fatto solo per
    > motivi economici è solo il precludio di un
    > disastro annunciato, se nei primi anni non si
    > investe nella formazione del personale, sia per
    > quanto riguarda gli utilizzatori finali, sia per
    > quanto riguarda il personale tecnico e

    Si, come no... perche' per usare quel colabrodo di MSO sono stati tutti formati... ma va...

    > l'investimento da fare nei primi anni,
    > sicuramente per essere efficacie, deve essere di
    > molto superiore a quanto si spenderebbe, per
    > rinnovare le licenze di office attualmente
    > installate.

    Libre Office e' AGGRATIS e funziona benissimo.
    L'investimento da fare e' zero.

    > Poi mi piacerebbe sapere, cosa pensano di
    > utilizzare, come programma di posta, al posto di
    > outlook, non mi sembra che ci siano software free
    > che funzionano con i server
    > exchange.

    Solo un pazzo suicida userebbe sexchange come server di posta quando ci sono ottimi prodotti liberi, gratuiti, sicuri e con crittografie ad alto livello incorporate.

    E comunque i client di posta, uno vale l'altro visto che il protocollo e' standard.
  • Il personale si è formato da solo nel corso di svariati anni, però la maggior parte utilizza solo le funzionalità base di office, naturalmente c'è del personale che utilizza anche le funzionalità più avanzate, sopratutto per quanto riguarda excel, queste persone hanno preparato e impostato il lavoro anche per gli altri.
    Dove lavoro adesso, vengo considerato un esperto di computer, solo perché sanno e mi chiedono, di salvargli i preferiti in internet explorer, ma utilizzano molti fogli di calcolo complessi in excel, che sicuramente non potranno essere convertiti al nuovo software.
    Il software sarà pure gratis, ma la formazione dei tecnici che dovranno risolvere i problemi non è gratis, come non è gratis anche la formazione del personale, e se si risparmia sulla formazione il lavoro si ferma, perché il personale non sarà più in grado di utilizzare quello prima funzionava perfettamente.

    Come server di posta si può utilizzare quello che si vuole, ma non ci sono alternative valide free, per sostituire quello che fa outlook.

    Come ultima cosa, una precisazione, i 150.000 di cui si parla, fanno parte della rete dati NON CLASSIFICATA che non è collegata alla rete dati CLASSIFICATA, su tale rete dati, non vengono trattati/lavorati documenti o quant'altro di CLASSIFICATO, quindi non c'è una necessità di crittografia superiore a quanto offerto dall'attuale parco software.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 settembre 2015 08.22
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: lupoalberto65
    > Il personale si è formato da solo nel corso di
    > svariati anni, però la maggior parte utilizza
    > solo le funzionalità base di office,

    Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le funzionalita' equivalenti di LO

    > naturalmente
    > c'è del personale che utilizza anche le
    > funzionalità più avanzate, sopratutto per quanto
    > riguarda excel, queste persone hanno preparato e
    > impostato il lavoro anche per gli
    > altri.

    Quindi gli altri continueranno a non avere problemi.

    > Dove lavoro adesso, vengo considerato un esperto
    > di computer, solo perché sanno e mi chiedono, di
    > salvargli i preferiti in internet explorer,

    Ecco, io una cosa del genere non la so fare.
    Sono anni che non uso il grovIEra.

    > ma
    > utilizzano molti fogli di calcolo complessi in
    > excel, che sicuramente non potranno essere
    > convertiti al nuovo software.

    Perche' no?
    Excel non ha mica funzionalita' esclusive.
    Alla fine sono celle che contengono valori.

    > Il software sarà pure gratis, ma la formazione
    > dei tecnici che dovranno risolvere i problemi non
    > è gratis, come non è gratis anche la formazione
    > del personale, e se si risparmia sulla formazione
    > il lavoro si ferma, perché il personale non sarà
    > più in grado di utilizzare quello prima
    > funzionava perfettamente.

    Il dato di fatto e' che il ministero della difesa ha buttato MSO nel WC e tirato lo sciacquone.
    E se per formare il personale dovranno rinunciare ad acquistare un F16, tanto meglio.

    > Come server di posta si può utilizzare quello che
    > si vuole, ma non ci sono alternative valide free,
    > per sostituire quello che fa
    > outlook.

    Devo darti ragione. E' l'unico client di posta in grado di veicolare viruse senza bisogno dell'approvazione dell'utente.

    > Come ultima cosa, una precisazione, i 150.000 di
    > cui si parla, fanno parte della rete dati NON
    > CLASSIFICATA che non è collegata alla rete dati
    > CLASSIFICATA, su tale rete dati, non vengono
    > trattati/lavorati documenti o quant'altro di
    > CLASSIFICATO, quindi non c'è una necessità di
    > crittografia superiore a quanto offerto
    > dall'attuale parco
    > software.

    E' comunque un buon inizio.
    E piu' gente critica questa scelta, piu' vuol dire che hanno fatto bene.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: lupoalberto65
    > > Il personale si è formato da solo nel corso
    > di
    > > svariati anni, però la maggior parte utilizza
    > > solo le funzionalità base di office,
    >
    > Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le
    > funzionalita' equivalenti di
    > LO
    >

    Se le funzionalità fossero le stesse non ci sarebbero problemi, hai idea di quanti problemi sono sorti quando office dalla versione 2007 ha adottato i ribbon e la gente era abituata da più di vent'anni ai menu e in quell'occasione non c'è stato nessun problema di lettura dei file, ma solo il cambio dell'interfaccia.

    > > naturalmente
    > > c'è del personale che utilizza anche le
    > > funzionalità più avanzate, sopratutto per
    > quanto
    > > riguarda excel, queste persone hanno
    > preparato
    > e
    > > impostato il lavoro anche per gli
    > > altri.
    >
    > Quindi gli altri continueranno a non avere
    > problemi.
    >

    Gli altri non avranno problemi, ma può darsi che l'altro sia in pensione, trasferito ad altro comando, ecc. e quindi se non più presente chi rimane se non è in grado di convertire i file si troverà nella merda.

    > > Dove lavoro adesso, vengo considerato un
    > esperto
    > > di computer, solo perché sanno e mi
    > chiedono,
    > di
    > > salvargli i preferiti in internet explorer,
    >
    > Ecco, io una cosa del genere non la so fare.
    > Sono anni che non uso il grovIEra.
    >

    Al lavoro, non hai possibilità di installare programmi, devi utilizzare i programmi che trovi installato sopra e comunque quelle persone hanno lo stesso problema anche con firefox.

    > > ma
    > > utilizzano molti fogli di calcolo complessi
    > in
    > > excel, che sicuramente non potranno essere
    > > convertiti al nuovo software.
    >
    > Perche' no?
    > Excel non ha mica funzionalita' esclusive.
    > Alla fine sono celle che contengono valori.
    >

    Se usi excel solo per fare la lista della spesa, sicuramente non avrai problemi a passare a libreoffice, ma se usi macro complesse o magari funzioni scritte in visual basic, fogli di calcolo che scaricano dati da un database sql, non credo proprio che riuscirai a portare lo stesso lavoro in libbreoffice.

    A casa visto che non devo lavorare, sul pc ho appunto installato libbreoffice che per quel poco che mi capita di fare a casa è sempre andato bene, ma recentemente ho acquistato un nas a più dischi, su cui ci ho installato un server mysql, che uso insieme a kodi per gestire la mia biblioteca multimediale, alla fine della scansione della libbreria video/audio, ho pensato di fare le correzioni del database direttamente dal pc e non tramite kodi, quindi come farei in ufficio, ho creato un file con office base (in ufficio userei access) e ho cercato di collegarmi al server, al primo tentativo non ci sono riuscito perché non c'era il relativo driver odbc, colpa mia, perché pensavo che fosse compreso nell'installazione di libbreoffice, scarico il driver, lo installo e ritento il collegamento, riesco a collegarmi al server, solo che ogni venti secondi, office base va in tilt e praticamente non riesco a fare quasi nessuna modifica al database, questo non è un problema a casa, ma lo sarà sicuramente al lavoro.
  • - Scritto da: lupoalberto65
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: lupoalberto65
    > > > Il personale si è formato da solo nel corso
    > > di
    > > > svariati anni, però la maggior parte
    > utilizza
    > > > solo le funzionalità base di office,
    > >
    > > Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le
    > > funzionalita' equivalenti di
    > > LO
    > >
    >
    > Se le funzionalità fossero le stesse non ci
    > sarebbero problemi, hai idea di quanti problemi
    > sono sorti quando office dalla versione 2007 ha
    > adottato i ribbon e la gente era abituata da più
    > di vent'anni ai menu e in quell'occasione non c'è
    > stato nessun problema di lettura dei file, ma
    > solo il cambio dell'interfaccia.

    Non ho idea: se avessi soldi da buttare preferirei mille volte usarli come carta igienica che spenderli per comprare quella roba che hai nominato.

    E comunque sono allergico al ribbon.

    > > > naturalmente
    > > > c'è del personale che utilizza anche le
    > > > funzionalità più avanzate, sopratutto per
    > > quanto
    > > > riguarda excel, queste persone hanno
    > > preparato
    > > e
    > > > impostato il lavoro anche per gli
    > > > altri.
    > >
    > > Quindi gli altri continueranno a non avere
    > > problemi.
    > >
    >
    > Gli altri non avranno problemi, ma può darsi che
    > l'altro sia in pensione, trasferito ad altro
    > comando, ecc. e quindi se non più presente chi
    > rimane se non è in grado di convertire i file si
    > troverà nella merda.

    Manuali, questi sconosciuti...

    > > > Dove lavoro adesso, vengo considerato un
    > > esperto
    > > > di computer, solo perché sanno e mi
    > > chiedono,
    > > di
    > > > salvargli i preferiti in internet
    > explorer,
    >
    > >
    > > Ecco, io una cosa del genere non la so fare.
    > > Sono anni che non uso il grovIEra.
    > >
    >
    > Al lavoro, non hai possibilità di installare
    > programmi, devi utilizzare i programmi che trovi
    > installato sopra e comunque quelle persone hanno
    > lo stesso problema anche con firefox.

    Dipende dal lavoro.
    E comunque quando mi capitano questi clienti talebani, ho sempre la mia chiavetta con tutto il sw necessario. Oppure porto il mio portatile.

    > > > ma
    > > > utilizzano molti fogli di calcolo complessi
    > > in
    > > > excel, che sicuramente non potranno essere
    > > > convertiti al nuovo software.
    > >
    > > Perche' no?
    > > Excel non ha mica funzionalita' esclusive.
    > > Alla fine sono celle che contengono valori.
    > >
    >
    > Se usi excel solo per fare la lista della spesa,

    E con questo hai smarcato il 99.99% dell'uso che ne fa l'utente medio anche in azienda.

    > sicuramente non avrai problemi a passare a
    > libreoffice, ma se usi macro complesse o magari
    > funzioni scritte in visual basic, fogli di
    > calcolo che scaricano dati da un database sql,
    > non credo proprio che riuscirai a portare lo
    > stesso lavoro in
    > libbreoffice.

    Chi ha creato quelle macro e quelle formule?
    Chi lo ha fatto lo puo' fare anche per LIBO.

    > A casa visto che non devo lavorare, sul pc ho
    > appunto installato libbreoffice che per quel poco
    > che mi capita di fare a casa è sempre andato
    > bene, ma recentemente ho acquistato un nas a più
    > dischi, su cui ci ho installato un server mysql,
    > che uso insieme a kodi per gestire la mia
    > biblioteca multimediale, alla fine della
    > scansione della libbreria video/audio, ho pensato
    > di fare le correzioni del database direttamente
    > dal pc e non tramite kodi, quindi come farei in
    > ufficio, ho creato un file con office base (in
    > ufficio userei access) e ho cercato di collegarmi
    > al server, al primo tentativo non ci sono
    > riuscito perché non c'era il relativo driver
    > odbc, colpa mia, perché pensavo che fosse
    > compreso nell'installazione di libbreoffice,
    > scarico il driver, lo installo e ritento il
    > collegamento, riesco a collegarmi al server, solo
    > che ogni venti secondi, office base va in tilt e
    > praticamente non riesco a fare quasi nessuna
    > modifica al database, questo non è un problema a
    > casa, ma lo sarà sicuramente al
    > lavoro.

    Al lavoro si usano database relazionali.
    Oracle.

    Access e' stato un cancro le cui conseguenze ci perseguiteranno per decen ni, e il fatto che LB abbia un simil access, e' una di queste conseguenze.
    Mai usato e mai vorro' usarlo.
    Il database deve essere relazionale e accessibile via SQL.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)