Gaia Bottà

Popcorn Time, denunce fotocopia

Nel giro di poche settimane, lo stesso studio legale ha depositato tre denunce nei confronti di numerosi utenti di Popcorn Time. Il software, si sostiene, è prova dell'intenzione di violare la legge

Roma - Sono tutte portate avanti dallo stesso legale, tale Carl Crowell, tutte depositate presso lo stesso tribunale di Portland nello stato dell'Oregon, tutte volte ad ottenere i riferimenti degli intestatari di abbonamenti corrispondenti agli indirizzi IP che si sono macchiati della condivisione di film su rete BitTorrent, con l'ausilio di PopcornTime.

Dopo la prima denuncia depositata nel mese di agosto per tutelare i diritti del film The Cobbler, e la seconda denuncia per i diritti del film Survivor, il terzo caso aperto contro ignoti utenti Comcast verte sulla violazione dei diritti della casa di produzione Dallas Buyers Club LLC per l'omonimo film, già oggetto di dibattuti procedimenti che avevano coinvolto manciate di indirizzi IP rastrellati sulle reti del P2P.

Sono dieci in questo caso gli indirizzi IP individuati, di cui i detentori dei diritti chiedono l'identificazione: sono già stati raggiunti dagli avvertimenti diramati dalla controversa RightsCorp nell'ambito del controverso nuovo servizio venduto all'industria per placare i timori che si accompagnano all'ascesa di una soluzione immediata per lo sharing come Popcorn Time.
Secondo l'accusa, analogamente ai casi precedenti, gli utenti agirebbero "con il consapevole e espresso intento di agevolare i loro stessi atti di furto, e di facilitare i furti da parte di altri". Popcorn Time, infatti, tenta di farsi scudo dalle rivendicazioni legali dell'industria dei contenuti informando l'utente del fatto che il software permette di fruire in streaming di contenuti che sono automaticamente condivisi dallo stesso fruitore: sono i contenuti scelti dall'utente, e la legislazione di riferimento, a determinare la legalità o l'illegalità delle azioni commesse con il supporto del software, di per sé strumento neutrale.

Se i disclaimer che campeggiano sui numerosi siti che ospitano i fork del software originario rappresentano per l'industria l'innegabile dimostrazione che gli utenti siano consapevoli delle proprie azioni, restano a parere del legale una cessione di responsabilità affatto valida: "Popcorn Time esiste per un solo ed unico proposito: rubare contenuti protetti da copyright", ribadisce Crowell nella nuova denuncia, e secondo le leggi dell'Oregon il semplice download del software è equiparabile al "possesso di strumenti atti al furto o allo scasso", considerato un illecito.

Spetta ora alla giustizia statunitense stabilire se Comcast debba procedere all'identificazione: in quel caso è probabile che i detentori dei diritti tentino di chiudere il contenzioso con una richiesta di risarcimento da corrispondere in sede stragiudiziale, secondo uno schema ormai consolidato.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetPopcorn Time e i furti degli utentiNuove denunce statunitensi nei confronti degli utenti che abbiano abusato del software per fruire di film in violazione del copyright. Gli studios ritengono che Popcorn Time sia illegale, ma per ora non intendono provarlo
  • Diritto & InternetL'Italia fa un boccone di Popcorn TimeLa Procura di Genova ha ordinato il sequestro di tre domini che incoraggiano al download del software che permette di fruire in streaming dei contenuti condivisi online su reti BitTorrent
  • AttualitàPopcorn Time, dalla padella allo scoppioL'ideatore del software capace di trasformare il P2P in streaming si racconta, dalle origini alle lusinghe del cybercrime, passando per le pressioni dell'industria dei contenuti. Sono altri, ora, a farsi carico delle conseguenze di un'idea esplosiva
21 Commenti alla Notizia Popcorn Time, denunce fotocopia
Ordina
  • E passa la paura.
    non+autenticato
  • Ma anche no.
    non+autenticato
  • Ma se io ho la wifi aperta (tipo bar, pub) e X usa popcorntime..
    Che ci fanno con l'ip mio?
    non+autenticato
  • i mastini di MPAA perseguono tutto cio' che si muove...... i softwaristi (wrong) ,il sito (WRONG -non ci sono file (c)), i network bittorrent (WRONG: cosa circola dipende dagli utenti), chi linka i file .torrent (WRONG: ci sono solo metadati), inquinano il network (gli swarm -si fanno DDos).
    La cosa piu' sensata era proprio individuare CHI HA i files copyrighted e perseguire loro.... mamma jamie pero' gli ha fatto preferire tecniche violente e para-illegali (di cui sopra).

    In un qualche momento ci han provato a perseguire 5000 utenti MA PURTROPPO https://torrentfreak.com/judge-decimates-bittorren.../ (... around 5,000 defendants in one case would not promote judicial efficiency, not least because many defendants will have their own unique defenses to the accusations(...) io non vedo l'ora di vederla un aula con 5000 imputatiA bocca aperta !)

    Allora le merdacchie continuano con le vecchie strategie, piu' ne portano in tribunale solo 10 (scelti come? ma gli ip sono persone? Ma l'aguzzino di turno (RightsCorp inc) e' un segugio come MediaDefender [massacrato e sputtanato anni fa per le sue pessime tecniche] ? )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > Allora le merdacchie continuano con le vecchie
    > strategie, piu' ne portano in tribunale solo 10
    > (scelti come? ma gli ip sono persone?

    Magari sono semplicemente 10 scelti perché hanno accettato di essere pagati per creare un precedente.
    Teo_
    2644
  • - Scritto da: Teo_
    > - Scritto da: bubba
    > > Allora le merdacchie continuano con le
    > vecchie
    > > strategie, piu' ne portano in tribunale solo
    > 10
    > > (scelti come? ma gli ip sono persone?
    >
    > Magari sono semplicemente 10 scelti perché hanno
    > accettato di essere pagati per creare un
    > precedente.

    Questi non hanno ancora capito che i loro processi hanno una rilevanza mediatica pari a zero tra la gente comune.
    Gli unici che li seguono con attenzione siamo noi addetti ai lavori che non ci spsosteremo di un solo millimetro dalle nostre posizioni comunque vadano a finire questi processi.

    Non si capisce proprio chi e' che vogliono educare colpendone dieci a caso.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Teo_
    > > - Scritto da: bubba
    > > > Allora le merdacchie continuano con le
    > > vecchie
    > > > strategie, piu' ne portano in tribunale
    > solo
    > > 10
    > > > (scelti come? ma gli ip sono persone?
    > >
    > > Magari sono semplicemente 10 scelti perché
    > hanno
    > > accettato di essere pagati per creare un
    > > precedente.
    >
    > Questi non hanno ancora capito che i loro
    > processi hanno una rilevanza mediatica pari a
    > zero tra la gente
    > comune.
    > Gli unici che li seguono con attenzione siamo noi
    > addetti ai lavori che non ci spsosteremo di un
    > solo millimetro dalle nostre posizioni comunque
    > vadano a finire questi
    > processi.
    >
    > Non si capisce proprio chi e' che vogliono
    > educare colpendone dieci a
    > caso.

    Facevo quell’ipotesi perché si parla di USA e lì c’è il principio di rifarsi a una decisione presa in una sentenza precedente.
    Ipotizzavo quindi: io, perfido studio legale pago (anzi faccio pagare ai miei clienti) 10 persone per farsi accusare e così i prossimi 10 milioni di accusati subiranno lo stesso trattamento.
    Teo_
    2644
  • - Scritto da: Teo_
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Teo_
    > > > - Scritto da: bubba
    > > > > Allora le merdacchie continuano
    > con
    > le
    > > > vecchie
    > > > > strategie, piu' ne portano in
    > tribunale
    > > solo
    > > > 10
    > > > > (scelti come? ma gli ip sono
    > persone?
    > > >
    > > > Magari sono semplicemente 10 scelti
    > perché
    > > hanno
    > > > accettato di essere pagati per creare un
    > > > precedente.
    > >
    > > Questi non hanno ancora capito che i loro
    > > processi hanno una rilevanza mediatica pari a
    > > zero tra la gente
    > > comune.
    > > Gli unici che li seguono con attenzione
    > siamo
    > noi
    > > addetti ai lavori che non ci spsosteremo di
    > un
    > > solo millimetro dalle nostre posizioni
    > comunque
    > > vadano a finire questi
    > > processi.
    > >
    > > Non si capisce proprio chi e' che vogliono
    > > educare colpendone dieci a
    > > caso.
    >
    > Facevo quell’ipotesi perché si parla di USA e lì
    > c’è il principio di rifarsi a una decisione presa
    > in una sentenza
    > precedente.
    > Ipotizzavo quindi: io, perfido studio legale pago
    > (anzi faccio pagare ai miei clienti) 10 persone
    > per farsi accusare e così i prossimi 10 milioni
    > di accusati subiranno lo stesso
    > trattamento.

    E' una strategia da poveri fessi.
    Se per caso uno di quelli viene dichiarato innocente, la sentenza potra' essere sfruttata dai prossimi 10 milioni di accusati che intendono perseguire.
  • certo, perandare bene dovrebbero così pagare anche gli altri 10 milioni.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Teo_
    > - Scritto da: bubba
    > > Allora le merdacchie continuano con le
    > vecchie
    > > strategie, piu' ne portano in tribunale solo
    > 10
    > > (scelti come? ma gli ip sono persone?
    >
    > Magari sono semplicemente 10 scelti perché hanno
    > accettato di essere pagati per creare un
    > precedente.
    teoria interessante. se uno pero' parlasse, si finirebbe peggio di Prenda Law... non so se ne vale la pena...
    Cmq non sapevo si potesse scegliere chi imputare, tra tutti i "colpevoli" (cioe' quelli collegati al seed sono tutti colpevoli no? )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Teo_
    > > - Scritto da: bubba
    > > > Allora le merdacchie continuano con le
    > > vecchie
    > > > strategie, piu' ne portano in tribunale
    > solo
    > > 10
    > > > (scelti come? ma gli ip sono persone?
    > >
    > > Magari sono semplicemente 10 scelti perché hanno
    > > accettato di essere pagati per creare un
    > > precedente.
    > teoria interessante. se uno pero' parlasse, si
    > finirebbe peggio di Prenda Law... non so se ne
    > vale la pena...
    >
    > Cmq non sapevo si potesse scegliere chi imputare,
    > tra tutti i "colpevoli" (cioe' quelli collegati
    > al seed sono tutti colpevoli no?
    > )

    Oggi mi sento particolarmente complottista. Com può parlare qualcuno che dopo un po’ sparisce? Indiavolato
    Teo_
    2644
  • - Scritto da: Teo_
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: Teo_
    > > > - Scritto da: bubba
    > > > > Allora le merdacchie continuano
    > con
    > le
    > > > vecchie
    > > > > strategie, piu' ne portano in
    > tribunale
    > > solo
    > > > 10
    > > > > (scelti come? ma gli ip sono
    > persone?
    > > >
    > > > Magari sono semplicemente 10 scelti
    > perché
    > hanno
    > > > accettato di essere pagati per creare un
    > > > precedente.
    > > teoria interessante. se uno pero' parlasse,
    > si
    > > finirebbe peggio di Prenda Law... non so se
    > ne
    > > vale la pena...
    > >
    > > Cmq non sapevo si potesse scegliere chi
    > imputare,
    > > tra tutti i "colpevoli" (cioe' quelli
    > collegati
    > > al seed sono tutti colpevoli no?
    > > )
    >
    > Oggi mi sento particolarmente complottista. Com
    > può parlare qualcuno che dopo un po’ sparisce?
    >Indiavolato
    what? se sparisce "dopo" vuol dire che "prima" ha parlatoSorride

    Cmq a che ti riferivi? all' "imputato complice"? perche il post era un pelo sintetico...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Teo_
    > > - Scritto da: bubba
    > > > - Scritto da: Teo_
    > > > > - Scritto da: bubba
    > > > > > Allora le merdacchie continuano
    > > con
    > > le
    > > > > vecchie
    > > > > > strategie, piu' ne portano in
    > > tribunale
    > > > solo
    > > > > 10
    > > > > > (scelti come? ma gli ip sono
    > > persone?
    > > > >
    > > > > Magari sono semplicemente 10 scelti
    > > perché
    > > hanno
    > > > > accettato di essere pagati per creare
    > un
    > > > > precedente.
    > > > teoria interessante. se uno pero' parlasse,
    > > si
    > > > finirebbe peggio di Prenda Law... non so se
    > > ne
    > > > vale la pena...
    > > >
    > > > Cmq non sapevo si potesse scegliere chi
    > > imputare,
    > > > tra tutti i "colpevoli" (cioe' quelli
    > > collegati
    > > > al seed sono tutti colpevoli no?
    > > > )
    > >
    > > Oggi mi sento particolarmente complottista. Com
    > > può parlare qualcuno che dopo un po’ sparisce?
    > >Indiavolato
    > what? se sparisce "dopo" vuol dire che "prima" ha
    > parlatoSorride
    >
    >
    > Cmq a che ti riferivi? all' "imputato complice"?
    > perche il post era un pelo
    > sintetico...

    Sì, tipo dopo la deposizione, per pura casualità, avviene un’insospettabile incidente che coinvolge tutti i complici.
    Teo_
    2644
  • - Scritto da: Teo_

    > > >Indiavolato
    > > what? se sparisce "dopo" vuol dire che
    > "prima"
    > ha
    > > parlatoSorride
    > >
    > >
    > > Cmq a che ti riferivi? all' "imputato
    > complice"?
    > > perche il post era un pelo
    > > sintetico...
    >
    > Sì, tipo dopo la deposizione, per pura casualità,
    > avviene un’insospettabile incidente che coinvolge
    > tutti i
    > complici.
    come uccidere un agente della stradale perche' ti contesta l'assicurazione falsa. non mi sembra molto intelligenteSorride

    ...stiamo sempre parlando di byte sotto (c), vero, non di panetti di coca?
    non+autenticato
  • Vanno distinti gli utenti che usano Popcorn Time per vedere film protetti dal copyright, che evidentemente stanno consapevolmente commettendo un reato, e gli utenti che non lo hanno fatto, e che quindi non stanno commettendo alcun reato.

    Possedere il software Popcorn Time non costituisce reato, e non deve passare come messaggio.

    Nello specifico possiamo anche dire che chi usa Popcorn Time lo fa per uno scopo ben preciso, ma non possiamo, e non dobbiamo, legare l'intenzione dell'utente che usa un mezzo, con il mezzo stesso.

    Se uno compra un'automobile per superare il limite di velocità, non significa che l'automobile sia illegale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Vanno distinti gli utenti che usano Popcorn Time
    > per vedere film protetti dal copyright, che
    > evidentemente stanno consapevolmente commettendo
    > un reato,

    No.

    Secondo me gran parte di costoro non ha proprio idea che ci sia una illegalita'.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Andreabont
    > > Vanno distinti gli utenti che usano Popcorn
    > Time
    > > per vedere film protetti dal copyright, che
    > > evidentemente stanno consapevolmente
    > commettendo
    > > un reato,
    >
    > No.
    >
    > Secondo me gran parte di costoro non ha proprio
    > idea che ci sia una
    > illegalita'.

    Semplicemente perchè a rigor di logica non si capisce come si possa commettere reato acchiappando a caso quel che passa in rete, manco sapendo a priori se si tratta di materiale che i mastini considerano proibito. Acquisire quel che si trova in rete è un'azione passiva, che riguarda solo me nel privato della mia abitazione, e non coinvolge alcun altro all'esterno: da un punto di vista logico come può costituire reato?
    (per inciso, in Italia non è reato).

    Non tutti sono a conoscenza delle leggi più o meno illogiche costruite sotto la pressioni delle lobby paramafiose in questione.
  • Il proprietario di una Passat Diesel puo' essere accusato di violare le leggi contro l'inquinamento?

    "Il software, si sostiene, è prova dell'intenzione di violare la legge." (cit.)
  • D'altro canto mica stiamo ad accusare tutti quelli che hanno un PC di essere dei cracker o chi ha una chiavetta wifi di fare wardriving.
    L'intenzione lascia il tempo che trova, senza prove di colpevolezza l'intenzione conta nulla. Ci manca solo che ora facciamo i processi alle intenzioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bhu
    > D'altro canto mica stiamo ad accusare tutti
    > quelli che hanno un PC di essere dei cracker o
    > chi ha una chiavetta wifi di fare
    > wardriving.
    > L'intenzione lascia il tempo che trova, senza
    > prove di colpevolezza l'intenzione conta nulla.
    > Ci manca solo che ora facciamo i processi alle
    > intenzioni.

    Ma difatti, questi danno proprio i numeri!

    Ma ti dirò di più: anche se ammettessi di avere la precisa intenzione di usare quel software per usufrire di servizi a loro parere illegali, di cosa sarei accusabile? di guardare quel che loro non vogliono che io guardi?

    Se la figona dirimpettaia non disdegna di esibirsi pressochè nuda davanti al balcone di fronte spalancato, io se permetti me la guardo tutta, mica sono obbligato a chiudere gli occhi perchè il marito, che sposandola crede di aver acquisito ogni diritto su di lei, me lo vorrebbe impedire; e cosa crede sto' marito, di potermi denunciare perchè non mi giro dall'altra parte? a meno che non paghi il prezzo dello spettacolo...?...
    .
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 settembre 2015 03.35
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: rockroll

    > denunciare perchè non mi giro dall'altra parte? a
    > meno che non paghi il prezzo dello
    > spettacolo...?...
    In quel caso si tratta di "protettore" non necessariamente di marito.
    non+autenticato